giovedì 31 dicembre 2009

Via Bettino Craxi

Continua la polemica senza fine tra maggioranza ed opposizione sulla commemorazione di Bettino Craxi. Alla vigilia del decennale della sua morte (il 19 gennaio), Letizia Moratti propone di dedicare una via di Milano alla figura del leader socialista e scoppia la polemica. Da un lato l’Idv con l’ex magistrato Di Pietro che attacca: «Era un condannato e latitante, Napolitano lo ricordi per quello che è stato». Nella sua battaglia contro ''via Craxi'', Di Pietro non è solo. Al suo fianco, proprio come ai tempi di Mani Pulite, c'e' il vecchio capo del pool Francesco Saverio Borrelli, anch'egli convinto che sia ''indecoroso e insultante'' dedicare una strada ''a chi e' morto da latitante''. Completa il ''trittico'' degli anticraxiani ''doc'' un altro ex della magistratura: l'europarlamentare dell'Idv Luigi De Magistris, che bolla come ''indecente'' l'idea del sindaco di Milano. Per la verita', nemmeno la Lega Nord sembra tutta entusiasta dell'iniziativa del sindaco milanese. ''No grazie'', dice Matteo Salvini, dando voce alla vecchia anima ''giustizialista'' del Carroccio. Ma quella di Salvini è' l'unica voce contraria tra i leghisti, che preferiscono tacere. Tace anche il Pd, che deve forse ancora metabolizzare le passate riabilitazioni di Craxi (Fassino lo inserì nel ''Pantheon'' del partito, per Veltroni ''innovò più di Berlinguer'').



2 commenti:

http://pillandia.blogspot.com ha detto...

Volevo solo informare che a Valmontone, cittadina in provincia di Roma famosa per avere un Outlet Village tra i più grandi d'Europa, "Via Bettino Craxi" esiste già da 8 anni ed è una delle strade più lunghe ed importanti del centro.
Buon anno nuovo!
Un'Estone che vive in Italia.

storico ha detto...

dopo Craxi intitoleranno una via anche all'eroe Mangano, santo patrono di tutti gli stallieri

Intitolare a Craxi una via di Milano. La politica di parte scavalca la storia