martedì 16 gennaio 2018

Accoltellò rivale in amore condannato a cinque anni

Vico Equense - All’improvviso perse la testa e al termine di una furibonda discussione, assalì il rivale in amore prendendolo a coltellate: un gesto che ora, a distanza di quasi cinque anni, costa ad Angelo Maresca una condanna definitiva a sette anni e sei mesi di carcere. La Cassazione ha respinto il ricorso proposto dal 38enne di Vico Equense contro la sentenza con cui la Corte d’Appello di Napoli l’aveva riconosciuto colpevole di tentato omicidio e porto abusivo di armi. La vicenda risale al 25 ottobre del 2013, quando Maresca si presentò a Napoli, in via Giotto. Qui si trova il negozio di parrucchiere dove per qualche tempo ha lavorato la sua fidanzata Marcella. Il titolare dell’attività è Francesco D’Ario, ex compagno della ragazza. Maresca sospetta che D’Ario continui ad avere contatti con Marcella nonostante quest’ultima non lavori più per lui. E così decide di affrontarlo a viso aperto. La discussione avviene in strada e in breve tempo, degenera. Maresca estrae il coltello e colpisce D’Ario al torace, alla spalla sinistra e all’addome, prima di darsi alla fuga. Il parrucchiere si accascia in una pozza di sangue e viene soccorso da un autista dell’Anm che si trovava a passare da quelle parti proprio in quel frangente. passante. I carabinieri si mettono sulle tracce dell’aggressore. Lo trovano con i vestiti intrisi di sangue a casa della fidanzata che abita a pochi passi dal negozio di D’Ario. Scatta l’arresto, Maresca finisce a Poggioreale, successivamente si apre il processo. La svolta a novembre 2016, quando l’uomo viene condannato dalla Corte d’appello: una pronuncia poi confermata dalla quinta sezione penale della Corte di Cassazione. (Fonte: c.m.v. da il Mattino)

lunedì 15 gennaio 2018

Raccolta differenziata sul Faito, il Sindaco Buonocore: “Non posso permettere che il nostro territorio diventi una discarica”

Vico Equense - Domani mattina gli automezzi della Sarim, scortati dalla polizia municipale di Vico Equense saliranno sul monte Faito per svolgere il servizo di raccolta dei rifiuti. L'Amministrazione Comunale è intervenuta, ancora una volta, in aiuto della comunità residente, concordando questo provvedimento eccezionale con il comandante della polizia municipale Ferdinando De Martino e i vertici dell’azienda che si occupa della raccolta differenziata sul territorio cittadino. La Città Metropolitana dopo le frane dello scorso novembre ha disposto la chiusura dell’ex statale 269, per motivi di sicurezza. In questi mesi d’interruzione però a essere danneggiati sono stati i cittadini che risiedono sulla vetta della montagna, che si sono trovati di colpo isolati. L’interdizione della carreggiata blocca pure i mezzi della società incaricata di raccogliere i rifiuti, che non possono recarsi sulla montagna e svolgere regolarmente il proprio servizio. Il Sindaco Andrea Buonocore, dopo le segnalazioni di alcuni residenti che lamentavano la mancata raccolta dell’immondizia da alcuni giorni, ha altresì inviato una lettera alla Città Metropolitana, nella quale chiede una deroga al divieto di transito per gli automezzi della Sarim. “Non posso permettere – spiega Buonocore - che il nostro territorio diventi una discarica. Mi aspetto una risposta in tempi brevi.” Per i disagi subiti, l’Amministrazione comunale di Vico Equense ha proposto che dal 6 novembre - giorno della frana - e fino a quando la strada non sarà riaperta nuovamente, i cittadini residenti pagheranno solamente il 20% della tassa sui rifiuti.

Pd. Costa il documento: Tito e Staiano autocandidati…i Dem decidono di non decidere!

Giuseppe Tito
Penisola sorrentina – Poco prima delle 18 Massimo Costa, segretario provinciale del PD napoletano, ha ricevuto il documento redatto e sottoscritto dai sei Segretari dei Circoli PD della Penisola Sorrentina col quale vengono indicati quali candidati del comprensorio (da Vico Equense a Massa Lubrense) per le elezioni politiche Giuseppe Tito, sindaco di Meta e Consigliere Metropolitano, e Giovanna Staiano vice sindaco di Massa Lubrense.Il Segretario Provinciale ha acquisito la nota includendo nel lungo elenco degli aspiranti candidati i due esponenti PD peninsulari che hanno manifestato la propria disponibilità a candidarsi. In effetti la nota dei Segretari parla di una consultazione svolta tra iscritti, simpatizzanti e amministratori che hanno preso atto di tale disponibilità e ne hanno dato comunicazione a Costa. Una formula che tutto è fuorchè un’investitura, utile piuttosto a salvare capre e cavoli. Nel senso che la politica ha preferito non esprimersi…Piuttosto ha preso atto. Ora le decisioni saranno assunte dai vertici provinciali e regionali del PD che sceglieranno su chi puntare. Questo è stato l’epilogo dell’ultimo week-end politico in casa PD della Penisola Sorrentina che probabilmente ha bisogno ancora di tempo per raccordarsi e sviluppare una politica comprensoriale. (Fonte: Red. PinP da Politica in Penisola)

Ragazzi picchiati a Sorrento, il sindaco Cuomo: “Vigliacca aggressione”

Sorrento - “Quello che è accaduto l’altra notte a Sorrento, - scrive il sindaco di Sorrento Giuseppe Cuomo sulla sua pagina Facebook - ai danni di due giovani di Positano, è un atto increscioso che coinvolge tutta la nostra comunità. Come amministratori non ci sottrarremo, per quanto in nostro potere, nella ricerca dei responsabili. Chiediamo pertanto a chi abbia informazioni su questa vigliacca aggressione, di fornire alle forze dell’ordine ogni elemento utile. Nei prossimi giorni convocheremo i titolari del locale all’esterno del quale si è svolto l’episodio, e seguiremo da vicino il prosieguo delle indagini. L’auspicio è che le giovani vittime si rimettano in breve tempo, e che possano collaborare affinché gli autori del gesto possano essere identificati.”

Faito, organico non ritirato da venerdì

Vico Equense - L’organico da giorni non viene ritirato e molte sono state le lamentele dei cittadini che abitano sul monte Faito. Alcuni residenti hanno postato foto su Facebook, segnalando che l’immondizia non è stata ancora ritirata da venerdì passato. La Città Metropolitana dopo le frane dello scorso novembre ha disposto la chiusura dell’ex statale 269, per motivi di sicurezza. In questi mesi d’interruzione però a essere danneggiati sono stati i cittadini che risiedono sulla vetta della montagna, che si sono trovati di colpo isolati. L’interdizione della carreggiata blocca pure i mezzi della Sarim, la società preposta alla raccolta differenziata dei rifiuti, che non possono recarsi sulla montagna e svolgere regolarmente il proprio servizio. Una situazione drammatica che incide negativamente sulla frequentazione scolastica, sul lavoro e sugli spostamenti. La Regione Campania e la Città metropolitana di Napoli sono comproprietarie dell'area di Monte Faito e detengono la titolarità della gestione di via Nuova Faito, ma sembrano più preoccupate a scaricare le proprie responsabilità, che a garantire l'incolumità ai loro cittadini. Per i disagi subiti, l’Amministrazione comunale di Vico Equense è intervenuta, ancora una volta, in aiuto della comunità residente, proponendo che dal 6 novembre - giorno della frana - e fino a quando la strada non sarà riaperta nuovamente, il pagamento solamente del 20% della tassa sui rifiuti.

Stabiaequa 2018 - VIDEO

Il comune apre ai giovani laureati

Bando per tirocini a 400 euro mensili 

Fonte: Metropolis 

Vico Equense - Il comune di Vico Equense torna ad arruolare giovani laureati. Spunta l'opportunità di un contratto di 6 mesi - a titolo di tirocinio - presso gli uffici finanziari e pubblica istruzione dell'ente guidato dal sindaco Andrea Buonocore. Per “ingaggiare” i ragazzi, il comune ha pubblicato un bando. Le domande potranno essere presentate entro e non oltre il prossimo 25 gennaio. I giovani dovranno aver conseguito la laurea da non oltre 36 mesi e verranno affiancati ai dipendenti comunali durante il loro tirocinio formativo. Richieste laurea nelle discipline economiche (o titolo equipollente quinquennale o triennale), umanistiche, diritto, scienze dell'amministrazione, letteratura o materie prettamente tecnico-scientifiche quali ingegneria, architettura o medicina. I rapporti tra il comune di Vico Equense e i ragazzi saranno regolati con apposita convenzione “ad avvenuta approvazione delle risultanze della selezione”. I ragazzi saranno impiegati negli uffici dell'ente Municipale per sei mesi e a ciascun tirocinante sarà corrisposto un compenso forfettario, entro i limiti stabiliti dalla normativa vigente, a titolo di rimborso. Più o meno si tratta di 400 euro al mese per sei mesi.
 

Arturo, Gaetano e quei ragazzi di Napoli da salvare

Fonte: Paolo Siani da Il Mattino

L’aggressione subita a via Foria dal giovane Arturo poco di un mese fa (unitamente a quella, recentissima, ai danni di Gaetano a Chiaiano), ci impone delle riflessioni operative sul futuro dei nostri giovani. Quindi, sul futuro della città di Napoli e dell'intero territorio campano. Partiamo da un dato incontrovertibile: condividiamo pienamente le parole espresse dalla mamma di Arturo e la sua grande compostezza. Ciò che è successo a via Foria (come ciò che è accaduto a Chiaiano) è una ferita che riguarda tutti, nessuno escluso. Siamo stati al fianco dei compagni di scuola del ragazzo e di coloro che hanno promosso, nell'immediatezza dell'inqualificabile agguato, una manifestazione di solidarietà. Perché era giusto esserci e fare squadra contro la violenza. E anche perché la manifestazione organizzata da una preside e attraverso i social ha dimostrato che Napoli c'è su questi temi e si ribella. Era inimmaginabile solo dieci anni fa organizzare una manifestazione del genere. Questo è un segnale molto positivo, che non può non essere considerato e valorizzato. Mai cortei, pur avendo un ruolo significativo per sensibilizzare le istituzioni, l’ opinione pubblica e la cittadinanza tutta sui problemi che affliggono Napoli, da soli non bastano. Ne si può stare lì a ragionare se è tutta colpa dell'emulazione e di Gomorra. Questo vuoi dire solo spostare il problema e non volerlo affrontare. Qualcuno salvi i bambini di Napoli! Tocca a noi farlo! E allora cominciamo a ragionare sul come. Ci vogliono programmi e investimenti. Bisogna chiamare le migliori menti, bisogna realizzare opere di bellezza nei quartieri a rischio.
 

domenica 14 gennaio 2018

Le mani sulla città: Le nostre mani sono pulite!

Carlo Fermariello
Vico Equense - Domani ricorre l'anniversario della morte di Carlo Fermariello (15 gennaio 1997), uno dei protagonisti della sinistra democratica nel mezzogiorno. Sindacalista, dirigente politico, uomo delle Istituzioni ha contribuito al progresso civile ed economico delle comunità e ad affermare l’idea di un meridionalismo fatto di lotte incisive e di proposte concrete. La sua esperienza politica e istituzionale si è conclusa da Sindaco di Vico Equense, eletto con uno straordinario successo popolare nella primavera del '96, e prematuramente strappato da un male crudele, alla scommessa di poter realizzare ,nella concreta azione amministrativa, il meglio della sua ricchissima esperienza politica. Lo ricordiamo con questo video tratto dal film di Francesco Rosi “Le mani sulla città”, che rimane una pagina scolpita nella storia del cinema per comprendere la storia di Napoli e le battaglie contro la speculazione e l’affarismo nel dopoguerra.

Castellammare - Vico Equense. Questa mattina la Stabiaequa

Successi di Marek Hadam e Alessandra Ambrosio 

Vico Equense/Castellammare di Stabia - Marek Hadam e Alessandra Ambrosio hanno vinto la sesta edizione di Stabiaequa, la gara podistica di 10 miglia (16 km) che si è svolta stamani con partenza e arrivo dalle Antiche Terme di Stabia. Alla manifestazione hanno partecipato 830 atleti, a conferma del fatto che Stabiaequa rappresenti ormai un appuntamento fisso per gli appassionati, che hanno affrontato un percorso di particolare fascino, con un lungo tratto lungo la litoranea costiera da Castellammare a Vico. Marek Hadam (Associazione Podistica Il Laghetto) è stato il più veloce tra gli uomini, percorrendo i 16 km in 54’14”. Alle secondo posto si è classificato Massimiliano Fiorillo (Ass. Costa Amalfi) in 54’30”, al terzo Karim Sare (Marathon Club Stabiae) in 54’44”. “Era la mia prima volta a Stabiaequa – dice Hadam - il percorso è stato impegnativo, gli avversari forti, però comunque l'ho spuntata. Ora spero di fare bene alla mezza maratona di Napoli”. Tra le donne, bella gara di Alessandra Ambrosio (Atletica Amatori Napoli), che ha chiuso in 1.06’22”, seguita da Patrizia Picardi (Il Laghetto) in 1.06’42” e Daniela De Marco (Marathon Club Stabiae) in 1.07’35”. “È stata una gara stupenda. Mi sentivo in forma, l'ho vissuta con serenità”, spiega la Ambrosio. “Devo dire che è stata faticosa, ma l'essermi allenata su questo percorso forse mi ha dato la marcia in più”. L’organizzatore Andrea Fontanella, presidente Sport Eventi Run, traccia un bilancio positivo della manifestazione: “Quest’edizione ci lascia molto soddisfatti, questo è un appuntamento che sta crescendo anno dopo anno. Adesso lavoriamo per la Maremonti half marathon del 25 febbraio da Sorrento e Castellammare”.
 

Raddoppio Circum, esplode il caso San Marco

L'interrogazione di un consigliere apre la polemica: «Il sottopasso stravolgerà l'assetto del popoloso rione» 

Fonte: Fiorangela d'Amora da Il Mattino 

Castellammare di Stabia - Il treno correrà spedito fino al centro della città, le auto invece dovranno attraversare il sottopassaggio. È questa l'idea alla base del raddoppio dei binari della Circumvesuviana della linea Napoli-Sorrento. Un progetto ambizioso da 37 milioni di euro per il quale parte delle opere sono già in corso, mentre per quelle ancora da realizzare è scoppiata la polemica. La nuova stazione di Castellammare che sostituirà l'attuale Via Nocera, è incorso di realizzazione. Il cantiere fu inaugurato dal presidente della Regione Vincenzo De Luca il 27 giugno 2017 e l'opera sarà terminata a febbraio 2019. Il passo successivo sarà portare il doppio binario fino a Castellammare centro dove anche lì sarà realizzata una stazione nuova, parcheggi e un collegamento diretto con le Ville romane dell'antica Stabiae. Sulla carta il progetto Eav-Regione, sarà una grande rivoluzione, ma l'impatto con la città preoccupa politici e cittadini. Realizzare un sottopasso solo carrabile per eliminare il passaggio a livello presente in via Cosenza non sarà cosa da poco e taglierà in due il centro città con il quartiere del San Marco.
 

Cristiano Militello a Gragnano

Cristiano Militello e Aniello Guidone
Gragnano - Cristiano Mitello ospite de “La locanda della pasta”. Il celebre inviato di Striscia la notizia (famoso per la sua rubrica sugli striscioni calcistici più divertenti degli stadi italiani) è a Gragnano. Militello (originario di Pisa e residente a Milano) si è intrattenuto con Aniello Guidone, gestore del ristorante, dispensato battute e si è prestato per qualche fotografia.

«Resto al Sud» via alle domande per i fondi

Età massima 36 anni, bonus di 50mila euro di cui 35mila da restituire. Lavoro per 100mila 

Fonte: Nando Santonastaso da Il Mattino

Il conto alla rovescia ormai è terminato. Dalle 12 di domani, lunedì 15, le domande per «Resto al Sud», il nuovo incentivo promosso dal ministro per la Coesione territoriale e per il Mezzogiorno Claudio de Vincenti e gestito da Invitalia, potranno essere presentate sul sito dell'agenzia (www.invitalia.it). Non è un bando, quindi non c'è bisogno di affrettarsi; niente click day, insomma, dal momento che tutte le domande saranno esaminate in ordine cronologico. La dotazione finanziaria complessiva è di 1.250 milioni di euro, una cifra record per interventi di incentivo alla neoimprenditorialità e oltre tutto destinati esclusivamente al Sud. La misura, prevista dal decreto Mezzogiorno, varato dal governo e diventato legge nella scorsa estate, si rivolge a giovani tra 18 e 36 anni che non abbiamo un lavoro a tempo indeterminato o utilizzino altri incentivi e sostiene le attività di produzione di beni e servizi. Sono esclusi dal finanziamento le attività libero professionali e il commercio. Ammesse le spese per la ristrutturazione o manutenzione straordinaria di beni immobili, per l'acquisto di impianti, macchinari, attrezzature e programmi informatici e per le principali voci di spesa utili all' avvio dell'attività. Non sono previste invece coperture di spesa per intermediari (commercialisti, tecnici, progettisti eccetera): eventuali consulenze saranno a titolo gratuito e sempre gratis potranno dare una mano gli enti indicati da Invitalia.
 

Il tempo cupo prima delle urne

Nei talk show un carosello di violenze verbali e bugie. Gli spettatori non ne possono più. E neanche gli elettori 

Fonte: Roberto Saviano da L’Espresso 

Siamo ufficialmente in campagna elettorale. Cosa significa questo? Che qualunque cosa dirai potrà essere usata contro di te, da chiunque, amici e nemici. Qualunque progetto intraprenderai potrà essere usato contro di te. In campagna elettorale si è prò o si è contro, non esiste terza via. Vale la pena riflettere su questo perché da quando mi interesso di politica, come elettore, come commentatore e talvolta come "guardiano", non ricordo di aver mai vissuto un periodo che non sia stato di campagna elettorale. Ciò vuoi dire che chiunque scriva o si esponga sa che tutto verrà letto e interpretato come appoggio a una forza politica e come contrasto alle innumerevoli altre. E così se parlo del M5S sono piddino (per alcuni pidiota o "amico di Boldrini"), se critico il Pd sono grillino, se critico Berlusconi sono comunista, se critico la Lega sono un buonista e di nuovo "amico di Boldrini". Ecco, dato che il nome ricorre, magari un giorno la galassia grillino-leghista che ormai sembra muoversi sempre più secondo un copione condiviso - stesse boutade, stessi proclami, stessi odi e simili simpatie; chi sa che non avvenga una alleanza post elettorale, del resto non si candida per caso l'ex direttore della Padania - ci dirà quale sia stata la colpa grave commessa dalla Presidente della Camera. Anche se temo si tratti di becero sessismo da bar camuffato da impegno politico. E così accade anche che, in campagna elettorale, si chieda la sospensione dei talk show politici non condotti da giornalisti ma da artisti, perché di politica ci si occupa solo sotto testata e gli artisti devono occuparsi di arte.
 

Discarica tra i frutteti: scoperte 250 tonnellate di rifiuti speciali

Fonte: Dario Sautto da Il Mattino 

Lettere - Un'area agricola nel Parco dei Monti Lattari trasformata in mega discarica a cielo aperto. E all'ombra del Vesuvio, un capannone era diventato deposito di rifiuti speciali. Quattro persone sono state denunciate nell’ambito di due operazioni per il contrasto dei reati ambientali, messe m atto dai finanzieri del gruppo di Torre Annunziata, agli ordini del colonnello Geremia Guercia. Sulle colline di Lettere, in area protetta, le fiamme gialle della compagnia di Castellammare di Stabia (capitano Salvatore Della Corte) hanno denunciato il proprietario di un fondo agricolo che aveva trasformato il terreno in una mega discarica. Tra frutteti e cespugli di macchia mediterranea, a chiusura di un'indagine mirata, i finanzieri stabiesi hanno ritrovato di tutto. Il fondo agricolo nell'area del Parco Regionale di circa 18mila metri quadrati era stato ricoperto da 250 tonnellate di rifiuti speciali. Lastre e tubi di amianto sono stati ritrovati accanto a pezzi di veicoli (batterie, paraurti, pneumatici), ma anche elettrodomestici (lavatrici e frigoriferi m particolare), materiale elettronico (televisori, computer, stampanti, modem), scarti tessili, secchi che contenevano pitture e vernici, residui di guaine bituminose, lamiere, plastica, e ancora scarti della macellazione e carcasse di animali. Al termine dell'operazione, il responsabile della discarica abusiva è stato denunciato a piede libero. Tutta l'area è stata sottoposta a sequestro, come disposto dalla Procura di Torre Annunziata.
 

Isolati per frana. Dopo 4 anni parte la caccia ai fondi

Fonte: Massimiliano D'Esposito da Il Mattino 

Sorrento - Un passo in avanti che può rivelarsi decisivo nel complesso procedimento amministrativo che dovrà portare al rifacimento di via Fontanelle, la strada in parte distrutta da una frana ai primi di marzo del 2014. La conferenza di servizi convocata per l'approvazione del progetto definitivo ha espresso parere favorevole ed ora si può procedere nei reperire i fondi necessari alle opere, per poi indire la gara di appalto. Una vicenda che si trascina da poco meno di 4 anni. Era il 4 marzo quando, a causa di intense piogge, un tratto di circa 60 metri della strada che attraversava la zona collinare della frazione del Capo di Sorrento venne trascinato a valle insieme ad alberi, terreno e ad un'abitazione, mentre un'altra casa risultò gravemente danneggiata. Per fortuna non ci furono vittime o feriti, ma. da quel giorno i componenti una ventina di famiglie che Sorrento che abitano contrada Li Simoni sono costretti a vivere pressoché isolati, potendo contare per i loro spostamenti solo su di una strada realizzata attraverso alcuni campi agricoli che consente di raggiungere via Nastro Verde. Ora, quindi, arriva quella che potrebbe rappresentare la svolta determinante per il rifacimento di via Fontanelle dopo anni di disagi ed incertezze che hanno spinto alcuni resilienti ad abbandonare le loro case e trasferirsi altrove. A questo punto bisogna passare ad individuare il canale per il finanziamento dei lavori.
 

sabato 13 gennaio 2018

Ignare

di Filomena Baratto

Vico Equense - A volte ritornano alla mente argomenti e letture , presentandosi sotto nuova luce. E’ il caso di una novella di Pirandello: Ignare, tratta da Novelle per un anno. L’ho riletta, avendola sotto mano, anche per ricordare che una delle protagoniste, Suor Ginevra, proveniva da Sorrento. E alcuni passi, a suo tempo, mi facevano immaginare i nostri luoghi come calati nelle descrizioni ” S’era d’ottobre e pareva ancora piena estate, sebbene di tratto in tratto, entro quel tepore denso di odori inebrianti, sorvolasse dal mare che s’intravedeva prossimo di tra il fitto turbinio di tutti quei fusti d’alberi, qualche primo brivido di frescura autunnale”. Sono parole che riportano immagini dei nostri luoghi e chissà che, oltre alle scene, non faccia riflettere anche lo spunto. E’ il racconto di uno stupro di quattro suore: Suor Ginevra, Suor Leonora, Suor Agnese, Suor Erminia, di cui solo una potè tornare a Napoli: Erminia. Le altre furono condotte in una villa di campagna dove trascorrere il tempo del parto. Qui le aspettava una certa Rosaria, che le avrebbe seguite. La violenza, di cui erano state protagoniste, s’incarna in tre esserini che vengono alla luce e che non hanno alcuna colpa se non quella di essere frutto di una violenza, mentre dovrebbero esserlo d’amore. Secondo Pirandello ogni atto d’amore dà i suoi frutti, ma qui i frutti, tre neonati, finiscono per essere strappati alle madri dovendosi salvare dalla vergogna.
 

Scoperta discarica di rifiuti speciali nel Parco dei Monti Lattari

La Guardia di Finanza sequestra un'area di oltre 18mila mq e 250 tonnellate di rifiuti 

Castellammare di Stabia - I finanzieri della compagnia di Castellammare di Stabia, hanno scoperto un fondo agricolo di oltre 18.600 mq, all'interno del Parco regionale dei Monti Lattari, dove erano state sversate oltre 250 tonnellate di rifiuti speciali. Tra questi amianto in tubi e lastre, parti di veicoli (batterie, paraurti, pneumatici, ecc.), elettrodomestici in disuso (lavatrici, frigoriferi, ecc.), materiale elettronico dismesso (televisori, computer, stampanti, modem, ecc.), scarti sartoriali, secchi già contenenti pitture e vernici, residui di guaine bituminose, scarti di macellazione e carcasse animali, lamiere, plastiche. L 'intera zona è stata posta sotto sigilli e un responsabile denunciato.

Tema: quale arte del pizzaiolo dopo l’ Unesco?

Cena di gala organizzata dalla Bc Communication alla Mostra d'Oltremare con tutti i protagonisti 

Fonte: Luciano Pignataro da Il Mattino 

Come si può utilizzare in modo non commerciale al meglio il riconoscimento dell'Unesco che assegna alla centenaria arte del pizzaiuolo napoletano le stigmate di "patrimonio immateriale mondiale dell'umanità?" Quali sono i percorsi possibili per un mestiere profondamente legato al territorio e che, proprio per dare valore effettivo a questo riconoscimento, deve guardare al futuro in una prospettiva più ampia senza venir meno ai canoni della tradizione? È per cominciare a trovare risposte a domande come queste che la BC Communication di Brunella Cimadomo ha curato l'organizzazione di un evento senza precedenti nel settore: un Gran Gala dedicato alla figura del «pizzaiuolo» mantenendo la parola in lingua partenopea e contrapponendola, in qualche modo, a quella del pizzaiolo. Una contrasto apparente che nasconde gli innumerevoli interrogativi di una categoria che non può ora fare a meno di definire nuove strategie. Si spiega così l'idea di una cena di alto livello che invita, per la prima volta, tutte le associazioni del territorio, le istituzioni e alcuni fra i più rappresentativi imprenditori del settore a ragionare sul trinomio di "arte, mestiere, professione" come connotazioni del terzo millennio.
 

Sport, domenica la Stabiaequa

Percorso alternativo attraverso la galleria di Seiano 

Vico Equense - Domani, domenica 14 gennaio 2018 è in programma la sesta edizione di Stabiaequa, la gara podistica di 10 miglia (16 km) organizzata dall’associazione Sport Eventi Run con il patrocinio dei comuni di Castellammare di Stabia e Vico Equense e della Uisp, Unione Italiana Sportpertutti. La manifestazione rappresenta ormai un appuntamento tradizionale per gli appassionati, che affronteranno un percorso di particolare fascino, con un lungo tragitto lungo la litoranea costiera da Castellammare a Vico Equense. Per quanto riguarda il Comune di Vico Equense la gara podistica, interesserà via Luigi Serio (tratto di competenza comunale”, via Filangieri (tratto compreso tra via Luigi Serio e piazza Umberto I, con la sospensione della circolazione stradale al transito veicolare dalle 8 e 30 alle 11. Percorso alternativo attraverso la galleria di Seiano.

Funivia del faito, in primavera si riparte

Vico Equense/Castellammare - «I lavori proseguono e non ci sono fattori che ostacolino la riattivazione della funivia in primavera». Umberto De Gregorio, presidente dell’Eav, dissipa ogni dubbio sul rischio che la funivia del Faito possa restare ferma ancora a lungo dopo le tribolazioni dello scorso anno e preannuncia, di fatto, la riapertura del servizio entro i termini previsti, in tempo utile dunque per la programmazione estiva da parte degli operatori commerciali e degli albergatori, che possono così ripartire. I lavori di adeguamento strutturale e antisismico e di abbattimento delle barriere architettoniche avevano subito un rallentamento a causa della necessità di adottare una variante meno invasiva, a fronte delle condizioni degradate in cui sono stati rinvenuti i pilastri e le travi delle due stazioni. L’iter progettuale si è concluso, infatti, solo a maggio 2017, poi gli incendi hanno fatto il resto e la funivia è ripartita con le impalcature ancora visibili all’esterno delle stazioni. Ma stavolta tutto sembra procedere nella direzione di una riapertura in tempo utile.

Tv. Antonino Esposito ospite del programma Gustibus in onda su La7

Primo appuntamento domani, 14 gennaio, alle ore 10.45

Sorrento - Lo chef pizzaiolo Antonino Esposito, e la sua Ape Forno, saranno ospiti delle prossime puntate di Gustibus (www.la7.it/gustibus), la trasmissione dedicata ad enogastronomia e territorio in onda su La7. Primo appuntamento domani, 14 gennaio, alle ore 10.45, con il programma di Roberto Laurenzi, scritto da Matteo Capanna, condotto da Roberta De Matthaeis e prodotto da Media Production, che propone agli spettatori ogni settimana un viaggio su e giù per l’Italia, per raccontare i territori ed i loro sapori. Esposito racconterà storie ed aneddoti legati al patrimonio agroalimentare regionale, realizzando ogni volta una creazione di pizza dedicata ad un'eccellenza del territorio in cui si trova. "Si tratta di un'esperienza stimolante - spiega lo chef pizzaiolo - che mi permette di conoscere e visitare importanti realtà produttive delle varie regioni. E dunque promuovere una volta di più la nostra Italia del gusto. La pizza sarà ovviamente il filo che lega i vari interventi, con impasti e farciture speciali realizzati per celebrare i tanti prodotti che troveremo sulla nostra strada".

Massa Lubrense capofila del progetto GIAHS della FAO

Giovanna Staiano
Massa Lubrense - Sarà Massa Lubrense ad essere comune capofila della Penisola Sorrentina per la candidatura a due importanti riconoscimenti territoriali per il paesaggio e l’agricoltura:l’iscrizione nel Registro Nazionale dei Paesaggi Rurali ed il riconoscimento mondiale GIAHS della FAO. E’ il contenuto di un protocollo di intesa tra i Comuni di Massa Lubrense, Sorrento, Sant’Agnello, Piano di Sorrento, Meta e Vico Equense per la valorizzazione ed il riconoscimento degli agrumeti e la loro importanza nella storia, nell’economia e nel paesaggio della Penisola Sorrentina. Il primo obiettivo è l’iscrizione nel Registro Nazionale dei paesaggi rurali presso il Coordinamento delle politiche europee ed internazionale e dello sviluppo rurale del Ministero delle Politiche Agricole. Al raggiungimento di questo primo obiettivo si concorrerà al riconoscimento GIAHS (Globally Important Agricultural Heritage Systems). Si tratta di un riconoscimento della FAO, che fa parte di un programma sottoscritto dall’Italia nel 2016, che premia i sistemi rurali patrimonio dell’umanità. Con il GIAHS si riconoscono le pratiche colturali basate sulla sostenibilità e sulla conservazione della biodiversità. “A Massa dopo la decima Bandiera Blu e il primo riconoscimento Spighe Verdi 2017 per il paesaggio e l’agricoltura - dichiara il vicesindaco Giovanna Staiano - abbiamo pensato che fosse giusto iniziare un discorso comprensoriale per il riconoscimento del paesaggio dell’intera Penisola Sorrentina e dei nostri agrumeti caratteristici come sistemi rurali patrimonio dell’umanità. Cominciamo un nuovo percorso convinti che il futuro è nella sostenibilità. La candidatura verso questi riconoscimenti ci proietta verso un green tourism e un turismo sostenibile sempre più richiesto dal mercato e verso il quale dobbiamo sempre più attrezzarci con politiche ambientali adeguate e innovative” “Si tratta di un obiettivo ambizioso che abbiamo condiviso con tutti i sindaci della Penisola Sorrentina -ci tiene a sottolineare Lorenzo Balducelli, primo cittadino di Massa Lubrense- che và nella direzione del riconoscimento dell’unicità del nostro paesaggio e dell’importanza storica, economica ed ambientale dell’agrumicoltura della Penisola Sorrentina.

Massa Lubrense. Un centro per disabili nell’ex plesso scolastico di Termini

Massa Lubrense - Un centro per disabili nell’ex plesso scolastico di Termini. La Giunta Municipale guidata da Lorenzo Balducelli approva il progetto esecutivo e l’ufficio lavori pubblici avvia subito la gara d’appalto. Il 2018 darà a Massa una importante struttura, tanto attesa dalle famiglie dei ragazzi diversamente abili del territorio. Ad essere utilizzata sarà il plesso scolastico ubicato nella Piazza Santa Croce di Termini ormai inutilizzato. La struttura che si sviluppa su un unico livello a piano terra à particolarmente indicato per i disabili. La metratura è ragguardevole trattandosi si 280 metri quadrati coperti e di un piccolo spazio esterno. Il costo complessivo dell’intervento per riqualificare l’immobile per renderlo fruibile come centro ludico da destinare a ragazzi diversamente abili è di 121.000 euro ed è coperto da fondi comunali già impegnati in bilancio. La Giunta Comunale su proposta dell’Assessore alle politiche sociali Giovanna Staiano ha approvato nei giorni scorsi il progetto esecutivo e subito il settore lavori pubblici guidato dall’ingegnere Antonio Provvisiero ha emesso una determina con la quale si sono avviate le procedure per selezionare la ditta che effettuerà l’intervento di riqualificazione dell’immobile. Non nasconde la soddisfazione il sindaco di Massa Lubrense Lorenzo Balducelli che dichiara: “Si tratta di una struttura che avevamo promesso a ragazzi speciali ed alle loro famiglie in campagna elettorale. Ragazzi che meritano tutta la nostra attenzione.
 

venerdì 12 gennaio 2018

Vico Equense. Progetto di sensibilizzazione ambientale sulla corretta gestione dei RAEE

Vico Equense - L’amministrazione comunale intende favorire la raccolta dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). Il progetto, predisposto dall’Ufficio ecologia del Comune di Vico Equense, prevede 45 punti di raccolta Raee tra scuole, uffici, farmacie, ospedale, rivenditori di materiale elettrico e telefonia, strutture ricettive. L’acquisto di un mezzo equipaggiato per il ritiro e lo svuotamento dei contenitori e l’organizzazione di 8 giornate ecologiche itineranti. Il costo complessivo, si legge nella delibera approvata dalla Giunta del Sindaco Andrea Buonocore, è di 28mila euro, di cui 20mila arrivano come contributo per la partecipazione alla “Misura 3” del Bando Raee “Fondo 13 Euro/tonnellata premiata”. Il Comune si è classificato al 4° posto della graduatoria, il resto sarà a carico dell’Ente municipale. I rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche o semplicemente rifiuti elettronici (talvolta citati anche semplicemente con l'acronimo RAEE, sono rifiuti di tipo particolare che consistono in qualunque apparecchiatura elettrica o elettronica di cui il possessore intenda disfarsi in quanto guasta, inutilizzata, o obsoleta e dunque destinata all'abbandono. I principali problemi derivanti da questo tipo di rifiuti sono la presenza di sostanze considerate tossiche per l'ambiente e la non biodegradabilità di tali apparecchi. La crescente diffusione di apparecchi elettronici determina un sempre maggiore rischio di abbandono nell'ambiente con conseguenze di inquinamento del suolo, dell'aria, dell'acqua con ripercussioni sulla salute umana. Questi prodotti vanno trattati correttamente e destinati al recupero differenziato dei materiali di cui sono composti, come il rame, ferro, acciaio, alluminio, vetro, argento, oro, piombo, mercurio, evitando così uno spreco di risorse che possono essere riutilizzate per costruire nuove apparecchiature oltre alla sostenibilità ambientale.

Prorogata l’ordinanza anti-tir, inserite altre fasce orarie il martedì e giovedì

Vico Equense - L'ordinanza anti-tir, quel provvedimento fortemente voluto la scorsa estate dal sindaco di Vico Equense Andrea Buonocore per togliere i mezzi pesanti che trasportano merci pericolose dal centro della città è scaduto lo scorso 7 gennaio. Quell'atto, impugnato senza successo dinanzi al TAR della Campania da alcune società impegnate nel trasporto di carburanti è stato prorogato, con alcune modifiche. Nel dettaglio, l'ordinanza firmata dal comandante della polizia municipale Ferdinando De Martino prevede che fino al prossimo 31 maggio 2018 i mezzi pesanti che trasportano merci pericolose possono attraversare il centro urbano soltanto dall’una di notte alle sette del mattino. Anche se sono inserite altre fasce orarie in giorni “speciali”. Il martedì e il giovedì, infatti, la fascia oraria si allarga. Via libera al transito pure dalle 10 alle 11 e dalle 14 alle 16. Da una riunione che si è svolta al Comune di Vico Equense, tra l’Amministrazione e i rappresentanti dei trasportatori e delle aziende di distribuzione carburanti, è emersa la richiesta di introdurre delle nuove finestre orarie. “Dall’analisi dei dati in possesso del Comando Polizia Municipale – spiega il comandante De Martino - sui picchi di traffico per il centro urbano, si è rilevato che negli orari dalle 10.00 alle 11.00 e dalle 14.00 alle 16.00 si registrano i più bassi volumi di traffico rispetto all’intera giornata.” Da mesi, il sindaco Andrea Buonocore ha ingaggiato una forte discussione con l’Anas, si è recato in Prefettura più volte, ha invocato interventi condivisi. Risultato? Niente di costruttivo. E per fronteggiare il divieto di transito imposto nel 2014 nella galleria di santa Maria di Pozzano ai veicoli che trasportano merci pericolose, dopo mesi di appelli giunti anche da cuore della sua maggioranza, si è visto “costretto” a dover fermare i mezzi pesanti che – a causa del “bando” imposto per il tunnel – sono obbligati ad attraversare il centro urbano di Vico Equense.

Un bus Mercedes di ultima generazione, adattato alle caratteristiche delle strade di Capri, è sbarcato sull’isola per essere destinato al trasporto pubblico

Capri - Un nuovo pulmino giallo realizzato dalla Mercedes e acquistato dalla Sippic Funicolare Capri srl è stato dato in uso all’Atc per destinarlo al trasporto pubblico sull’isola. Il nuovo mezzo pubblico, dopo essere sbarcato a Marina Grande, è salito a piazza Ungheria allo stazionamento degli autobus di linea dove, alla presenza dell’amministratore unico della Sippic Funicolare di Capri Avv. Anna La Rana e dell’amministratore dell’Atc dottor Alberto Villa, di una rappresentanza della Capitaneria di Porto e dei Carabinieri della stazione di Capri davanti a un folto pubblico, funzionari, tecnici, dipendenti delle aziende, si è svolta la cerimonia di benedizione dell’innovativo bus celebrata dal parroco di Capri don Carmine Del Gaudio. Dopo la cerimonia religiosa e il rituale brindisi beneaugurale a cui hanno partecipato convenuti e invitati, l’Avv. Anna La Rana ha spiegato che: “il bus che è stato dato in uso per il servizio pubblico dell’Atc è frutto di numerose ricerche che sono state fatte tra i produttori europei del settore poiché per gli automezzi che transitano nell’isola di Capri sono imposte, per gli standard europei, caratteristiche dimensionali non più reperibili e che solo la Mercedes ha potuto attuare, autorizzando i trasformatori e i carrozzieri ad accorciare i propri telai per raggiungere le dimensioni imposte, così come è stato fatto per quello destinato a Capri. Infatti il nuovo autobus di modello Mercedes Benz 519 in versione urbana ha una potenza di 190 CV- 3000 CC, alimentazione a gasolio Euro 6 con AD 2BLUE con scarico automatico e trazione posteriore con ruote gemellate. E’ dotato poi di freni a disco anteriori e posteriori, di balestre rinforzate sull’assale posteriore, topless montate sull’assale posteriore attivate da valvole livellatrici.
 

Sorrento. Il passaggio generazionale d'azienda: A Sorrento confronto tra Federalberghi ed esperti di finanza

Sorrento - Pianificare la successione aziendale è necessario per assicurare continuità competitiva e leadership di mercato: a lanciare questo suggerimento è stato Alessandro Gallo , consulente strategico esperto in pianificazione patrimoniale, insieme a Laura Lazzarini , responsabile per il Corporate finance advisory clients PCC, nel corso del convegno sul trasferimento dei patrimoni di famiglia organizzato da Deutsche Bank e Federalberghi Penisola Sorrentina nella sede dell’associazione. «In Italia – ha spiegato il consulente legale e fiscale – solo il 6% delle successioni è di tipo testamentario. Il restante 94, invece, è rimesso alla disciplina contenuta nel Codice civile che, pur determinando la misura dei beni da assegnare, non stabilisce quali di quegli stessi beni debbano essere trasferiti agli eredi». Ne deriva che il nostro Paese è tra i più litigiosi in materia di successioni. In questo contesto il rischio per le imprese, a cominciare da quelle turistiche, è lo smembramento con conseguente perdita di competitività e di leadership sul mercato, senza dimenticare i maggiori costi legati ad eventuali contenziosi. Di qui l’esigenza di pianificare il passaggio delle aziende turistiche da una generazione all’altra : una necessità ancora più stringente per le imprese sorrentine attive nel settore, la maggior parte delle quali vanta una consolidata tradizione e una radicata gestione di tipo familiare. «Una riflessione su questo tema era necessaria per le famiglie sorrentine di albergatori che, nel corso degli anni e con un duro lavoro, hanno condotto il settore dell’ospitalità a livelli di eccellenza – ha sottolineato Costanzo Iaccarino , presidente di Federalberghi Penisola Sorrentina - Sono certo che i suggerimenti forniti dagli esperti della Deutsche Bank contribuiranno, in futuro, a valorizzare ulteriormente le capacità imprenditoriali e le aziende dei nostri associati».

Sorrento, sequestrati 50 chili di datteri

Sorrento - Ennesimo colpo inflitto dal personale della Capitaneria di porto di Castellammare di Stabia, agli ordini del Capitano di Fregata Cassone Guglielmo, alla raccolta illecita dei datteri di mare. Nella prima mattinata di venerdì 12 gennaio, a seguito di intensa attività di pattugliamento e controllo del territorio di giurisdizione del Compartimento marittimo di Castellammare di Stabia, svolto dai militari della locale Capitaneria di porto, è stata intercettata un’autovettura, alla cui guida risultava esserci un già noto pescatore di frodo, all’interno della quale venivano rinvenuti circa 60 Kg di datteri di mare. Insospettati da tale quantitativo rinvenuto, i militari procedevano successivamente a dar luogo ad una approfondita ispezione dei locali adibiti a garage della autovettura fermata, riscontrando ulteriori 20 Kg di datteri di mare, che risultavano essere conservati in una vasca di stabulazione, fornita di idoneo sistema di ossigenazione e filtraggio e pronti per essere destinati al commercio al minuto. Al termine delle dovute attività ispettive, i militari intervenuti procedevano al deferimento di due persone all’Autorità Giudiziaria: la prima per detenzione di datteri di mare, mentre la seconda per resistenza, favoreggiamento, oltraggio e minaccia a pubblico ufficiale. La suddetta attività ha avuto origine a seguito di pervenuta segnalazione presso gli Uffici della Polizia Giudiziaria della Capitaneria di porto di Castellammare di Stabia. Il personale dipendente, immediatamente allertato, ha proceduto ad individuare l’area di interesse e solamente il pronto intervento dei militari ha permesso di interrompere la commercializzazione del pregiato prodotto ittico.

Servizio Civile, il saluto del sindaco Buonocore a tutti i nuovi volontari

Vico Equense - Hanno già cominciato da qualche giorno a svolgere la propria attività, i ragazzi e le ragazze del servizio civile nazionale che questa mattina hanno incontrato il sindaco Andrea Buonocore nella sala consiliare per un saluto di benvenuto. Ad accogliere i venti candidati selezionati per il Comune di Vico Equense, anche il vice sindaco Franco Lombardi, il comandante dei vigili urbani Ferdinando De Martino, l’assistente sociale Caterina Trombetta e la psicologa Carmela Vanacore. I volontari, che hanno un'età compresa fra 18 e 28 anni, saranno impegnati per un anno in tre progetti: Otto per “Youth change: giovani cambiamenti a Vico Equense” (Teresa Buonocore, Enrico Di Palma, Giada Anna Maresca, Martina Lidia Onofri, Alessandra Pepe, Rosa Savarese e Anna Vanacore). Otto per “Se fossimo tutti uguali!” edizione 2016 (Pasquale Bartolomeo, Anna Carotenuto, Giacomo Caso, Ciro Di Capua, Augusto Maresca, Rinaldo Starace e Giuseppe Vanacore) e quattro per il progetto “La moderna battaglia dei Monti Lattari” edizione 2016 (Pasqualina Cioffi, Federica Cuomo, Simona Di Martino e Simona Gargiulo). Un’importante opportunità formativa, ha sottolineato il sindaco Buonocore, che ha aggiunto: “Possa ciascuno di voi dare il meglio di sé, ovunque sia collocato. Portate la vostra dinamicità negli uffici, il Comune ha bisogno di questa ventata di novità. Svolgerete un servizio utilissimo per l’amministrazione e per tutti i cittadini.”.

FOTOGALLERY

Sorrento. Calendario dei lavori di metanizzazione

Sorrento - Al via, lunedì 15 gennaio, il cronoprogramma dei lavori per il completamento della rete di metanizzazione sul territorio comunale di Sorrento. Di seguito le strade interessate dai cantieri ed il relativo calendario. Il primo tratto interessato sarà quello compreso tra piazza Tasso e via Luigi De Maio, dal 15 al 18 gennaio. Seguiranno: da piazza Sant'Antonino a via Santa Maria delle Grazie, dal 22 gennaio al 23 febbraio; da piazza Sant'Antonino fino a via Donnorso, compresa via San Francesco, dal 19 febbraio al 9 marzo; da piazza Sant'Antonino a via De Maio, nei giorni 12 e 13 marzo; da via del Mare a largo Parsano Vecchio, dal 15 gennaio al 10 febbraio; in traversa San Renato, già avviati e fino al 16 gennaio; in via degli Aranci, dall'incrocio corso Italia all'incontro con via San Renato, dal 29 gennaio al 12 febbraio; in via Capasso, da via Rota, dal 12 al 15 febbraio; a Marina di Puolo, dal 19 febbraio al 16 marzo; in via Talagnano, dal 22 gennaio al 20 febbraio; in via San Valerio, in date ancora da definire. Prevista inoltre la realizzazione di due impianti di riduzione: uno a via del Mare, con lavori dal 15 gennaio al 15 febbraio e nell'area del cimitero comunale, già avviati e che dureranno fino al 31 gennaio. "Chiediamo a cittadini ed imprenditori la massima collaborazione - spiega il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo - Dove possibile, i disagi sulla circolazione saranno naturalmente ridotti al minimo. Si tratta di opere importanti ed indifferibili per la nostra città, ormai giunte all'ultima fase di realizzazione. Nei prossimi mesi inizierà finalmente la fornitura di metano, con vantaggi per tutti".

Furto ai mercatini di Natale, appello su Facebook

Vico Equense - Le rubano borse, bijoux artigianali e pezzi unici completamente realizzati a mano e lei lancia un appello su facebook. Il furto è accaduto in piazza Marconi il 10 dicembre scorso. Ignoti si sono introdotti in una delle casette dei mercatini di Natale. Marcella De Gennaro, la stilista derubata, lancia un appello sui social network. “Ho da chiedere un piacere a tutti. – dice - Vi prego di condividere il più possibile queste foto, sono alcune delle creazioni che mi sono state rubate – si legge nel post di Marcella De Gennaro -. Magari qualcuno può averle viste e contattarmi. Grazie a tutti quelli che lo faranno”. Il valore totale della merce sottratta ammonterebbe a circa 3mila e 200 euro.

FOTO

Torna l’appuntamento con i laboratori dal titolo “Verso Leguminosa”

Napoli - Il 14 gennaio, durante il primo Mercato della Terra dell’anno, si parlerà del fagiolo cerato di Alife. La Condotta Slow Food Costiera sorrentina e Capri si prepara all’evento “Leguminosa 2018” con un ciclo di laboratori del gusto che dedica ad alcuni legumi della nostra regione. La manifestazione, organizzata da Slow Food Campania, si svolgerà a Napoli, nella Piazza Municipio, a marzo 2018 e metterà in vetrina tutte le varietà note e meno note di legumi, non soltanto campani. Domenica 14, al Mercato della Terra di Piano di Sorrento, a partire dalle ore 11.00 si svolgerà nell’area educazione il laboratorio sul “fagiolo di cera di Alife”, prodotto nei comuni collinari e montani della valle Telesina. Pochi sanno che la sua coltivazione non è molto agevole e la quantità di prodotto ottenuta da ogni cespo raramente supera il chilo. Il fagiolo cerato ha la buccia sottile, quasi impercettibile al palato e cuoce rapidamente. Per il suo sapore intenso e la piacevole pastosità viene scelto per la preparazione di zuppe e minestre, con l’aggiunta di pane cotto e per la classica pasta e fagioli. Saranno presenti le aziende produttrici del comune casertano di Alife, famose anche per un altro prodotto tipico di quel territorio: la cipolla, che è Presidio Slow Food. Ad accompagnarci in questo interessante percorso di avvicinamento al mondo dei fagioli in genere e a quello cerato in particolare saranno, oltre ai produttori, la nutrizionista Carmen Starace, l’agronomo Rosa Russo, il Fiduciario della Condotta Matese Domenico Gaudio e lo storico Assunta Vanacore. Come tradizione vuole, il laboratorio si concluderà con una degustazione, sia del prodotto al naturale, per scoprirne le principali caratteristiche, che all’interno di una ricetta. Per tutte le informazioni sui Lab del Gusto: Assunta Vanacore: 333.2758474 mercato@slowfoodcostierasorrentina.it

Ambiente. A Sorrento avviata la pulizia invernale degli arenili

Sorrento - Attenzione per gli arenili pubblici anche nei mesi invernali. Questa l’iniziativa promossa dall’amministrazione comunale di Sorrento, finalizzata alla pulizia degli arenili pubblici nei mesi invernali, a vantaggio di residenti e turisti. Le attività iniziate, già avviate nel corso del 2017, proseguiranno fino all’inizio della primavera e vedranno la partecipazione di diverse organizzazioni tra cui Marevivo Campania e l’associazione "Un ponte tra passato, presene e futuro". L’attività sarà svolta una volta a settimana lungo le spiagge pubbliche presenti sul territorio di Sorrento. Questa iniziativa – dichiara il consigliere comunale Luigi Di Prisco – si inserisce nel quadro delle azioni di promozione ambientale intraprese durante lo scorso anno, nonché di pulizia delle spiagge pubbliche, tenendo alta l’attenzione verso le stesse, non solo nei mesi estivi ma anche in quelli invernali. Azioni importanti per una città turistica come Sorrento, che vede la presenza di numerosi visitatori anche fuori stagione. Infatti a causa delle mareggiate o delle avverse condizioni meteo, spesso sulle spiagge si ammassano numerosi rifiuti che danneggiano l'ambiente e l'immagine della nostra terra”.

Pd, il sì di Siani. E Renzi esulta "Nelle liste persone come lui"

Fonte: Roberto Fuccillo da La Repubblica Napoli 

«È il regalo di compleanno, politico, più bello fra quelli ricevuti». Come previsto. Paolo Siani ha detto sì, e Matteo Renzi celebra la cosa buttandola anche sul privato, visto che ieri ha compiuto per l'appunto 43 anni. Parole pronunciate da Roma, e che dunque affidano al pediatra napoletano un ruolo anche nazionale. Tanto che, aggiunge Renzi, «vogliamo lavorare su un progetto di ampio respiro per il mezzogiorno. Perché vanno bene le liste di cose da fare, va bene la visione, vanno bene i risultati. Ma poi ci vogliono le persone credibili. Quelle come Paolo Siani». Così da ieri il Pd ha due cavalli di razza in Campania: Siani guiderà la pattuglia del proporzionale alla Camera, Renzi quella al Senato. Fra i primi a gioire in città il collega medico Massimo Costa, che da un mese è anche il segretario provinciale del partito: «Non nascondo il grande entusiasmo. Paolo, oltre ad essere uno stimatissimo collega, è un mio caro amico». La segretaria regionale Assunta Tartaglione ringrazia Siani «per aver scelto di offrire il suo contributo». La ex candidata sindaco Valeria Valente racconta: «In questi anni in Parlamento ho avuto la possibilità di lavora re con lui per alcune proposte di legge sulla tutela delle vittime della criminalità, sulla povertà educativa e sull'infanzia». Dalla Regione il capogruppo Mario Casillo parla di «una scelta di responsabilità, di attaccamento al territorio». Il sottosegretario alla Giustizia Gennaro Migliore vede «una candidatura splendida». Alla fine, in serata, ecco il placet di Renzi in persona: «Sono felicissimo che abbia dato il via libera a candidarsi». Fatto il portabandiera, ora bisognerà pensare a sistemare i vari pretendenti sui vari collegi. Mentre Migliore e Enzo Amendola sono accreditati di candidature fuori Campania, Valente pare avviata al proporzionale. Camera o Senato, dietro uno dei due big.