giovedì 20 agosto 2015

Il Sindaco di Vico Equense protesta contro l’aumento delle tariffe

Migliaccio scrive al Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca 

Vico Equense - Pullman e treni sporchi, affollati, ritardi continui e soppressioni, senza alcuna comunicazione, mancanza di autobus e corse sistematicamente saltate, spesso al capolinea e sulle fermate l’attesa per chi aspetta invano il bus è lunghissima e snervante e nel periodo invernale a pagarne maggiormente le conseguenze sono gli studenti che spesso giungono a scuola con notevole ritardo mentre al termine delle lezioni il loro ritorno a casa diventa un’impresa. “Ebbene – spiegano i genitori in una missiva inviata al Sindaco Benedetto Migliaccio – nonostante questo abbiamo appreso che l’Eav, anziché prendere coscienza dello stato in cui i pendolari sono costretti a viaggiare e, di conseguenza, adottare tutte le misure opportune per far viaggiare gli utenti quantomeno in sicurezza, per l’anno 2015/2016 ha deciso di aumentare il costo dei biglietti e degli abbonamenti secondo un criterio a dir poco assurdo”. Una situazione, questa, che definire rincresciosa e indegna di un paese civile è dir poco. E se con l’arrivo del nuovo anno scolastico qualcuno s’illudeva che le cose potessero cambiare in meglio, sicuramente rimarrà profondamente deluso perché l’anno 2015/2016, purtroppo, non sarà foriero di novità positive. Anzi, al momento ne fa registrare una negativa che colpisce le “tasche” degli utenti in un periodo di forte crisi economica e di enormi difficoltà per le famiglie lavoratrici. Infatti, un abbonamento acquistato per usufruire dell’autobus dalle frazioni di Vico Equense, fino al centro e, poi, del treno fino a Meta, Piano di Sorrento o Sant’Agnello ha un costo annuale di 210 euro; invece, un abbonamento acquistato per usufruire degli stessi servizi dalla zona collinare fino a Sorrento costa 303,60.
 
Questa differenza, spiegano i genitori, appare ingiustificata. Sant’Agnello dista 3 km da Sorrento, un tratto breve che non giustifica una differenza di costo di 100 euro, rispetto a un utente che usufruisce del servizio fino a Sant’Agnello. Sulla vicenda è intervenuto, questa mattina, il Sindaco di Vico Equense Benedetto Migliaccio che ha inviato una missiva al Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca con la quale ha voluto rilevare il paradossale aumento delle tariffe che giunge in un momento caratterizzato da innumerevoli disagi per gli utenti del servizio di trasporto pubblico. Migliaccio ha inoltre chiesto al Presidente di migliorare e normalizzare il servizio di mobilità su ferro e su gomma e di evitare l’aumento del costo dell’abbonamento annuale della tratta per Sorrento.

1 commento:

Antonello Cioffi ha detto...

Forza: l'anno prossimo avremo di nuovo la funivia del Faito!