venerdì 25 maggio 2018

Vico Equense. Processioni del Corpus Domini, il Sindaco incontra i Parroci

Il Sindaco Buonocore
Vico Equense - Il Sindaco Andrea Buonocore, questa mattina, ha incontrato i Parroci del territorio, per confrontarsi sulla giornata di domenica 3 giugno 2018, che sarà particolarmente delicata per un possibile congestionamento del traffico dovuto al passaggio di nove processioni religiose del Corpus Domini. In tale giornata, in concomitanza con la prima serata dell’evento benefico “Festa a Vico”, che si svolge nel centro cittadino, chiuso per l’occasione al traffico veicolare, i cortei religiosi, che interesseranno gran parte di via Raffaele Bosco e del centro, inevitabilmente causeranno il rallentamento della circolazione. “Ritengo – ha sottolineato il Sindaco Buonocore - possano determinarsi seri problemi per la viabilità. Per evitare vivaci proteste, nell’impossibile impresa di far defluire le lunghe code che si formeranno, ho chiesto ai Parroci lo spostamento delle processioni. Mi auguro che l'appello venga raccolto, - conclude il Primo cittadino – e ci tengo a precisare che non si tratta di un'intromissione o ingerenza nelle scelte che riguardano la chiesa, ma di un gesto a favore della Città.”.

Castello Giusso, suggestiva "cornice" del premio "Capo d'Orlando"

Vico Equense - Da anni Castello Giusso si caratterizza anche per essere la suggestiva "cornice" adatta per ospitare manifestazioni culturali di alto livello. La conferma è arrivata oggi dall'organizzazione del premio "Capo d'Orlando", che ha scelto nuovamente il Castello per la sua ventesima edizione. Nella meravigliosa sala dei congressi si è svolta la cerimonia che ha visto ricevere la prestigiosa onorificenza al premio Nobel per la Chimica del 2009, Sir Venki Ramakrishnan. Il biologo indiano, famoso per i suoi studi sulla funzione dei ribosomi, ha ricevuto l'occasione del pubblico presente (per l'occasione è stato pure allestito un maxischermo nella sala dei "ventagli", dalla quale è stato possibili ammirare uno splendido tramonto). Organizzatori e premiati sono rimasti incantati dai suggestivi saloni, dalle terrazze del Castello e hanno già dato appuntamento al prossimo anno nella stessa
meravigliosa location.

Vico Equense. Il Nobel Ramakrishnan incontra il Sindaco Buonocore: “Il premio scientifico “Capo d’Orlando” è uno dei pilastri su cui si basa la cultura in Città”

Vico Equense - Questa mattina incontro con i giornalisti e il sindaco di Vico Equense Andrea Buonocore, nella sala delle Colonne al primo piano della Santissima Trinità e Paradiso per il Nobel Venkatraman Ramakrishnan, l'esploratore delle fabbriche della vita racchiuse nelle cellule, ossia i ribosomi che traducono in proteine le istruzioni contenute nel Dna. «E’ un onore e un privilegio - ha detto il Sindaco Buonocore - ospitare il professor Ramakrishnan. Sono molto contento che la città di Vico Equense abbia l’occasione di ascoltare direttamente da lui le più recenti scoperte in uno dei settori più promettenti e affascinanti della ricerca scientifica. Il quattordicesimo Nobel, che questa sera riceverà il premio scientifico “Capo d’Orlando”, uno dei pilastri su cui si basa la cultura in Città». Il chimico, che è anche presidente della Royal Society, la più prestigiosa istituzione scientifica mondiale e insegna all'università britannica di Cambridge, ha ricevuto il premio Nobel per la chimica nel 2009 per le sue scoperte sui ribosomi, che hanno aperto la strada agli antibiotici del futuro. Ancora un Nobel a Vico Equense in occasione della XX edizione del premio scientifico “Capo d’Orlando”, organizzato dal Museo mineralogico campano Fondazione Discepolo diretto da Umberto Celentano e patrocinato dal Comune, dall’Azienda di soggiorno di Vico Equense e dalla Regione Campania. La consegna del premio avrà luogo, questa sera, al Castello Giusso, durante una manifestazione pubblica, presieduta da Gaetano Manfredi, rettore dell’Università “Federico II” di Napoli, ateneo che patrocina la manifestazione, che s’impernierà su conferenze e interventi dei premiati delle varie sezioni. Nel corso dell'incontro con i cronisti, il premio Nobel accompagnato da un traduttore, ha parlato delle sue scoperte, definendo la scienza “un rispondere a delle domande non facili, facendo piccoli passi.” Gli studenti della classe V B del liceo scientifico "Gaetano Salvemini" di Sorrento, coordinati dalla docente Agata Fasano, hanno, poi, illustrato al premio Nobel Ramakrishnan le collezioni del Museo mineralogico campano.

 

Il Premio Malafemmena all'attore sorrentino Marco Palmieri

Sorrento - C'è anche l'attore sorrentino Marco Palmieri, tra i vincitori del Premio Malafemmena 2018, dedicato al principe della risata, Antonio De Curtis. Quest’anno la kermesse, nata da un’idea di Barbara Carere e Giuseppe Della Corte, si è svolta nella cornice di Villa delle Ninfe, immersa nel verde ed affacciata sul mare di Pozzuoli, con la direzione artistica affidata al maestro Alfredo Calfizzi. Tra i premiati, anche Valentina Stella, Franco Ricciardi, Il Giardino dei Semplici, Nando Mormone, Antonello Perillo e Francesco Paoloantoni, Nina Soldano, Eddy Napoli e il duo comico Sex and Sud. Palmieri ha ricevuto il riconoscimento dall’attore Ciro Esposito, alla presenza della nipote di Totò, Elena Anticoli De Curtis. "Il premio attribuito al nostro concittadino, l'artista Marco Palmieri, ci riempie di orgoglio - commenta il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo - Il perché è nella stessa motivazione del riconoscimento: “Attore emergente e persona meravigliosa, è il classico esempio di quando l’arte si fonde con l’amore per quello che si fa, perché sul palco riesce a divertire ed emozionare allo stesso tempo". Auguriamo a Marco, nuovi e grandi successi per la sua carriera di attore".

Sorrento. Tre giorni dedicati ad ambiente, territorio e risorsa mare

Sorrento
Sorrento - Al via, oggi, una tre giorni dedicata all’ambiente, alla promozione del territorio e della risorsa mare, organizzata dall’assessorato all’Ambiente del Comune di Sorrento e dalla società Penisolaverde. Protagonisti, questa mattina, lavori dei bambini delle scuole elementari, esposti lungo corso Italia, legati ai percorsi didattici conclusi la scorsa settimana dalla società Naturalmente, all’interno della campagna di sensibilizzazione "Let’s Clean Up Sorrento" a cui hanno aderito entrambi gli istituti comprensivi presenti in città. Gli alunni hanno dato appuntamento a tutti gli intervenuti a partecipare domani, sabato 26 maggio, alle ore 9, con punto d’incontro presso la chiesa parrocchiale del Capo di Sorrento, ad un giornata di pulizia e sensibilizzazione del sito della Regina Giovanna. Questa particolare giornata sarà organizzata sia con attività a terra che a mare, con la partecipazione di alcuni sub volontari e di diverse associazioni tra cui Marevivo e la Cooperativa Sant’Anna. La tre giorni si concluderà presso la spiaggia San Francesco di Sorrento dove, dalle ore 9 alle 12, gli apneisti del team Poseidon e dell’Associazione Jacques Costeau, svolgeranno un’attività di pulizia dei fondali sia dentro che fuori le scogliere. In supporto alla pulizia, in questa due giorni, oltre al supporto del battello spazzamare messo a disposizione dall’Area Marina Protetta Punta Campanella, ci saranno gli uomini della Guardia Costiera di Castellammare di Stabia e di Sorrento che sovrintenderanno le attività, frutto di una stretta sinergia messa in campo da tempo per la tutela ambientale del territorio.
 

Il 30 maggio si inaugura, al Castel dell'Ovo, la mostra "Revolution - Tra Arte e Moda 2018", a cura degli studenti dello Iuad - Accademia della Moda

Castel dell'Ovo
Napoli - Sarà inaugurata il 30 maggio, alle ore 19.00, presso il Castel dell’Ovo la mostra “Tra Arte e Moda 2018”, realizzata dagli studenti dello Iuad-Accademia della Moda di Napoli. L’esposizione, che si svilupperà tra le sale Megaride e Antro di Virgilio, resterà aperta e visitabile fino al 3 giugno. Il tema scelto quest’anno è “REVOLUTION”, da quelle storiche a quelle musicali, dalla moda alle correnti letterarie fino a quelle emozionali. Quaranta installazioni ideate e realizzate degli studenti di Moda e Architettura, mentre agli studenti di Graphic design e Comunicazione visiva è stata affidata l’elaborazione del materiale grafico e pubblicitario. Ogni installazione, nel corso della serata inaugurale, sarà affiancata da una performance live. Un lavoro, quello condotto dai giovani artisti e designer, che ha l'obiettivo di stemperare i confini tra arte contemporanea e design e di offrirne un'interpretazione inedita. Così, tra modelle e installazioni, tra tele dipinte e momenti scenici, ci si immergerà nel mondo fantastico della creatività a 360 gradi. Quella dello Iuad – Accademia della Moda è una mostra che, ogni anno, trova spazi e temi differenti ma che ha lo scopo di mettere in contatto i giovani artisti con la città. Vuole evidenziare le loro pulsioni creative, attraverso le quali riescono a dare nuova vita alle impressioni mutuate dalla vita reale e innestate nella moda e nel design.
 

Canottaggio, Europei junior Gravelines 2018. Vico Equense c’è…

Benedetta con il fratello Mattia
Vico Equense - È partita ieri mattina dal Centro Nazionale di Preparazione Olimpica di Piediluco la squadra azzurra junior, formata da 49 atleti (27 uomini, 22 donne) che, agli ordini dei capi allenatore Valter Molea, uomini, e Massimo Casula, donne, parteciperà all’Europeo di categoria in programma per il week end sul bacino remiero di Gravelines (Francia). Una squadra azzurra forte di 13 equipaggi in grado di coprire tutte le specialità in programma, ad esclusione del quattro con femminile – inserita nel programma junior da questo quadriennio –, e pronta a giocarsi la conquista di uno dei 14 titoli in palio. Trenta le nazioni, tra le donne, e 33 tra gli uomini (per un totale di 34 nazioni), quelle iscritte all’evento Continentale per un totale di 165 equipaggi (71 femminili e 94 maschili), rappresentate da 470 atleti (194 donne e 276 uomini). Domani prevista la messa a punto delle imbarcazioni e sabato mattina, con inizio alle 9.55, il via alle eliminatorie con le gare dei singoli femminili e maschili. Domenica dalle 12.26 al via le finalissime. Nella formazione femminile dell’otto anche la vicana Benedetta Lauro (RYCC Savoia).

La risposta della Regione Campania sul caos mobilità

Marina di Vico
Penisola sorrentina - Oltre 100 milioni di euro per rivoluzionare la mobilità in penisola sorrentina e in costiera amalfitana con sei progetti innovativi che hanno la priorità, più altri due da realizzare a stretto giro. Previste funivie, ascensori, gallerie, bretelle e collegamenti tra porti e centri cittadini. E’ il Patto per le costiere che fu firmato l’anno scorso in Regione Campania e che prevede la costruzione di opere sognate anche da decenni per risolvere la grana traffico. Le opere previste: A Sorrento è prevista una coppia di ascensori con una galleria per collegare la stazione della Circumvesuviana con Marina Piccola attraverso il parcheggio comunale Lauro. Previsto il servizio pubblico a pagamento. L’opera costa 10 milioni, otto ne metterà la Regione Campania, il resto sarà cura del Comune dei privati che troverà l’amministrazione. A Vico Equense ci sarà un collegamento tra la stazione ferroviaria Eav e la marina di Vico. Anche qui ci sarà bigliettazione. Il costo è di 12 milioni, interamente coperti dalla Regione. La gestione sarà affidata ad Eav. Spunta anche una funivia con un collegamento tra punta San Lazzaro di Agerola e il centro abitato di Amalfi con un parcheggio di interscambio all’arrivo in costiera. Spese previste per 58 milioni. La Regione sbloccherà 29 milioni, ma realizzazione e gestione saranno a cura dei privati che dovranno metterci altri 29 milioni. Il quarto progetto prevede una bretella in galleria di circa 900 metri tra la Statale Amalfitana 163 - località vallone Cieco - e la parte interna del centro di Amalfi. Uso esclusivo per i residenti con chiusura al traffico della zona del Duomo. Impegnati 29 milioni di euro.
 

Penisola sorrentina. Targhe alterne, i dubbi dei Sindaci

Iaccarino (Piano): è l’unica soluzione. Scettici: Cuomo (Sorrento) e Tito (Meta)

Penisola sorrentina - Torna d’attualità, su Il Mattino di oggi, il dibattito sui sistemi per disciplinare il traffico in penisola sorrentina e si fa strada l’ipotesi di reintrodurre dopo quasi un ventennio le targhe alterne. Possibilità emersa già dallo studio commissionato da Federalberghi Penisola Sorrentina ad un esperto, l’ingegnere Andrea Di Maio. Il tecnico, su input dell’associazione degli albergatori, ha studiato una serie di correttivi per risolvere o quantomeno limitare i problemi legati al traffico. Tra questi, quindi, anche quello di istituire le targhe alterne. Ipotesi sulla quale già si è acceso il dibattito sui social network tra favorevoli e contrari. “Ogni Comune deve assumere iniziative in proprio per affrontare le criticità locali che influenzano il traffico lungo corso Italia e le arterie limitrofe – fa sapere il sindaco di Piano di Sorrento, Vincenzo Iaccarino -. È un primo passo necessario da farsi di concerto con i comandi di polizia municipale del comprensorio. Poi, quando si verifica un’emergenza, bisogna adottare provvedimenti immediati e allo stato solo le targhe alterne sono in grado di ridurre il numero dei veicoli circolanti in entrata ed uscita”.Rivolge l’attenzione verso altre soluzioni, invece, il primo cittadino di Sorrento, Giuseppe Cuomo: “Bisogna puntare sul miglioramento del trasporto pubblico locale senza dimenticare che, contestualmente, è di vitale importanza predisporre un piano traffico peninsulare da concordare a livello intercomunale. Per questo secondo punto, la vera difficoltà è mettere d’accordo le esigenze delle varie amministrazioni coinvolte e fare in modo che lo applichino”. Scettico anche il sindaco di Meta, Giuseppe Tito: “Non possiamo ipotizzare un ritorno al passato senza pianificare il provvedimento. Il problema traffico non va sottovalutato, ma sarei cauto sui benefici che può produrre l’istituzione delle targhe alterne”.

giovedì 24 maggio 2018

C’è... “soSTAnza” a Festa a Vico con Bottura, Cannavacciuolo, Cerea, Cracco e tanti altri

Vico Equense - La vera novità di Festa a Vico 2018 è "soSTAnza" per la quale Gennaro Esposito, chef due stelle Michelin de La Torre del Saracino, sta allestendo un parterre di prim'ordine. Al Moon Valley di Seiano, lunedì 4 e martedì 5 giugno, ci sarà un vero e proprio distillato delle materie prime di qualità della tradizione culinaria italiana attraverso una selezione di prodotti che rappresentano l'autenticità e l'unicità del nostro territorio. A segnalare materie prime e produttori sono stati proprio i grandi chef della cucina italiana, che a "soSTAnza" si incontreranno per confrontarsi, "fare squadra" e soprattutto trarre ispirazione per la propria cucina attraverso una condivisione di saperi e sapori. Il titolo della sedicesima edizione di Festa a Vico coniuga, appunto, le mani e l'anima, due aspetti fondamentali per una cucina di eccellenza. Per due giorni il centro di interesse della gastronomia italiana si sposterà a Vico perché nel piccolo comune apripista della Costiera sorrentina sbarcheranno alcuni dei più grandi nomi della nostra cucina. "Ho chiamato personalmente tanti colleghi - spiega Gennaro Esposito - affinché mi "raccomandassero" quegli artigiani dei quali non possono fare a meno per rendere speciali i loro piatti. Così creeremo un "link" imperdibile tra i produttori ed i cuochi offrendo loro una incredibile possibilità di confronto. Infatti, "soSTAnza" sarà anche l'occasione per discutere delle opportunità che il nostro territorio mette a disposizione con autorevoli ospiti tra i quali Bottura, Cannavacciuolo, Cerea, Cracco e molti altri".
 

Vico Equense. Gli antibiotici del futuro saranno di precisione

Venkatraman Ramakrishnan
Nobel Ramakrishnan, calibrati sulle caratteristiche dei batteri

Vico Equense - Gli antibiotici del futuro saranno di precisione: le terapie saranno progettate in base all'identikit molecolare dei batteri che causano l'infezione e identificando le molecole che mirano ai punti deboli del 'nemico'. Sarà questa la strada da percorrere secondo il premio Nobel per la chimica Venkatraman Ramakrishnan, che si trova a Vico Equense, dove domani ritirerà il premio scientifico Capo d'Orlando del Museo Mineralogico Campano - Fondazione Discepolo. La cerimonia si terrà, alle ore 18, nello storico Castello Giusso. Sempre domani, alle ore 11, il premio Nobel visiterà le collezioni del Museo Mineralogico Campano e, contestualmente, terrà una conferenza stampa nella sala delle Colonne alla Santissima Trinità e Paradiso. Ramakrishnan ha ricevuto il premio Nobel per la chimica nel 2009 per le ricerche condotte sulla struttura e la funzione dei ribosomi, le strutture cellulari che fabbricano le proteine, traducendo le istruzioni contenute nel Dna nei mattoni della vita. "Molti antibiotici agiscono legandosi al ribosoma", ha detto all'ANSA Ramakrishnan, ma nonostante molti antibiotici siano stati scoperti già negli anni '50, non si sapeva ancora esattamente in che modo si legassero al ribosoma. E' stato possibile scoprirlo grazie alle ricerche condotte dal Nobel, che hanno portato alla luce la struttura molecolare dei ribosomi. "Conoscendo il punto esatto in cui si lega ogni antibiotico - ha detto Ramakrishnan - possiamo progettare antibiotici in grado di legarsi in modo più specifico ai ribosomi dei batteri e, possibilmente, anche ai ribosomi dei batteri resistenti"

Eventi. Al via la rassegna di musica “I concerti al tramonto”

Sorrento - Il duo “Respiro” sarà il protagonista martedì 26 maggio, alle ore 20, in piazza della Vittoria, a Sorrento, del primo appuntamento della rassegna “I concerti al tramonto”, promossa dal Comune di Sorrento su un progetto del “Movimento 22 dicembre”, realizzato in collaborazione con la Fade In e con la Federalberghi Penisola Sorrentina. Quattro appuntamenti che nascono dall’esigenza di offrire, ai numerosi turisti ed ai cittadini di Sorrento, suggestioni della tradizione musicale classica napoletana e nuove contaminazioni sonore. Il tutto in un suggestivo contesto naturale, meta di tantissimi visitatori richiamati dallo spettacolo del tramonto. Sul palco, i due artisti salentini Francesco Del Prete (violino elettroacustico, loop-machine e pedaliera multi effetto), e Lara Ingrosso (voce, loop-machine, pedaliera multi effetto, multi pad e piccole percussioni), reduci da varie collaborazioni, tra cui quelle con i Marlene Kuntz e Samuele Bersani, che proporranno al pubblico brani originali, incursioni jazz ed omaggi a grandi artisti italiani e internazionali. "I concerti al tramonto – spiegano dal Movimento 22 dicembre - nasce da un’idea di Alessandro Schisano, che partì dall’esigenza di offrire ai cittadini di Sorrento e ai numerosi turisti momenti di musica in uno dei posti più importanti dell'immaginario sorrentino, la cui bellezza costituisce una location ideale per armonizzare note musicali e suggestione del luogo. In tal senso, è fondamentale l’elemento di estemporaneità dell’evento, che non richiede onerosi investimenti pubblicitari, né allestimenti di palchi e platee, in quanto la location nella fascia tra il tramonto e la sera dei mesi estivi, è già meta di tantissimi visitatori e di passanti. Anche la conformazione preesistente della piazza consente sedute naturali per godere dell’evento”. Il cartellone della rassegna proporrà Lamorivostri (26 giugno), Gatos Do Mar (31 luglio) e Suonno d'ajere (28 agosto).

Domenica Flash Mob a Sorrento contro la violenza, tutti vicini alla comunità inglese

Sorrento
Cittadini, di ogni parte della Penisola sorrentina, ma anche provenienti da Napoli e da altre realtà, associazioni e anche alcuni sindaci per gridare "Basta Violenza sulle Donne" 

Fonte: Carmen Davolo da La Repubblica Napoli

Sorrento - Il tam tam è partito da una settimana, portate con voi qualcosa di rosso, e unitevi a noi per protestare contro la violenza sulle donne. Ma è in solidarietà di una donna in particolare che è montata la protesta, della turista inglese vittima di violenza. E' per lei che si riuniranno in un Flash Mob nella nuova zona pedonale di Sorrento, a corso Italia, angolo via Sersale, nei pressi della Cattedrale di Sorrento, domenica 27 maggio alle ore 19, per dimostrare la loro solidarietà verso la turista inglese violentata da alcuni dipendenti di un hotel di Meta e tratti in arresto dopo indagini sia delle autorità inglesi che della Polizia di Stato della città del Tasso. Cittadini, di ogni parte della Penisola sorrentina, ma anche provenienti da Napoli e da altre realtà, associazioni e anche alcuni sindaci per gridare "Basta Violenza sulle Donne". La reazione di indignazione, nata prima in sordina, grazie a un gruppo di donne di Sorrento a cui si sono unite quelle dell’Associazione culturale “Sfumature in Equilibrio” di Meta, le iscritte al sindacato Cub, il Collettivo Studentesco della Penisola sorrentina, l'Arcigay di Napoli, ha preso ancora più slancio alla proposta di un'iscritta al gruppo Facebook "Penisola Sorrentina Sicura" Cristina Gargiulo che proposto di scendere in strada e gridare la rabbia e l'indignazione.
 

Ambiente. A Sorrento arriva il laboratorio mobile dell’Arpac

Sorrento - A partire da oggi, un laboratorio mobile dell’Arpac, l'Agenzia regionale di protezione ambientale della Campania, stazionerà per circa un mese in via degli Aranci, a Sorrento, per svolgere un'indagine sulla qualità dell’aria. L’iniziativa è svolta in collaborazione con l'assessorato all'Ambiente del Comune di Sorrento. "Si tratta di un'attività che abbiano messo in campo in collaborazione con l’Arpac, la quale ha provveduto ad inserirla nel proprio programma di prevenzione a livello istituzionale - spiega il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo - I rilevamenti saranno effettuati 24 ore su 24 e saranno pressini esame non solo lo smog prodotto dai gas di scarico delle auto e delle due ruote, ma anche l’inquinamento prodotto in atmosfera da altri agenti inquinanti di natura sia domestica che derivanti da attività commerciali". “Dopo tempo e tanto impegno siamo giunti all’istallazione del laboratorio mobile Arpac anche a Sorrento – interviene il consigliere comunale Luigi Di Prisco – Preciso che l’unico rilevatore certificato Arpac per questo tipo di controlli è il laboratorio mobile che oggi è stato installato, e pertanto detti dati successivamente saranno certificati da detto ente. L’installazione di questo laboratorio per effettuare le rilevazioni non è altro che un punto di partenza. Successivamente, a dati acquisiti, si valuterà la possibilità di installare detta struttura anche in altri punti della città”.

Ready, Vico Equense aderisce alla rete nazionale anti discriminazioni di genere

Vico Equense - “Nel prossimo Consiglio comunale sarà posta in discussione e in approvazione l'adesione alla rete READY, la rete nazionale di amministrazioni che contrastano le discriminazioni e lo odio legati all'identità sessuale, adesione proposta dalla C.P.O. e fortemente sostenuta dal sindaco e dalla giunta”. A dirlo è Antonello Sannino, vicepresidente della C.P.O. di Vico Equense e presidente di Arcigay Napoli. La prossima riunione del consiglio comunale di Vico Equense è prevista per martedì prossimo, 29 maggio 2018, ore 16.00. Tra i punti all’ordine del giorno, proprio, l’adesione alla Rete nazionale delle pubbliche amministrazioni anti discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere. Alla rete Ready, attiva dal 2006, hanno già aderito circa cento tra amministrazioni regionali, provinciali e comunali per avviare politiche di inclusione sociale delle cittadine e dei cittadini LGBT, sviluppando azioni e promuovendo atti e provvedimenti amministrativi per contrastare ogni forma di discriminazione. L’adesione avviene mediante sottoscrizione della Carta d’Intenti e non comporta alcun costo per la pubblica amministrazione.

Vico Equense. “Piazzale Giancarlo Siani”, la Prefettura dice sì

Piazzale Giancarlo Siani
“La memoria rievoca valori” 

Vico Equense - La Prefettura di Napoli ha accolto la richiesta del Comune di Vico Equense di intitolare l’area antistante la nuova sede del Municipio a Giancarlo Siani, giornalista napoletano de «Il Mattino», assassinato il 23 settembre 1985. Concluso l’iter dopo la deliberazione della giunta comunale e il parere favorevole della Società Romana di Storia Patria. L’Amministrazione comunale del Sindaco Andrea Buonocore ha risposto positivamente a una petizione popolare, che ha come primo firmatario Paolo Siani, fratello di Giancarlo. “Siamo certi che la memoria abbia un valore inestimabile”. Parole forti, scritte col cuore, in quella delibera importante, sicuramente diversa dalle altre. Perché va a segno un progetto civico fondamentale, con cui si cerca di lanciare un messaggio ai giovani, a chi verrà dopo, a chi cerca sentire nuovi e puliti per respirare aria buona, di legalità. A Vico Equense Giancarlo ha vissuto gli anni più belli della sua vita, quelli con la fidanzata di allora, Daniela. Un ragazzo che tutti ricordiamo col suo sorriso migliore, l’aria sbarazzina su quella Mehari diventata simbolo di una morte crudele e ingiusta. La passione per il suo lavoro lo indusse a raccontare, senza mediazioni, ciò che accadeva a Torre Annunziata, andando oltre le mere notizie e cercando di analizzare le interdipendenze tra camorra e potere fino a giungere alla consapevolezza della "camorra come fenomenologia di potere". “La memoria - si legge nelle motivazioni della delibera - permette di non dimenticare, perpetua i ricordi di un tempo che fu, come una cicatrice, lascia una traccia indelebile che rievoca gioia e dolori e ci permette di rimembrare gli antichi eroi che spezzarono la loro vita per amore della propria terra. E proprio perché siamo consapevoli del suo alto valore etico e civile, chiediamo di avere un luogo dedicato a Giancarlo Siani in ricordo dei suoi sacrifici, ma soprattutto quale faro ed esempio per le generazioni presenti a venire”. Giancarlo Siani ha pagato con la vita la sua voglia di raccontare la verità. Il suo sacrificio, però, non è stato vano “perché è diventato un simbolo positivo per noi adulti e, soprattutto per tanti ragazzi che nemmeno l'hanno conosciuto”.

Alberghiero di Sorrento. La sfida all’ultimo scialatiello

Fonte: Salvatore Tuccillo da Metropolis 

Sorrento - Sarà una sfida all'ultimo scialatiello quella che si terrà all'Istituto Alberghiero di Sorrento. Il concorso organizzato, per venerdì 25 maggio dall'Istituto Superiore Polispecialistico San Paolo è una gara veramente molto particolare. Anzi una gara speciale. Innanzitutto perché il patrocinio organizzativo e finanziario è sostenuto addirittura dallo stesso inventore del famoso formato di pasta, dallo chef Enrico Cosentino. E poi perché la prova è riservata ai soli studenti dello stesso Istituto che così si potranno cimentare con un pezzo di storia sorrentina in una competizione inusuale. Gli alunni delle terze, quarte e quinte classi delle sezioni A e B dovranno impastare gli scialatielli secondo la ricetta originale del maestro Cosentino che sabato scorso ha comunque tenuto una dimostrazione pratica nello stesso Istituto sede della gara del 25. L'esecuzione dell'impasto dovrà prevedere gli stessi ingredienti e le stesse modalità che, oltre 40anni fa, lo chef Cosentino mise in scena per creare questa pasta che ha avuto tanta fortuna nelle cucina di mezz'Italia. Allora, nel 1976, il giovane Cosentino insegnava e lavorava in Calabria, a San Giovanni in Fiore e gli venne l'idea di fare una pasta artigianale diversa dalle solite. Diverse dai classici gnocchi, ravioli o lasagne varie. Così impastò la farina e l'acqua aggiungendo però anche due uova (per un chilo di farina) un po’ di latte, una manciata di formaggio, il basilico e l'olio extravergine d'oliva. Un impasto ricco, dunque, che di per se già da sapore al piatto.
 

Massa Lubrense. Sul TGR Campania il Pietro Micca a Puolo

Massa Lubrense - Su TGR Campania di mercoledì sera alle ore 19.30 il servizio di Vincenzo Perone sul gemellaggio tra il Comune di Massa Lubrense e quello di Monte di Procida. La cerimonia ha avuto come protagonista il rimorchiatore a vapore Pietro Micca legato a doppio filo alla storia dei due comuni. Il battello classe 1894 fu acquistato dalla cava Merlino operante a Puolo fino alla metà degli anni ’70 e salvato dalla rottamazione da uno dei suoi marinai, Benito Spinelli di Monte di Procida. Il marinaio che, insieme ad una cordata di ammiratori del rimorchiatore hanno curato il suo restauro. Il ritorno del Pietro Micca è stato salutato con commozione dagli abitanti più anziani di Puolo che hanno ripercorso gli anni difficili del dopoguerra e del duro lavoro della cava per l’estrazione della pietra calcarea servita per l’ampliamento del porto di Napoli. All’interno del servizi gli interventi del sindaco di Massa Lubrense Lorenzo Balducelli e di quello di Monte di Procida Giuseppe Pugliese che hanno insieme sottoscritto un “patto di amicizia” dei due comuni che rappresentano idealmente l’inizio e la fine del Golfo di Napoli. Sotto il link per rivedere il TGR

VIDEO

mercoledì 23 maggio 2018

Ubik Vico Equense: “Mi chiamo per nome, ombre e luce”

Vico Equense - Giovedì 31 maggio 2018, alle 19.00, alla libreria Ubik, sarà presentato il libro di Augusta Tomassini, “Mi chiamo per nome, ombre e luce”, edito dalla casa editrice Helicon (2016). All’incontro interverranno Anna Staiano, presidente dell’Associazione “Nata Libera”ed Emilia Terracciano, commissione pari opportunità di Vico Equense. Modera la scrittrice Rosa Gargiulo. E’ la quarta raccolta poetica dell’autrice marchigiana, un libro dalle forti emozioni che aiuta a comprendere le difficoltà della vita. La Tomassini è consigliera e referente per le pari opportunità del Consiglio Regionale delle Marche dell’Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti e componente della commissione pari opportunità tra uomo e donna del Consiglio Regionale delle Marche. Poetessa contemporanea e da sempre impegnata e attenta al sociale.

La maternità

di Filomena Baratto

Vico Equense - Il rapporto con la madre è un legame strettissimo, da scadere a volte in atteggiamenti patologici. La madre è quella che ci tira nella vita, ci tiene stretta a sé. La vita che nasce da altra vita, un segno chiaro e inequivocabile. Di lei conosciamo prima le mani che ci hanno toccato, curato, abbracciato. Le mani della madre, come afferma lo psicoanalista Massimo Recalcati, hanno come loro prima funzione quella di salvarci e non farci cadere nel vuoto. Tenersi per mano, tra madre e figlio, è una condizione naturale e necessaria. Attraverso questo contatto passa la vita e il figlio si sente protetto. Lo stesso Freud afferma che la madre è una soccorritrice e dalle sue mani il figlio apprende il primo linguaggio. Una lingua fatta di gestualità e trasmissione di calore, di legame, di appartenenza, di cura, di aiuto. Le mani appunto salvano dal vuoto. Ma la madre rappresenta anche il mondo attraverso il suo volto e in cui il figlio si specchia e si riconosce. Le prime impressioni che egli riceve della vita sono quelle del volto di sua madre. Da come nostra madre ci ha guardati così abbiamo appreso il mondo. Lei lo rappresentava e tutto era racchiuso nella geografia di quel viso. Ogni cosa abbiamo appreso lì, su quella carta del mondo. Siamo come nostra madre ci ha guardati, visto che il suo sguardo per noi era il tutto. Il volto della madre deve essere chiaro, leggibile, amorevole, affettuoso, ha l’onore di trasmettere la vita.
 

SZN, “Di nuovo in onda”: liberate 5 Caretta caretta curate al Centro Ricerche Tartarughe Marine di Portici

In occasione del World Turtle Day, tornano in mare i preziosi esemplari guariti dagli esperti della Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli

Successo per l'evento "Di nuovo in onda” dedicato al ritorno in mare di cinque tartarughe Caretta caretta in occasione del World Turtle Day,presso la Riserva Naturale Foce Sele - Tanagro. Le tartarughe, che versavano in uno stato di grave difficoltà per l’ingestione di plastica o per l’impatto con ami, corde e altri materiali utilizzati per la pesca, hanno riconquistato la loro libertà nel mare di Eboli, presso il Lido Paestum. “Questa giornata rappresenta un momento speciale di condivisione. In occasione del "World Turtle day", la SZN è soddisfatta e contenta di liberare Capitan Peter, Ettore, Valentina, Marianna e Melibea, le tartarughe che sono state seguite e curate dal Centro Ricerche di Portici. E' fondamentale, insieme a tutte le persone, cittadini e piccoli studenti, promuovere occasioni di divulgazione scientifica a tutela dell'ecosistema marino e dei preziosi esemplari di Caretta caretta”, ha spiegato Sandra Hochscheid, Responsabile Centro Ricerche Tartarughe Marine SZN. “Questi esemplari sono stati trovati lungo le coste della Campania intrappolati in reti da pesca, con ami e lenze ingerite, con plastiche che bloccavano lo stomaco e l'intestino e con lesioni agli arti, occhi, carapace e ferite di altra entità.


Vico Equense. Giornata del gioco

Vico Equense - Domenica prossima, 27 maggio 2018, il Ludobus Legnogiocando sarà a Vico Equense per la “Giornata del gioco”. La manifestazione, promossa dall’Amministrazione comunale vuole riaffermare il diritto al gioco sancito dalla Convenzione Internazionale sui diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza. Dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 20.00 in piazza Marconi, bambini, famiglie, adulti e anziani trascorreranno una giornata insieme all’insegna del sano divertimento.

Massa Lubrense. I Folengo nella Terra delle Sirene

Massa Lubrense - Sabato 26 maggio Massa Lubrense sarà la cornice della giornata di studi folenghiani dal tema “I Folengo nella Terra delle Sirene”, organizzata dall’Associazione Internazionale per gli Studi Folenghiani "Amici di Merlin Cocai" e dall’Archeoclub di Massa Lubrense, sostenuta dall’Amministrazione Comunale e appoggiata dal Centro Studi “Bartolommeo Capasso” di Sorrento, dalla Pro Loco “Due Golfi”, dall’Associazione “Torca- Crapolla”, dal Servizio Civile Nazionale e dalla Confraternita del SS. Rosario di Sant’Agata, che ospiterà l’evento nel suo oratorio. Si parlerà dei rapporti dei fratelli Folengo con Massa e, in particolare, con Crapolla, dove i due benedettini hanno trascorso alcuni anni di vita eremitica agli inizi degli anni Trenta del ‘500. Testimone di questo soggiorno è una parte cospicua della loro produzione letteraria, come l’ Umanità del Figliuolo di Dio , lo Ianus, il Varium Poema e la redazione Cipadense del Baldus di Teofilo e i Pomiliones di Giambattista. Sarà presente anche una folta delegazione dell’Associazione Internazionale per gli Studi Folenghiani “Amici di Merlin Cocai” di Bassano del Grappa guidata dal Presidente Otello Fabris, tra i maggiori studiosi italiani dei fratelli Folengo. L’Associazione veneta, a conclusione della giornata di studi, farà dono alla nostra Città dello ‘Scaffale Folenghiano’: si tratta di ben 35 di Teofilo Folengo rare e fuori commercio. Il giorno successivo la delegazione, guidata dalla Prof. Valentina Russo (Università degli Studi di Napoli Federico II) e dall’Arch. Stefania Pollone (MiBACT Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l'Area Metropolitana di Napoli) visiterà i resti dell’Abbazia di San Pietro a Crapolla, dove Giulio Iaccarino leggerà alcuni brani su Crapolla tratti dai Pomiliones di G. B. Folengo.

Trasferimento al patrimonio del Comune di Vico Equense del compendio demaniale sito in località Punta la Guardia

di Mauro Colandrea, portavoce dell'Associazione “La Torretta”

Vico Equense - Apprendiamo con grande soddisfazione e vivo interesse, la notizia dell’avvio delle procedure per l’acquisizione al patrimonio comunale, del complesso immobiliare costituito dal fondo demaniale e dalla torre di avvistamento sita in località Punta la Guardia. Quattro anni fa, la nostra associazione ha posto all’attenzione della società civile e degli organi di stampa, lo stato di totale abbandono ed assoluta illegalità in cui versava e versa tutt’ora, la torre di Punta Scutolo. L’iniziativa, incontrò il favore della cittadinanza che, nel giugno del 2014, presentò al Comune di Vico Equense una petizione popolare, sottoscritta da oltre mille residenti, con la quale veniva chiesta la riapertura al pubblico del sito, ed il restauro dell’antica torre. Dopo anni di “stallo”, siamo lieti di riscontrare un rinnovato interesse dell’amministrazione comunale e ci sentiamo confortati dalle parole del Sindaco Buonocore che, in più occasioni, ha sottolineato l'importanza storica e culturale dell'immobile e la sua vocazione identitaria per la comunità di Seiano. Confidiamo, pertanto, che l’imminente trasferimento al patrimonio comunale rappresenti solo il primo, necessario, passo verso un serio progetto di recupero e valorizzazione dell’intero complesso, affinché venga finalmente restituito alla sua comunità. Evidenziamo, tuttavia, come nonostante gli anni trascorsi e le ripetute segnalazioni, l'accesso al fondo demaniale di Punta la Guardia sia ancora precluso e che qualsiasi seria iniziativa volta al recupero ed alla valorizzazione del bene, passi necessariamente per la riapertura dell’antico camminamento di Via Punta la Guardia, unica ed originaria strada di accesso all’immobile. In tale prospettiva, attendiamo dall’amministrazione comunale un segnale forte e coerente con le dichiarazioni rese. La “Torretta”, quale associazione di "uomini e donne di buona volontà", come recita il suo Statuto, è disposta a supportare ed a cooperare in qualsiasi iniziativa che miri all’effettivo recupero del sito di Punta la Guardia, affinché la bellezza unica ed ammaliante di quel luogo così ricco di storia, venga preservata e restituita alla comunità cui appartiene e tramandata così alle future generazioni.

Il Cenacolo alchemico e Giovan Battista Della Porta

Busto di Della Porta 
nello storico palazzo comunale di Vico Equense
Napoli - Dal 24 al 26 maggio 2018, presso il Complesso di Santa Maria del Popolo degli Incurabili - Museo della Arti Sanitarie – Farmacia Storica degli Incurabili a Napoli, si terrà un incontro ispirato al pensiero di Giovan Battista Della Porta. Il Convegno intende riunire le scoperte e le più recenti acquisizioni in un settore della storia della scienza che considera la medicina, la farmacopea e l’alchimia un nodo inestricabile nel periodo cosiddetto “prescientifico”. Della Porta, figura interessantissima nella cultura italiana del ‘500, filosofo, scienziato, alchimista e scrittore anche di opere teatrali nacque a Vico Equense nel 1535. E’ stato uno dei protagonisti del rinascimento italiano, scienziato eclettico, filosofo della natura, drammaturgo noto in Europa, e apprezzato studioso di medicina, matematica, astrologia, alchimia e botanica oltre che di demonologia, chiromanzia, crittografia, magnetismo, architettura, ottica e meccanica. La famiglia Della Porta era originaria del Casale di Pacognano. Giovan Battista Della Porta morì a Napoli il 4 febbraio 1615, dopo essere vissuto per molti anni nella casa natale della famiglia ”Villa delle Pradelle” a Pacognano, la quale da qualche anno è stata completamente ristrutturata e adibita ad attività turistica ricettiva, con il nome di “Villa Della Porta”.

Della Porta! Chi era costui?

Il Rendiconto arriva in consiglio comunale

Consiglio comunale di Vico Equense
Vico Equense - Martedì 29 maggio 2018, alle ore 16.00, è stato convocato dal presidente Massimo Trignano il consiglio comunale in seduta ordinaria. 8 i punti all’ordine del giorno, tra i quali l’approvazione del rendiconto dell’esercizio 2017.Il documento finanziario è stato già approvato dalla giunta comunale guidata dal sindaco Andrea Buonocore, e ha ricevuto il parere favorevole del collegio dei revisori dei conti. Si discuterà poi dell’adesione alla rete READY, la rete nazionale di amministrazioni che contrastano le discriminazioni e l’odio legati all'identità sessuale.

Monte Faito, si piantano 15 giovani querce

Vico Equense - Sabato, alle ore 10, in località Monte Faito avrà luogo la cerimonia di messa a dimora di quindici giovani querce, donate dalle Associazioni CompletaMente, La Grande Onda, Le Amiche del Museo Correale e dagli alunni della classe quinta H del Liceo Linguistico P.V. Marone di Meta. La piantumazione nasce dal desiderio di dare un segno tangibile di rinascita in risposta agli incendi che, nell'estate 2017, hanno divorato e distrutto migliaia e migliaia di ettari di superficie boschiva di Monte Faito. Con questo gesto a favore del patrimonio forestale della nostra regione, le associazioni promotrici intendono simbolicamente compensare la perdita degli spazi verdi andati in fumo e ricordare che senza gli alberi non c'è futuro per il nostro pianeta. Inoltre, per sottolineare l’importanza che l’elemento acqua riveste in natura e l’azione fondamentale che l’acqua ha contro il fuoco, le associazioni coinvolte hanno deciso anche di restaurare, sempre in località Monte faito, La Fontana della Lontra, ripristinando la copertura in travi di castagno andata perduta. I giovani alberi piantumati formeranno il Sentiero delle querce che sarà dedicato, con una targa commemorativa alla figura di Angelo Vassallo, Sindaco di Pollica. Laura Cuomo - fondatrice de La Grande Onda precisa: il 5 settembre 2017, celebrando la Festa della Speranza promossa dalla Fondazione Vassallo, ci eravamo assunti un impegno che oggi con grande gioia portiamo a compimento: quello di piantare un albero alla memoria di Angelo Vassallo Sindaco di Pollica, che la sera del 5 settembre 2010 fu barbaramente ucciso per mano di uno o più attentatori (tuttora in attesa di essere assicurati alla giustizia), pagando con la vita il suo desiderio di legalità, di giustizia ed il suo amore per l’ambiente.
 

martedì 22 maggio 2018

Grande “Festa a Vico” per i 50 anni di Pizza a Metro

Raimondo Cinque e Giovanni Rivieccio
Vico Equense - Festa a Vico celebra i 50 anni di Pizza a Metro. A spegnere le candeline, insieme alla famiglia Dell’Amura, saranno ben 50 chef stellati guidati da Gennarino Esposito, della Torre del Saracino, per l'eccezionale evento “I Professori all'università”, che si svolgerà domenica 3 giugno proprio nello storico locale di Pizza a Metro. La serata rientra nell'ambito della sedicesima edizione di Festa a Vico e l'incasso sarà devoluto in beneficenza a favore delle Onlus selezionate per questa edizione dagli organizzatori. Gli chef, divisi in cinque squadre, prepareranno piatti stellati per circa 400 persone che avranno preventivamente acquistato il ticket da 150 euro, che darà diritto anche all'ingresso a una seconda serata che si svolgerà in estate e che si inquadra sempre nei festeggiamenti per il cinquantesimo del locale. A mezzanotte, per la grande festa del mezzo secolo di Pizza a Metro, si apriranno le porte a tutti gli altri chef che hanno partecipato alla festa nelle strade della città e saranno sfornati 50 metri di pizza con 50 tipi di condimento diverso. A fare gli onori di casa sarà il direttore della struttura Giovanni Rivieccio, affermato manager del settore wine and food che affianca la famiglia nella gestione aziendale. Un'operazione resa possibile dal maestro pizzaiolo Raimondo Cinque, coordinatore di una brigata di 12 persone e dagli imprenditori che hanno voluto suggellare questa importante data.

Mozzarella. Tutte le strade portano a…Paestum

Tutto pronto per l’edizione 2018. Vico Equense c’è… 

Vico Equense - Ai nastri di partenza l’undicesima edizione di LSDM (Le strade della mozzarella), il congresso gastronomico che nasce per celebrare nel mondo la mozzarella di bufala campana Dop e che oggi si consacra all’intero paniere della Dieta Mediterranea. Mercoledì 23 e giovedì 24 maggio saranno infatti oltre 50 gli chef, praticamente il gotha della cucina internazionale, che si alterneranno sul palco del Savoy Beach Hotel di Paestum (Salerno) per una due giorni. Da Vico Equense ci sarà Peppe Guida, chef a capo dell’Antica Osteria Nonna Rosa; Faby Scarica, vincitrice della seconda edizione di Top Chef Italia nel 2017 di Villa Chiara – orto&cucina. Per finire, con Sakai Fumiko de il Bikini e Salvatore La Ragione di Mammà Restaurant, Capri. LSDM, manifestazione creata da Barbara Guerra e Albert Sapere, col tempo è diventata molto più che un convegno sulla mozzarella. “Al centro del dibattito – sottolineano Barbara Guerra e Albert Sapere, ideatori e curatori di LSDM – ci sarà il tema Eat well and stay well. I relatori dovranno quindi attualizzare gli studi sulla Dieta Mediterranea fatti nel dopoguerra, proprio in Cilento, dal fisiatra americano Ancel Keys. Come indicato nel nostro Manifesto, il cuoco moderno deve dimostrare un’elevata sensibilità alimentare e ambientale, sapendo conciliare il gusto con il benessere e la sostenibilità. Tecnica e conoscenza dunque al servizio delle esigenze del mondo attuale, anche alla luce della mediaticità e del ruolo sociale che riveste ormai la figura dello chef. Ciò ci sembra inoltre perfettamente in linea con la proclamazione, fatta dalle istituzioni, del 2018 Anno nazionale del cibo italiano”.

Vico Equense. L'invito di Zorro ai tifosi del Napoli

Giovedì 24 maggio 2018 ore 20.00 

Vico Equense - Il duello scudetto tra Juventus e Napoli è finito. Sul “come” e sul “quando” si discute e si discuterà… “Ci avete rubato un sogno, ma non il nostro amore per il Napoli”, si legge su un volantino. Giovedì prossimo, 24 maggio 2018, alle ore 20.00, i tifosi azzurri festeggeranno ugualmente la loro squadra, con una grande festa di piazza con la partecipazione di Tommaso Starace, storico magazziniere del Napoli fin dai tempi di Maradona e vicano doc. L’appuntamento per i supporter del Napoli è alle 20 in piazza Circumvesuviana da dove partirà un corteo che attraverserà le principali strade del centro cittadino di Vico Equense. La sfilata è coordinata da Domenico Verde, detto Zorro. Una serata completamente tinta di azzurro-Napoli, per ringraziare i ragazzi per il grande campionato disputato, con la partecipazione di una banda musicale e di ballerine brasiliane.

Anche Cannavacciuolo tra i “Professori all’Università”

Antonino Cannavacciuolo e Gennaro Esposito
"Vi aspetto tutti a Festa a Vico domenica 3 giugno” 

Vico Equense - La domenica di Festa a Vico 2018 sarà davvero speciale. Il 3 giugno, infatti, per le strade di Vico Equense durante la Repubblica del Cibo, che come da tradizione segnerà l'inizio della kermesse organizzata da Gennaro Esposito, chef due stelle de La Torre del Saracino di Seiano, ci sarà la possibilità di incrociare tanti chef provenienti da tutta Italia, a partire da Antonino Cannavacciuolo, vicano doc che sarà al fianco di Gennaro per brindare, appunto, a Festa a Vico 2018 e salire in cattedra, insieme a tanti prestigiosi colleghi, per l'evento "I Professori all'Università". Già perché la prima grande novità di Festa a Vico 2018 è la cena organizzata domenica 3 giugno per celebrare i cinquant'anni dell'Università della Pizza lo storico locale della famiglia Dell'Amura che da mezzo secolo rappresenta ormai un'icona di Vico Equense. Tra i circa 50 chef - l'elenco è in coda al comunicato - che cucineranno le loro prelibatezze per i quasi 300 ospiti de "I Professori all'Università", ci sarà dunque anche Antonino Cannavacciuolo, entusiasta del progetto che gli ha sottoposto Gennaro al punto da estendere l'invito: "Vi aspetto tutti a Festa a Vico domenica 3 giugno - ha detto il celebre giudice di Masterchef - perché questa è la vostra festa, quella di chi ama il cibo di qualità, ma è anche la nostra festa, degli chef che si ritrovano per condividere le loro esperienze.
 

Massaquano, festa della Madonna a Chieia

Intervista ad Antonio Cimmino, candidato al Consiglio comunale di Castellammare di Stabia

Antonio Cimmino
Castellammare di Stabia - “Gli elettori mi troveranno dove mi hanno lasciato alle ultime elezioni: lista di Forza Italia e Gaetano Cimmino sindaco designato. Questa la mia collocazione per il voto amministrativo del 10 giugno a Castellammare di Stabia. Coerenza e lealtà sono le mie cifre distintive. E alla luce delle penose vicende politiche recenti, stabiesi e non, tali valori possono contribuire a ristabilire un legame tra cittadini e politici”. A parlare così è Antonio Cimmino, consigliere comunale uscente, stabiese doc, avvocato, 35 anni, sposato con due figli, pronto per la nuova sfida: il rinnovo del consiglio comunale di Castellammare di Stabia. Perché si candida di nuovo per il Comune? Chi vuole bene a Castellammare deve fare un passo in avanti e non indietro. Bisogna metterci la faccia, chiedere consensi e rischiare, avendo come obiettivo la speranza di rilancio, dopo anni di apatia e abbandono. Qual è il principale male da combattere? Lamentarsi! Motivi per farlo ce ne sono e tanti, ma senza proporre soluzioni e soprattutto, senza mettersi in gioco è solo un inutile piangersi addosso. Perché un elettore dovrebbe votarla? Il mio invito non è al voto personale, ma al voto responsabile. Chiedo ai miei concittadini di votare persone in grado di rappresentarli degnamente, poi si orientino come meglio credono, secondo coscienza. Il mio appello è ad unire il diritto al voto con il dovere della responsabilità. Quando votiamo pensiamo al nostro futuro ed a quello dei nostri figli. La matita che stringiamo tra dita ha il potere di cambiare le sorti di un’intera città e dei suoi cittadini. La classe dirigente di oggi deve costruire le premesse per realizzare una comunità migliore dove far vivere e crescere i nostri ragazzi.
 

Peppe Guida e la scarpetta di Devozione

Sorrento. Intesa Sanpaolo e Banco di Napoli presentano l’iniziativa “Resto al Sud” a sostegno dell’imprenditoria giovanile

24 maggio, ore 16:00, filiale Banco di Napoli di corso Italia, 210 a Sorrento

Sorrento - Prosegue con la tappa di Sorrento il road show che Intesa Sanpaolo e Banco di Napoli hanno avviato nei giorni scorsi in tutto il Sud peninsulare per presentare le opportunità dell’iniziativa “Resto al Sud” rivolta a sostenere l’imprenditoria giovanile e il tessuto economico del Mezzogiorno. Intesa Sanpaolo è stata tra le prime banche a firmare la Convenzione con Invitalia (Agenzia Nazionale per l’attrazione di investimenti e lo sviluppo di impresa) e ABI (Associazione Bancaria Italiana), “Resto al Sud. che sostiene, infatti, la nascita di nuove attività imprenditoriali avviate da giovani tra i 18 ed i 35 anni residenti in Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Abruzzo, Puglia, Sardegna o Sicilia , avvalendosi di una dotazione finanziaria di 1 miliardo e 250 milioni di euro messi a disposizione dal “Fondo per lo Sviluppo e la Coesione”. “Vogliamo essere al fianco dei giovani che desiderano inseguire i loro sogni nella propria terra d’origine – dichiara Andrea Lecce , Responsabile Direzione Marketing di Intesa Sanpaolo. Con l'adesione a questa iniziativa Intesa Sanpaolo vuole sostenere concretamente la nascita di nuove realtà produttive delle regioni del Mezzogiorno, favorendo lo sviluppo sociale e la crescita economica del Sud." Potranno essere finanziate le iniziative imprenditoriali operanti in produzione di beni nei settori industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, pesca e acquacoltura, fornitura di servizi alle imprese e alle persone, turismo.