lunedì 23 aprile 2018

«Festa a Vico» 2018: da domenica 3 a martedì 5 giugno

Gennaro Esposito: “Protagonista l’Italia e i suoi sapori nella mia cara Vico” 

Vico Equense - Definito il calendario della sedicesima edizione di Festa a Vico, il raduno-evento ideato da Gennaro Esposito per incontrare cuochi emergenti e affermati dell’enogastronomia internazionale. La manifestazione si svolgerà da domenica 3 a martedì 5 giugno. “Come ogni anno, - spiega Gennaro Esposito - ci stiamo impegnando nell’organizzazione minuziosa di ogni dettaglio della prossima “Festa a Vico”, giunta alle 16° edizione. Una festa tra gusto e beneficenza, il cui unico impegno è dato dal valorizzare l’unicità delle cose belle. Protagonista l’Italia e i suoi sapori nella mia cara Vico.” Nel corso degli anni la festa si è evoluta, quasi trasformata, diventando ormai un appuntamento fisso per gli amanti del food e non solo. Per tre giorni Vico Equense diventa una “cucina a cielo aperto” “Al lavoro, dunque, - continua Esposito - considerando le potenzialità del territorio, i progetti nel cassetto ideati per valorizzarne le caratteristiche e l’idea di una cucina che sa essere grande quando si affida alla semplicità dell’eccellenza della materia prima. Sarà Festa, come ogni anno, arricchita da qualche novità, così come in ogni scorsa edizione è stato.” La festa coinvolge tutto e tutti, con 100 esercizi commerciali ma anche portoni e giardini che vengono aperti per l'occasione. Vico viene letteralmente invasa da appassionati del genere e semplici turisti. Dinanzi alle botteghe artigiane, ai negozi, alle edicole o alle farmacie si raccoglie una incredibile folla di curiosi per assaggiare i piatti preparati al momento dagli chef ospiti di Gennarino, che a loro volta fanno ormai a gara per partecipare a questa kermesse di tre giorni. Da Vico sono passati innumerevoli chef di tra i più importanti del panorama nazionale e internazionale.

Arriva chef Paperacciuolo

Vico Equense - Dalle Cucine di Villa Crespi, a Orta san Giulio, allo schermo televisivo (MasterChef, Cucine da Incubo, O’ Mare Mio) ed ora alle pagine a fumetti di 'Topolino'. Il magazine più letto da bambini e ragazzini italiani, dai 5 ai 13 anni, consacra l'iconizzazione di Antonino Cannavacciuolo proponendolo una versione piumata e barbuta dello chef di Vico Equense, e caratterizzandolo ulteriormente, fin dalla copertina, con la sua ormai proverbiale pacca sulla schiena del malcapitato di turno. Il grande, e grosso, chef campano è protagonista della cover di 'Topolino' 3257 e di una storia a fumetti e, nell’intervista del Toporeporter regala la ricetta di una torta di mele e yogurt, dedicata a Nonna Papera. Sul numero, in edicola mercoledì 25 aprile, i food-lover e lettori appassionati troveranno il grande cuoco nelle inedite vesti di chef Paperacciuolo, protagonista della storia a fumetti scritta da Riccardo Secchi e disegnata da Nicola Tosolini, 'Agente Segreto Ciccio – Uno Chef da Sogno'. La storia è una nuova puntata della serie che vede protagonista il panciuto cugino di Paperino che indaga per conto dello Gnam, il Gruppo Nuovi Assaggiatori Municipali, alla ricerca di un pericoloso criminale che produce cibi contraffatti. L’unico modo per incastrarlo sembra essere ingaggiare uno degli chef più rinomati in circolazione: Paperacciuolo.
 

Sorrento e l'impianto murario difensivo: una mostra fotografica

Sorrento - Una mostra fotografica sull’impianto murario difensivo della città di Sorrento, quella che si inaugura il 25 aprile, alle ore 10.30, presso il sito del Bastione di Parsano. L'esposizione, che resterà aperta al pubblico fino al primo maggio, dalle ore 10 alle 13, è promossa dall’Assessorato all’Ambiente del Comune di Sorrento. Attraverso 12 scatti fotografici realizzati da Mariana Tizzani, Antonino Fattorusso e Carlo Alfaro, si potrà seguire un itinerario lungo i tratti, oggi ancora esistenti, delle fortificazioni murarie. Alcuni scatti li ritraggono in alcuni periodi particolari dell’anno, come la sera del Venerdì Santo in cui il sito del Bastione di Parsano viene illuminato con circa 200 lumini al passaggio della processione del Cristo Morto. Ad impreziosire la mostra ci sarà anche un piccolo plastico del Bastione di Parsano realizzato da alcuni alunni dell’Istituto d’arte di Sorrento. “Questo appuntamento – dichiara il consigliere comunale Luigi Di Prisco – dà avvio ad una ricca stagione di eventi culturali presso il Bastione di Parsano che riproporrà, nel periodo estivo, un nuovo ciclo di conferenze storiche. La mostra sarà riproposta in diversi periodi dell’anno in modo da arricchire l’offerta culturale ai tanti visitatori che ogni anno visitano questo particolare sito storico, che permette al turista di svolgere una breve passeggiata sulle antiche mura vicereali della città di Sorrento. Un ringraziamento particolare va a tutti i fotografi che hanno collaborato alla realizzazione di questa iniziativa”.

Vico Equense. Trekking sulla Via del Latte con degustazione

Vico Equense - Il 25 aprile una passeggiata da non perdere a Vico Equense, a 680 metri sul livello del mare tra un’aria frizzante ed impregnata del profumo della natura. Si inizia salendo per circa 500 metri, per poi continuare a camminare tra giardini affacciati sui colori di Praiano e Positano, tra rocce calcaree abbellite dalla macchia mediterranea. In questo periodo primaverile le ginestre, il mirto, il leccio e il cisto esprimono il meglio di sé e lungo la strada potremo anche incontrare qualche pecora al pascolo. Se ci si guarda attorno si vede il Vesuvio che ci fa compagnia da lontano, mentre gli isolotti de Li Galli ci preannunciano che l’estate sta arrivando. Arrivati in cima al Monte Comune, si inizierà la discesa lungo una mulattiera medievale, tra selve di castagno, per raggiungere il Museo dell’Arte Casearia “Fernando De Gennaro”. Qui ci sarà una degustazione di sette tipi di formaggio, olio e miele, accompagnati da pane e un calice di Aglianico. La passeggiata è di livello Escursionistico, per persone allenate a camminare e dura 4 ore + la degustazione e la visita al Museo dell’Arte Casearia “Fernando De Gennaro”. La Lunghezza è di 8 km su un dislivello: +/- 500 m. l’appuntamento è alla chiesa di Santa Maria del Castello, Vico Equense con parcheggio gratuito al ristorante Zi Peppe. Ci saranno punti di ristoro all’inizio e alla fine del percorso. Si consiglia di indossare scarpe da trekking o da ginnastica a suola scolpita, abbigliamento a strati, portare acqua in abbondanza e qualche snack per il trekking. L’evento è sconsigliato a chi non è abituato a camminare, a chi ha problemi articolari, a chi soffre di vertigini e non è adatto ai bambini e non idoneo per i cani. La passeggiata trekking viene condotta da una guida ambientale/escursionistica. La degustazione è organizzata dal Museo dell’Arte Casearia “Fernando De Gennaro”.

Bullismo, il coraggio di uscire dal gregge

Lecce, umiliato e picchiato in classe. Un compagno manda il video ai genitori 

Fonte: Giuseppe Montesano da Il Mattino

In una scuola della Puglia un ragazzo ha ripreso col telefonino frammenti di una scena di bullismo a cui era sottoposto un suo amico, e l'ha mandata alla mamma del ragazzo: di lì è partita la ricerca dei cosiddetti bulli, ai quali prima o poi bisognerebbe cambiare nome definendoli «sadici socialmente pericolosi». Ma nella vicenda pugliese c'è un elemento di riflessione particolare che sta nel fatto dell'invio del breve filmato, da parte di uno studente, alla famiglia del ragazzo vessato e umiliato. Quel gesto che potrebbe sembrare poco coraggioso, è forse invece il contrario, dal momento che il ragazzo vessato non riusciva a parlare con i genitori dell'accaduto: l'amico che ha mandato il video avrebbe così rotto in qualche modo il silenzio su cui si regge il cosiddetto bullismo. Il bullismo è una forma di violenza privata a danno di uno solo legata al sistema del branco, in cui uno o più capetti agiscono direttamente o per interposta persona: un sistema che a vedere bene è la riproduzione del sistema camorristico, perché il suo funzionamento è garantito non solo dall'acquiescenza forzata della vittima ma dal silenzio omertoso che la circonda. I protagonisti, vittime e carnefici, in una classe sono una minoranza, mentre gli altri sono spettatori che per vari motivi scelgono il silenzio, esattamente come accade nelle società ad alto tasso camorristico in cui aleggia la domanda retorica «Chi tè lo fa fare?», che vale allo stesso modo per una società civile e per una classe scolastica.

Vico Equense festeggia il Napoli. Commenti a caldo di Zorro

Ferzan Ozpetec chiude gli "Incontri di cinema", edizione 2019 nel segno della Germania

di Claudia Esposito

Sorrento - È Ferzan Ozpetec a concludere la 40esima edizione degli Incontri internazionali di cinema di Sorrento. Il regista pluripremiato, legato a titoli quali "Il bagno turco", "La finestra di fronte", "Saturno contro", "Le fate ignoranti" si è raccontato al pubblico sorrentino durante un'intervista con la giornalista di "Ciak" Alessandra De Luca, spiegando aneddoti della sua carriera, fino ad arrivare all'ultima creatura, "Napoli velata", il film girato a Napoli con Giovanna Mezzogiorno e Alessandro Borghi. "Mi sono innamorato della città - ha esordito il regista - e ho toccato con mano i luoghi comuni che la gente mi continuava a ripetere. Mi dicevano in continuazione di stare attento all'orologio. La verità è che quello che succede a Napoli succede ovunque, solo che viene amplificato molto di più". Origini turche ma in Italia da decenni, Ozpetec racconta anche al pubblico il suo lavoro: "Credo che il regista - continua - debba essere come uno scolapasta, lasciar scorrere delle cose per trattenerne altre. Arrivo sul set che ho in tasca delle idee già pronte, ma poi mi lascio guidare dalle situazioni del momento. Guai se non ci fossero quelle che io chiamo "le fate" dei film, ossia cose improvvise che magari avvengono per strada che determinano cambiamenti nelle riprese all'ultimo minuto". L'abilità del regista è anche quella di scegliere l'interprete giusto per ogni ruolo.
 

domenica 22 aprile 2018

Marina di Vico, tornello: una mano ai disabili

Vico Equense - I promotori del progetto “Spiaggia SuperAbile, dopo i sopralluoghi lungo la costa della penisola sorrentina hanno scritto ai Sindaci dei sei Comuni. L’ Amministrazione comunale di Vico Equense, con gli assessori ai lavori pubblici e demanio, Gennaro Cinque e Angelo Castellano e il presidente del consiglio comunale Massimo Trignano, si è resa da subito disponibile a intervenire, ove fosse possibile, per trovare le giuste soluzioni, in modo che i disabili, gli anziani e tutti quelli che hanno difficoltà ad accedere alle spiagge (neo genitori con passeggini inclusi) possano farlo con facilità. .Alla marina di Vico, a poche centinaia di metri dalle spiagge c’è una transenna di ferro, bloccata da un lucchetto, che consente l’accesso ai soli pedoni, negandolo a chi è costretto su una sedia a rotelle. Per arginare il problema, nei prossimi giorni sarà installato dall’Amministrazione comunale un tornello riservato ai portatori di handicap e passeggini, che blocca il passaggio dei ciclomotori, eliminando così una barriera architettonica.

Indagini sulle multe. Spuntano 1500 verbali mai pagati

Il Comune contro i furbetti che non hanno saldato i conti. Mancano quasi 150mila euro, partono le ingiunzioni

Fonte: Salvatore Dare da Metropolis

Vico Equense - I numeri sono spaventosi. E si sospetta pure che possa essere solamente una stima al ribasso. Fatto sta che, al momento, a Vico Equense ci sono la bellezza di 1349 verbali del Codice della Strada non pagati. L'ammanco, temporaneo, per le casse dell'amministrazione guidata dal sindaco Andrea Buonocore ammonta alla cifra monstre di 147mila 245,05 euro. Gli elenchi dei morosi sono da qualche settimana al vaglio dell'Agenzia delle Entrate e del settore economico finanziario del Comune: a stretto giro, è inevitabile, scatteranno le ingiunzioni di pagamento.
Le indagini 
Si sa, in tempi di vacche magre e logiche legate alla spending review bisogna battere cassa. E si tenta soprattutto di combattere il fenomeno di elusione ed evasione. A finire sotto la luce dei riflettori, evidentemente, non sono soltanto tributi e imposte. C’è l'ampio capitolo dedicato alle multe comminate dal comando di polizia municipale. E a Vico Equense, non da oggi, la questione dei verbali assume sempre contorni molto ampi.
 

Vico Equense c'è...Premiate le scuole per il concorso enogastronomico

Teramo - Si è concluso ieri sera con la premiazione della categoria “Scuole” il 3° concorso enogastronomico internazionale “Teramo in Tavola”, promosso dall’istituto alberghiero “Di Poppa-Rozzi” di Teramo in collaborazione con l’associazione culturale “Futura Teramo 5.0”. L’istituto che si è classificato al primo posto, aggiudicandosi la borsa di studio da 500 euro, è stato l’Iis “Einstein-Nebbia” di Loreto con la sua rivisitazione di un grande classico della gastronomia teramana, fagioli con le cotiche. Al secondo posto la scuola francese “Ecole Hoteliere du Perigord” di Baulagac, premiata per il suo lapin in porchetta. Terzo classificato l’Ipssar “Francesco De Gennaro” di Vico Equense con la sua estrosa versione di coniglio imporchettato. Nel corso della cena di gala promossa dalla scuola assegnati anche riconoscimenti speciali all’istituto “Panzini” di Senigallia per la sua stracciatella di indivia quale miglior ricetta rivisitata, e all’istituto “Federico II” di Enna per la miglior presentazione della ricetta “Un lungo viaggio nella vostra storia” .Ad aggiudicarsi il 1° trofeo “Fabio Di Carlo”, istituito dall’associazione “Futura Teramo 5.0” in memoria del giovane chef di Isola del Gran Sasso prematuramente scomparso, è stato Simone Martuzzi dell’istituto alberghiero “Tonino Guerra” di Cervia con la ricetta intitolata “Tre giorni dopo Pasqua”.

De Angelis “Il mio sguardo sulle periferie”

De Angelis al Social World Film Festival di Vico Equense
con la moglie Pina Turco
Il regista oggi a Sorrento 

Fonte: Conchita Sannino da la Repubblica Napoli

Se sa raccontarle così in profondità, è perché le terre di mezzo impregnate di esistenze precarie, quei posti in bilico tra bene e male, sono state il suo personale romanzo di formazione. «Quando ci trasferimmo da Portici in una piccolissima frazione del casertano, avevo 9 anni», racconta a Repubblica Edoardo De Angelis. «Davanti a casa mia, per anni, ci sono state solo le fondamenta di un Centro direzionale che doveva significare sviluppo, relazioni, socialità, e non è mai stato costruito. E alle nostre spalle, c’erano le cave sempre più sventrate, usate per i rifiuti, divorate dai nuovi affari. Ecco, se oggi faccio il regista e racconto storie forse è anche per completare quel Centro direzionale, e per ripristinare quelle montagne». De Angelis, il regista dell’exploit di Indivisibili (6 David di Donatello), ha appena finito di girare sulla riva destra del Volturno Il vizio della speranza, l’attesissimo nuovo film per il quale forse si è già “prenotato” il festival di Venezia. Nei prossimi giorni, il regista che ha sfiorato la candidatura all’Oscar (passaggio mancato per un soffio nel 2017, con strascichi polemici) avvierà una collaborazione con Repubblica Napoli, firmando una rubrica di commento, che ha voluto battezzare semplicemente “Note di regia”. E da ieri, è ospite degli Incontri internazionali del cinema di Sorrento, dove domani dialoga con Hanif Kureishi di periferie e viaggi, di privazioni e avventure, soprattutto di radici evocate, ma anche lasciate alle spalle, per crescere.
 

Vico Equense. "Dimissioni: ora tocca agli altri"

Minoranza in Consiglio comunale
Vico Equense - Martedì prossimo scatta la surroga in consiglio comunale. Nel gruppo di minoranza, come preannunciato dal diretto interessato, si dimette dall'incarico Antonino Di Martino eletto con la lista civica “Cambiare fa bene”, che sosteneva la corsa del candidato sindaco Maurizio Cinque sconfitto al ballottaggio. Al suo posto entrerà nell’Assise la prima dei non eletti Mariangela Scaramellino, che alle elezioni del 2016 ha raccolto 390 voti. “Ho cominciato io a dare spazio agli altri, – spiega Di Martino in una nota inviata ad Agorà – ma credo, e spero, che anche gli altri consiglieri faranno la stessa cosa”. In campagna elettorale il gruppo di opposizione si era dato due regole. “Partire dalle piccole cose e alternarci”, chiarisce la Scaramellino in un’intervista sempre al settimanale Agorà. Il consiglio comunale di Vico Equense è stato convocato dal Presidente Massimo Trignano in seduta straordinaria per permettere la surroga, alle ore 17:00, nella sala consiliare di via Luigi De Feo.

Sapori partenopei, il provolone del monaco di Vico Equense

Rupert Everett a Sorrento: "In Italia preoccupanti atti di violenza contro gli omosessuali"

di Claudia Esposito 

Sorrento - Ieri sera gli "Incontri internazionali di cinema" di Sorrento hanno accolto con calore l'ospite più atteso, il divo inglese Rupert Everett, giunto in Città per presentare "The happy prince" il film da poco nelle sale da lui interpretato e diretto che narra la decadenza degli ultimi anni di vita del drammaturgo Oscar Wilde. Dopo la fugace comparsata di Alessandro Gassman e del regista Alessandro D'Alatri al termine delle riprese di alcune scene sorrentine de "I bastardi di Pizzofalcone", il chiostro gremito ha abbracciato con calore e apprezzato la grande disponibilità e semplicità del divo inglese che, in un invidiabile italiano, ha spaziato su diversi temi, raccontando anche numerosi aneddoti relativi alla realizzazione del film. Nel corso del dialogo con la giornalista Barbara Tarricone, l'attore ha rivelato che alcune riprese sono state anche realizzate a Napoli, "con persone del luogo e attori napoletani perché mi servivano persone che parlassero la lingua locale". Il film, che prende il nome da una favola di Oscar Wilde ripresa nella sceneggiatura, vede nel cast anche Colin Firth, Colin Morgan, Edwin Thomas, Emily Watson e Tom Wilkinson. La trama racconta le vicissitudini del grande drammaturgo inglese che, dopo i successi letterari e teatrali, cade in disgrazia e viene condannato ai lavori forzati per la sua omosessualità. Il carcere lo mina nel corpo e nell'anima, non riesce a riconciliarsi con la moglie precipitando sempre più nel disastro totale. "Wilde - spiega Everett - ha fatto tanto per rivitalizzare la sua immagine e, nonostante le sue sventure, non ha mai perso il suo "sense of humour"". Lo scandalo per l'essere omosessuale è un elemento della vita del drammaturgo in comune con l'attore inglese che fece outing anni fa. "La mia rivelazione - ha ammesso Everett - ha pregiudicato la mia carriera ma non ne voglio più parlare perchè sono cose noiose. Piuttosto, stando in Italia da gennaio per girare la serie "Il nome della rosa", mi sono reso conto che c'è in atto una preoccupante ondata di violenza contro gli omosessuali sollecitate dalle idee anche di alcuni partiti politici".

Lucia Gargiulo: mi candido con Sagristani

Lucia Gargiulo
di Lucia Gargiulo

Sant'Agnello - D’intesa con la Segreteria Provinciale del PD di Napoli e dei più autorevoli esponenti regionali del Partito campano, sarò candidata alle elezioni amministrative del 10 Giugno nella lista del sindaco uscente Dr. Piergiorgio Sagristani. Una decisione maturata dopo una lunga riflessione scaturita dall’assoluta incertezza che sta contrassegnando questa vigilia di campagna elettorale da parte dei consiglieri uscenti iscritti al PD e del gruppo Liberi&Uguali della trascorsa esperienza elettorale che ripetutamente, e anche pubblicamente, hanno manifestato la loro indisponibilità a ricandidarsi, di fatto impedendo che si lavorasse per tempo anche alla presentazione di una lista del PD. Ciò probabilmente è anche frutto di quello che è stato fatto, o non è stato fatto, durante questi cinque anni di amministrazione con le conseguenti difficoltà a organizzare una compagine elettorale alternativa e competitiva rispetto a quella del Sindaco uscente. Poiché siamo fermamente convinte che la politica e soprattutto l’amministrazione non debbano essere ispirate da questioni di natura personale né di pregiudiziali contrapposizioni polemiche, abbiamo preso in considerazione la proposta avanzataci dal Sindaco Sagristani di essere protagoniste della prossima competizione elettorale nell’ambito del progetto di rinnovamento di cui il Sindaco si è fatto interprete e garante per costruire una futura classe di governo per Sant’Agnello.
 

sabato 21 aprile 2018

Gli alunni delle primarie di Capri alla scoperta delle proprietà dell'olivo col laboratorio “Orti Certosini” presso la Certosa di San Giacomo

Capri - E' stato dedicato alle proprietà dell'olivo e dell'olio questa settimana il laboratorio didattico “Orti Certosini”, a cura dell’Ufficio dei servizi educativi della Certosa di San Giacomo e dell' Associazione culturale Apeiron. Un progetto rivolto agli alunni delle scuole primarie di Capri per far conoscere ai più piccoli gli usi officinali e alimentari legati alla terra, dei monaci certosini. Nel corso del laboratorio i soci di Apeiron cercano di portare all'attenzione dei giovanissimi alunni l'importanza della cura della terra e dei suoi frutti attraverso dei focus dedicati di volta in volta alle erbe aromatiche, ai frutti, agli ortaggi e ai legumi coltivati un tempo presso il monastero certosino, utilizzati dai monaci sia a scopi curativi che alimentari. Questa settimana con gli alunni delle prime e seconde elementari degli Istituti IV Novembre e G. Salvia è stata la volta dell'olio con ospiti speciali alcuni membri dell'associazione “Oro di Capri”. I soci del sodalizio no profit di piccoli produttori e coltivatori olivicoli anacapresi, che producono un pregiatissimo olio, non destinato al commercio, ricavato dai terreni terrazzati lungo il sentiero dei Fortini che va dal Faro a Mesola alla Grotta Azzurra, hanno offerto ai piccoli allievi delle scuole un assaggio di pane condito del preziosissimo olio, spiegando loro anche le proprietà e i metodi di lavorazione del prodotto. Ai giovani allievi delle primarie capresi sono stati anche donati dei semi di cicerchie anacapresi, coltivate dagli stessi produttori dell' Oro di Capri, un legume dall'alto valore proteico, quasi scomparso dalla grande distribuzione, una volta tipico della dieta mediterranea e caprese e che per tali peculiarità è entrato da poco a far parte dell' Arca del Gusto di Slow Food. Nel corso delle due giornate di laboratorio presso la Certosa di Capri sono state spigate ai giovani studenti anche le proprietà benefiche derivate dall'olio tra cui la capacità di ridurre lo zucchero nel sangue, di combattere virus e batteri e di aumentare le aspettative di vita. Infine sono stati illustrati anche i diversi usi dell'olio legati una volta all'illuminazione e oggi alla cosmesi ed è stato raccontato il mito di Poseidone ed Atena che narra della nascita dell'olivo.

Arrivano i prof”, in anteprima a Sorrento l’ultima commedia di Claudio Bisio

di Claudia Esposito

Sorrento - Arriverà nelle sale italiane dal primo maggio ma tantissimi sorrentini l’hanno già vista in anteprima ieri sera, nella terza serata degli “Incontri internazionali di cinema” in corso di svolgimento a Sorrento. “Arrivano i prof”, l’ultima commedia di Claudio Bisio è stata presentata stamattina alla stampa. La pellicola, diretta da Ivan Silvestrini e prodotta da Aurora Film, 11 marzo film in collaborazione con Rai cinema e distribuito da 01 Distribution, vede nel cast anche Lino Guanciale, Maurizio Nichetti, Rocco Hunt, Shalana Santana, Francesco Procopio, Christian Ginepro, Irene Vetere, Andrea Pennacchi e tanti altri. Il film, ispirato a un fumetto francese, racconta le vicende di studenti e professori non proprio modello all’interno del liceo “Manzoni” dove si è registrata un’altissima percentuale di bocciati. Il provveditore, per recuperare i ripetenti, propone un rimedio “alternativo”: farli affiancare da professori altrettanto pessimi. Ma dopo i guai iniziali, spunterà la sintonia. “Abbiamo voluto fare un racconto scolastico, non sociologico, a dieci anni da “Notte prima degli esami”” chiarisce il produttore Giannandrea Pecorelli. “Mi sono divertito tantissimo a dirigere questa banda di matti – esordisce il regista Ivan Silvestrini -. Claudio ha fatto germogliare il film Nichetti fa parte della mia infanzia, ma tutti, anche le giovani promesse hanno mostrato grandissima dedizione, che è il requisito necessario per avere risultati. Volevamo rendere merito a quanti lavorano nella scuola e cercano di aprire le menti di giovani che oggi sono sempre meno curiosi”.


Primavera: passeggiando nei luoghi dell’anima

di Filomena Baratto

Vico Equense - Stamattina vorrei andare a passeggiare in riva al mare o su qualche versante di montagna, ma sono ancora in pigiama a scrivere, a organizzare la mia giornata multitasking e, mentre penso di andarmene per prati, la scrittura mi trattiene e prende il mio tempo. Sono nello studio e guardo fuori gli alberi che qualche settimana fa erano privi di foglie, mentre adesso hanno ricche chiome di un verde spumeggiante. I ricordi di aver vissuto all’aria aperta da bambina, quando conoscevo tutte le fasi delle stagioni, per leggerle sui rami, nel cielo, respirarle nell’aria, mi raggiungono come ospiti ben accolti. Scrivo e guardo fuori. Il verde mi circonda, vedo fin lassù la stazione della funivia a Faito, mentre il sole illumina i tratti di roccia scoperta e la strada che porta in cima. Il tutto coperto di blu e di rondini e uccelli che gironzolano sui rami a costruire nidi precisi. Le loro voci sono come un parlottare tra persone nella strada a raccontarsi. Vorrei tradurre i loro discorsi sulla primavera, che raccontano di nascite, di sole, di fermenti. Una volta le primavere erano lente, lunghe, colorate e luminose. Oggi si rincorrono velocemente, quasi non ce ne accorgiamo. Assorbiti dai nostri impegni non abbiamo il tempo nemmeno di capire che i fiori di melo sono bianchi come i ciliegi, quelli di pesco, rosa, che le gemme si trasformano in fiore, o foglia, o ramo e che l’aria è ricca di profumi per i pollini trasportati dal vento. Dovremmo avere il coraggio di lasciare i nostri impegni per assistere al parto della primavera.
 

Libreria Ubik di Vico Equense, una vetrina a Km 0


di Giovanna Starace

Vico Equense - Il 23 aprile si celebra la Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore e la Libreria Ubik di Vico Equense festeggia questa giornata dedicandola agli scrittori locali. Da oggi e per tutta la settimana, infatti, la vetrina vedrà protagonisti gli autori locali. Un’editoria a km 0 volta a far conoscere “la propria casa” e, perché no, anche riconoscersi, attraverso i racconti e le parole delle persone che in questa terra sono nate. Dallo storico Professore Salvatore Ferraro – Vico Equense tra passato e presente - al più giovane Vincenzo Rossano – Giungla – la sua ultima raccolta di poesie. Da Rosa Gargiulo – Storia di una camicia da notte, l’ultimo romanzo, all’emigrato Ferdinando Manzo – Starda di notte per la vita. – La felicità è di questo mondo? – si chiede Manuela Rossi nel suo ultimo libro mentre la ricerca di Filomena Baratto – L’albero di noce - è tutta personale e dedicata alla storia della sua famiglia. Ne “La rivoluzione contro l’ape regina” Raffaele Vanacore, giovane medico, si interroga sul rapporto tra uomo e società odierna.
 

Eventi. Alberto Angela ospite a Sorrento

Alberto Angela
Sorrento - Martedì 24 aprile, alle ore 11.30, al chiostro di San Francesco, a Sorrento, Alberto Angela sarà protagonista di un evento pubblico, promosso dal Comune di Sorrento e dalla Liberia Tasso. Il popolare conduttore di tanti programmi di divulgazione scientifica, dialogherà con Francesco Pinto, direttore del Centro di Produzione Rai di Napoli. Al centro dell’incontro, anche curiosità, aneddoti e dietro le quinte del suo ultimo e seguitissimo "Meraviglie. La penisola dei tesori": quattro puntate, dodici tappe di un itinerario fra arte e bellezze naturali nei siti italiani riconosciuti dall'Unesco come patrimonio dell'Umanità. "Siamo onorati di potere accogliere a Sorrento un grande protagonista della cultura e della scienza come Alberto Angela - ha commentato il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo - Sarà l'occasione per ascoltare dal vivo l'autore di tanti programmi televisivi documentaristici di successo, che ha più volte sottolineato l'importanza ed il valore del patrimonio storico ed artistico del Mezzogiorno".

Vico Equense. Nascono i Giovani Democratici

Vico Equense - A Vico Equense nasce il Circolo dei Giovani Democratici. Carlo Cannavale, Marco Vitale, Stefano Iaccarino, Rachele Savarese, Ivano Ferraro, Chiara Rita de Gennaro ed Eduardo di Palma, hanno deciso di mettersi in gioco. Per se stessi e i loro coetanei. Ciascuno con il proprio percorso di studi o di lavoro, sono legati da una forte passione in comune: la politica, a livello locale che nazionale. E dalla speranza, l’intraprendenza, l’energia di cambiare o almeno migliorare ciò che non va. “Siamo pronti – spiegano in una nota - a dare il nostro contributo per portare un vero e proprio centro di discussione che nasce direttamente da noi ragazzi. Cercheremo di trattare tematiche vicine ai bisogni di tutti e finalmente permettere a chiunque abbia voglia di confrontarsi da vicino di farlo in maniera fresca e costruttiva.”

Aequa Street Food

Vico Equense - Dal 28 al 30 aprile 2018, la Città di Vico Equense ospiterà l’Aequa Street Food. Uno sciame di vivaci e coloratissime Apette Piaggio sbarcherà alla marina di Seiano. Gli operatori su tre ruote proporranno i propri piatti forti. Al via con cuoppi, pizze fritte, panini, sushi, sfogliatelle e tanto altro. Non mancheranno momenti di intrattenimento diffuso e show cooking con chef famosi. L'evento è promosso dall'Assessorato al turismo del Comune di Vico Equense.

Tutte le minacce ai sindaci La provincia è un inferno

Comuni nel terrore. Sono 86 gli amministratori campani oggetto di attentati nel solo 2017 Il dato inquietante dell'area metropolitana: 34 episodi in dodici mesi

Fonte: Marina Cappitti da Metropolis

Fare il sindaco o il consigliere a Napoli e in Campania è un inferno. Sono 86 i casi di amministratori locali minacciati o intimiditi nel 2017, 34 solo nella provincia di Napoli. Un nuovo terribile primato: la nostra regione, per la prima volta, è quella dove si registra il numero più alto di episodi in un'Italia dove ogni 16 ore un amministratore pubblico viene minacciato. E in un caso su quattro la mafia non c'entra nulla: ad aggredire sono i cittadini. Auto in fiamme, botte, aggressioni verbali, proiettili, lettere minatorie e minacce via social. Dietro i numeri, le storie terribili e le persone. Dall'uomo che piomba con la tanica di benzina nella stanza del sindaco di Poggiomarino, Leo Annunziata all'aggressione del primo cittadino di Boscoreale, passando per le minacce alla figlia, del candidato di Somma Vesuviana, Peppe Bianco, per farlo ritirare dalle elezioni. E ancora: i proiettili sulle scale del Comune di Afragola, i colpi sparati vicino l'abitazione del sindaco di Ercolano, fino alle minacce su Fb per non aver chiuso le scuole a Castellammare e Salerno. 


Sagristani-Pd. C`è l`alleanza per le elezioni

Piergiorgio Sagristani
Fonte: Salvatore Dare da Metropolis 

Sant'Agnello - L'accordo era nell'aria già da diverse settimane. Ed è stato annunciato ieri dopo il semaforo verde arrivato dai vertici provinciali e regionali del partito. Il Pd di Sant'Agnello accetta l'offerta del sindaco uscente Piergiorgio Sagristani e chiude raccordo per l'alleanza alle Comunali del prossimo 10 giugno. Sia chiaro: i dem non faranno una propria lista a sostegno della fascia tricolore. Tutt'altro. Il Pd ha preferito accontentarsi della disponibilità a candidare nella civica di Sagristani il nuovo segretario democrat Lucia Gargiulo. E pensare che un paio di mesi fa erano state fatte piovere le smentite di rito, ora ovviamente sbugiardate dall'intesa ufficiale che avvicina sempre più Sagristani allo sbarco nel Pd. Non è un mistero che il primo cittadino, oltre che al quarto mandato non consecutivo alla guida del Comune di Sant'Agnello, punti pure a una candidatura alle elezioni Regionali del 2020. Ma c'è tempo. Adesso la mission è tutta sulle Comunali. Le nozze tra il Pd e il sindaco, inevitabilmente, chiudono le porte a un'intesa tra i dem e l'entourage dell'ex primo cittadino Gian Michele Orlando, oggi all'opposizione con due tesserati democrat come gli ex assessori Antonino Coppola e Pietro Gnarra. Appena entrata nella pattuglia di Sagristani, Gargiulo non ha risparmiato stilettate ai consiglieri di minoranza.
 

Gioco + Sport

Alfredo Norvello
di Pino Visconti 

Vico Equense - E’ questo il binomio che contraddistingue la “Piccola Corsa di Primavera", manifestazione organizzata dal Circolo Sportivo – Culturale Città di Vico Equense e patrocinata dagli Assessorati allo Sport e Cultura della Città di Vico Equense, che, mercoledì 25 Aprile, vivrà la sua 14^ edizione. Scorrendo i trascorsi di questa iniziativa, divenuta una classica di sport della nostra cittadina, si percepisce la logica che ha spinto i responsabili dell’Associazione a dare vita a un evento che, almeno per un giorno, propone lo sport giocato, dando la possibilità a tanti piccoli atleti di liberare energia, vivendo una esperienza serena e giocosa. Racchiusa nella parola “GIOCO", la storia della Piccola Corsa di Primavera, può riassumersi in quella natura umana che ama l’impegno, soprattutto quando si è piccoli, allorquando lo sforzo da sostenere è pari alla capacità di gioire che entrambi emergono quando ricevono una sollecitazione. Con Alfredo Norvello giudice di partenza, e lo staff della Gymnasium Vico a collaborare come giudici di arrivo e di addetti ai concorrenti, la corsa, che si svilupperà lungo Via Caccioppoli che per l’occasione diventerà una pista a 6 corsie, come ormai da diversi anni, si svolgerà in due spaccati temporali, che nello specifico, nel corso della mattinata, con inizio alle ore 8.30, lascerà spazio alle gare di qualificazioni, semifinali e finali dei metri 40, 50, 60, 80, riservate rispettivamente, ai nati e nate negli anni 2013, 2012, 2011, 2010, 2009 e 2008, con i piccolissimi di 4 anni che, nel corso del pomeriggio, con inizio alle ore 17.30, correranno i 20 metri che li separano da “mamma a papà".
 

Massa Lubrense. Camminata tra i casali

Massa Lubrense - Ancora una “passeggiata fra i casali” di Massa Lubrense, dopo quella svoltasi sabato santo, che, nonostante le avverse condizioni meteo, ha visto la partecipazione di un discreto numero di persone. Ideata e realizzata sino al 2014 da Giovanni Viset conoscitore del territorio e cartografo e riorganizzata quest’anno dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con le due Proloco. Sempre più consapevoli che la sentieristica costituisce una validissima attrazione turistica continuiamo a proporre iniziative in questo settore- dichiara la vicesindaco con delega al turismo, Giovanna Staiano - l’appuntamento è previsto per, mercoledi 25 aprile, alle ore 9.30 da S.Agata sui due Golfi, dove si rientrerà nel pomeriggio, sosta pranzo in locali convenzionati a Massa centro o anche pranzo a sacco; potranno effettuarsi le iscrizioni presso le Proloco, che hanno dato disponibilità a collaborare alla realizzazione dell’evento; la passeggiata si snoderà attraverso la rete sentieristica che collega varie frazioni e borghi del comune offrendo numerosi scorci paesaggistici di notevole suggestione. Mi auguro che vi sia la partecipazione, oltre che di tanti massesi, (che​ proprio grazie alle numerosissime passeggiata organizzate negli ultimi anni si stanno appassionando al trekking), anche dei turisti presenti a Massa Lubrense in questo periodo e che mi auguro sapranno approfittare dell’evento che gli farà scoprire inediti angoli di Massa Lubrense.

Marina della Lobra. Il Tar boccia il project financing

Massa Lubrense - Il Comune di Massa Lubrense ha avuto la meglio davanti al TAR Campania. E’ stato dichiarato inammissibile il ricorso presentato da Marina Lobra srl contro il provvedimento di chiusura della Conferenza dei Servizi che aveva bocciato il project financing relativo ai lavori di ristrutturazione dell’area portuale di Marina Lobra. La prima sezione del Tribunale Amministrativo Regionale della Campania di Napoli con la sentenza pubblicata in questi giorni ha accolto in pieno la pregiudiziale di inammissibilità formulata dal legale del Comune di Massa Lubrense l’avvocato Gianvincenzo Esposito. “Accolgo con favore la sentenza della prima sezione del TAR Campania di Napoli - afferma il sindaco di Massa Lubrense Lorenzo Balducelli - che dichiarando inammissibile il ricorso presentato da Marina Lobra srl non ha accolto i rilievi formulati contro la determina di chiusura della Conferenza dei Servizi firmata dal nostro capo sezione lavori Pubblici l’ ingegnere Antonio Provvisiero. La Giustizia Amministrativa -continua Lorenzo Balducelli- prima con la bocciatura del progetto stralcio su Marina della Lobra e oggi con la inammissibilità del ricorso, ha ripetutamente confermato quanto avevamo detto in Consiglio Comunale quando siedevamo nei banchi dell’opposizione, quanto abbiamo pubblicamente affermato nella campagna elettorale e quanto abbiamo stabilito nei provvedimenti adottati sul progetto di ristrutturazione del porto di Marina Lobra. Tengo a precisare -conclude il sindaco di Massa Lubrense- che stiamo lavorando con la Regione Campania per ottenere a Marina Lobra un porto pubblico e non privato che sia realmente un volano di sviluppo per il turismo e per l’intera economia di Massa Lubrense”.

Trova la tua avventura a Zara!

Un centro vivace, con numerosi musei e gallerie d’arte, graziose piazze e vie per passeggiare 

di Harry di Prisco

Durante i mesi di aprile e maggio la città di Zara e la regione, sarà animata da tutta una serie di eventi all’aperto: ad aprile si terranno la gara di corsa notturna nel centro storico della città e la spettacolare gara ciclistica Tour of Croatia, mentre a maggio vi sarà il Falkensteiner Triathlon, la quinta edizione di Wings for Life e, infine, il Zadar Outdoor Festival per festeggiare la primavera e la stagione turistica in arrivo. La gara ciclistica Tour of Croatia è arrivata alla quarta edizione, sei tappe in sei giorni. La partenza è da Osijek, mentre l’arrivo è a Crikvenica, passando da Zara, Trogir e Starigrad - Parco Nazionale di Paklenica. Il Tour of Croatia di quest’anno sarà la gara più impegnativa svoltasi finora nella massima categoria dell’Organizzazione Ciclistica Mondiale e ospiterà le più importanti squadre del ciclismo, mentre la competizione sarà seguita dalla televisione in tutti i continenti. La Zadar Night Run è un’originale gara di corsa serale su strada disputata nel centro storico della città. E’ uno spettacolo podistico suddivisa in tre gare: in una i partecipanti possono scegliere fra la corsa di due chilometri e 500 metri, di cinque oppure quella di dieci chilometri.
 

venerdì 20 aprile 2018

“Teramo in tavola”, terzo posto per l’Alberghiero di Vico Equense con il “coniglio imporchettato”

Vico Equense - Con la rivisitazione di un grande classico della gastronomia teramana, fagioli con le cotiche, l’Istituto d’istruzione “Einstein-Nebbia” di Loreto (Ancona) si è classificato al primo posto del 3° Concorso enogastronomico internazionale “Teramo in Tavola”, promosso dall’Istituto alberghiero “Di Poppa-Rozzi” di Teramo in collaborazione con l’associazione culturale “Futura Teramo 5.0”. Al secondo posto la scuola francese “Ecole Hoteliere Du Perigord” di Baulagac premiata per il suo “lapin in porchetta”. Terzo classificato l’Ipssar “Francesco De Gennaro” di Vico Equense con la sua estrosa versione di “coniglio imporchettato” (rotolino di coniglio con foglie di spinacino, scamorza e maialino).

Vico Equense. Bullismo e cyberbullismo, incontro alla Santissima Trinità e Paradiso

Vico Equense - Lunedì prossimo, 23 aprile 2018, ore 9.30, nella sala delle Colonne alla Santissima Trinità e Paradiso, si terrà un incontro sul tema del bullismo e cyberbullismo. All’evento, promosso dall’Istituto Comprensivo Costiero, parteciperanno gli alunni delle classi II della scuola secondaria di primo grado. “Si tratta di un seminario di studio – spiega la dirigente scolastica Debora Adrianopoli - con esperti del settore per sensibilizzare alunni, docenti e genitori sul delicato tema.” La scuola e la famiglia possono fare molto per prevenire il disagio e ogni forma di prevaricazione che può presentarsi sia scuola sia su internet. Al seminario interverranno Emiliana Senatore docente e autrice del libro “Mi voglio bene”, Alfonso Vitale project manager AdvCity pubblicità di Cava de’ Tirreni e Claudia Pecoraro avvocato ed esperta in bullismo e cyber crime.

Sorrento. Al via i lavori alle case Ceps di via Atigliana⁩

Sorrento - Si é svolta stamattina, a Sorrento, in via Atigliana, la cerimonia di posa della prima pietra per la costruzione delle case di housing sociale delle Cooperative Edilizie Penisola Sorrentina. Presenti alla cerimonia, con il sindaco di Sorrento Giuseppe Cuomo, il progettista dell’opera, Roberto Brancaccio, gran parte dei destinatari degli appartamenti della cooperativa e i rappresentanti della ditta Edil Ferro, aggiudicataria dell’appalto. “Come amministrazione comunale esprimo la nostra soddisfazione per l’avvio di un’opera attesa da anni - ha commentato il sindaco Cuomo - Sono 48 le famiglie che vedranno finalmente coronato il loro sogno”. Per Nicola Esposito, presidente del consiglio di amministrazione del Ceps, “È un giorno memorabile, che corona anni di lotta per dare una possibilità ai sorrentini di costruirsi legalmente una casa di proprietà a costi equi e sostenibili con la legge regionale 19/2009,”. Con l’accordo tra il Comune di Sorrento e Ceps, si realizzeranno appartamenti di classe energetica A Plus, con criteri di forte sostenibilità ambientale, notevoli innovazioni antisismiche, l'uso dei pannelli solari per la produzione autonoma di energia elettrica di acqua calda e dell'impianto di riscaldamento, nel rispetto del cosiddetto protocollo Itaca per il riciclo delle acque e il compostaggio dell'umido. A questo si aggiunge la sistemazione della zona parcheggio per auto e pullman degli spazi antistanti il palazzetto dello sport comunale, ed un'ampia sistemazione degli spazi collettivi a verde pubblico.

Massa Lubrense, hacker bloccano i file del Comune: «Seicento dollari per liberarli»

Massa Lubrense - Il Comune costiero sotto attacco degli hacker: durante la scorsa notte, una banda di misteriosi pirati informatici originari dell'India ha criptato tutti i file di Office ed Excel presenti sul server interno dell'amministrazione, incluse le copie di sicurezza. Chiesto anche un riscatto: «Se volete che i vostri documenti tornino disponibili - hanno scritto gli hacker in una mail poco dopo mezzanotte - dovete consegnarci 600 dollari entro 72 ore». Ad accorgersi dell'attacco sono stati i primi dipendenti giunti stamane nella sede municipale di piazza Vescovado. Appena hanno acceso i rispettivi computer e tentato di aprire i file che vi erano conservati, i comunali hanno capito che qualcosa non andava e hanno quindi allertato un tecnico. Quest'ultimo non ha potuto fare altro che prendere atto della situazione: i file di Office ed Excel risultavano inaccessibili, incluse le copie di backup. Ed ecco la conseguenza: l'attività del Comune è stata quasi completamente paralizzata. I dati relativi a contabilità e anagrafe, tuttavia, sono stati "risparmiati" dagli hacker e risultano regolarmente disponibili. Un sospiro di sollievo anche per quanto riguarda i documenti che, a quanto pare, sono stati soltanto presi temporaneamente "in ostaggio" dai pirati informatici indiani, ma non distrutti. In ogni caso, della faccenda è stata informata la polizia di Sorrento che ha chiesto al Comune una dettagliata relazione a firma di un tecnico informatico: l'obiettivo è avere elementi più precisi per ricostruire l'esatta dinamica di questo incredibile tentativo di estorsione ai danni dell'ente di piazza Vescovado. (Fonte: Ciriaco M. Viggiano da Il Mattino) 

Riapre oggi l’ex Statale per Faito

Vico Equense - L’ex Statale 269, che conduce alla vetta del Monte Faito, riapre alla viabilità. L’annuncio è arrivato ieri, dopo un incontro in Prefettura a Napoli tra Comune di Vico Equense e Città Metropolitana. “Un risultato – si legge in una nota pubblicata sulla pagina Facebook della Città di Vico Equense - che è stato possibile raggiungere grazie al lavoro continuo del Sindaco Andrea Buonocore, del Comandante della polizia municipale Ferdinando De Martino, degli Assessori ai lavori pubblici e urbanistica Gennaro Cinque e Angelo Castellano, che sono stati supportati dalla competenza del responsabile del servizio tecnico del Comune di Vico Equense, l’Architetto Catello Arpino e dalla professionalità dell’Ingegnere Francesco Coppola, che ha redatto una relazione tecnica per la valutazione del rischio idrogeologico del versante sud del Monte Faito, interessato dalle frane del mese di novembre 2017. Una relazione, quella stilata dall’Ingegnere Coppola decisiva, per perfezionare il procedimento amministrativo finalizzato alla riapertura della strada, che si è concretizzato questa mattina (ieri n.d.r) in Prefettura a Napoli, tra il Comune di Vico Equense e la Città Metropolitana. Una sinergia che ha prodotto un risultato concreto per il territorio, e che restituisce normalità agli abitanti e alle attività ricettive della montagna. Adesso - si conclude la nota dell'Amministrazione comunale - è assolutamente necessario che la Regione Campania prosegua nell’impegno economico per la definitiva sistemazione dei costoni e in particolare delle murature di delimitazione della carreggiata, avendo cura di ripristinare il sistema capillare di deflusso delle acque di pioggia, così come sapientemente realizzato da chi ha costruito la strada nella prima metà del secolo scorso.”

Pizza a Vico: 72mila euro in beneficenza

Proposto un tavolo permanente tra amministrazione locale e pizzaioli 

Vico Equense - Materie prime di qualità legate al territorio di Vico Equense, pizze originali, gusti speciali proposti ai tantissimi visitatori. I tre giorni della terza edizione di “Pizza a Vico” hanno confermato questo evento come format capace di esaltare l’immagine della gastronomia locale, registrando una grandissima affluenza di pubblico. Questa edizione, conclusasi il 17 aprile, ha incassato 72mila euro, somma che sarà interamente devoluta in beneficenza. L’arte bianca che scende nelle strade della Città e che dà una mano al nostro territorio. Il Sindaco di Vico Equense Andrea Buonocore è soddisfatto: in alto l’immagine del paese, della buona pizza e anche in alto la capacità di essere attivi con la solidarietà nel territorio. È stata una festa, con i maestri pizzaioli che hanno espresso tutta la loro bravura, spettacoli itineranti, la bellezza della nostra Città e del suo centro storico, il clima piacevole e rilassato nonostante la grandissima affluenza, una macchina organizzativa che con grande sacrificio ha raggiunto l'obiettivo. E già si guarda alla prossima edizione, con orgoglio e ambizione. Il Sindaco, infatti, propone di istituire un tavolo permanente tra amministrazione locale e pizzaioli, che si riunisca periodicamente per elaborare iniziative congiunte. I protagonisti della terza edizione di “Pizza a Vico” sono: Al Buco, All’Angolo, da Cardone, il Casale del Golfo, il Cavallino (pizza gluten free), Cerasè, il Covo del Buongustaio, Cuore di Pizza, Pizza a Metro, da Franco, da Giovanni, Frate Cosimo, da Gighetto, La Piazzetta, L’Isola, Ma che Bontà, Momenti di Gusto, Mordi e Fuggi, L’Oasi, Pizza Taxi, Terra Mia, Tigabelas, Titos e Torre Ferano. Molte aziende prestigiose hanno scelto di appoggiare l’evento.

La promessa di Cannavacciuolo: «Se il Napoli vince lo scudetto…»

Chiesa di Ticciano
Vico Equense - Lo chef Antonio Cannavacciulo ha raccontato a Panorama il suo legame con il calcio e con la sua squadra del cuore, il Napoli: “Io migliore, molto migliore come potenziale allenatore che come chef! Il calcio è soprattutto condivisione, a cominciare da quando – da ragazzino, con gli amici – ascoltavo le cronache delle partite dalla radiolina sulla scalinata della Chiesa di San Michele, a Vico Equense. Nel calcio c’è la passione, ma poi occorre la tecnica come nella cucina. Tutto deve essere organizzato, ci vuole lavoro di squadra dove anche il più brillante aiuta gli altri. La bellezza di un meccanismo che funziona. Nella remota possibilità che il Napoli vincesse il campionato prendo subito un volo e vado là con mio figlio di 5 anni. Mi ricordo quando ha vinto lo scudetto nel 1990: anche a lui devo far vedere le facciate delle case che si colorano di azzurro e le macchine tagliate a metà…”