giovedì 15 settembre 2016

Esposito: “Vico, a causa del traffico è diventata invivibile”

Smog, siamo tutti a rischio tumori 

Vico Equense - Smog, traffico, inquinamento. Temi che in questo periodo sono strettamente d’attualità. Nel programma dell'Amministrazione comunale è inclusa la soluzione del problema del traffico che causa il peggioramento della qualità della vita, dopo l'apertura della galleria di Santa Maria di Pozzano. “Ritengo – commenta Vincenzo Esposito, presidente dell’Ente Santissima Trinità e Paradiso - che la percentuale già alta di tumori al di sopra della media nazionale dovrebbe non solo allarmare ma dovrebbe vedere tutta la città intervenire e impedire subito ciò che avviene. Vico, a causa del traffico è diventata invivibile. Le dichiarazioni non bastano più. Dobbiamo chiudere il traffico allo Scrajo - continua Esposito - anche con la pressione della piazza, col sindaco in testa con la fascia tricolore. Diciamo sempre che importante è la salute e poi quando la dobbiamo difendere stiamo zitti. Provate a mettere una tovaglia bianca al balcone nella strada del traffico e vedete che colore ha dopo 24 ore. Mandatene a Renzi, a De Luca, al Prefetto, all'ANAS. I nostri polmoni si riempiono di veleni. Vogliamo dire basta?”, conclude Vincenzo Esposito.

2 commenti:

Giuseppe Guida ha detto...

Tutto vero quanto denunziato dal dott. Esposito; Vico centro è diventata invivibile per l'alto inquinamento dell'aria, ma ribadisco ancora una volta che la collina è completamente inquinata dai funi causati dall'accensione di erbe, sterpaglie ed altro. Mi preme ricorda agli amministratori che negli ultimi tre anni sono nati in Collina decine e decine di B. & B., affittacamere ed agriturismo che ospitano stranieri ed italiani - quest'anno hanno lavorato a pieno regime
- ma le lamentele sono state tantissime: fin dal mattino presto tutta la collina di Moiano e la piana di Massaquano erano e sono ancora invase da fumo acre e nauseabondo. Fate qualcosa perché possiamo sfruttare la nostra bella zona che offre ottimi prodotti e aria salubre.
G. Guida

enniovico ha detto...

Verissimo quanto asserisce il prof. V. Esposito, ma il miglioramento dei problemi come l'inquinamento, il rispetto delle regole e quant'altro, sicuramente urgenti, andrebbero posti in un quadro organico più generale e condivisibile alle condizioni però che nella realizzazione pratica il progetto non resti "sterilizzato" da pretese di chicchessia. Va dato merito agli amministratori degli ultimi anni che molto è stato fatto su più fronti a livello periferico; basta una passeggiata a piedi per verificarlo. Stranamente, ogni modificazione e/o iniziativa nell'interesse del centro cittadino - anche la più semplice e magari meno onerosa - viene contrastata; evidentemente vi sono degli interessi contrapposti così forti da prevalere. Dal sentire popolare si vorrebbero iniziative per promuovere il commercio, il turismo, la cultura, l'arte, la ristorazione, l'ambiente, ecc. ma senza strutture adeguate il tutto finirebbe per essere soffocato prima che ciò nasca. Peraltro, alcune iniziative oltre che possibili dovrebbero risultare non troppo onerose come:a) parcheggio graduato; b)spazi di ristoro per giovani e/o anziani; stranamente non si riesce a reperire un locale idoneo neppure per l'Unitre; c) in Vico non sussistono bagni pubblici! E ciò dovrebbe far scandalo d) pur consapevoli del libero mercato si ignora che gli acquisti effettuati in Vico non risultano concorrenziali; e) i trasporti (vesuviana compresa) risultano un'avventura ed un pericolo, mi fermo qui con l'esortazione che vengano emulate iniziative tuttora operanti in paesi limitrofi. Grazie