lunedì 20 febbraio 2017

“Biblioteca salotto della città”

Conferenza di presentazione giovedì 23 febbraio 2017, alle ore 10.00, Sala del Consiglio comunale di Vico Equense 

Vico Equense - È in programma giovedì 23 febbraio 2017, alle ore 10.00, nella Sala del Consiglio comunale di Vico Equense, la conferenza stampa di presentazione del progetto “Biblioteca salotto della città”. L’iniziativa finanziata grazie al contributo dell’ UOD “Promozione e valorizzazione dei Musei e delle Biblioteche” della Regione Campania, è stata voluta dall’ufficio cultura del Comune di Vico Equense. “L’obiettivo – chiarisce il Sindaco Andrea Buonocore - è la promozione e la divulgazione del senso civico, il quale, solo attraverso un’approfondita conoscenza della propria memoria, può incoraggiare lo sviluppo di un atteggiamento di legalità nei confronti della propria città.” Per la realizzazione del progetto si prevedono visite guidate per le scolaresche del territorio presso l’Antiquarium Silio Italico e il Museo Aperto Antonio Asturi, con incontri di “educazione” e laboratori tenuti dalle associazioni operanti sul territorio, o da professionisti del settore, in collaborazione con i docenti e le realtà territoriali. A illustrare i particolari del progetto nella conferenza stampa di giovedì, saranno il Sindaco Andrea Buonocore e l’Assessore alla cultura Lucia Vanacore.

“Il Paesaggio sublime: tra Angeli e Dei”, domani tavolo di lavoro

Andrea Buonocore
Vico Equense - Tavolo di lavoro domani, 21 febbraio 2017, ore 10, nella sala del Consiglio comunale di Vico Equense. Si parlerà dell’ammissione a finanziamento, da parte del Mibact, della proposta progettuale “Il Paesaggio sublime: tra Angeli e Dei”, classificatosi al 18 posto fra i 59 presentati (dei quali solo 19 ammessi), che vede capofila il Comune di Vico Equense e abbraccia 17 Comuni campani. “Il bando – spiega il Sindaco Andrea Buonocore - ha portato a una competizione virtuosa tra molte realtà, che hanno aggregato intorno alle proposte progettuali le migliori energie del territorio, ed è per questo che oggi ci rallegriamo nell’interesse delle nostre comunità e dei nostri territori per un così brillante risultato conseguito.” Con questo progetto si provvederà a migliorare la segnaletica, abbattere le barriere architettoniche, effettuare interventi di restauro, manutenzione e restauro per tre realtà che raccontano tasselli significativi della storia del nostro Comune in particolare. Nell’ambito della proposta, che figura tra le quelle ammesse dal Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo come “interventi per la valorizzazione delle aree di attrazione culturale” con un finanziamento complessivo di 12 milioni di euro, Vico Equense è inserita nel Sentiero degli Dei, che parte dai Monti Lattari a attraversa la Costiera Amalfitano-Sorrentina toccando le isole del Golfo: gli altri due percorsi premiati dal Ministero sono il Sentiero della Dea Minerva e il cammino dell’Arcangelo. Il Comune di Vico Equense aderirà all’associazione di Comuni “ATS Terra Protetta”. Sono stati inviati a partecipare al tavolo di lavoro i Comuni di Agerola, Anacapri, Barano d’Ischia, Capri, Casamicciola Terme, Castellammare di Stabia, Forio, Ischia, Lacco Ameno, Massalubrense, Meta, Piano di Sorrento, Sant’Agnello, Serrara Fontana, Sorrento, il Sindaco della Città Metropolitana di Napoli, il Presidente della Provincia di Salerno, il Presidente del GAL Terra Protetta e il Commissario del Parco Regionale dei Monti Lattari.

PROGRAMMA 
h. 10,00 Apertura dei lavori
Riflessioni sulla proposta progettuale
Riflessioni per la costituzione dell’ATS Terra Protetta
Riflessioni sul procedimento relativo al finanziamento accordato
h. 12,30 Conclusioni e chiusura dei lavori
h. 13,00 Conferenza stampa
h. 14,00 Buffet

Assalti nelle ville a Massa Lubrense: banda di ladri albanesi arrestata dai carabinieri di Sorrento - VIDEO

A 17 anni scippano anziana in Circum

I baby rapinatori presi a Vico Equense 

Fonte: Salvatore Dare da Metropolis 

Vico Equense - Hanno studiato la vittima durante il viaggio da Napoli a Sorrento confondendosi tra pendolari e turisti. E quando il treno è arrivato a Vico Equense hanno deciso di entrare in azione. Cosi, quando l'anziana ha lasciato il vagone e stava raggiungendo l'uscita della stazione, si sono avvicinati e poi hanno colpito con freddezza. Uno scippo, l'ennesimo della serie, avvenuto sotto gli occhi increduli dei passanti. Poi la fuga in centro durata pochi minuti. Giusto il tempo di essere bloccati da vigili urbani e carabinieri. Catturati i due baby-banditi della Circumvesuviana. Si tratta di due diciassettenni di Torre del Greco, entrambi incensurati, che adesso devono rispondere del colpo messo a segno nella mattinata di sabato mattina a Vico Equense. La refurtiva del raid, una borsa con soldi ed effetti personali, è stata prontamente recuperata e restituita alla vittima. I due ragazzi sono stati subito trasferiti al centro di prima accoglienza dei Colli Aminei di Napoli e verranno giudicati nel corso delle prossime settimane. Lo scippo di Vico Equense riaccende i riflettori sull'emergenza sicurezza nei convogli della Circumvesuviana e soprattutto all'interno delle stazioni. Appena qualche giorno fa, il presidente di Eav Umberto De Gregorio scrisse una lettera-appello a forze dell'ordine, prefettura e questura invocando la firma di un protocollo d'intesa che potesse permettere il raggiungimento del tanto agognato obiettivo del "viaggiare sicuro".
 

Il Sindaco di Massa Lubrense ringrazia i carabinieri

Lorenzo Balducelli
Massa Lubrense - “Sono grato ai Carabinieri ed in particolare al Capitano della Compagnia di Sorrento Marco La Rovere, per la brillante operazione che ha portato ad assicurare alla giustizia la banda, che nel periodo compreso tra aprile e giugno dello scorso anno, ha seminato il panico a Massa Lubrense ed in Penisola Sorrentina per una ondata di furti mai verificatasi a memoria d’uomo nelle nostre zone”. Questa la dichiarazione a caldo del sindaco di Massa Lubrense Lorenzo Balducelli alla notizia degli arresti. “Ho verificato di persona, nei momenti caldi dell’emergenza furti, il massiccio impiego di uomini, di mezzi e di energie da parte dei Carabinieri della Stazione di Massa Lubrense e dell’intera Compagnia nel controllo del territorio. Oggi, con gli arresti di queste ultime ore, si chiude il cerchio di una lunga, minuziosa, caparbia e raffinata attività info-invetigativa che ha tenuto impegnati le migliori energie dell’Arma dei Carabinieri. A nome dei cittadini di Massa Lubrense e dell’Amministrazione che rappresento - conclude Lorenzo Balducelli - ho già espresso telefonicamente al capitano Marco La Rovere il nostro ringraziamento e le nostre congratulazioni. Nei prossimi giorni lo farò di persona recandomi in visita presso il Comando di Compagnia”.

domenica 19 febbraio 2017

Criticare, criticare, criticare…

Vico Equense - Criticare, da parte di uno sparuto gruppetto di persone, sembra essere diventata l'attività più importante dall'avvento di Facebook. Per loro qualunque cosa succeda nel mondo è colpa dell’Amministrazione comunale. La loro parola d’ordine è una sola, categorica e imperativa: Vergogna. Premesso che è lecito criticare, sarebbe opportuno che ognuno indicasse anche delle alternative: dove prendere i soldi per fare le cose che si dicono di voler fare, ecc. Sarebbe interessante che queste persone indicassero le cose che farebbero, se fossero maggioranza; criticare soltanto, è un esercizio da bar dello sport… Al contrario di quanto molti pensano, criticare non aiuta: la critica inasprisce semplicemente i rapporti e il criticante perde di stima da parte del criticato e di tutti quelli che lo osservano. Specialmente online. Criticare, inoltre, non aiuta nessuno: non aiuta il criticante a migliorare la sua posizione e non aiuta il criticato a migliorare le sue azioni. E' una situazione in cui tutte le parti perdono...

XVI edizione di “Idee Sposi”

Maddalena Cinque
Da venerdì 17 a domenica 19 marzo 2017 Hilton Sorrento Palace 

Sorrento - La sedicesima edizione dell'elegante salotto fieristico “Idee Sposi” si svolgerà nel prestigioso Hilton Sorrento Palace di Sorrento da venerdì 17 a domenica 19 Marzo 2017, con ingresso libero ai visitatori. Viva l'amore! Nella terra dell'arte della tradizione e della cultura, i protagonisti sarete Voi con il vostro amore in una cornice di straordinaria bellezza, con i vostri sogni e desideri da realizzare per questo giorno magico. La serenità e lo stile dell'organizzazione del vostro matrimonio è l'obiettivo principale di professionisti consolidati che garantiranno la qualità. Venerdì 17 Marzo 2017 alle ore 16.00 inaugurazione di Idee Sposi XVI edizione. Nel corso della cerimonia verranno consegnati, riconoscimenti a Ernesto Iaccarino e Mariangela Matera Sanseverino, un autentico matrimonio d’eccellenza una nuova famiglia che accomuna due tra le dinastie le più famose di Sorrento e dintorni . Ernesto Iaccarino chef stellato di Don Alfonso 1980, presidente della J.R.E. e Mariangela Matera Sanseverino, giovane promessa dell 'arte pasticciera con numerose esperienze in campo europeo. I premiati riceveranno in dono una creazione del maestro d’Arte presepiale Federico Iaccarino. Sabato 18 Marzo ore 10.30 Hilton Sorrento Palace – Sala Meeting Incontro sul tema: Il benessere alimentare nella famiglia del terzo Millennio. Partecipano: Patrizia Zuliani, biologa nutrizionista, specializzata in scienza dell’alimentazione, membro del comitato direttivo dell’Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica sez. Campania e coordinatrice del gruppo di studio nazionale ADI: “Relazione Professionale in Dietologia”, Maddalena Cinque, psichiatra, psicologo – analista, membro AIPA. Vincenzo Galano, Executive Chef presso l' Hilton Sorrento Palace. Mauro Di Maio, Presidente Nazionale " Le Chiavi D'Oro" FAIPA Concierge ed Assistant Front Office Manager presso Hilton Sorrento Palace. Modera il giornalista Antonino Siniscalchi.

Pd, l'appello di Giovanni Trignano: “Non lasciate il Partito in mano agli sfascisti”

Giovanni Trignano
Vico Equense - Nessuno dei consiglieri comunali di maggioranza si tessererà con il Partito democratico di Vico Equense. Lo stesso vale per i componenti della giunta municipale. Compreso, ovviamente, il sindaco Andrea Buonocore che ha dichiarato: «Non sono gradito da una parte degli iscritti e dunque ho deciso di non sottoscrivere la tessera evitando polemiche. Spero che l’atmosfera possa cambiare, così come l’atteggiamento generale portato avanti anche nei miei confronti nel corso degli ultimi tempi». Una decisione che era nell’aria da qualche tempo, ma che delude gli iscritti. Giovanni Trignano, iscritto storico al Circolo "Carlo Fermariello", lancia un appello. “Vorrei ricordare – afferma Trignano - che i Segretari li eleggono i tesserati. Non comprendo la titubanza, l'attendismo, solo perché non graditi da una minoranza degli iscritti? Chi sono questi che si arrogano il diritto di veto? Suggerisco di non lasciarsi condizionare da quattro arrivisti e/o attivisti da bar uniti da un solo forte collante: viscreale accanimento a quest’ Amministrazione.” E' l'ennesima puntata della telenovela in salsa democrat a Vico Equense. Il circolo cittadino rimane commissariato e si avvia pian piano al congresso della prossima primavera. “Il Circolo – continua Giovanni Trignano - è sciolto: nessuno conta più del due di picche. Basta presentarsi al Commissario Paolo Persico e chiedere l'iscrizione. Non lasciate il Partito in mano agli sfascisti. Chi ha una visione alta e nobile di partito deve saper osare di più. Il futuro è oggi. Il cambiamento è adesso. Ora o mai più. Affrontatelo a viso aperto. Mancano pochi giorni al tesseramento.”

Cannavacciuolo nel locale gestito dai ragazzi down

Antonino Cannavacciuolo quest'estate a Ticciano
Il celebre chef ha girato a Livorno una puntata di “Cucine da incubo” Il set è stato il “Ca’ Moro” ristorante realizzato a bordo di un peschereccio 

Fonte: Roberto Riu da Il Tirreno 

Livorno - Sono terminate ieri le riprese per la tappa livornese della nuova serie di “Cucine da incubo”. Per la location labronica del reality show che ha per protagonista lo chef Antonino Cannavacciuolo la scelta è caduta sul ristorante “Ca’ Moro” il social bateau attraccato al molo della Darsena Vecchia. La presenza della troupe televisiva dinanzi al monumento dei Quattro Mori non è passata inosservata e in parecchi si sono soffermati sulla banchina per una foto con Cannavacciuolo e per farsi autografare uno dei suoi libri di cucina. Sul contenuto della puntata appena registrata è però mantenuto il più stretto riserbo e l’appuntamento per scoprire come andata a bordo del Ca’ Moro è a primavera quando l’episodio della quinta stagione di “Cucine da incubo” andrà in onda su Canale Nove (Gruppo Discovery Italia) e visibile in chiaro sul digitale terrestre. Versione italiana del format britannico “Ramsay’s kitchen nightmares”, la trasmissione presentata da Cannavacciuolo è andata in onda per la prima volta nel maggio del 2013 e l’anno seguente, una puntata fu girata a Livorno al ristorante
 

Svaligiavano ville in Costiera: presi tre della banda: caccia al quarto

Fonte: Ciriaco M. Viggiano da Il Mattino 

Sorrento - Tra aprile e giugno 2016 seminarono il panico nelle ville di Massa Lubrense. Ora, a distanza di dieci mesi, scattano le manette per due persone ritenute responsabili di otto furti commessi nella cittadina costiera. Si tratta di Crescenzo Angelino, 31enne di Caivano, e di Miftar Xhaleshi, 34enne albanese, arrestati dai carabinieri con l’accusa di furto aggravato. A loro si aggiunge Robert Kurti, 30enne albanese bloccato il 14 giugno scorso al termine di un rocambolesco inseguimento sulla statale 145 Sorrentina. È ancora caccia, invece, al quarto componente della banda: Ermal Feti, 34enne anch’egli albanese e noto alle forze dell’ordine. Coordinati dal capitano Marco La Rovere, i militari della compagnia di Sorrento sono riusciti a dare un volto e un nome ai (presunti) ladri intercettandone le conversazioni, analizzando le immagini registrate dai sistemi di videosorveglianza e acquisendo informazioni sul territorio. E proprio le intercettazioni hanno rivelato la determinazione dei componenti della banda: «Ci vogliono gli attributi per rubare nelle case con la gente dentro», commentavano i banditi dopo aver messo a segno l’ennesimo colpo. È sulla base di questi elementi che il gip del Tribunale di Torre Annunziata ha ora firmato l’ordinanza di custodia cautelare per Angelino, Xhaleshi e Feti. Il primo componente della banda, Robert Kurti, era stato arrestato il 14 giugno 2016. In quella circostanza, stando a quanto ricostruito dai carabinieri, il 30enne albanese era entrato in una villa di Massa Lubrense insieme a un complice. I due si erano impossessati delle chiavi dell’Audi Q5 del proprietario di casa, che dormiva beatamente nel suo letto, ed avevano portato via la vettura. I carabinieri erano riusciti a intercettarli sulla statale 145 Sorrentina, all’altezza di Vico Equense. Vistosi braccato, il complice di Kurti aveva speronato l’auto dei militari per poi abbandonare l’Audi Q5 appena rubata e dileguarsi nella vegetazione che cresce sul costone al di sotto della sede stradale. Kurti, invece, era stato bloccato e arrestato.

Trasporto locale. Chiesto un incontro all’EAV

Vico Equense - Gli Assessori Lucia Vanacore e Angelo Castellano, rispettivamente per i propri settori di competenza, hanno chiesto all’EAV Bus il potenziamento del servizio per la Marina di Vico e di Aequa. La società, che gestisce il trasporto su gomma, a breve, s’incontrerà con l’Amministrazione comunale del Sindaco Andrea Buonocore per discutere sulle problematiche riguardanti il nostro territorio e sulle eventuali azioni da intraprendere per l’implementazione del servizio lo in vista dell’estate. “Uno dei primi atti dal mio insediamento – spiega l’Assessore ai trasporti Lucia Vanacore - è stato proprio quello di avviare un dialogo con l’assessorato ai trasporti della Regione Campania e con i vertici dell’EAV. Dialogo che ha già dato i primi frutti. Il miglioramento del trasporto pubblico è evidente, ma bisogna ancora migliorare.” Il timore è che anche la prossima estate si possano presentare i medesimi disagi, legati alla mancanza di autobus in servizio sul territorio. Il tavolo di lavoro, istituito dall’Assessore alle spiagge Angelo Castellano, con gli operatori della marina di Vico ha stabilito un crono programma delle cose da fare, tra queste il potenziamento dei trasporti durante il periodo estivo. Nel caso non si ottenessero risultati, il Comune di Vico Equense è pronto a istituire un servizio di navette affidandolo a un privato, in deroga alla convenzione con EAV.

Si lavora all’ordinanza. Verso lo stop dei mezzi che trasportano merci pericolose

Ponte di Seiano
Lavori sul ponte di Seiano è allarme per i pedoni

Vico Equense - Il Sindaco di Vico Equense Andrea Buonocore sta valutando, congiuntamente alla Giunta e ai Consiglieri comunali di maggioranza, l’ipotesi di firmare un’ordinanza contro i mezzi che trasportano merci pericolose, che ora devono percorrere il centro cittadino. Il provvedimento è allo studio del comandante dei vigili urbani Ferdinando De Martino, alle prese anche con un'altra grana. Sul ponte di Seiano sono in corso i lavori della metanizzazione. La Napoletanagas sta eseguendo l’esecuzione degli interventi che riguardano la posa di una conduttura. In tal senso è stata installata una barriera che limita la carreggiata che, nei fatti, cancella l’utilizzo del marciapiede. I lavori che dureranno fino al 17 marzo, stanno creando disagi ai pedoni, che camminano oltre la barriera tra le auto. Un pericolo grave, amplificato di sera, che mette a repentaglio l’incolumità dei cittadini, che da Seiano a Vico centro si spostano a piedi. Il problema è stato rappresentato in più occasioni all’Anas. Fino a oggi non ha preso nessun provvedimento, e anche sull’ipotesi di riaprire l’imbocco dello Scrajo lungo il vecchio tracciato della galleria per fronteggiare l’emergenza traffico, ha risposto “no”. Il problema è sempre lo stesso, da 30 anni a questa parte. L'unica alternativa per risolvere in maniera radicale il problema di code e ingorghi è la costruzione di un altro tunnel da Seiano a Meta, ma i costi per "bucare" la montagna per circa due chilometri appaiono proibitivi. Il traffico ad andamento lento e gli ingorghi al bivio di Marina d'Equa, non appena arriverà la bella stagione, impongono inevitabilmente una revisione del piano di mobilità sulla statale Sorrentina. 110 milioni di euro spesi per la galleria di Santa Maria di Pozzano, ma ogni anno sempre gli stessi problemi. Il fatto è che la nuova galleria non ha risolto i problemi di viabilità in costiera. Anzi, grava sul centro della Città. Limite orario di 60 chilometri, migliaia di auto che si ritrovano in un imbuto, quello del bivio per il centro di Vico Equense e l'incrocio con Marina d'Equa.

Il sollievo di Quagliarella «È la fine di un incubo»

Fabio Quagliarella
L'attaccante stabiese della Sampdoria perseguitato dal poliziotto: «Giustizia è stata fatta, mi lascio alle spalle anni molto difficili» 

Fonte: Daniele Di Martino da Metropolis 

Castellammare di Stabia - «Mi creda, è la fine di un incubo». Subito dopo la sentenza di condanna del suo stalker ha trattenuto quel senso di liberazione. Ventiquattro ore dopo, Fabio Quagliarella, tira un sospiro di sollievo. «Mi lascio alle spalle anni per niente facili per me e per la mia famiglia, per i miei amici» dice l'attaccante ora in forza alla Sampdoria. Chi conosce Fabio Quagliarella non ha mai avuto il minimo sospetto sul contenuto di quelle lettere, inviate dal poliziotto stalker Raffaele Piccolo. Fabio è ragazzo cresciuto nel quartiere residenziale dell'Annunziatella. Mai un'amicizia scomoda, sempre studio e pallone. A tredici anni ha lasciato il parco Nuovo Tetto, il condominio dove risiede la sua famiglia, per trasferirsi nelle giovanili del Torino. Da lì è stata un'escalation di successi. Florentia Viola, Chieti, Ascoli, udinese e Napoli.
 

Lucio Dalla. Omaggio istituzionale e musicale, di Sorrento, San Martino Valle Caudina e del Fauno Notte Club

Sorrento - Nel V anniversario della scomparsa (1 marzo 2012/1 marzo 2017) e nel LXXIV anniversario della nascita (4 marzo 1943/4 marzo 2017) di Lucio Dalla, l’Amministrazione Comunale di Sorrento, l’Amministrazione Comunale di San Martino Valle Caudina e il Fauno Notte Club di Sorrento, hanno programmato uno spettacolare omaggio, istituzionale e musicale, al grande artista bolognese. I sindaci di Sorrento, avv. Giuseppe Cuomo, e di San Martino Valle Caudina, arch. Pasquale Pisano, celebreranno ufficialmente, nei rispettivi palazzi municipali, il gemellaggio tra i due paesi, alle ore 11.30 di venerdì 3 marzo, a San Martino Valle Caudina, e, alle ore 11.30 di sabato 4 marzo, a Sorrento. Nell’estate 1986, Dalla compose, a Sorrento, “Caruso”, e, il 18 agosto 1986, cantò, per la prima volta, a San Martino Valle Caudina, di fronte al grande pubblico, il suo capolavoro. Seguiranno, nel pomeriggio, nelle stesse date e nelle rispettive sale consiliari, alle ore 17.00, due convegni di studio, sul tema, “Lucio Dalla: uomo, poeta e musicista”, coordinati dallo scrittore Raffaele Lauro, autore di tre opere narrative e di un docufilm sul legame del cantautore con la perla della costiera sorrentina e con il borgo montano della Valle Caudina. Per concludere degnamente le celebrazioni dalliane 2017, dopo quelle organizzate dal Comune di Sorrento anche negli anni precedenti, il Fauno Notte Club di Sorrento dedicherà uno spettacolo-omaggio musicale a Dalla, sabato 4 marzo 2017, alle ore 20.30, voluto dal patron dello storico locale notturno, Maurizio Mastellone, ideato e diretto dalla regista, Eleonora Di Maio. Nel corso della serata, saranno interpretate le più belle canzoni di Dalla e, in conclusione, la canzone, “Uno straccione, un clown” (R. Lauro, G. Cardella, P. Della Mora, A. Lucerna), dedicata, in questa ricorrenza celebrativa, da Lauro all’artista. Sarà la prima esecuzione dal vivo, in anteprima nazionale, della nuova composizione.
 

Sito fermo, sedi chiuse a Napoli i dem evaporano

Dopo la denuncia sulla fuga di iscritti è già scontro sul tesseramento 

Fonte: Pietro Treccagnoli da Il Mattino 

Lo stato dell'arte del Partito democratico napoletano lo potete misurare m tanti modi; dai voti raccolti (percentuali da partito d'opinione); dagli iscritti del 2016 che dall'apertura delle danze (si chiuderanno tra dieci giorni) latitano come rondini in pieno inverno; dall'evanescenza dei circoli ridotti al cinquanta per cento e vivi solo sulla carta, ma non di fatto; dalle inchieste sulle false candidate. Ma potete capire quanto si sia vicini al collasso, al fallout, collegandovi al sito cittadino, attraverso il quale dovrebbero passare tutte le comunicazioni e la vita stessa del partito e capire, ad esempio, tempi e modi del tesseramento. Altro che politica 2.0 o 3.0, sembra di essere tornati all'anno zero. Se digitate www.pdnapoli.it vi imbattete nella schermata generale della piattaforma Wordpress che vi invita a proseguire nella navigazione scegliendo la vostra lingua: l'inglese, l'italiano, il catalano, l'arabo, i misteriosi bosanski o cymraeg . Che cosa è successo? In parole povere non è stato rinnovato il dominio che costa poche decine di euro. Quindinisba, arrangiatevi con il tradizionale passaparola. Fortunatamente per iscriversi online, autonomamente, si può e si deve passare attraverso quello nazionale. Ma quanti lo fanno? Sebbene sia facile non sono tanti visti i numeri diffusi sui social network dal consigliere regionale dem, Antonio Marciano. Il suo post su Facebook ha scatenato un putiferio. Lui si limitato a mettere il dito in una piaga che brucia.
 

sabato 18 febbraio 2017

La ministra Valeria Fedeli inaugura l'anno accademico della IUAD - Accademia della Moda di Napoli

Napoli - “La nostra creatività è il petrolio sul quale siamo seduti e la politica nazionale deve sostenere i legami tra scuola, strutture, studio e capacità di innovazione". Lo ha detto la Ministra della Pubblica Istruzione, Valeria Fedeli, intervenuta nel corso dell’inaugurazione del nuovo anno accademico della IUAD-Accademia della Moda di Napoli. "L' Accademia - ha proseguito la Ministra - sta rilanciando una grande tradizione di Napoli e dell' Italia, quella dell’artigianato di altissima qualità e delle creatività, associandola ad una grande capacità di innovazione. Proprio nel cuore della città partenopea, nella chiesa di Sant' Eligio, nel quartiere Mercato, nel 1351 nasceva la Confraternita dei Sartori. Così come, sempre a Napoli, nacque il "Trattato sulle tecniche sartoriali", realizzato dalla famiglia di sarti napoletani Caggiulo nel 1887, e acquistato dal Ministero della Pubblica Istruzione per distribuirlo nelle scuole del Regno". Per il presidente della IUAD, Michele Lettieri, il segreto per crescere non solo nei numeri, ma per competere con il globo intero, è quello di essere preparati all’internazionalizzazione. Non a caso, accanto ai corsi tradizionali di design, moda e architettura d’interni, l’Accademia attiverà una triennale di design e moda interamente in lingua inglese.
 

Vico Equense. Scippano un’anziana due arresti

Stazione della Circumvesuviana
Vico Equense - Hanno scippato un'anziana, poi se la sono data a gambe verso la stazione della Circumvesuviana. I vigili urbani, allertati dalle urla della donna, si sono lanciati all'inseguimento dei malfattori. I due sono stati bloccati e trasferiti presso la caserma dei carabinieri per le formalità di rito.

Vico Equense c’è… Filippo Wine And Cheese (Ecuador)

Formaggio, olive, pane appena sfornato e vino… Questo è Filippo Fraddanno…


Minoranza “al palo”…

Vico Equense - Quando si è minoranza di solito si hanno due strade da scegliere: essere intransigente verso chi è al governo oppure essere propositivi ed esprimere delle idee alternative all’esecutivo. La minoranza odierna a Vico Equense, diciamolo francamente, sfugge a quel bivio ed è nel limbo. A pagarne le conseguenze è la leadership di Maurizio Cinque, sempre più in bilico. A metterla in dubbio, questa settimana, è Ida Celentano candidata più votata nella lista di Forza Italia. “Maurizio Cinque, - dichiara la Celentano al settimanale Agorà – forte del consenso ricevuto, dovrebbe farsi sentire di più. Al momento, lo percepisco spento. Probabilmente si accenderà in seguito.” La Celentano tesse, poi, le lodi del consigliere comunale Antonino Di Martino: “Credo sia esempio di professionalità e determinazione. Non a caso, è stato l’unico ad aver alzato la voce all’ultimo consiglio comunale.” Neanche l’opposizione di Giuseppe Russo e Ferdinando Astarita sembra entusiasmarla parecchio: “Provo stima per entrambi, ma mi aspettavo un atteggiamento più deciso...”

No al Pd dei big della maggioranza. Restano le distanze con il circolo

Nessun fedelissimo del sindaco Buonocore intende tesserarsi. Pesa ancora la divisione con i fondatori della sezione locale dem 

Fonte: Metropolis 

Vico Equense - Nessuno dei consiglieri comunali di maggioranza si tessererà con il Partito democratico di Vico Equense. Lo stesso vale per i componenti della giunta municipale. Compreso, ovviamente, il sindaco Andrea Buonocore, in passato già al centrosinistra. E' l'ennesima puntata della telenovela in salsa democrat a Vico Equense. Il circolo cittadino rimane commissariato da Paolo Persico e si avvia pian piano al congresso della prossima primavera ma senza risolvere per davvero la questione dell'inciucio elettorale che ha portato al siluramento dell'ormai ex segretario cittadino Franca Rossi la quale - a mo' di ritornello - tuttora sui social network rivendica l'accordo stipulato con Buonocore prima delle Comunali 2016. Come? Indicando Laura del Pezzo, assessore con delega al Monte Faito, quale espressione democrat in giunta. Eppure Persico ha chiarito già che sinora il Pd non ha alcun accordo con Buonocore. In tal senso pesa e non poco la divergenza di vedute emersa con i fondatori del circolo locale che di sostenere l'attuale maggioranza non ne vogliono proprio sapere. Motivo?
 

Napoli, se ne vanno 9 iscritti su 10: flop delle tessere nel Pd

I primi dati. La campagna per le iscrizioni proseguirà fino a fine mese: ma, salvo miracoli, in Campania è fuga dei sostenitori 

Fonte: Vincenzo Iurillo da Il Fatto Quotidiano 

Tre giorni fa, parlando davanti alla platea della Treccani, Massimo D'Alema l'ha descritto come uno dei sintomi più evidenti della crisi: "Quando ero segretario dei Ds, gli iscritti erano circa 650 mila. Oggi il Pd ha 180 mila iscritti: forse qualcosa non ha funzionato". Ecco, in attesa della chiusura del tesseramento democratico - a fine mese - le prime indiscrezioni che arrivano da una grande città come Napoli, non aiutano a dargli torto.
IL DATO È PARZIALE, del 14 febbraio, mancano ancora due settimane prima di scrivere il punto e ovviamente ci sarà un'impennata nelle ultimissime ore prima della chiusura dei termini fissata al 28 febbraio. Ma al momento la federazione provinciale di Napoli registra meno di duemila tessere, per la precisione 1980. Siamo appena ad un decimo delle oltre 20 mila iscrizioni raccolte nella 'stagione' 2015/16, in un momento di relativa buona salute del governo Renzi e del Pd locale, fresco di vittoria alle Regionali grazie alla buona stella di Vincenzo De Luca. Napoli è la città dove Renzi aveva puntato molte fiches: il commissariamento per la bonifica di Bagnoli, il pressing sulla Apple per investire a San Giovanni a Teduccio, lo sblocco di 308 milioni di euro di investimenti in opere pubbliche. Il 'Patto per Napoli', con il quale aveva raggiunto una tregua istituzionale con il sindaco Luigi de Magistris, il 'nemico' che sognava una città 'derenzizzata'.
 

Pompei, 80 euro per ogni bus turistico negozianti e agenti di viaggio in rivolta

La tassa entra in vigore il primo marzo, esplode l'ira di esercenti e operatori. Esentati solo i pullman dei visitatori che pernottano, la delibera illustrata ieri: è polemica 

Fonte: Gimmo Cuomo da Il Corriere del Mezzogiorno 

Pompei - «Chi siete? Dove andate? Un fiorino». Come l'inflessibile doganiere di un celebre film con Benigni e Troisi, il Comune di Pompei si accinge ad esigere, a partire dal primo marzo prossimo, ben ottanta euro per ciascun bus turistico di lunghezza superiore ai 7 metri che vorrà accedere alla zona a traffico limitato gialla. Gli euro saranno 88 m caso di veicoli non ecologici (euro o, 1-2) Un balzello annunciato (si iniziò a parlare della questione già nel 2014), ora apertamente osteggiato dagli operatori economici della città e dai tour operator che fanno affidamento sui milioni di turisti che ogni anno arrivano in città per visitare gli Scavi archeologici o il Santuario della beata Vergine. A dare il via libera al provvedimento che regola le modalità di accesso dei bus è stato il commissario prefettizio Donato Cafagna, che, però, dalla fine di gennaio ha lasciato l'incarico perché promosso prefetto di Taranto. Gli è succeduta il viceprefetto Maria Luisa D'Alessandro. Che rientrerà in città la prossima settimana. E così a spiegare i dettagli del nuovo dispositivo ai rappresentanti di categoria sono stati ieri mattina i funzionari del Comune e il dirigente della Polizia municipale Gaetano Petrocelli. Per i turisti organizzati non ci sarà via di scampo: saranno esentati solo quelli (pochi) che pernotteranno a Pompei.
 

Caso scuolabus. Il Tar conferma «L`appalto è ok»

Sant’Agnello - Nessun ribaltone, tutto regolare. L'affidamento del servizio di trasporto scolastico resta in capo alla società Amps. Respinto il ricorso della cooperativa Torquato Tasso. Motivo? Non ci sono elementi idonei per contestare il punteggio con cui sono state valutate le offerte. A stabilirlo è il Tar della Campania che blinda così la procedura seguita dal Comune di Sant’Agnello. Pomo della discordia resta il bando e l'affidamento per il servizio triennale del trasporto scolastico comunale. Un appalto importante che ha visto duellare a colpi di carte bollate le prime due società della graduatoria. Da una parte Amps, dall'altra cooperativa Torquato Tasso. Sul tavolo l'affare triennale per il trasporto scolastico. L'aggiudicazione fatta dalla commissione giudicatrice di Sant'Agnello nei confronti di Amps avvenne alcuni mesi fa e ciò finì immediatamente nel mirino della ditta concorrente guidata dall'imprenditore Alfonso Ronca. Scattò la battaglia legale. Che portò la cooperativa Tasso a impugnare dinanzi al Tribunale amministrativo regionale della Campania tutti gli atti relativi al procedimento. Ma il Tar della Campania, nei giorni scorsi, esaminando il ricorso della società di Sorrento, ha ritenuto corretto l'affidamento concluso nei confronti di Amps visto che «la valutazione di congruità dell'offerta è rimessa alla discrezionalità tecnica della stazione appaltante» e che «tale apprezzamento è sindacabile dal giudice amministrativo solo in caso di macroscopica illogicità o di erroneità fattuale». Adesso rimane da valutare la possibilità di una nuova battaglia. La cooperativa Torquato Tasso, infatti, potrebbe impugnare il verdetto emesso dal Tar della Campania ricorrendo al Consiglio di Stato. (Fonte: Metropolis)

“Paneacqua Fest”: la festa del panino ad alta idratazione

Il 3 marzo presso il pub “The Kilt” di Pomigliano d’Arco degustazioni gratuite di pane brutto ma (troppo) buono 

Pomigliano d'Arco - Da un’idea del gestore del pub “The Kilt” di Pomigliano d’Arco, Antonio Ceruti, e del proprietario dei panifici “Professione Panettieri” (con sedi a Brusciano e Pomigliano), Antonio Di Maio, nasce l’evento “Paneacqua Fest”, una serata durante la quale i due imprenditori presenteranno per la prima volta al pubblico i panini fatti con il pane "brutto ma buono", un prodotto realizzato con l’80% di idratazione, ad altissima digeribilità, e ottenuto con lievito madre (dunque senza lieviti artificiali). Venerdì 3 marzo, a partire dalle ore 20:30, saranno somministrati gratuitamente degli assaggi sia ai clienti che siederanno ai tavoli del pub, sia a coloro che interverranno incuriositi da questa novità. Il tutto innaffiato dalla birra Bob (prodotta dal Birrificio artigianale del Vesuvio). Il pane in questione, all’apparenza “brutto”, è invece troppo buono: la sua alta idratazione lo rende leggero, meno calorico e più digeribile. Può essere farcito con qualsiasi ingrediente, ma la ”morte sua” è la farcitura con salsicce e friarielli. Un pane che accontenta tutti: coloro che sono più attenti alla linea beneficeranno del suo ridotto apporto calorico, mentre i golosoni potranno compensare le calorie mancanti con l’aggiunta di un altro ingredienti nella farcitura!


venerdì 17 febbraio 2017

Bonus idrico, ultimi giorni per presentare domanda

Vico Equense - Mancano pochi giorni al termine ultimo per la presentazione delle istanze relative al Bonus Idrico 2016, strumento che l’Ente d’Ambito Sarnese Vesuviano ha messo a disposizione degli utenti, nell'ambito delle agevolazioni tariffarie a carattere sociale, per supportare i nuclei familiari che vivono particolari situazioni di disagio economico. Per informare adeguatamente la cittadinanza su tale opportunità, GORI ha avviato una campagna di comunicazione attraverso l’affissione, condivisa con i Comuni, di manifesti e locandine, oltre alla realizzazione di un apposito video pubblicato sul canale Youtube “GORI spa” e nella sezione Video del sito www.goriacqua.com, ed alla creazione della pagina Facebook “Bonus Idrico”, in visualizzazione per i cittadini dell’Ambito Distrettuale Sarnese Vesuviano. Fino a martedì 28 febbraio, quindi, le famiglie che dispongono di un'attestazione ISEE relativa all’anno 2016 (redditi 2015) di valore inferiore od uguale ad € 7.500,00 e le famiglie "numerose" con quattro o più figli a carico, con ISEE non superiore ad €20.000,00, potranno accedere a questa agevolazione. Il Bonus Idrico 2016 prevede uno sconto in bolletta di 29,2 metri cubi di acqua l’anno, pari a 80 litri al giorno per ciascun componente del nucleo familiare. I fondi complessivi per il Bonus Idrico a disposizione delle famiglie in difficoltà economica ammontano a € 3.556.550, comprensivi delle somme residue dell’anno 2015. Le domande per richiedere il Bonus Idrico vanno presentate presso gli uffici dei Servizi Sociali del Comune di residenza utilizzando l'apposita modulistica. Sono i Comuni, infatti, a predisporre il Bando e le procedure selettive per l'individuazione dei singoli utenti beneficiari, sulla base dei criteri stabiliti dall'Ente d'Ambito.

Cartolina giunta a Capri dopo 43 anni

Auguri natalizi tra amiche risalenti al 1974

Capri - Una cartolina ha impiegato quasi 43 anni per giungere a destinazione. Il postino oggi ha consegnato ad Anacapri una cartolina di auguri natalizi spedita dalla Capitale nel 1974. Il messaggio inviato ad una giovane da un'amica che viveva a Roma, è giunto oggi a destinazione in via Timpone 14 tra lo stupore generale della signora Tilde Verbena e dei suoi familiari. Il frontespizio della cartolina rappresenta la Natività, mentre sul retro si legge ancora nitida la scritta: "Cari saluti e affettuosi abbracci, tua amica Rossana". La cartolina è affrancata con un francobollo dell'epoca del valore di 25 lire ed è chiaramente visibile il timbro postale di Roma dal quale si legge l'anno di spedizione 1974. Passato lo stupore, la signora Tilde si è affrettata a chiamare subito la sua amica Rossana, con la quale ha continuato a tenere rapporti, e ironicamente l'ha ringraziata degli auguri consigliandole per il futuro di ricorrere a whatsapp. (Fonte: Ansa)

Ambiente, oli esausti: domani la raccolta a Vico Equense

Raccolta differenziata. Campagna di sensibilizzazione
L' Amministrazione comunale del Sindaco Andrea Buonocore potenzierà il servizio 

Vico Equense - Domani, sabato 18 febbraio 2017, raccolta degli oli vegetali esausti. Il punto di ritrovo è nella piazza antistante la chiesa dei Santi Ciro e Giovanni a partire dalle ore 09.00 fino alle ore 13.00. Sarà possibile avviare a riciclo l’olio fritto, l’olio contenuto nelle scatolette di tonno, di sott’oli e altro, olio non fritto ma non più utilizzabile perché vecchio o sedimentato sul fondo della bottiglia. L'importanza della raccolta differenziata dell'olio vegetale esausto è data dalla sua pericolosità e dall'alto potere inquinante di questo rifiuto che non va disperso nell’ambiente né gettato nel lavandino o nello scarico del water perché può contaminare le falde acquifere, inquinare il mare e danneggiare la flora, impedendo alle radici delle piante l'assunzione delle sostanze nutritive. L'amministrazione comunale, ha intenzione di potenziare il numero delle postazioni per la raccolta degli oli vegetali esausti. “Coinvolgeremo – spiega il Sindaco Andrea Buonocore – le comunità religiose nella raccolta degli oli usati di origine domestica, attivando un sistema di raccolta con raccoglitori dislocati direttamente in spazi annessi alle parrocchie.” Intanto, continua la campagna di sensibilizzazione per l'entrata in vigore del nuovo calendario della raccolta differenziata, che partirà il prossimo 6 marzo.

Promozione oratori della Campania: dalla Regione bando da 6 mln di euro

Regione Campania - Un budget di 6 milioni di euro a sostegno degli oratori in Campania:a metterli a disposizione è la Regione attraverso un bando che finanzia la realizzazione di luoghi di promozione di attività sportive dilettantistiche, sociali, assistenziali, culturali, del tempo libero, ricreative e di formazione extra-scolastica della persona, da parte delle parrocchie e degli Enti ecclesiastici della Chiesa cattolica, nonché degli Enti delle altre confessioni religiose con le quali lo Stato ha stipulato un’intesa. Fino a 50mila euro la somma prevista per quanti vedranno approvato il progetto. Possono presentare domanda di contributo gli enti di culto riconosciuti dallo Stato, dotati di propria autonomia finanziaria ed aventi rilevanza regionale o locale con sede nella Regione Campania che svolgono attività oratoriali o similari nel territorio regionale. In caso di partenariato fra più enti di culto, nella domanda deve essere indicato l'ente capofila. L'immobile o gli immobili oggetto di intervento (area o edificio), devono essere, pena l'esclusione, nella proprietà o nella totale, esclusiva e documentabile disponibilità del soggetto proponente per almeno cinque anni a decorrere dalla data di pubblicazione del bando sul Bollettino Ufficiale della Regione.

SCARICA IL BANDO

Le praterie di Posidonia oceanica, le foreste pluviali del mare, ecco come funzionano

Pubblicato su "Scientific Reports" lo studio condotto dai ricercatori della SZN sulla specie iconica del Mediterraneo

Ercolano - “Le praterie di Posidonia oceanica, presenti lungo tutta la fascia costiera del Mediterraneo, svolgono un ruolo equiparabile a quello delle grandi foreste pluviali delle terre emerse”. Il funzionamento di questo complesso ecosistema chiave del Mediterraneo è stato l’obiettivo principale del prezioso studio pubblicato su "Scientific Reports" che ha identificato le strategie adattative impiegate dalla pianta marina in risposta alle variazioni giornaliere di luce a seconda delle diverse profondità in cui si trova. La ricerca, effettuata a Stareso, presso la Baia di Calvì in Corsica, ha visto la Stazione Zoologica Anton Dohrn in prima linea nel corso dell’intero progetto (EU-Cost Action ES0906), cui hanno preso parte partner europei (Portogallo, Belgio, Svezia e Italia) ed extra-europei (Australia e Israele). Gabriele Procaccini, Miriam Ruocco, Lázaro Marín-Guirao, Emanuela Dattolo, Christophe Brunet, Daniela D’Esposito, Chiara Lauritano, sono i ricercatori della SZN che hanno seguito le varie fasi del progetto. "Depth-specific fluctuations of gene expression and protein abundance modulate the photophysiology in the seagrass Posidonia oceanica", rappresenta il primo esempio di studio con approccio integrato che ha permesso ai ricercatori, grazie a tecniche di analisi all’avanguardia, di comprendere il funzionamento dell’ ecosistema a Posidonia e la risposta ai cambiamenti di luce a cui è sottoposta.
 

La nuova frontiera del turismo subacqueo. Regolamento per il banco di Santa Croce

L'Assessore Angelo Castellano
Regole approvate dal consiglio comunale: «Così tuteliamo il patrimonio paesaggistico» 

Fonte: J.A. da Metropolis 

Vico Equense - Il Comune vara una nuova frontiera per il turismo subacqueo. Grazie ad un apposito regolamento il Banco di Santa Croce inizierà a generare profitti sia per l'amministratore di via Filangieri, sia i centri diving della zona. Nel corso dell'ultimo consiglio comunale è stato approvato all'unanimità il nuovo regolamento per la fruizione della zona di tutela biologica del Banco di Santa Croce. L'atto emesso dall'assise pubblica va a regolamentare un'area particolare è protetta del territorio Marino della cittadina porta d'ingresso della costiera. Il provvedimento è nato in sinergia con la capitaneria di porto, l'assessorato al demanio e le associazioni del territorio. L'obiettivo dichiarato è quello di salvaguardare un'area marina di grande interesse naturalistico. "È un regolamento che incide su un'area demaniale in concessione al Comune di Vico Equense", spiega l'assessore al ramo Angelo Castellano, "La decisione presa in consiglio comunale ci consentirà di coniugare la tutela paesaggistica utilizzando il sito come attrattore turistico da volano per l'indotto economico nel settore della fruizione delle valenze naturalistiche". A Vico si è pensato non solo al commercio, ma anche all'ambiente. Un connubio perfetto per garantire la tutela e la cura dei luoghi che possono generare un processo economico di crescita per tutta la città. La gestione dello specchio di mare sarà esercitata dal Comune che nominerà un responsabile ed una commissione di tre membri. I compiti ben delineati. Spetterà alla commissione, infatti, stabilire il numero annuo delle singole immersioni e gestire le autorizzazioni necessarie per consentire tali attività.
 

Pronto per l’estate il depuratore di Punta Gradelle

Depuratore di Punta Gradelle
Sopralluogo della Grande Onda

Vico Equense - Ieri gli attivisti della Grande Onda (movimento nato in costiera sorrentina con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sui temi del mare), hanno fatto un sopralluogo nel cantiere del depuratore di Punta Gradelle. La buona notizia è che l’impianto, salvo imprevisti, entrerà in funzione all’inizio della prossima estate. Manca soltanto l’allacciamento all’energia elettrica, ostacolo che dovrebbe essere superato entro la fine del mese di febbraio. Intanto, sono entrate in funzione le griglie, che trattengono tutti quei materiali trasportati dalle fogne. “Il depuratore a Punta Gradelle – spiega Laura Cuomo promotrice del gruppo la Grande Onda - è quasi terminato. Parte di esso, da alcuni giorni è già in funzione e sottrae al nostro mare 10 quintali di rifiuti solidi al giorno.” Il nuovo impianto, si trova al termine di un tunnel di un chilometro sotto la montagna che separa Seiano da Meta: quattro vasche con membrana di ultima generazione, alle quali affluiranno il collettore di Sorrento e quello di Vico Equense. La capacità di trattamento dei liquami è fissata a 140 mila abitanti, al termine del ciclo uscirà un'acqua pulita, ogni giorno ci sarà un cassone di fanghi da portare via. L'acqua depurata sarà immessa nella condotta sottomarina esistente che sfocia a un chilometro in mare aperto. Nel grande tunnel è in costruzione anche la palazzina per uffici, laboratori e officina. Se e quando finalmente il depuratore sarà pronto, poi, si aprirà una partita non meno delicata, quella della gestione. La gestione dell'impianto dovrebbe essere assunta dalla Gori, cosa che desta perplessità viste le critiche piovute sulla stessa da più parti sulla gestione dell'ordinario. Intanto si spera di risolvere anche l’altro grosso problema che affligge la rete fognaria che serve la penisola sorrentina: La separazione delle acque bianche dalle nere. In pratica l'impianto reggerà l'ordinario, ma in caso di piogge torrenziali, a causa dell'assenza delle fogne in molti comuni sorrentini, c'è il rischio che nel mare di Seiano si riversino tutti i liquami della penisola.

Silvia Boidi, Vico Equense - Capri 19 luglio 2016

A Villa Fiorentino le aiuole di piante grasse della collezione Zavarese Iaccarino

Sorrento - Domenica prossima, 19 febbraio 2017, alle ore 11.00, nello splendido scenario offerto dal giardino di Villa Fiorentino, a Sorrento, è in programma la cerimonia di inaugurazione delle aiuole, concesse dall’amministratore delegato della Fondazione Sorrento, Gaetano Milano, per la messa a dimora della collezione di “piante grasse” donata da Rosanna Zavarese Iaccarino, socia del Garden Club Penisola Sorrentina. La collezione delle succulente risale agli anni ottanta ed è nata dalla passione della signora Zavarese e del marito, Mario Iaccarino, per questo particolare genere di piante che oggi anche in penisola sorrentina attrae sempre di più estimatori ed appassionati. La caratteristica principale delle piante grasse è la loro capacità di immagazzinare acqua nelle foglie, nel fusto e nelle radici e di poter sopravvivere anche nei periodi siccità; inoltre non richiedono cure particolarmente complesse, non subiscono facilmente gli attacchi di parassiti, possono essere ornamentali e spesso hanno forme bizzarre e fioriture eccezionali. Si potranno ammirare alcuni esemplari particolarmente ricercati come l’Echinocactus Grusonii, Paphycereus Pringlei Agave Victoriae Reginae, Lithops Leoliei , Aloe Marlothil Asphhhodelaceae, Aloe inherba, Notocactus Leninghausii. La sistemazione e disposizione delle piante è stata curata dalla ditta Garden Service di Giovanni Russo. L’evento anticipa di qualche giorno un’altra manifestazione “green” organizzata dalla Fondazione Sorrento ed ormai entrata di diritto a far parte degli appuntamenti pre-primaverili della costiera: “La mostra delle Camelie”, curata dal Garden Club Penisola Sorrentina e giunta quest’anno alla quindicesima edizione. L’inaugurazione è in programma per domenica 25 febbraio, alle ore 11.00. L’esposizione floreale potrà essere visitata nei giorni 25 – 26 – 27 febbraio 2017.

Lotta all'inquinamento del mare, la bonifica parte dai rivi

Antonino Miccio
Operazione di pulizia al rivolo Pantano tra Priora e il Capo di Sorrento. In campo il comune e l'Area Marina protetta di Punta Campanella

Sorrento - Importante operazione di bonifica nel rivo Pantano presso il Capo di Sorrento. Quintali di rifiuti recuperati e rimossi dagli argini dell'alveo che ora sono stati liberati, limitando anche un possibile rischio di dissesto indrogeolico. Rimossi quantita' ingenti di vetro, lattine, rottami ferrosi, ma soprattutto arbusti e legname. Sono stati anche ripuliti i pozzetti di scarico che erano intasati. L'intervento è stato programmato e realizzato in questi mesi dal comune di Sorrento, dall'Area Marina Protetta di Punta Campanella e da Penisola Verde, da anni impegnati insieme per la pulizia del mare attraverso varie iniziative quali la bonifica di spiagge e fondali e gli interventi dello Spazzamare in dotazione al Parco, con tonnellate di materiale raccolte dal mare e dalle coste della penisola nell'ultimo anno. Il materiale presente nel rivolo ostruiva il normale deflusso dell'acqua e questo avrebbe potuto accrescere il rischio di dissesto idrogeologico. Inoltre, con le prime forti piogge, tutti i rifiuti sarebbero potuti finire in mare, causando disagi e problemi di balneabilità. "La pulizia dei rivi e' fondamentale per prevenire l'inquinamento marino- ha dichiarato Antonino Miccio, direttore dell'Area Marina Protetta Punta Campanella - Tutto il materiale raccolto cosi' non finira' in mare. Una bonifica preventiva che cerchiamo di realizzare da anni insieme al comune di Sorrento".
 

La lettera. Mani Pulite, bugie lunghe 25 anni

Fonte: Stefania Craxi da Il Mattino 

Caro direttore, gli anni a cavallo tra il '92 - '94 sono ormai comunemente definiti come quelli in cui cambiò l'Italia. Nulla di più esatto. Ma, definizione a parte, sarebbe necessario introdurre una riflessione di merito e capire la natura di questo cambiamento, la sua qualità e gli effetti prodotti sul sistema politico ed istituzionale e sul Paese. » E’ un passo necessario, poiché sarebbe come dire che il novembre del 1989 ha cambiato il corso della storia mondiale, senza però analizzare le conseguenze sugli assetti geopolitici ed il cambio di paradigma che comportò la caduta del Muro di Berlino. Se l'appello alla piazza non fosse una pratica abusata nella retorica quanto un'azione ormai volta a delegittimare le istituzioni democratiche, potremmo sostituire una seria analisi storico - politica ancor prima che giudiziaria, sulla stagione di «Mani pulite», con una passeggiata per i vicoli di Napoli, nei mercati di Roma o nelle periferie di Milano; sarebbe di grande aiuto per capire che la falsa rivoluzione ha avuto come merito quello di condannare i cittadini ad una condizione di vassallaggio ed il ceto-medio e medio basso ad uno stato di precarietà. Sono certa che la saggezza popolare sarebbe d'aiuto alla sto ria molto più delle riletture ipocrite di taluni opinionisti, pennivendoli e forcaioli, per non parlare delle dichiarazioni di alcuni magistrati che dopo aver vilipeso la toga con la violazione del diritto e della ragione, pretendono ancora, con fare autoassolutorio, di avvelenare i pozzi della discussione.