venerdì 22 settembre 2017

Rolling Stones a Lucca, Gennaro Esposito: “Un grande compito mi aspetta”

Gennaro Esposito e Mick Jagger
Vico Equense - I Rolling Stones suoneranno domani a Lucca nell’unica tappa italiana del loro tour europeo, “No Filter”. Prima di salire sul palco però, Mick Jagger, Keith Richards, Charlie Watts e Ronnie Wood e il loro entourage, avranno la possibilità di gustare alcuni piatti ispirata alla tradizione mediterranea. A cucinare sarà Gennaro Esposito, chef de La Torre del Saracino di Vico Equense, 2 stelle Michelin, già impegnato in questi giorni nella famosa trasmissione televisiva La Prova del Cuoco in qualità di giudice. “Mancano ormai poche ore al concerto, - spiega Gennaro Esposito - per il quale sono al lavoro con intensità: un grande compito mi aspetta. La musica è per me una grande passione, un modo di intendere l’arte molto vicina al mio essere ed è per questo che accettare questo invito è stato per me un’occasione doppiamente “appetitosa”. Gli Stones sono una band eterna, alle loro canzoni s’intrecciano i miei ricordi personali e professionali. Potrò far assaggiare i miei piatti prima della grande esibizione è per questo che ho pensato a offrire loro gusti che riescano a interpretare al meglio i sapori tipicamente italiani, il calore del mediterraneo, i profumi e i colori dell’energia che coltiviamo.”
 

Vico Equense. Al via la raccolta firme per la petizione contro le barriere architettoniche

Vico Equense - Nonostante la legge e i buoni propositi, restano tante le barriere architettoniche che deve affrontare e superare chi si muove su una sedia a rotelle. Città e paesi diventano spesso veri e propri percorsi a ostacoli. Il gruppo "Vico Equense senza barriere", ha organizzato una raccolta di firme per chiedere all’amministrazione comunale di eliminare gli ostacoli che limitano la libertà negli spostamenti dei diversamente abili. Il banchetto sarà operativo sabato, 23 e domenica 24 settembre, dalle ore 10.00 alle ore 12.00, all'angolo del banco "Monte Paschi di Siena", in pieno centro cittadino. Attraverso la petizione si punta ad ottenere dai vertici dalla Giunta guidata dal sindaco Andrea Buonocore l’impegno a realizzare, il piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche (Peba). Si tratta di uno strumento obbligatorio che contiene l’analisi attuale di accessibilità dei percorsi cittadini e la programmazione degli interventi, suddivisi per priorità, che l’amministrazione dovrà realizzare per l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Tour d’Arte moderna tra Napoli e Massa Lubrense: Martedì 26 alle ore 17,00, nella Sala delle Sirene, apertura della 2^ mostra “Contaminazioni terra e mare”

Massa Lubrense - Nel corso di quest’anno, grazie all’impegno dell’Associazione “Connessioni Culture Contemporanee” di Napoli e dell’Archeoclub di Massa Lubrense si sono organizzati numerosi appuntamenti con l’arte moderna e contemporanea e nei prossimi mesi, in modi diversi, si continuerà a porre l’accento in questa direzione. Evento di grande successo è stato senza dubbio la prima fase di “CONTAMINAZIONI TERRA E MARE”, mostra di arte moderna e contemporanea, ospitata a Massa Lubrense dal 25 maggio all’11 giugno presso sala seicentesca dell’Oratorio dell’Arciconfraternita, accosta al Campanile della ex Cattedrale di Santa Maria delle Grazie, caratterizzata dall’esposizione di oltre 30 opere ed alcune installazioni di quindici affermati artisti/e di spessore nazionale. Il progetto è stato concepito e reso possibile grazie all’intuizione e l’impegno del M.o Giovanni Mangiacapra, notissimo artista napoletano e cultore di arte moderna e contemporanea, attivo fin dagli anni ’70 nonché profondo ricercatore sull’arte astratta e presidente dell’associazione “Connessioni Culture Contemporanee”. In contemporanea alla mostra “CONTAMINAZIONI TERRA E MARE”, si è svolto, presso la sede lubrense dell’Archeoclub, il laboratorio d’arte "Io sono l’artista!!!” , con cui un nutrito gruppo di giovani allievi ha messo alla prova il proprio talento realizzando molteplici lavori, alcuni dei quali vere opere d’arte. Tali lavori, insieme alle opere degli artisti affermati, saranno presentati presso la Sala delle Sirene del Comune di Massa Lubrense nel corso della seconda fase di “CONTAMINAZIONI” che aprirà i battenti a partire dal prossimo ventisei settembre e fino al quindici ottobre. L’Archeoclub d’Italia di Massa Lubrense ha poi patrocinato la mostra collettiva d'arte contemporanea “ ANIMA MUNDI” , in omaggio a James Hillman, allestita, fino allo scorso 30 luglio, presso l’Orto Botanico di Napoli. Evento assolutamente straordinario dove si è celebrato uno vero e proprio sposalizio tra arte e natura.
 

Comitato Via Krupp Aperta e Pubblica

Via Krupp
Capri - Si è costituito a Capri il Comitato “VIA KRUPP APERTA E PUBBLICA”, un’ iniziativa nata, dopo aver preso atto della volontà da parte dell’Amministrazione del Comune di Capri di voler dar seguito al Project Financing proposto dalla Società Gheller, mirato alla gestione e all’utilizzo di Via Krupp e dei Giardini di Augusto. Considerate le molteplici perplessità da più parti dichiarate sull’opportunità e sulla finalità dell’iniziativa e dopo aver valutato i vari distinguo espressi da parte di associazioni di Categoria, frequentatori dell’Isola e dei tanti cittadini preoccupati che siti storicamente importanti quali via Krupp ed i Giardini di Augusto vengano dati ad uso e consumo di privati,il Comitato testé costituito, ritiene necessario che i cittadini di Capri siano coinvolti direttamente nella scelta del "futuro di questi due importanti luoghi simbolo di Capri", conosciuti in tutto il mondo. Per cui il Comitato indice una raccolta di firme per promuovere un Referendum Consultivo, così come previsto dallo Statuto Comunale, per consentire a tutti i Capresi di esprimersi sull’argomento. La raccolta inizierà nei prossimi giorni con l'allestimento di appositi gazebo collocati in diverse zone del Comune di Capri.

Il comitato

LUIGI LEMBO - NABIL PULITA – LORENZO TANI – ENRICO GARGIULO - RICCARDO ESPOSITO - CIRO LEMBO - PAOLA MAZZINA – LUDOVICA DI MEGLIO – MARINO LEMBO – SALVATORE CIUCCIO

Faito, rischio idrogeologico: Lunedì tavolo tecnico presso l’Ente Parco dei Monti Lattari

Monte Faito
Vico Equense - Su iniziativa dell’Ente Parco Regionale dei Monti Lattari, in prosecuzione con i lavori della scorsa settimana, si è svolto ieri mattina un sopralluogo operativo sul Monte Faito per individuare i prioritari interventi da eseguire dopo le devastazioni degli incendi e delle piogge e a difesa della sicurezza e della pubblica incolumità. Presenti il presidente dell’Ente Parco Tristano dello Joio e i tecnici della Sma Campania, a cui si sono aggiunti, nel corso della riunione tecnica sul versante di Vico equense, il sindaco di Vico Equense, Andrea Buonocore, l’Assessore ai lavori pubblici, Gennaro Cinque e il comandante dei Vigili Urbani, Ferdinando De Martino. I primi interventi calendarizzati, che saranno avviati entro fine ottobre dalla SMA Campania, riguardano il versante di Castellammare di Stabia che si snoda a partire dalla sede del Parco Regionale nella zona di Quisisana fino al Piazzale dei Capi sul Monte Faito, con la rimozione di tutti i materiali detritici presenti sul percorso e nei canali di scolo delle acque, incluse le vasche borboniche. Molto più vasto e complesso l’intervento previsto per il lato di Vico Equense per il quale è previsto anche il supporto alle operazioni del Genio Civile sul versante del Monte faito, a partire da Moiano, lungo la strada ex SS 269. Oltre alla pulizia dei rivoli degli alvei, dei corsi d’acqua e delle cunette, dove si sono riversati grossi cumuli di detriti e materiali anche a seguito dell’ultima bomba d’acqua dei primi di settembre, sono previsti anche diversi interventi di disgaggio – ossia distacco a mano – di massi pericolosi.
 

Piogge e fogne liquami in mare scatta il divieto di balneazione

Spiaggia del Purgatorio, Meta
Fonte: Ciriaco M. Viggiano da Il Mattino 

Meta - Di positivo c'è che lo stop arriva ormai a estate finita, quando le spiagge cominciano progressivamente a svuotarsi. Di negativo c'è che Meta e la penisola sorrentina tornano a fare i conti con l'inquinamento marino e con la mancata separazione tra le condotte dell'acqua piovana e la rete fognaria. La balneabilità è dunque legata alle condizioni meteo. A riaccendere i riflettori su questi temi è il divieto di balneazione disposto dal sindaco Giuseppe Tito per la baia del Purgatorio. Decisivi i risultati delle analisi effettuate dall'Agenzia regionale per la protezione ambientale (Arpac) il 14 settembre scorso. Nelle acque della baia, gli esperti hanno riscontrato un livello di Datteri fecali al di sopra del limite fissato dalla legge. Segnalati anche rifiuti solidi e chiazze di schiuma densa in superfìcie. Sulla base di questi elementi, lunedì scorso, i vertici dell'Arpac hanno sconsigliato la balneazione: un monito al quale il sindaco Tito ha dato seguito solo ieri, firmando l'ordinanza che impone lo stop ai tuffi fino a nuova comunicazione. All'origine del boom di batteri ci sono gli allacci impropri tra le condotte dell'acqua piovana e la rete fognaria: in caso di forte maltempo, la pioggia affluisce in grande quantità nelle tubature, già di per sé insufficienti, mandandole in tilt. A quel punto, per scongiurare danni, viene attivato il sistema del «troppo pieno» e in mare viene «sputata» acqua mista a liquami.
 

Punta Campanella, biodiversità in crescita

Terzo appuntamento con Blueteam in action. Sub e biologi hanno osservato e censito 164 specie avvistate in 24 ore di immersioni. Lo scorso anno si fermarono a 151 

Massa Lubrense - Da 151 a 164. 13 in più rispetto allo scorso anno. Sono le specie avvistate e censite dai subacquei del Blue Team in action che si sono immersi, a turno, per 24 ore consecutive nei fondali del Parco Marino di Punta Campanella a caccia di organismi e scatti fotografici spettacolari. Oltre 40 tra biologi, fotografi e docenti universitari hanno partecipato a questo Blueblitz (giunto alla terza edizione) monitorando e studiando 5 diversi punti di immersione comprendenti zona A, zona B e zona C del Parco: Vervece, Baia di Ieranto, Scoglio dell'Isca, Puolo e Mitigliano. Risultati migliori rispetto allo scorso anno quando furono individuate e censite 151 specie animali diverse. Quest’anno sono 164, indice dello buono stato di salute dei fondali del Parco e di una crescita della già ricca biodiversità presente nelle diverse zone di tutela. Un lieve incremento che, anche se non ha valore scientifico, resta molto significativo. Di queste 164 specie, il 37% sono pesci, il 21% molluschi, il 6% crostacei, l'11% poriferi (spugne) e poi via via tutte le altre innumerevoli creature dei fondali. L’iniziativa, organizzata dall’Area Marina Protetta di Punta Campanella, ha visto la collaborazione dei diving Nettuno, Punta Campanella, Futuro Mare, School e delle associazioni subacquee J. Cousteau e Centro sub Torre del Greco.


Libri. “Uomini. Viaggi. Ingredienti”, lo chef Rino de Feo si racconta

Lo chef Rino de Feo e il giornalista Luigi D’Alise
Il volume, a cura di Luigi D’Alise, raccoglie anche tante ricette che stanno spopolando in Cina

Sorrento - È appena uscito “Uomini, viaggi, ingredienti”, il libro intervista in cui lo chef Rino de Feo, napoletano di origine e cinese di adozione, si racconta al giornalista Luigi D’Alise. Il volume, pubblicato da Areablu Edizioni, raccoglie un lungo dialogo ambientato tra Italia ed Estremo Oriente, corredato da un’appendice di venti ricette di altrettanti piatti che hanno reso lo "chef viaggiatore" famoso prima in Indonesia ed ora in Cina. Il libro, impreziosito dalle fotografie di Giuseppe Di Capua, ripercorre la storia di questo cuoco partito dalla sua Castellammare di Stabia, la città delle terme incastonata nel Golfo di Napoli, alla volta della Repubblica Popolare Cinese, lo stato laico più popolato al mondo e dell’Indonesia, la comunità musulmana più numerosa del pianeta. Due posti da “evangelizzare” con l’unica religione che lui conosce: la cucina napoletana. “Amo questi piatti perché rispettano i sapori e le tradizioni, due elementi che vincono sempre - spiega lo chef de Feo - Coniugo le antiche ricette con l’arte e i colori. Quando entri in sala e vedi la gente sorridere, i clienti che si complimentano per i tuoi piatti, ti carichi per sfide sempre più grandi, soprattutto con te stesso. Oggi in Cina, domani chissà. Sono sempre pronto a portare in giro per il mondo la valigia delle emozioni della mia terra.
 

Chef Cannavacciuolo farà tappa a Vico Equense per la nuova stagione di ‘O mare mio

Antonino Cannavacciuolo e Andrea Buonocore
Lo Chef prossimamente di nuovo in viaggio per l’Italia alla scoperta delle ricette, delle tradizioni e delle tecniche di pesca dei borghi marinari 

Vico Equense - Sarà Vico Equense una delle tappe della seconda stagione di ‘O mare mio, il programma con Antonino Cannavacciuolo che ha debuttato a gennaio scorso sul canale Nove, prodotto da Endemol Shine Italy per Discovery Italia, basato su un’idea dello stesso Chef, che tornerà in onda prossimamente sempre sul Nove. ‘O mare mio è un viaggio nei sapori, nei mari e nelle tradizioni italiane condito con l’ironia e le proverbiali pacche di chef Cannavacciuolo e, in questa nuova stagione, tra le città che lo Chef visiterà, ci sarà appunto Vico Equense, la città dove Antonino Cannavacciuolo è nato e dove, appena può, fa un salto per stare insieme alla sua famiglia, che vive ancora nella frazione di Ticciano. “Una terra come la mia – scrive Chef Cannavacciuolo sul suo sito - lascia un’impronta che ti porti dietro dappertutto.” Vico Equense è casa, sua nonna paterna rappresenta per lui un grande punto di riferimento e ancora oggi snocciola la sua filosofia spicciola con infiniti aforismi oltre a tenerla sempre in mente ogni volta che va in onda. Famose le sue “pacche” in senso affettuoso per esortare o riprendere i giovani chef, ma anche per benedire chi va sotto la sua sferza. «Sono orgoglioso – ha commentato il Sindaco Andrea Buonocore – che i figli di questo territorio, che si sono affermati, non abbiano dimenticato le loro origini e la terra in cui sono nati e cresciuti. Tra gli obiettivi, - continua Buonocore - dell’Amministrazione comunale, è quello di costruire un sistema territoriale che aggreghi tutti i soggetti e le risorse legate all'agroalimentare per arrivare a candidarsi a “Città creativa per la gastronomia Unesco”». Le eccellenze della gastronomia ormai da queste parti si sentono a casa, perché da tutti Vico è definita come la "città golosa". Nella puntata di ‘O mare mio ambientata a Vico Equense, Chef Cannavacciuolo andrà per mare con i pescatori alla ricerca di prodotti da trasformare in manicaretti e recluterà tre bravi cuochi amatoriali del suo paese natio. Il suo obiettivo è di trovare la migliore ricetta della tradizione locale, che servirà come fonte d’ispirazione per la creazione di un piatto da dedicare alla sua Città e sarà lui stesso a proclamare il vincitore tra i tre cuochi amatoriali. «Coniugare tradizione, cultura e gastronomia, è quanto di meglio si può fare per valorizzare e promuovere in ambito nazionale il nostro territorio incluso tra le città della gastronomia più splendenti d'Italia per densità stellari», ha affermato l’assessore al turismo Lucia Vanacore.

Gusto. La frusta sorrentina alla conquista del Triveneto

Antonio Esposito
A Gorizia, per la rassegna “Gusti di Frontiera”, le specialità dello chef pizzaiolo Antonino Esposito 

Sorrento - Da oggi a domenica, le creazioni del maestro pizzaiolo Antonino Esposito e quelle dello chef Gennaro Vingiano saranno tra le protagoniste dell’edizione 2017 di Gusti di Frontiera, la kermesse enogastronomica più grande del Triveneto, che fino al 24 settembre porterà a Gorizia oltre 350 stand in rappresentanza di 42 Paesi. Nello spazio riservato al ristorante “Acqu’e Sale”, il locale inaugurato due anni fa a Marina Piccola di Sorrento da Antonino Esposito, saranno preparati piatti di pasta di Gragnano con ragù napoletano e gustose fruste sorrentine con fior di latte di Agerola e pomodorini del Vesuvio. Giunta alla sua 14ma edizione, Gusti di Frontiera è organizzata dal Comune di Gorizia ed offre bontà di tutto il mondo, irresistibile e sfizioso cibo da strada, osterie negli angoli più suggestivi del centro storico. Un mappamondo di sapori, profumi e colori che sarà corredato anche quest’anno dal Salotto del Gusto, che porterà nel capoluogo isontino momenti di incontro e tantissimi ospiti. Questo pomeriggio, l’inaugurazione, con la chef e giudice di Masterchef Antonia Klugmann, Davide Paolini, il “gastronauta” del Sole 24 Ore ed una leggenda del giornalismo sportivo: Bruno Pizzul. Nei prossimi giorni, ospiti del salotto saranno, tra gli altri, lo chef Gianfranco Vissani, Camila Raznovich, conduttrice dei programmi tv “Kilimangiaro” e radio “RadiodueComeVoi” ed Emanuele Scarello, chef del ristorante “Agli Amici” di Godia.

giovedì 21 settembre 2017

Ubik Vico Equense, in ricordo di Bice Foà. Presentato il libro “Donna, ebrea e comunista”

Vico Equense - Questa sera, alla libreria Ubik di Vico Equense è stato presentato il libro “Donna, ebrea e comunista” di Bice Foà, scomparsa lo scorso mese di aprile. All'incontro è intervenuto il sindaco di Vico Equense Andrea Buonocore. L’autrice, moglie del dirigente del Pci Gerardo Chiaromonte, ricostruisce la storia della sua famiglia di origini ebraiche e dunque oggetto di vessazioni. Una famiglia della tipica borghesia napoletana che intreccerà preziosi legami con altre famiglie eccellenti come i Sereni, i Tagliacozzo e i Pontecorvo. Poi il dramma della persecuzione e dell’esilio che ha condannato a morte molti suoi parenti e amici. La liberazione e il ritorno alla normalità negli anni è condivisa con personaggi eccellenti della scena culturale e politica partenopea e nazionale come Eduardo de Filippo, Palmiro Togliatti, Ludovico Quadroni, Giorgio Amendola, Rocco Scotellaro e Giorgio Napoletano. Bice Foà Chiaromonte, insieme al marito Gerardo e alla sua famiglia, ha avuto un profondo legame con la città di Vico Equense, e ha vissuto, con passione, l’impegno politico e civile per la crescita democratica del Paese.

Rischio idrogeologico. Sopralluogo sul Faito

Vico Equense - Questa mattina, sopralluogo sul monte Faito, predisposto dall'Ente Parco dei Monti Lattari, per individuare le aree che possono costituire un pericolo e programmare degli interventi di messa in sicurezza, evitando così l’impraticabilità di via Nuova Faito, la strada che collega la frazione di Moiano con la vetta della montagna, e garantendo la sicurezza dei cittadini. Contrastare rapidamente il dissesto idrogeologico. Con l’inverno alle porte, si teme per il rischio frane. E’ questa la priorità dell’Amministrazione comunale di Vico Equense. Il sindaco Andrea Buonocore lo ha detto chiaro e tondo: “Serve una mano. Per dare un messaggio di serenità e speranza al Faito, c’è bisogno di aiuto e risorse.” I canali di scolo sono ostruiti dai detriti, le vasche borboniche che raccolgono il "troppo pieno" delle piogge sono ormai vecchie e senza manutenzione da decenni, manca la pulizia delle zanelle. In caso di pioggia forte, si rischiano allagamenti, danni e disagi dalle conseguenze persino drammatiche. Questa mattina, quindi, il sindaco Andrea Buonocore, l’Assessore ai lavori pubblici Gennaro Cinque, il comandante dei vigili urbani Ferdinando De Martino, i tecnici della SMA Campania, il presidente dell’Ente Parco dei Monti Lattari Tristano Dello Joio, hanno compiuto una perlustrazione sui territori devastati dagli incendi, per calendarizzare gli interventi di somma urgenza necessari alla difesa della pubblica incolumità. Fissato, altresì, un tavolo tecnico per l'inizio della prossima settimana, con tutti gli enti coinvolti, sul dissesto idrogeologico.

La mozzarella di bufala campana Dop nel menù dei Rolling Stones

Gennaro Esposito
Lo chef Gennaro Esposito servirà circa 600 ospiti italiani e internazionali oltre alla storica band 

Fonte: Valeria Scotti da Napoli Today 

La mozzarella di bufala campana dop, simbolo del made in Italy, sarà la grande protagonista sulle tavole imbandite per l'ultima serata del Lucca Summer Festival che, il 23 settembre, ospiterà il concerto dei Rolling Stones. Il menu è affidato a Gennaro Esposito - con il suo ristorante Torre del Saracino a Vico Equense si è affermato come uno dei più talentuosi chef della sua generazione - che servirà circa 600 ospiti italiani e internazionali oltre alla storica band. "Ho pensato di offrire gusti che riescano a interpretare al meglio i sapori tipicamente italiani, il calore del mediterraneo, i profumi e i colori dell'energia che coltiviamo", ha fatto sapere lo chef.

"Premio Penisola Sorrentina - Arturo Esposito", regione Campania al fanco del territorio per valorizzare le eccellenze culturali

Dichiarazione di Alfonso Longobardi, consigliere regionale della Campania e Vicepresidente Commissione Bilancio

Piano di Sorrento - “La Regione Campania investe sulla cultura, è al fianco dei territori e sostiene progetti sani di sviluppo e valorizzazione delle nostre eccellenze. In tal senso un esempio significativo è rappresentato dal "Premio Penisola Sorrentina - Arturo Esposito" che quest'anno giunge alla 22esima edizione e aiuterà sicuramente ad attrarre visitatori e turismo sano e de-stagionalizzato, rspetto al trend estivo che da tempo raggiunge il sold out. La Regione Campania sta assicurando alla Penisola Sorrentina ogni intervento necessario a mettere in sicurezza il territorio, tutelandone il paesaggio e l'ambiente. Sostenere economicamente iniziative come il Premio Penisola Sorrentina si inserisce in una più ampia programmazione della Regione sull'intero comprensorio Sorrentino -Amalfitano. Ho infatti seguito personalmente azioni contro il rischio idrogeologico, difesa suolo, mobilità, sviluppo sostenibile, valorizzazione culturale e promozione turistica. Il tutto in una visione sistemica coerente con le vocazioni del territorio. Ringrazio per la meritoria iniziativa del Premio Penisola Sorrentina il Sindaco di Piano Enzo Iaccarino, l'Assessore comunale Carmela Cilento, il direttore artistico del Premio Mario Esposito e la dottoressa Tommasina Budetta, direttrice del Museo George Valletche verrà riaperto sabato insieme ad una parte finora non fruibile del parco di Villa Fondi.”

Libri. A Sorrento la presentazione di “Totò sbanca”

Domenica 24 settembre, ore 10.30, sala consiliare del Palazzo Comunale

Sorrento - “Totò sbanca. Conoscere e amare il principe Antonio De Curtis” è il titolo del libro dei giornalisti Gianni Ambrosino e Aldo De Francesco, edito dalla Iuppiter Edizioni, che sarà presentato domenica 24 settembre, alle ore 10.30, nella sala consiliare del Palazzo Municipale di Sorrento. Interverranno, alla presenza degli autori, il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, l’assessore alla Cultura, Maria Teresa De Angelis, il regista Giuseppe Alessio Nuzzo e lo scrittore Raffaele Lauro. Modera il giornalista Antonino Pane. A cinquant'anni dalla morte di Totò, gli autori hanno voluto ripercorrere vita e carriera di un grande dello spettacolo e della commedia dell'arte che ancora oggi, nonostante il mutare di modi, costumi e tendenze, è al centro della scena. Il libro è un saggio corale che narra e svela grandezze, amori, fragilità e sogni del "marziano del Rione Sanità", come lo definì Luigi Compagnone, attraverso originali interventi, racconti inediti, una sorprendente sezione antologica e un'ultima parte in cui scorre inarrestabile il fiume di battute, curiosità e aneddoti.

Truffa da 125mila euro a gioielleria di Capri, denunciata coppia inglese

Capri - Truffa ai danni di una gioielleria di Capri. E' l'accusa con cui sono stati denunciati due turisti inglesi che avrebbero effettuato acquisti per circa 125mila in un negozio di gioielli nell'isola con una carta di credito intestata a uno zio ignaro del tutto. La transazione inizialmente è andata a buon fine consentendo ai due di andar via dal negozio carichi di gioielli, ma poco dopo il pagamento è stato bloccato perché è risultato essere una truffa. I titolari della gioielleria hanno avvertito immediatamente gli agenti della polizie che si sono messi alla ricerca della coppia: 23 anni lei e 35 lui. Nel giro di poche ore la ragazza, che era ritornata nella stessa gioielleria con lo scopo di fare ulteriori acquisti, è stata fermata a pochi passi dalla Piazzetta. Il compagno è stato invece bloccato poco dopo sul porto di Capri mentre era in procinto di lasciare frettolosamente l’isola. La refurtiva è stata interamente rinvenuta e dopo le formalità di rito, per la coppia britannica è scattata una denuncia a piede libero con l’accusa di truffa aggravata.

Via Fontanelle, c'è il progetto ma servono quattro milioni

Previsto un ponte per rifare la strada. Resta il nodo fondi 

Fonte: Massimiliano D'Esposito da Il Mattino 

Sorrento - Il progetto definitivo c'è, ma resta da superare lo scoglio più arduo; reperire i fondi necessari alle opere. Sono necessari, in base alle stime dei tecnici, circa 4 milioni e 400 mila euro per rifare il tratto di 60 metri di via Fontanelle crollato il 5 marzo del 2014 per una frana causata da intense piogge. Evento che provocò anche la distruzione di una casa e pesanti danni ad un'altra abitazione adiacente. Da quel giorno una ventina di famiglie che risiedono in contrada Li Simoni, nella zona collinare della frazione del Capo di Sorrento, sono pressoché isolate, potendo contare per i loro spostamenti solo su un percorso alternativo che attraversa i campi fino a raggiungere via Nastro Verde ali' altezza del bivio che conduce al borgo di Priora. «Da più di tre anni siamo costretti ad affrontare pesanti difficoltà - spiega Michele Gargiulo, uno degli abitanti della zona -. I miei genitori sono anziani e quando hanno bisogno di uscire per sottoporsi a visite mediche o per altre incombenze sono costretti a vere e proprie peripezie. Lo stesso vale per chi ha figli piccoli da accompagnare a scuola. Il Comune di Sorrento continua ad imporci il pagamento delle tasse, ma di rifare la strada nessuno sembra preoccuparsi». Una situazione che può diventare drammatica m caso di emergenza. La zona, infatti, è impossibile da raggiungere per i mezzi di soccorso. La conferma si è avuta già nelle settimane successive allo smottamento, quando un uomo di 39 anni ha accusato un malore.
 

Strappo tra i renziani sul congresso Pd. Pressing per il rinvio

Dopo Marciano anche Valente e Impegno chiedono un tutor 

Fonte: Simona Brandolini da Il Corriere del Mezzogiorno 

«San Gennaro, per piacere, abbi cura di tutti: anche del Pd napoletano». La butta in battuta Antonio Bassolino, ma effettivamente ai dem napoletani servirebbe quasi una raccomandazione divina. Il 2 ottobre dovrebbero essere presentate le candidature per il congresso provinciale. Dovrebbero, perché a tutt'oggi la commissione di garanzia non è stata votata (la scorsa settimana la direzione è saltata per mancanza di numero legale, pare si riunirà lunedì). Il punto è che ormai c'è uno strappo nella maggioranza renziana. Pezzi importanti stanno chiedendo il rinvio del congresso e un «accompagnamento», un tutor inviato dal partito romano. Ieri sera ne hanno discusso il vicesegretario Maurizio Martina e il presidente del partito Matteo Orfini. Ma andiamo con ordine. A sollevare le prime perplessità e a chiedere a gran voce il ripristino minimo delle regole è stato il consigliere regionale, di fede martiniana, Antonio Marciano. «Ci sono problemi organizzativi, il congresso m queste condizioni non si può fare», dice. Tra i problemi «a Pompei (circolo commissariato da anni), Castellammare (circolo con facilitatore), Grumo Nevano (circolo commissariato da anni), a Terzigno, a Miano (circolo commissariato). Mercato - Pendino, Portici (dove il segretario è dimissionario) qualcuno sa dirmi qualcosa degli uffici adesioni e del tesseramento?». Nessuno può dir nulla perché effettivamente non ci sono e i termini scadono il 25 settembre. Ma, dicevamo, il primo a sollevare dubbi è stato Marciano ma il fronte ora è molto più vasto.
 

A Francesco&Salvatore Salvo il riconoscimento per la Pizza Napoletana dell'anno del Gambero Rosso

Portano a casa due prestigiosi riconoscimenti i fratelli Francesco e Salvatore Salvo della “Pizzeria Salvo da Tre Generazioni” di San Giorgio a Cremano. Laura Mantovano, responsabile per il Gambero Rosso della guida dedicata alle Pizzerie d’Italia 2018 li ha premiati, a nome della giuria, con il massimo riconoscimento del settore, i Tre Spicchi. Ma i due fratelli Salvo hanno ricevuto anche l’ambito Premio Speciale per la miglior “Pizza dell’Anno” nella sezione “Pizza Napoletana”, pensata assieme allo chef stellato Nino Di Costanzo del “Danì Maison” di Ischia, dal titolo “Paparuolo ‘Mbuttunato”. “Si tratta di una pizza profondamente legata alla tradizione campana e alla storia della nostra famiglia” ha detto Salvatore. “La ricetta del peperone è quella di mia nonna, ma rielaborata grazie alla tecniche di cucina di un grande chef e, per questo, vogliamo dedicare il premio anche a Nino Di Costanzo.” Gli ingredienti sono: crema di peperone giallo, fiordilatte, bufala affumicata, provolone stagionato, peperoni marinati, prezzemolo, capperi croccanti, olive nere e pane croccante. “Questa pizza fa parte della “nouvelle vague” delle Pizze stellate” ha aggiunto Francesco “quelle che nascono da nostre proposte e che poi realizziamo in collaborazione con grandi chef, come Cerea, Gennaro Esposito, Knamm, Salomone, Oldani e Salvatore Bianco, grazie alla condivisone che fanno con noi delle raffinate tecniche di cucina di cui sono grandi conoscitori. Il nostro obiettivo è di essere innovativi senza mai dimenticare la tradizione.”

mercoledì 20 settembre 2017

Vico Equense. “Medicina” di Lello Bavenni al premio Gian Franco Lupo “Un sorriso alla Vita”

Vico Equense - Quaranta opere di artisti italiani e stranieri, tra disegni, dipinti, sculture e installazioni, parteciperanno a Matera dal 22 al 28 settembre alla prima edizione della mostra-concorso internazionale "Premio Gian Franco Lupo - Un sorriso alla vita" che lega i temi della solidarietà a quelli della salute, della sanità e della pace. L'iniziativa sarà ospitata negli ambienti dell'ex ospedale San Rocco. Tra i nomi dei pittori in concorso, provenienti da tutta Italia, anche l’artista di Vico Equense Lello Bavenni, che partecipa con un quadro dal titolo “Medicina” (foto). La cerimonia di premiazione degli artisti vincitori, si terrà nel corso della serata del 28 settembre 2017 nello stesso luogo che ospiterà l’esposizione delle opere.

Maleducati da bandire

di Filomena Baratto

Vico Equense - Da quando abbiamo tutta questa tecnologia a disposizione, crediamo di essere delle divinità. Crediamo! Vuoi dire qualcosa a qualcuno? Basta un messaggio, nella sua bella nuvoletta bianca. Agli amici? Basta whatsapp. Vuoi raggiungere un’istituzione, una persona? Basta scriverle un’e-mail. Ma la tecnologia non ci preserva dalle delusioni, dalla maleducazione, dalla cattiveria. Con la comunicazione più celere, aumentano anche le possibilità di aggirare i problemi e gestire le relazioni mettendo fuori il peggio di noi quando facciamo sfoggio della maleducazione. Può succedere che, inviando un messaggio non si riceva risposta, che a una telefonata non si ottenga riscontro, nemmeno nei giorni successivi. Sulle prime pensi che il destinatario abbia bisogno di tempo per riflettere. Poi ti rendi conto che quella che tu avevi preso per riflessione non è altro che menefreghismo. Oggi che viviamo col telefonino relegato praticamente nel palmo della mano, non è credibile che un messaggio passi inosservato o una notifica venga meno o anche una telefonata non sia memorizzata. Sappiamo in tempo reale cosa fanno i figli, il marito, la moglie, gli amici e poi lasciamo in stand by un messaggio per giorni, conoscendone la provenienza e il motivo, dilungando il tempo di risposta quando forse abbiamo già deciso di non prenderlo proprio in considerazione. Sarebbe meglio a questo punto chiarire il pensiero, le intenzioni. Ma no! Si tergiversa producendo effetti contraddittori.
 

Al via il progetto sfera supporti formativi ed educativi alle reti di accoglienza

Penisola sorrentina - Il Piano Sociale di Zona dell’Ambito Territoriale “Napoli Trentatré” comunica che è in fase di avvio il progetto « S.F.E.R.A. - Supporti Formativi ed Educativi alle Reti di Accoglienza », cofinanziato dall’Unione Europea e dal Ministero dell’interno – Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione (Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione 2014-2020) e realizzato dalla Cooperativa Sociale Shannara (capofila) insieme alla Cooperativa Sociale Casba ed all’ Associazione Nova Koinè, grazie al prezioso contributo del C.P.I.A. – Centro Provinciale per l’Istruzione degli Adulti di Napoli Provincia 2 . Il progetto si avvale di formatori esperti e di mediatori madrelingua ed è finalizzato a rafforzare e potenziare i servizi erogati dal C.P.I.A. Centro Provinciale per l’Istruzione agli Adulti Napoli Provincia 2, sui territori delle sedi associate (nei comuni di Comune di Castellammare di Stabia, Nola, Pomigliano D’Arco, Portici, San Giorgio a Cremano, Sorrento , Torre Annunziata e Torre del Greco). Le attività sono finalizzate al conseguimento da parte dei destinatari, cittadine e cittadini stranieri di paesi terzi (extra UE) regolarmente soggiornanti , delle competenze linguistiche di livello A2 , anche attraverso l’erogazione di moduli sperimentali didattici in area educazione civica, Codice della Strada e sicurezza stradale, salute e lavoro.

Ubik Vico Equense, in ricordo di Bice Foà. “Donna, ebrea e comunista”, domani la presentazione

Bice Foà
Vico Equense - Domani, 21 settembre 2017, ore 18.00, alla libreria Ubik di Vico Equense presentazione del libro “Donna, ebrea e comunista” di Bice Foà, scomparsa lo scorso mese di aprile. Interverranno Anna Maria Carloni, deputato del PD, Aldo Cennamo, ex parlamentare del PCI e Letizia Paolozzi, giornalista. Modera Pina Gambardella. Bice Foà Chiaromonte ricostruisce la storia della sua famiglia, che si intreccia a quella dei Sereni, dei Tagliacozzo e dei Pontecorvo e tutta la sua vita: la shoah e la guerra, la Liberazione, la militanza comunista. Mentre sfilano, davanti a noi personaggi che hanno fatto la Storia d’Italia: da Eduardo De Filippo a Palmiro Togliatti, da Ludovico Quaroni a Giorgio Amendola, da Rocco Scotellaro a Giorgio Napolitano. Storia, aneddoti, episodi inediti fanno da sfondo alla narrazione della vita della protagonista e di suo marito, Gerardo Chiaromonte, esponente della corrente migliorista del PCI napoletano.

Vico Equense. Via Raffaele Bosco, divieto di transito per gli autocarri

Via Raffaele Bosco
Vico Equense - Fino al 10 giugno 2018 è in vigore lungo tutta la Raffaele Bosco, dalle 7.15 alle ore 8.30, il divieto di circolazione per gli autocarri con portata superiore a 35 quintali, con esclusione della domenica e dei festivi infrasettimanali. L’arteria ogni giorno è percorsa da centinaia di veicoli, compresi automezzi pesanti, i quali, a causa della ristrettezza della carreggiata incontrano serie difficoltà in fase d’incrocio con altri automezzi di grosse dimensioni, tanto che in alcuni casi la circolazione si blocca, così come è capitato alcuni giorni fa. Agevolare il deflusso del traffico, su questa strada, è sempre stato un problema. Strisce pedonali ingombre, parcheggi selvaggi, soste davanti ai negozi, ecc. sono solo alcuni dei disagi creati dai tanti automobilisti indisciplinati che si aggirano per il Comune. Al Comando della polizia municipale giungono quotidianamente le rimostranze di cittadini inferociti, specie durante le prime ore del mattino. Infatti, i ritardi accumulati da parte degli autobus di linea, a causa dei rallentamenti della circolazione, fanno saltare le coincidenze con il servizio ferroviario per studenti e lavoratori. L’Amministrazione del Sindaco Andrea Buonocore ha deciso di correre ai ripari, chiedendo al comandante dei vigili urbani Ferdinando De Martino di adottare il provvedimento a tutela di chi utilizza i mezzi pubblici, in particolare nelle prime ore del mattino.

Seiano “Sireneo d’Aequa”, stop del Tar alla demolizione

Vico Equense - Il Tar della Campania ha accolto il ricorso del consigliere regionale di Forza Italia, Flora Beneduce, e di suo marito Armando De Rosa, proprietari del resort “Il Sireneo d’Aequa” alla marina di Seiano, contro l’ordinanza di demolizione emessa dal Comune di Vico Equense nel gennaio del 2015. L’allora responsabile firmò il provvedimento con la motivazione che c’erano delle difformità nello stato dei luoghi, rispetto a quanto dichiarato per ottenere il condono edilizio, quindi due corpi di fabbrica della struttura destinata ad attività turistica, dovevano essere abbattuti. Ieri mattina i giudici amministrativi hanno ribaltato il tutto, annullando l’ordinanza di demolizione. Stesso esito per un accertamento tecnico della polizia provinciale di Napoli e per il procedimento amministrativo avviato dal Comune. Per il Tar i due immobili risultano chiusi proprio come veniva precisato dalla sanatoria datata 2005. E dunque, per gli stessi magistrati amministrativi, non ci sono difformità rispetto a ciò che veniva sancito con quel condono.

Giornata Mondiale per la lotta contro l’Alzheimer Leo Gullotta racconta la malattia in “Lettere a mia figlia”

Giuseppe Nuzzo e leo Gullotta
In occasione della Giornata Mondiale per la lotta contro l’Alzheimer, il 21 settembre, Studio Universal (Mediaset Premium DT) presenta con Paradise Pictures, il pluripremiato cortometraggio “Lettere a mia figlia” di Giuseppe Alessio Nuzzo, interpretato da Leo Gullotta nei panni di un anziano padre che scrive delle lettere alla figlia nel tentativo di spiegare la sua malattia. Il corto sarà in onda, sul Canale del grande cinema americano classico il 21 Settembre alle 15.15 all’interno del magazine A Noi Piace Corto. «Un corto che serve a far entrare chi guarda in questa piccola storia di una malattia terribile, l'Alzheimer» così Leo Gullotta, protagonista del film breve “Lettere a mia figlia”, finalista in centinaia di festival in tutto il mondo e vincitore di decine di premi tra cui la menzione speciale ai Nastri d'Argento e il premio come migliore cortometraggio al Giffoni Film Festival. Girato in Campania tra Napoli e provincia e prodotto da Paradise Pictures con Pulcinella Film, vede la regia di Giuseppe Alessio Nuzzo, che lo scorso Aprile ha esordito con il suo primo lungometraggio “Le verità” con Francesco Montanari, Nicoletta Romanoff, Anna Safroncik e la partecipazione di Maria Grazia Cucinotta.
 

La Capitaneria sequestra 3 tonnellate di frutti di mare

Guglielmo Cassone
Castellammare di Stabia - Gli uomini della Capitaneria di Porto di Castellammare di Stabia, coordinati dal Capitano di Fregata Guglielmo Cassone, nell’ambito dell’intensa attività di vigilanza posta in essere per tutelare la sicurezza della navigazione e la legalità, per quel che concerne la filiera della pesca, la commerciabilità e la somministrazione al pubblico, hanno recuperato, nei fondali antistanti l’area portuale di Castellammare di Stabia circa 3000 chilogrammi di mitili provenienti da coltura illecita per omessi controlli sanitari. Tale operazione ha visto oltre l’intervento dei dipendenti mezzi navali anche del nucleo subacquei della Guardia Costiera e di personale della ASL di Sorrento. “Tale sequestro – spiega il comandante Cassone – ribadisce il costante impegno rivolto alla pesca illegale, a tutela della salute dei cittadini. È utile ribadire in questi casi che anche i consumatori devono porre massima attenzione al momento dell’acquisto di questi prodotti, diffidando da venditori improvvisati che, con ogni probabilità, possono risultare i principali responsabili della messa in commercio di alimenti dannosi come quelli che oggi la Guardia Costiera ha posto sotto sequestro”.

Accordo tra Stato e boss mafiosi: “Oltre la trattativa” a Meta

Meta - Per venticinque anni, il giornalismo d’inchiesta e la pubblicistica hanno indirizzato il racconto in un’unica direzione. Ma, da qualche tempo, emergono crepe e crepacci nella narrazione e nel circuito mediatico-giudiziario che vuole accreditare, al di là delle risultanze logiche e indiziarie, l’ipotesi (ardita) di un accordo tra apparati dello Stato (i carabinieri del Ros ed esponenti politici) e i boss mafiosi di Cosa nostra. Un libro coraggioso concorre a ribaltare questa visione. Si chiama Oltre la trattativa ed è stato scritto da Vincenzo Zurlo, sottoufficiale dei carabinieri, laureato in giurisprudenza e specializzatosi in criminologia forense, per i tipi della Iuppiter. Il testo sarà presentato venerdì 22 settembre alle ore 18.30 nell’ambito della rassegna letteraria LibriAmo, a cura dell’associazione culturale Sfumature in Equilibrio, patrocinato del Comune di Meta e promosso dall’assessore alla cultura Biancamaria Balzano, presso la sede di via Tommaso Astarita 50, a Meta di Sorrento. Momenti espressivi affidati alla cura del M° Luisa Esposito.

Sorrento, bufera sulla pubblicità di Federalberghi: «Sessista e vergognosa»


Fonte: Ciriaco M. Viggiano da Il Mattino 

Sorrento - «È una pubblicità vergognosa che sembra propagandare un turismo sessuale, grave ancora di più in un periodo in cui c’è una preoccupante escalation di violenze sulle donne»: così i Verdi commentano la foto che campeggia sul catalogo delle strutture ricettive della penisola sorrentina diffuso dalla sezione locale di Federalberghi in occasione di fiere e manifestazioni dedicate al turismo. L'immagine ritrae una giovane donna, in abito cortissimo e aderente, mentre cammina con la valigia in mano lasciando ben poco spazio all'immaginazione. Secondo Fiorella Zabatta, co-portavoce dell'esecutivo nazionale dei Verdi, e Marilena Schiano Lo Moriello e Benedetta Sciannimanica, membri del coordinamento delle donne Verdi della Campania, «sarebbe opportuno porre un freno a queste pubblicità squallide in cui le donne sono viste sempre e solo come un oggetto e usate come tale senza alcun riferimento al prodotto o al servizio che si vuole promuovere».

Vico Equense, Leonardo ringrazia


Natale a Vico Equense, invito per manifestazione di interesse

Piazza Mercato
Possono partecipare le aggregazioni territoriali senza scopo di lucro. Le domande devono essere inoltrate entro il 15 ottobre 

Vico Equense - Al via una manifestazione di interesse per presentare proposte da inserire nel calendario cittadino del Natale, il fine è di mettere a sistema in un'unica programmazione eventi, iniziative, spettacoli, percorsi turistici da realizzarsi a Vico Equense tra l'8 dicembre 2017 e il 7 gennaio 2018. Il sindaco Andrea Buonocore e l’Assessore al turismo Lucia Vanacore, hanno invitato le aggregazioni territoriali senza scopo di lucro del territorio (associazioni/fondazioni, parrocchie/oratori, cooperative ecc.) a presentare le loro proposte. L’ intenzione è di regolamentare in tempo le attività natalizie, vivacizzando la città e coinvolgendo il pubblico, in particolare i giovani, attraverso la valorizzazione e il recupero delle tradizioni locali. L'amministrazione comunale garantirà il patrocinio dell’Ente alle proposte meritevoli, oltre all’eventuale contributo sotto forma di promozione, utilizzo di spazi comunali e partecipazione alle spese. “Un modo più razionale per offrire alla città un calendario di eventi organico e diversificato”, commenta l’Assessore al turismo Lucia Vanacore. Gli interessati, dovranno indirizzare le loro proposte al responsabile dei servizi turismo e cultura della Città di Vico Equense e consegnate, entro e non oltre il 15 ottobre 2017 all’Ufficio protocollo del Comune in Piazza Mercato o spedite via mail all'indirizzo protocollo@pec.vicoequense.gov.it

Trasporto scolastico disabili, intervista all'assessore Franco Lombardi

Franco Lombardi
Vico Equense - Il trasporto scolastico e l’assistenza specialistica, degli alunni con disabilità che frequentano le scuole secondarie di secondo grado, sono servizi che devono essere garantiti dalla Regione Campania, che poi li eroga attraverso il piano sociale di zona. La regione, quest’anno, ha assegnato al Comune di Vico Equense la somma di 19mila euro per il trasporto, stessa cifra per l’assistenza. “Soldi che saranno girati direttamente al piano sociale, che deve assicurare questi servizi, così come stabilito dalla Regione”, ci spiega Franco Lombardi, assessore alle politiche sociali. Ad agosto per evitare che si rallentasse l'avvio delle assistenze dovute, la Regione, ha anticipato la spesa di 7 milioni e mezzo di euro per tutto il territorio, diventati pochi giorni fa 8 milioni e mezzo, grazie a un aumento concesso dal governo. “Un risultato significativo che la Regione ha raggiunto grazie alla costante partecipazione ai tavoli nazionali sede di contrattazione dei criteri di riparto del Fondo governativo destinato alle Regioni” ha ammesso l'assessore regionale alle politiche sociali Lucia Fortini. Ci può spiegare, assessore Lombardi, come ci si avvale del servizio scolastico di trasporto? “Gli alunni che richiedono questo servizio, sono riconosciuti dall’ASL di competenza, che lo certifica. Poi, s’inoltra domanda all’Istituto scolastico, che segnala i nomi al PSZ (piano sociale di zona). ” Il servizio, quest’anno, è partito regolarmente con l’inizio dell’anno scolastico? “No, perché l’iter per la realizzazione è molto complesso. Tant’è che già lo scorso anno, il coordinamento istituzionale del PSZ, individuò una soluzione alternativa, un contributo alle famiglie, erogato tramite il piano sociale di zona, che lo corrisponde agli aventi titolo alla fine dell’anno scolastico.” Facciamo un esempio: Una famiglia di Vico Equense, che ha un figlio che va a scuola a Sorrento, quanto riceverà di contributo? “L’anno scorso la cifra erogata per un caso del genere è stata di circa 2mila e 200 euro, per l’intero anno scolastico. Questa, però, non è una cifra fissa, varia a seconda di alcuni parametri (distanza, Comune di residenza, giorni di frequenza ecc.) ”

martedì 19 settembre 2017

Punta Scutolo

Punta Scutolo
di Filomena Baratto

Vico Equense - “Scutulum” in latino sta per piccolo scudo, ma la Punta è un baluardo roccioso che fa da parete divisoria tra Meta e Vico. Per un errore di trascrizione finì per diventare Scutari, ma per quanto sia importante il nome, a noi interessa questo pezzo di roccia che è un punto di riferimento e confine di Vico. Risalta non solo per l’altezza, ma per il colore che cambia in base al tempo. Potremmo quasi chiedere di aggiungere alla tavolozza del pittore il beige Scutolo, dopo il terra di Siena, il verde veronese…Come si fa a definire il suo colore se ne cambia uno a stagione e nella stessa stagione, ogni giorno e parte di giorno. Quelle striature, che la solcano in altezza, rendono il tratto di mare intorno di un verde scuro e intenso, facendone un punto di incontro felice tra acqua, vegetazione e terra. Fortunatamente la sua posizione, come l’imponenza, ha dissuaso gli animi dal voler rendere questo luogo da naturale ad antropico. Le quattro case sulla groppa sono privilegiate, godono di uno spettacolo unico. Ho potuto apprezzare la bella vista da “Villa Scutolo”, Bed and Breakfast rinomato dove i clienti, se ci andassero solo per questo, potrebbero ritenersi fortunati.
 

Evento, Note in Cammino: 1° Trekking e Concerto tra le neviere ed i faggi secolari del Monte Faito

Domenica 24 settembre 2017 

Vico Equense - “Note in Cammino: 1° Trekking e Concerto con Aperitivo tra le neviere ed i faggi secolari del Monte Faito” è un’esperienza diversa di vivere la montagna e prevede: un meraviglioso trekking condotto da una guida Aigae tra le neviere e i faggi secolari (alcuni sopravvivono da oltre 400 anni) sul sentiero che parte dalla sorgente “la Lontra”; una sosta al centro della faggeta per ascoltare il duo di archi composto da Andrea de Martino alla viola e Rocco Roggia al violino, talenti partenopei già affermati in campo internazionale (vantano infatti concerti al Teatro San Carlo ed all’Arena di Verona); ricco rinfresco con bontà locali offerto dagli sponsor. Inoltre il percorso e gli alberi saranno polo espositivo per le opere dell'emergente artista Ruben Staiano, presente all’evento anche con un live painting. Note in cammino è il primo di una serie di eventi pro-Faito di sensibilizzazione e rinascita della montagna, realizzato dalla Pro Loco di Vico Equense in collaborazione con l’European Neapolitan School e con il patrocinio della Città di Vico Equense, Campania Trail e del Parco Regionale dei Monti Lattari. Si parte alle 16.00 da Piazzale dei Capi per questa fantastica avventura, il costo di partecipazione è di € 7.00 a persona e tutti i proventi andranno a formare un fondo in favore del Ripristino del Monte Faito. La prenotazione è obbligatoria.

Vico Equense, un autocarro urta un balcone. Preoccupazione tra i residenti

Via Filangieri
Vico Equense - Un autocarro, ieri mattina, ha urtato incidentalmente contro il balcone di uno stabile in via Filangieri, nei pressi dello storico palazzo del Municipio di Vico Equense. L’urto ha provocando la caduta calcinacci lungo la carreggiata, che è stata messa in sicurezza dai vigili urbani, transennando l’area interessata dall’episodio. I proprietari del fabbricato, che non risiedono a Vico Equense, sono stati informati dell’accaduto. Solo per un caso nessuno si è fatto male, durante il tremendo urto. L’auspicio, da parte dei residenti e che grossi camion non passino più per il centro cittadino. Nonostante nessuno si sia fatto male, c’è preoccupazione: “E se ci fosse stato qualche pedone li sotto? E se ci fossi stata io con i miei bambini?”, scrive Assunta su facebook.