lunedì 24 luglio 2017

Inaugurazione Social World Film Festival 2017 (di Claudia Esposito)

Regina Giovanna, ripulita l'area archeologica e i fondali

Iniziativa del comune di Sorrento e del Parco Marino di Punta Campanella. Raccolte anche migliaia di cicche di sigaretta.Marevivo distribuisce posacenere tascabili 

Massa Lubrense - Plastica, vetro, reti, migliaia di mozziconi di sigaretta. Ripulita ieri mattina l'area archeologica della Regina Giovanna al Capo di Sorrento. L'iniziativa, voluta dall'assessorato all'Ambiente del comune di Sorrento, ha visto la partecipazione dell'Area Marina Protetta di Punta Campanella, di Penisola Verde, di Marevivo, della cooperativa Sant'Anna e dei sub dell'associazione J.Costeau. Numerosi volontari, anche i giovani stranieri del project Mare ospiti del Parco Marino da mesi, hanno partecipato alle operazioni di pulizia. Rimossi una gran quantita' di rifiuti dall'area archeologica, famosa per la Villa romana ancora visibile e per la piscina naturale dove nuotava la regina Giovanna. Particolare attenzione e' stata rivolta alle cicche di sigarette: migliaia sono state raccolte mentre gli attivisti di Marevivo hanno distribuito centinaia di posaceneri tascabili. Contemporaneamente, i sub dell'associazione J.Costeau hanno setacciato i fondali rimuovendo diversi materiali con il supporto dello Spazzamare in dotazione all'Area Marina Protetta di Punta Campanella. L'iniziativa si inserisce nell'ambito delle azioni di pulizia e sensibilizzazione portate avanti dal comune di Sorrento e dal Parco Marino negli ultimi anni.
 

Settima edizione di Arte & Orto Km 0

Tre giorni dedicati ai prodotti locali presso la “cappella rossa” di Montechiaro 

Vico Equense - E’ ormai giunto alla settima edizione, l'evento "Arte & Orto Km 0" che si terrà nella frazione di Montechiaro, il 25 - 26 e 27 luglio, realizzata dal comitato AMI con il patrocinio del comune di Vico Equense e il sostegno del Consorzio del Provolone del Monaco DOP. Ci saranno anche le Aziende Agricole che parteciperanno e stand di artigianato locale. La manifestazione prevede l’esposizione e la vendita di prodotti artigianali e prodotti agricoli, questi ultimi potranno essere degustati nelle versioni realizzate dalle cuoche della frazione. In ogni serata si svolgerà un concorso a premi improntato su un prodotto tipico della nostra terra. La giuria popolare e di esperti premierà le migliori realizzazioni le cui ricette faranno parte di una raccolta culinaria ad hoc. Lo scenario spettacolare del sagrato della Cappella Rossa di Montechiaro, l’intrattenimento musicale, giochi di un tempo e laboratori per bambini di arti antiche attendono tutti i visitatori amanti della tradizione e della scoperta degli antichi sapori.

Inaugurazione del Social World Film Festival, Enzo Avitabile scatena l'Arena Loren

Enzo Avitabile
di Claudia Esposito 

Vico Equense - Un'Arena Loren scatenata sui ritmi di Enzo Avitabile ha salutato l'inaugurazione della settima edizione del "Social World Film Festival". Tutti in piedi coinvolti dal cantautore partenopeo che si è donato con generosità al pubblico fino a notte fonda, firmando anche il calco in argilla che diventerà targa bronzea sul "Wall of fame". Pluripremiato con due David di Donatello, due Nastri d'Argento, un Globo d'oro, un Ciak d'oro per la colonna sonora del film “Indivisibili” di Edoardo de Angelis, Avitabile aveva spiegato nella conferenza stampa pomeridiana che il suo spettacolo, "Acoustic World" è "frutto di una contaminazione felice tra parole, suono, gesto e danza". L'artista ha inoltre raccontato della sua collaborazione con il regista Edoardo De Angelis, assente dell'ultim'ora perchè diventerà papà a breve. "Con Edoardo - ha raccontato il musicista - ci conoscevamo da tempo. Amava la mia musica e abbiamo deciso di lavorare insieme a questo film dove musica e storia si sono ispirate a vicenda, accompagnandosi "Mane e mane" proprio come il titolo di un mio brano". Presenti ieri sera anche gli attori Marianna Fontana e Massimiliano Rossi, protagonisti del film che ha sbancato i "Nastri d'argento" conquistando 5 riconoscimenti per il soggetto, produttore, costumi, colonna sonora e canzone originale.
 

Non bastano mare blu e chef stellati Massa Lubrense si scopre insicura

Dopo la rapina dei Rom sospetti e accuse: «Troppe case affittate al nero» 

Fonte: Ciriaco M. Viggiano da Il Mattino 

Massa Lubrense - Nel porto di Marina della Lobra c'è il solito via vai di gente; barcaioli, tassisti, pescatori, ma soprattutto turisti stranieri e villeggianti napoletani che hanno eletto Massa Lubrense come loro buen retiro estivo. Non solo per le spiagge premiate con la Bandiera blu o per l'altissima concentrazione di ristoranti stellati, ma soprattutto per la sicurezza che ha sempre consentito loro di trascorrere soggiorni sereni. Sicurezza che adesso, dopo la rapina e l'aggressione ai danni un disabile 64enne, sembra drammaticamente in discussione. Eppure, non più tardi di dieci anni fa, nel 2007, Massa veniva riconosciuta da una classifica stilata da un periodico specializzato come città più sicura d'Italia. Com'è possibile, dunque, che una cittadina con la «patente della legalità» divenga teatro dei raid di malviventi senza scrupoli? «Ci si è adagiati, convinti che l'essere esclusi dai circuiti tradizionali del pendolarismo garantisse automaticamente una protezione», osserva Carlo Gambalonga, giornalista di lungo corso e habitué di Massa dove viene in vacanza dal 1980. «Questo aggiunge - è avvenuto per una certa superficialità dei residenti e per un concetto di legalità che a ben guardare si riduce alla tolleranza zero nei confronti degli automobilisti indisciplinati». In altre parole, la scelta di non far arrivare da queste parti i binali della Circumvesuviana, che in altri centri della Costiera riversa insieme ai turisti anche decine di delinquenti, non ha pagato. E a questo si aggiunge un ulteriore problema: Massa Lubrense, con i suoi venti chilometri quadrati e le sue diciassette frazioni, è il secondo centro più esteso della penisola sorrentina.
 

Uomini - ‘Na tazzulella ‘e cafè

di Filomena Baratto 

Vico Equense - Persone colte e preparate possono avere idee misogine? Che la misoginia non sia prerogativa solo di ignoranti è risaputo, ma riscontrarla in persone in apparenza normali, che parlano a favore della donna e sempre con belle parole, ovviamente una sorta di paravento per poi nascondere idee completamente opposte, è un altro conto. E cosa dire di autori di varie epoche che fanno riflessioni di pura misoginia stentando a credere di essere gli stessi autori che leggi: Eco, Wilde, Flaubert, Galiani, Fenoglio, Euripide, Goethe, solo per citarne alcuni, che ci vanno giù pesante. E poi allora ti spieghi il motivo per cui la letteratura è da sempre un mondo maschile. Mi sorge il dubbio di vivere un’epoca maggiormente misogina mascherata da tutta questo parlare a favore della donna, ma nel reale è tutta un’altra storia. Un periodo peggiore dell’”amor cortese”, quando la donna era solo un mezzo o un pretesto narcisistico con cui i trovatori raccontavano se stessi e non l’amore. Quando si fanno distinzioni nette definendo le “specie di donne”, per dire che ce n’è una vasta gamma, ovviamente volendo discriminarle, siamo a un livello veramente basso. Ero rimasta a due generi: maschile e femminile, e aggiungiamo anche il terzo, neutro. E questo mi fa pensare che ci debbano essere “specie di uomini”, e alcune, non volendo a mia volta discriminare, veramente molto scadenti se fanno queste distinzioni. Nel dizionario Treccani tra le varie definizioni della parola specie, c’è questa: “Nella sistematica biologica, categoria che rappresenta l’unità fondamentale di base del sistema di classificazione: dal punto di vista biologico è costituita da un complesso di organismi tra loro interfecondi e in grado di dare origine a prole feconda.”

Funivia Faito, cantieri a rilento. Lo start rischia ancora un rinvio

Il presidente della Regione, De Luca, e il numero uno dell'Eav, De Gregorio avevano promesso questa estate la funzionalità dell'impianto. Monta la rabbia degli operatori 

Fonte: Elvira Della Monica da Il Roma 

Castellammare di Stabia - Fine luglio, prove tecniche e poi, a inizio agosto, via alle corse. Era la promessa del Governatore della Campania, Vincenzo De Luca, e del presidente dell'Eav, Umberto De Gregorio, in merito alla riapertura della storica funivia del Faito. Ma, a pochi giorni dallo start, la situazione dei cantieri per la ristrutturazione delle due stazioni, a monte e a valle del Faito, sembra ancora in alto mare. Ci sono ancora le impalcature montate e materiale di risulta accumulato nei dintorni del cantiere. Per di più, i lavori non sembrano andare proprio a passo spedito. Allo stato dell'arte, mancano ancora diversi interventi e la data del "via" alla funivia potrebbe slittare nuovamente verso la metà di agosto. Dopo l'inaugurazione dell'anno scorso e i pochi mesi di attività concessi alla Funivia, i vertici della Regione e di Eav avevano promesso lavori di riqualificazione e le corse della storica "panarella" per tutta l'estate del 2017. Sulla base di questi annunci, gli operatori delle strutture ricettive della montagna si sono attivati per tempo dando vita ad opere di manutenzione e ristrutturazione per farsi trovare pronti all'appuntamento. Ed invece i due terzi dell'estate sono trascorsi e i lavori per le due stazioni sono ancora in corso e i cantieri sono ancora in alto mare. Il dubbio tra gli operatori sul Faito e tra i residenti stabiesi si sta insinuando ogni giorno che passa: dopo diversi rinvii e diverse date annunciate per la riapertura li attende ancora uno slittamento?

Vico Equense la capitale del cinema sociale

Il Sindaco Andrea Buonocore ed Enzo Avitabile
Parte la settima edizione del Social World Film Festival 

Vico Equense - Conferenza stampa d’inizio, nella sala al piano terra del Castello Giusso, del Social World Film Festival, con il Sindaco Andrea Buonocore,  il capo ufficio stampa del festival Alessandro Savoia, il cantante Enzo Avitabile e l' attore Massimiliano Rossi. "Vico Equense per una settimana diventa la capitale del cinema sociale", ha esordito così il Sindaco Buonocore. Saranno 330 i film provenienti da 48 nazioni a Vico Equense, di cui 100 in anteprima, con workshop, seminari e tanti ospiti. Questi i primi numeri della settima edizione del Social World Film Festival, diretto dal regista Giuseppe Alessio Nuzzo, che si terrà a Vico fino al 30 luglio e vedrà protagonista Claudia Cardinale che riceverà il Premio alla Carriera e sarà insignita del titolo di Ambasciatrice del Museo del Cinema della Penisola Sorrentina. Madrina di questa edizione l'attrice Laura Morante che incontrerà oggi il pubblico di Piazza Mercato all'Arena Loren. Al termine riceverà il Golden Spike Award e firmerà il “Wall of Fame”, monumento al cinema situato nel centro storico della città. La serata verrà aperta dalla proiezione alle 20,30 del film girato a Vico Equense “ Le verità ” di Giuseppe Alessio Nuzzo con la partecipazione del regista . Attesi sul red carpet i premiati la regista Cinzia Th Torrini, presidente della giuria di qualità selezione cortometraggi, l’ attrice Miriam Candurro, ed il cantautore B ungaro, autore del la colonna sonora del film “ Perfetti Sconosciuti ” di Paolo Genovese. Dalle 23 , invece, in piazza Umberto I, “Vico Jazz” salotto musicale dove sarà possibile incontrare i protagonisti del festival con l’ esibizione musicale del “Jazz Ensemble” del Conservatorio Martucci di Salerno, ospite il m aestro Giulio Martino. Alle 19 presso la Libreria UBIK di Vico Equense per la rassegna “ Letteratura e Cinema ” presentazione del libro “ Heroes: i piccoli protagonisti del cinema degli anni ‘80” di Chiara Guida con la partecipazione dell ’autrice.

domenica 23 luglio 2017

Stop ai vincoli urbanistici

Alfonso Longobardi
Sì della commissione alla legge 

Regione Campania - La rivoluzione urbanistica per il territorio dei Monti Lattari e della penisola sorrentina è affidata all’annuncio del consigliere Regionale, Alfonso Longobardi (Gruppo “De Luca Presidente”). L’altro ieri, infatti, la Commissione Urbanistica della Regione Campania ha approvato la proposta di legge regionale di Longobardi per la modifica e del Put (Piano Urbanistico Territoriale). Ora il provvedimento dovrà passare l’esame del consiglio regionale della Campania per diventare applicabile a tutti gli effetti. Un modo per cancellare una serie di vincoli inutili e ormai datati, aggiornando lo strumento urbanistico alle esigenze dei territori. La legge si snoda in otto punti. In particolare le modifiche chiariscono gli interventi di recupero e ammodernamento del patrimonio edilizio, senza consumo di suolo, ammessi anche nelle more dell’adeguamento degli strumenti urbanistici generali al Put. S’introducono alcune precisazioni per evitare vecchi equivoci interpretativi sulla determinazione del fabbisogno consentita. Insomma, una vera e propria rivoluzione. “Ho completato la prima tappa di un risultato storico per il nostro territorio, un impegno assunto direttamente con tanti amministratori comunali, cittadini, operatori”, il commento del consigliere Longobardi.

Vico Equense c’è…Lo chef Cannavacciuolo scommette su Torino: lunedì aprirà il suo Bistrot alla Gran Madre

Antonino Cannavacciuolo
Da Masterchef alla Mole: il nuovo ristorante del re dei fornelli sorgerà in un palazzo di fine Ottocento in via Cosmo 6 

Fonte: cronacaqui.it 

Il momento tanto atteso è arrivato: lunedì aprirà a Torino il nuovo ristorante dello chef stellato napoletano, Antonino Cannavacciuolo. Il “re” di Masterchef e Cucine da Incubo approda ai piedi della Mola con il “Cannavacciuolo Bistrot” che sorgerà in un palazzo di fine Ottocento nella centrale zona della Chiesa della Gran Madre, in via Cosmo 6.

LA LOCATION

I principi del feng shui hanno ispirato la ristrutturazione delle sale: il Bistrot del gigante di Vico Equense sarà caratterizzato da un ambiente moderno che pone un’attenzione particolare all’acustica. L’obiettivo, infatti, è regalare benessere a 360 gradi. Regina, però, sarà ovviamente la cucina, con il rispetto delle materie prime, la stagionalità, e l’incontro tra tradizione gastronomica del sud e del nord Italia.

Golfo di Sorrento invaso da 3.000 barche, 100 società di noleggio e capitani-novellini. La Capitaneria: «Sembra Hong Kong»

Fonte: Salvatore Dare da Metropolis 

Qui dove il mare luccica e tira forte il vento, ci sono 3mila barche che invadono il golfo di Surriento. Tante. Forse troppe. Il numero da sballo balza fuori dalla somma delle unità a disposizione delle società di noleggio e dei natanti privati di vip, appassionati e pescatori. In tutto ciò pesa l’esplosione del fenomeno charter con motoscafi potenti di ultimissima generazione pronti a trasportare migliaia di turisti da una parte all’altra in pochi minuti. Da Capri a Sorrento, passando da Massa Lubrense a Castellammare di Stabia, senza dimenticare Torre Annunziata. Punti focali messi a dura prova per la sicurezza nonostante i controlli incessanti della Capitaneria di Porto.
Le società di noleggio
I dati sono eloquenti, non discutibili. Nel compartimento marittimo di Castellammare di Stabia - da Massa Lubrense a Torre Annunziata - in quest’estate risultano attive ben 101 società di noleggio. E’ la nuova frontiera del turismo che porta incassi da capogiro e “obbliga” ogni impresa a essere dotata di almeno due unità, se non tre. E ciò provoca la cifra di oltre 300 natanti che scorrazzano in lungo e largo per il golfo. La fetta più grande della torta è ovviamente in penisola sorrentina. Ci sono 81 aziende specializzate nei transfer via mare: 20 a Piano di Sorrento, 27 a Sorrento, 31 a Massa Lubrense e appena 3 a Vico Equense.
 

Grilli e cicale - ‘Na tazzulella ‘e cafè

di Filomena Baratto

Vico Equense - C’è una scena in Via col vento dove alle Dodici Querce, prima del ballo, le ragazze riposano tutte, per ritrovarsi fresche a sera al gran ballo. Rossella, invece di dormire, è impegnata a circuire Ashely. Nella stanza fa caldo e lei passa su tutte per scivolare giù nel salone. Questa scena mi ricorda tanto quello che accadeva a me quando stavo dai nonni. In estate, nel primo pomeriggio, si riposava tutti e tre sul grande lettone, alto come un altare, che per salirci dovevo rotolarmi come una palla. Quando, nei pomeriggi assolati mi appisolavo con loro, il cicaleccio delle cicale e il frinire dei grilli non solo mi svegliavano, ma mi incuriosivano. Così, come Rossella O’Hara, scivolavo sulla nonna e poi sul nonno per poter scendere ai piedi del letto dove c’era accanto un lettino e l’altezza era meno ripida. Una volta a terra, mi catapultavo fuori a caccia di cicale e grilli: dovevo capire come cantavano. La curiosità è stata sempre la mia grande molla, un trampolino continuo. Così posta sotto l’albero del concerto, io mi allungavo come una giraffa per scovarla tra i rami in direzione dei suoi vocalizzi. Più mi stiravo e più mi innervosivo. Incavolata, ripetevo il suo verso con rabbia, facendo svegliare i nonni, la cui stanza dava proprio sul terreno dove mi fermavo. Una volta, mentre mi allungavo e mi attaccavo al tronco per scorgere la traiettoria della cicala, mi cadde una pera in testa. Immaginai che la cicala mi avesse tirato giù il frutto.
 

Cardinale, una diva per Vico

Il Gattopardo
Per l'attrice il premio alla carriera e una retrospettiva da «Il Gattopardo» a «I guappi» 

Fonte: Stefano Prestisimone da Il Mattino 

Vico Equense - «Magia, incanto, suggestione, meraviglia». È questo il tema della settima edizione del Social World Film Festival, che da stasera, per una settimana, trasforma Vico Equense in cittadella del cinema. Trecentotrenta opere da tutto il mondo, di cui 100 provenienti da 48 diverse nazioni, e poi workshop, seminari, ospiti. Al centro della rassegna, diretta dal regista Giuseppe Alessio Nuzzo, ci sarà Claudia Cardinale che riceverà il Premio alla Carriera venerdì 28 luglio recitando alcuni passi di celebri film. All'attrice verrà dedicata una retrospettiva con la proiezione di «8 e mezzo», «Il Gattopardo», «I guappi» e sarà insignita del titolo di «Ambasciatrice del Museo del Cinema della Penisola Sorrentina». L'attrice succede nell'albo d'oro a Giancarlo Giannini, Ornella Muti, Luis Bacalov, Valeria Golino, Leo Gullotta, Franco Nero, Maria Grazia Cucinotta che hanno apposto la loro firma sul monumento«The Wall of Fame» sito nel centro storico della città. «L'ultima diva, Claudia Cardinale, icona di bellezza e stile per decenni, sarà a Vico Equense per celebrare il grande schermo attraverso la lettura di frasi che ne hanno fatto la storia. Ma la magia, tema di questa settima edizione, si materializza per le strade, le piazze, le vetrine di una città incantata che da sempre ha un legame particolare con il Cinema: Vico Equense. L'aria di cinema impegnato, di quel cinema che ci fa fermare a pensare, a riflettere, tornerà ancora una volta a incantare migliaia di spettatori attesi. «Questa è magia», commenta Giuseppe Alessio Nuzzo.

sabato 22 luglio 2017

Tari. L'Assessore Laura del Pezzo risponde all'ex Assessore Antonio Di Martino

Laura del Pezzo
Vico Equense - Oggi è stata pubblicata su Agorà una lunga lettera dal titolo “Sconti sulla TARI, un gran pasticcio” firmata dal signor Antonio Di Martino, ex Assessore al bilancio, che si dichiara convinto che la Delibera di Consiglio n. 33 del 9/6/2017 “riproponga delle forti illegittimità che, se attivate, si tramuterebbero in illegalità con implicazioni contabili non da poco”. La lunga lettera prosegue poi con dettagli normativi e contabili che dimostrerebbero tali “forti illegittimità”…

L’Assessore al bilancio e tributi Laura del Pezzo, in merito dichiara quanto segue:

1. mi sembra quantomeno strano che il signor Di Martino abbia deciso di far pubblicare questa lettera dopo quasi 5 mesi dall’atto di adozione delle tariffe TARI… queste sono state fissate, infatti, con Delibera di Giunta n. 27 del 4/3/2017… quanto tempo per accorgersi che ci sono “forti illegittimità”! Gli stessi dettagli normativi e contabili forniti vorrebbero poi sembrare molto precisi e circostanziati ma non sembrano affatto chiari e appaiono far riferimento a provvedimenti piuttosto lontani del passato!

2. mi sembra quindi, ed è quanto constato da oltre un anno, che alcuni “cittadini” vicani, forse anche su espresso mandato, pensino più ad attaccare che a fare… e lo fanno con mezzi piuttosto meschini, mettendo cioè in moto una vera e propria macchina del fango che non solo cerca di mettere in cattiva luce l’attuale amministrazione ma, cosa assai più grave, tende a confondere i cittadini e a far loro credere che siano addirittura danneggiati da atti amministrativi adottati nel loro stesso interesse…

3. vorrei ricordare al signor Di Martino che se la Delibera di Consiglio “incriminata”, e prima ancora quella di Giunta, contenesse evidenze di “forti illegittimità”, nel corso di questi mesi forse se ne sarebbero accorti il Servizio tributi (che l’ha predisposta), il Servizio finanziario (il cui responsabile ha rilasciato il positivo parere di regolarità contabile), il nuovo Collegio dei Revisori contabili (che pure ha rilasciato positivo parere) o il Ministero delle Economie e Finanze (cui è stata già inviata telematicamente e che ha ritenuto il provvedimento pienamente efficace...)


Alla riscoperta dei sentieri del Faito

Vico Equense - Le associazioni "La Quercia", "Il Melograno e Avf" e in collaborazione con Vico@Picture e con il patrocinio del Comune di Vico Equense, presentano una passeggiata nel cuore di Monte Faito alla riscoperta e alla valorizzazione del nostro patrimonio naturalistico. Domenica 23 Luglio ore 10 si partirà da Pian del pero per muovere i primi passi verso questa splendida passeggiata,che ripercorre una delle vie da cui il ghiaccio delle neviere del Faito veniva trasportato a valle,luogo ricco di storia e spiritualità come testimonia la vicina grotta di S.Catello. Gran parte del sentiero si sviluppa al fresco della faggeta ed è indicato anche per i più piccoli. Il tutto è stato possibile grazie alla sinergia di queste associazioni, che si sono incontrate il 9 luglio coadiuvate dal supporto tecnico dell'Avf per ripulire il sentiero di pian del Pero,che come a tanti altri sentieri si trovava in uno stato di incuria.

Ciclismo e Passione, cicloscalata del Faito

"Don Alfonso 1890" di Raffaele Lauro. Anteprima nazionale (TGR Campania 21/7/2017)

Sant'Antonio Abate, Donadio: Regione stanzi fondi contro frane

L'ex consigliera comunale: «Rischio idrogeologico dopo allarme roghi» 

Sant’Antonio Abate - «Gli incendi di queste settimane ci lasciano in eredità non solo migliaia e migliaia di ettari di macchia mediterranea divorate dalla furia delle fiamme, ma anche il rischio idrogeologico». A dirlo è l'ex consigliera comunale di Sant'Antonio Abate e leader del gruppo «Oltre», Donatella Donadio. «L'arrivo delle piogge, sia estive che autunnali e invernali, comporterà un aumento esponenziale di frane e smottamenti sul Vesuvio ma anche sui Lattari e sul Monte Faito – ha aggiunto –. Una situazione di eccezionale pericolo per la pubblica e privata incolumità che non si deve in alcun modo sottovalutare». «Sarebbe auspicabile che la Regione Campania, forte dei poteri che sono di sua specifica competenza, si attivasse – ha concluso la Donadio – per avviare un monitoraggio delle aree più sensibili e per interventi straordinari di messa in sicurezza. Non possiamo tollerare l'eventualità di una tragedia dopo aver subito già l'ingiusto danno dei roghi appiccati da mani criminali».

Ci sta a cuore la nostra terra!


In rappresentanza di circa 50mila aderenti e simpatizzanti, le 22 associazioni diocesane di Azione Cattolica della regione Campania, tra cui quella di Sorrento-Castellammare di Stabia, hanno inviato una lettera-appello a tutte le istituzioni perché fermino l’attacco criminale alla nostra terra.

Il presidente diocesano AC Sorrento-Castellammare di Stabia
Gianfranco Aprea

Costiera, ecco il testo che riscrive i vincoli

Penisola sorrentina 
Riforma del Put a uno snodo decisivo: procedure più snelle per costruire 

Fonte: Ciriaco M. Viggiano da Il Mattino 

Sorrento - Sì all'ammodernamento di strade, porti e approdi. Procedure semplificate per la manutenzione ordinaria e straordinaria dei fabbricati, incluso l'adeguamento sismico. Nuove dimensioni per le aree da destinare ad attrezzature pubbliche. Sono le principali novità nel disegno di legge di modifica del Piano urbanistico territoriale della penisola sorrentina e della costiera amalfitana (Put), appena approvato dalla Commissione Urbanistica della Regione. Firmato dal consigliere Alfonso Longobardi, il testo dovrebbe approdare a breve in consiglio regionale per la discussione. Questo per la gioia di sindaci e tecnici comunali che da anni chiedono un allentamento dei rigidi vincoli urbanistici m vigore dal 1987. La novità più significativa dovrebbe consistere nell'adeguamento delle previsioni del Put alla normativa nazionale, in parti colare a quel dpr 380 del 2001 che ha ampliato la definizione degli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria dei fabbricati: così ristrutturare un immobile o adeguarlo alla normativa antisismica sarà più facile. Più semplice l'iter amministrativo per il recupero abitativo dei sottotetti, il reperimento di spazi per i parcheggi pertinenziali e l'adeguamento dei fabbricati in vista del recupero del patrimonio edilizio esistente. Nuove prospettive anche per la viabilità minore; il ddl prevede l'eliminazione della norma che limita la sezione stradale a tre metri.
 

Tornano gli incendi. Le fiamme minacciano gli scavi di Stabiae

Fonte: Gimmo Cuomo da Il Corriere del Mezzogiorno

Castellammare di Stabia - Ancora fiamme in provincia di Napoli. Ieri pomeriggio un grande incendio si è sviluppato nella zona collinare di Castellammare di Stabia in via Passeggiata archeologica poco lontano dalle rovine del sito archeologico di villa Arianna, una lussuosa dimora romana, ricca di affreschi e mosaici di inestimabile valore storico e artistico, dell'antica Stabiae. Un denso fumo nero ha investito le abitazioni della circostante zona agricola, devastata dall'abusivismo edilizio, destando molta apprensione. È stato necessario un massiccio intervento dei vigili del fuoco, accorsi sul posto con quattro squadre per mettere sotto controllo il rogo ed evitare che le fiamme potessero lambire gli scavi. Ancora un focolaio si è sviluppato nell'area nord Occidentale di Pozzuoli, nel popoloso quartiere di Monterusciello, dove un'area già investita dal fuoco negli scorsi giorni è stata ulteriormente devastata. Quasi tutto il patrimonio di verde del quartiere è andato distrutto e con questo anche una pista ciclabile. L'incendio ha svelato la presenza in zona di una discarica di rifiuti speciali in cui erano stipati pneumatici e carcasse di automobili. Insopportabile l'odore per i residenti che non hanno avuto altra scelta se non quelle di barricarsi in casa o abbandonare le proprie abitazioni. Nel primo pomeriggio un rogo si è sviluppato all'interno delle piste di allenamento dell'ippodromo di Agnano. L'intervento dei vigili del fuoco e degli uomini della Protezione civile, anche con mezzi aerei ha con sentito di mettere sotto controllo le fiamme impedendo che investissero le scuderie mettendo a rischio l'incolumità dei circa 700 cavalli presenti. Piccoli focolai, residui dei grandi incendi dei giorni scorsi, anche nel cratere degli Astroni, a Ercolano, Quarto. Da ieri sera alle 20 niente più doppi turni per i vigili del fuoco. Intanto c'è chi propone soluzioni alternative al risarcimento pubblico per ristorare chi ha subito danni in seguito a calamità naturali. Il professore Antonio Coviello, docente di marketing assicurativo all'università Suor Orsola Benincasa consiglia alla Regione di adottare sistemi di risk management ipotizzando coperture assicurative pubblico/privato per il pronto risarcimento dei danni.

“Arancia meccanica” a Massa Lubrense. Assalto in una villa, uno dei rapinatori ha solo 12 anni

Tre gli aggressori, tutti fratelli ora fermati dai carabinieri. Il fatto è accaduto a giugno. La vittima è un disabile su sedia a rotelle, minacciato: «Hai famiglia?» 

Massa Lubrense - A soli 12 anni tiene sotto la minaccia di un grosso cacciavite il proprietario disabile di una villa di Massa Lubrense (Napoli) mentre gli altri due fratelli, di 17 e 30 anni, svaligiano il caveau. Non solo. Con la stessa l’aplomb di un navigato rapinatore, per ingannare il tempo, intraprende una conversazione con la vittima, terrorizzata e dolorante, chiedendole «hai famiglia... Che fanno i tuoi figli... Quanti anni hanno... Vivono con te...». L’episodio è avvenuto in pieno giorno, una domenica dello scorso mese di giugno. I tre giovani sono stati identificati e fermati dai carabinieri al termine di indagini coordinate dalla Procura di Torre Annunziata (Napoli). Tutti vivevano un campo rom della provincia a Nord di Napoli. I tre fratelli hanno razziato argenteria e denaro per circa 50mila euro, dopo avere picchiato violentemente l’uomo, malgrado fosse sulla sedia a rotelle, provocandogli lesioni e ferite, anche alla testa, giudicate dai medici guaribili in 30 giorni. I tre fratelli sono ora accusati di di rapina aggravata: i provvedimenti di fermo sono stati emessi dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata (Napoli) e dalla Procura dei Minorenni di Napoli. Secondo la ricostruzione dei carabinieri, subito dopo essere entrati nella villa i due più grandi hanno individuato e picchiato pesantemente il proprietario invalido, per costringerlo a consegnare le chiavi del caveau. Poi, mentre il 30enne e il 17enne svaligiavano la villa, il 12enne è restato per circa venti minuti per la vittima sanguinante durante i quali ha rivolto domande del tipo «hai famiglia? Che fanno i tuoi figli? Quanti anni hanno? Vivono con te?», alla vittima sanguinante. I tre fratelli sono stati riconosciuti dalla vittima. (Fonte: Il Corriere del Mezzogiorno) 

Incendi, il Comune: “Stato di grave pericolosità”

Moiano
Vico Equense - Il Comune di Vico Equense ha deciso di dichiarare lo stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi. La protezione civile non è in grado di fronteggiare i roghi. Perché l’emergenza di questi giorni non è solo quella legata al Vesuvio. Di recente hanno preso fuoco ampie aree alle falde del Monte Faito, a Santa Maria del Castello e da ieri sera alcuni focolai hanno ripreso l’attività a Moiano (foto). Il documento porta la firma del comandante dei vigili urbani Ferdinando De Martino che si occupa anche della protezione civile, che destina 5mila euro per potenziare risorse umane e mezzi, al fine di ripristinare le condizioni di sicurezza per la collettività ed evitare ogni pericolo per la pubblica e privata incolumità, nel più breve tempo possibile, anche al fine di impedire eventuali peggioramenti delle situazioni di criticità in atto.

Buon Compleanno Peppe d’Esposito - ‘Na tazzulella 'e cafè

di Filomena Baratto

Vico Equense - Oggi ricorre una data speciale, quella del tuo compleanno, e non uno qualsiasi, ma una cifra tonda: possiamo dire dieci lustri, o cinque decine, o quattro dozzine più due, o se vuoi la metà di un secolo, o ancora per esteso 50 anni. Per carattere sei schivo, non ami festeggiare, soprattutto se non hai la compagnia giusta. Mi ha colpito la frase che hai detto che senza amici non si può festeggiare e ti dico che meglio non averne che averne falsi, e che festeggiare con persone che ti vogliono bene è più importante del festeggiare mezzo secolo. Il senso del festeggiare è quello di stare bene con le persone che inviti, ma soprattutto che condividano con te gioia e tristezza. Ma molti nei tempi magri scappano, come quelli che si dileguano quando hanno paura di condividere i loro allori con gli altri. O come quelli che dribblano quando non servi più. Qualcuno potrà fare leva sul tuo braccino corto, ma non sanno che lo allunghi quando ti senti in sintonia. Ma devo dire poi che di braccini lunghi in giro non ne vedo molti, almeno in questo sei nella norma. Tutti conosciamo come sono i veri amici, e a vederne di brutte copie è meglio cancellarli. Ma un compleanno importante non può passare inosservato e va festeggiato. Aspettiamo tue prossime indicazioni per dove e quando festeggiare a patto che nella lista si iscrivano solo amici, quelli con cui hai condiviso la tua vita, le tua storia, i momenti fondamentali. Solo allora ci darai disposizioni per dove e come. BUON COMPLEANNO dei fatidici 50

Il gommone killer «volava» a 15 nodi proprietario indagato: omicidio colposo

Crapolla
Fonte: Massimillano D'Esposito da Il Mattino 

Massa Lubrense - C'è un indagato nell'inchiesta aperta dalla Procura di Torre Annunziata sulla collisione tra un gommone e un barchino in cui ha perso la vita il pescatore settantunenne Antonino Pane. «Ciriniello», soprannome con cui l'anziano era conosciuto da tutti a Massa Lubrense, mercoledì notte stava pescando al largo di Marina del Cantone, in prossimità del Fiordo di Crapolla, quando è stato travolto dal natante di proprietà di Giuseppe Milano, 50 anni. È suo il nome iscritto nel registro degli indagati: l'ipotesi di reato formulata a suo carico da Emilio Prisco, pm di Torre Annunziata titolare del fascicolo d'indagine, è di omicidio colposo. Tutte le testimonianze dei passeggeri che in quel momento erano sul gommone concordano sul fatto che a condurre l'imbarcazione fosse proprio Milano, che d'altronde per lavoro svolge l'attività di trasporto charter dei turisti via mare. A raccogliere le deposizioni sono stati i militari della Guardia Costiera di Castellammare, coordinati dal comandante Guglielmo Cassone, ai quali sono state affidate le indagini. Un altro punto sul quale coincidono tutte le versioni è quello relativo alla velocità tenuta dal gommone. Il mezzo era in planata mentre viaggiava alla volta del Fiordo di Crapolla, dove si stava svolgendo una manifestazione musicale alla quale intendevano partecipare i passeggeri del gommone. In base alla ricostruzione degli uomini della Capitaneria, si trattava di una velocità sostenuta, almeno 15 nodi.
 

venerdì 21 luglio 2017

Diario di un backstage

Umberto Astarita
di Filomena Baratto

Vico Equense - Chi cerca Umberto Astarita deve mettersi in fila: un maestro della fotografia è sempre irreperibile. Per chi non lo conoscesse ancora, cosa alquanto rara, è un fotografo speciale, anzi un artista della penisola sorrentina. Dovevamo incontrarci per diversi motivi e dopo accordi presi in settimana, stamattina era il giorno previsto. L’incontro prevedeva anche qualche foto. Ho impiegato “appena” un’ora e mezza, a causa del traffico, per raggiungerlo allo studio, ma ovviamente le foto si fanno all’esterno e, dopo averlo atteso per un po’, visto che era impegnato fuori, finalmente ci siamo diretti per la villa. Umberto è un omaccione alto e grosso con capelli folti, la cui presenza, da sola, riempie lo spazio con la mole e il suo modo di fare: la sua curiosità e il suo interesse su tutto. Dà anche un senso di tranquillità, un animo bambino in un fisico enorme. Ispira fiducia, ha lo sguardo dei piccoli e come ogni artista, da sognatore. Non si rende conto che cammina sempre stringendo la sua macchina fotografica tra le mani e anche quando è riposta nella custodia, assume la stessa posizione. Proprio come i bambini fa sempre tante domande, ha sempre voglia di imparare, si meraviglia della cattiveria della gente e mostra una grande sensibilità. Non solo un fotografo, anche un pittore, uno spirito artistico con cui investe tutto quello che si ferma sotto i suoi occhi. Un rapido sguardo e sa come mettere in risalto un angolo, un viso, un’espressione. E’ in continuo movimento, si sposta come un acrobata, cerca, fruga col fiuto di un segugio. Fare foto con lui è un gran divertimento: ti insegna tante cose, ti racconta i piccoli segreti del suo lavoro, ti parla della luce e dell’ombra, cosa non devi mai fare e come devi muoverti, così come accade per i generosi di natura e lui lo è, professionista di massimo livello. Arrivare all’Hotel è stato uno scherzo: quando passa tutti gli aprono le porte. Chi non lo conosce! Pur avendo un trattamento da grande ospite, colpisce la sua gentilezza, l’educazione con cui entra, chiede, senza prevaricare, né pensando che gli sia dovuto. E’ come un passepartout, tutti ci fanno passare, e si va a destinazione senza stress.


Social World Film Festival, ecco come assistere allo show in prima fila

La Mostra Internazionale del Cinema Sociale si terrà a Vico Equense dal 23 al 30 luglio 

Vico Equense - Quest’anno il Social World Film Festival, evento aperto al pubblico e interamente gratuito, mette a disposizione un numero limitato di accrediti per l’accesso del settore nelle prime file durante i grandi eventi serali in piazza Mercato - Arena Loren. Per poter ritirare il pass è necessario recarsi presso l’info point sito in piazza Umberto I tutti i giorni dalle 10,30 alle 13 e dalle 16,30 alle 20. La kermesse aprirà i battenti domenica 23 luglio con la proiezione, in 2k e con audio dolby surround, del film “Indivisibili” di Edoardo de Angelis. A seguire il concerto di Enzo Avitabile. Grandi pellicole tutte le sere: “Le verità” (ambientato e girato a Vico Equense) di Giuseppe Alessio Nuzzo (lunedì 24 luglio), “La Bella e la Bestia” di Bill Condon (martedì 25 luglio), “Io prima di te” di Thea Sharrock (mercoledì 26 luglio), “In guerra per amore” di Pif (giovedì 27 luglio), “Mine” di Fabio Guaglione e Fabio Resinato (venerdì 28 luglio). Tra gli ospiti attesi Miriam Candurro, Bungaro (24 luglio), il cast di “Braccialetti Rossi”, Cristina Donadio, Sabrina Impacciatore, Loredana Simioli, Fabio De Caro (27 luglio), i registi Cinzia Th Torrini e Alessandro D’Alatri (presidenti di giuria), Tosca D’Aquino, Maria Pia Calzone, Lello Arena, Fabio Fulco, Maurizio Casagrande, Giorgio Marchesi, Monica Nappo, i Foja, (29 luglio) e tanti altri. Grande attesa per l’incontro di venerdì 28 con la diva Claudia Cardinale e per lunedì 24 con la madrina di questa edizione Laura Morante. Il Social World Film Festival si inserisce nel più ampio progetto della Città di Vico Equense “Promorecupevalorizza Penisola”, candidato ai POC 2014-2020 finanziati dalla Regione Campania.

Al via la 7a edizione del Social World Film Festival

La Mostra Internazionale del Cinema Sociale si terrà a Vico Equense dal 23 al 30 luglio

Vico Equense -  330 opere da tutto il mondo, di cui 100 in anteprima, provenienti da 48 diverse nazioni, e poi workshop, seminari e tanti ospiti. Questi gli ingredienti della 7a edizione del Social World Film Festival (tutte le attività ad ingresso gratuito - www.socialfestival.com), diretto dal regista Giuseppe Alessio Nuzzo, che si terrà a Vico Equense dal 23 al 30 luglio. Claudia Cardinale riceverà il Premio alla Carriera (venerdì 28 luglio) recitando alcuni passi dei più celebri film nazionali ed internazionali. Alla Cardinale verrà dedicata una retrospettivacon la proiezione di “8 e mezzo”, “Il Gattopardo”, “I guappi” e sarà insignita del titolo di Ambasciatrice del Museo del Cinema della Penisola Sorrentina. L’attrice, che campeggia anche sulla locandina del Festival, succede nell’albo d’oro dei premiati ad artisti comeGiancarlo Giannini, Ornella Muti, Luis Bacalov, Valeria Golino, Leo Gullotta, Franco Nero, Maria Grazia Cucinotta che hanno apposto la loro firma sul monumento “The Wall of Fame” sito nel centro storico della città. Madrina di questa edizione l’attrice Laura Morante che incontrerà il pubblico di Piazza Mercato – Arena Loren lunedì 24 luglio e presenzierà alle tante iniziative del festival come il Mercato Europeo del Cinema Giovane e Indipendente (26 luglio) che vedrà realtà dell’industria cinematografica tra cui Rai Cinema e Studio Universal, produttori, distributori e registi provenienti da vari Paesi, incontrarsi per discutere sulle novità del cinema giovane indipendente. Grandi film tutte le sere con proiezioni 2k e audio dolby surround: “Indivisibili” di Edoardo de Angelis (domenica 23 luglio), “Le verità” (ambientato e girato a Vico Equense) di Giuseppe Alessio Nuzzo (lunedì 24 luglio), “La Bella e la Bestia” di Bill Condon (martedì 25 luglio), “Io prima di te” di Thea Sharrock (mercoledì 26 luglio), “In guerra per amore” di Pif (giovedì 27 luglio), “Mine” di Fabio Guaglione e Fabio Resinato (venerdì 28 luglio).
 

Ambiente. Sorrento: domenica ecologica alla Regina Giovanna

Regina Giovanna
Sorrento - Domenica 23 luglio, doppio appuntamento in località Capo di Sorrento, per una giornata interamente dedicata a sito della Regina Giovanna. In campo numerosi volontari per una pulizia dell’area archeologica, nonché delle due scogliere della Regina Giovanna e della Solara. Nel frattempo alcuni gruppi di sub saranno impegnati nella pulizia di una parte dei fondali antistanti il sito. Chiunque voglia prendere parte alla domenica ecologica, può presentarsi alle ore 8.30 presso la chiesa parrocchiale del Capo di Sorrento. L’iniziativa è promossa dall’assessorato all’Ambiente del Comune di Sorrento, Penisolaverde, Marevivo e Area Marina Protetta Punta Campanella, in collaborazione con la Grande Onda, il gruppo scout di Piano di Sorrento, l’associazione Jacques Cousteau, la cooperativa Sant’Anna e l’associazione Fondali Campania. Questa iniziativa – dichiara il consigliere comunale Luigi Di Prisco – si inquadra nel piano di valorizzazione e promozione del sito della Regina Giovanna avviato quest’anno dall’amministrazione comunale. Oltre alla guardiania, partita a fine giugno, questo appuntamento farà da viatico ad un’accurata pulizia del sito garantita, a partire dalla settimana prossima, in maniera gratuita, da Marevivo che ha manifestato il proprio interesse a collaborare con il Comune. E’ bello vedere una pluralità di soggetti accomunati da un solo obiettivo: quello di valorizzare e rivalutare il nostro patrimonio storico–ambientale. A tutti loro va il nostro sentito ringraziamento”.

De Riso e Gabbiano propongono i loro nuovi lievitati a Parma

Il Sud si impone sempre con più forza e creatività nel corso degli eventi dedicati ai dolci lievitati. Per la "Notte dei Maestri del Lievito Madre", che si terrà il 24 luglio a Parma, saranno due i pasticceri campani, entrambi membri della prestigiosa "Accademia Maestri Pasticceri Italiani", che prenderanno parte alla sfida: si tratta di Sal De Riso di Minori e Salvatore Gabbiano di Pompei. De Riso porterà la nuova linea di prodotti lievitati da forno: i “Panzzuppato®”. I nuovi nati si ispirano al panettone ma, a differenza di questo, sono più bassi, pesano 850 g, e sono declinati in 4 gusti diversi: Panzzuppato al caffè napoletano, farcito con gocce di cioccolato fondente; Panzzuppato al liquore Grand Marnier e arance candite Agrimontana; Panzzuppato allo Strega Alberti, farcito con gocce di cioccolato fondente e Panzzuppato al rhum, farcito con uvetta Australiana. I Panzuppati sono disponibili tutto l'anno. Salvatore Gabbiano, per l’occasione, ha elaborato, invece, un Panettone farcito con pere, zenzero e cioccolato, che entrerà a pieno titolo nella produzione dolciaria del Maestro di Pompei.

Rimodulati alcuni articoli del regolamento acustico, il consiglio comunale approva

Consiglio comunale
Il Sindaco Andrea Buonocore e il consigliere comunale Salvatore Guida si allontanano dall'aula prima dell'inizio della discussione

Vico Equense – Questa mattina si è tenuta una nuova seduta del consiglio comunale di Vico Equense. Un'assemblea veloce, la penultima prima della pausa estiva, con cinque punti all’ordine del giorno e molte assenze tra i consiglieri di minoranza. Oltre alla canonica approvazione dei verbali della seduta precedente, e alle comunicazioni, si è ratificata una delibera di Giunta a oggetto “bilancio 2017 e bilancio pluriennale 2017/2019. Variazione al bilancio”. In scaletta anche l’adeguamento del regolamento acustico, approvato il 31 luglio del 2016 dal Consiglio comunale, alla sentenza del Tar Campania (2848/2017). Su quest’argomento il Sindaco Andrea Buonocore e il consigliere comunale Salvatore Guida si sono allontanati dall’aula, poiché è in corso un’indagine della magistratura. «Sono indagato – ha rimarcato il Sindaco Buonocore a margine del Consiglio comunale - per 30 minuti di musica per ricevimenti organizzati in una bellissima zona del nostro litorale e in piena estate quando ci sono tanti ospiti nella nostra città. Non ho fatto nulla di fuorilegge e lo chiarirò nelle sedi opportune. D’altronde si tratta di un atto su cui non nutro ripensamenti. E’ bene dire che le richieste furono accolte da me soltanto parzialmente. Invece di un’ora come voleva il privato, infatti, diedi l’autorizzazione in deroga e per soli 30 minuti fissando numerosi obblighi da rispettare.» Il Consiglio comunale di Vico Equense, questa mattina, ha nuovamente rimodulato alcuni articoli del regolamento acustico. Per attività rumorose temporanee, s’intendono le serate musicali, i concerti, la musica dal vivo e tutte le altre occasioni che richiedono l’utilizzo d’impianti di amplificazione. Le attività temporanee che comportano il superamento di emissione e immissione previsti dalla zona acustica di appartenenza e dal criterio differenziale di cui al piano di zonizzazione acustica comunale e al D.P.C.M. 14/11/1997, sono consentite previe specifiche autorizzazioni in deroga. Il consiglio comunale ha stabilito che il numero massimo degli eventi autorizzabili in deroga è pari a 25, per anno solare, e non possono essere concesse più di due autorizzazioni in deroga simultaneamente ad attività che hanno una distanza inferiore a 250 metri l’una dall’altra. Per la maggioranza queste modifiche rappresentano un buon equilibrio tra le esigenze delle attività turistico-commerciali e quelle dei cittadini.

Le notizie - ‘Na tazzulella 'e cafè

Vico Equense - Se pensi che sei in vacanza, ti sbagli, le notizie non vanno in ferie, e i fatti che accadono mettono continuamente in allarme. Anche alla fine del mondo la tecnologia ti informa, attentando alla nostra quiete. Al primo posto ci sono gli incendi, che, come ogni anno, giungono puntuali a toglierci il sonno. Quest’anno il fuoco ha divorato immense distese di verde, un fuoco con un’anima ben organizzata e con un obiettivo. A pari merito il caldo che ci ha fatto boccheggiare e ad oggi stiamo già per riparare verso qualche bronchite estiva, mal di gola, febbre fuori stagione. Se non bastasse i 547 bambini di Ratisbona ci hanno offerto un argomento che non smette mai di meravigliarci, quello dello pedofilia. E le donne? Sì, le donne, altro argomento forte dell’estate. Non manca mai una morte o una violenza, con tutta la buona volontà di arginare il problema. Puntuale arriva il caso di turno che fa discutere. E i migranti? Vi eravate dimenticati di loro? No, sono aumentati e affollano i porti creando nuove questioni di frontiera. E la sicurezza? Beh, che sarà mai un treno al buio in galleria per tre ore per un guasto mentre c’è chi soffre di claustrofobia? E il sudamericano che attenta un capotreno col macete staccandogli quasi un braccio, per un mancato biglietto? Dulcis in fundo si ci mette il Sun, giornale inglese che tratta per lo più di gossip e scoop, di cui molti discutili e di cattivo gusto, affermando che Napoli è tra le più pericolose città al mondo. Per non parlare di politica che da sola basta a farci rizzare i capelli in testa. E mentre stai seduta a leggere tutte queste “gasate” notizie, ti chiedi se non sarai anche tu una notizia che cerchi di vivere la tua vacanza ma con grande difficoltà nel marasma degli eventi.

Vico Equense. Al Social World Film Festival la presentazione del nuovo romanzo di Raffaele Lauro

Castello Giusso
Vico Equense - Dopo il successo dell’anteprima nazionale a Sant’Agata sui Due Golfi e a Sorrento, la terza tappa della presentazione del romanzo di Raffaele Lauro, “Don Alfonso 1890 - Salvatore Di Giacomo e Sant’Agata sui Due Golfi”, sarà lo splendido scenario dello storico Castello Giusso, Sala Bertolucci, via XI Febbraio, martedì 25 luglio, ore 18.30, a Vico Equense. La manifestazione culturale, organizzata nell’ambito della VII Edizione del Social World Film Festival, diretto dal regista Giuseppe Alessio Nuzzo, sarà moderata dal giornalista Antonino Siniscalchi. Dopo i saluti di benvenuto del sindaco Andrea Buonocore, introdurrà il regista Giuseppe Alessio Nuzzo, direttore del festival. Interverranno, in qualità di relatori, Rosa Gargiulo, literary manager, e Salvatore Ferraro, accademico pontaniano. Concluderà Ettore Cuomo, ordinario di Storia delle Dottrine Politiche presso l’Università di Salerno. Ospite d’onore sarà il Maestro Alfonso Iaccarino. Sarà presente l’Autore. Salvatore Di Giacomo era legatissimo a Vico Equense, che definiva “una terra benedetta, unica al mondo, perché ha tutto: la montagna, le colline, il piano, le spiagge e, pure, di fronte al golfo e al Vesuvio, una ricca sorgente di acque termali, che curano sia le malattie della pelle sia le patologie della respirazione. Cielo, sole, mare e acque termali, un luogo miracoloso, un paradiso del corpo e della mente, che io frequento da anni, con benefici corporali e psicologici!”. L’ultima presentazione estiva avrà luogo, con il Patrocinio del Comune, ad Agerola, nella Corte degli Dei di Palazzo Acampora, sabato 29 luglio, alle ore 18.00.

Per limoni in festa arriva Enzo Avitabile

Massa Lubrense - Fine settimana dedicato al limone a Massa Lubrense, il prodotto di eccellenza del territorio. “Limoni in festa”, questo il titolo della kermesse giunta alla quarantatreesima edizione, avrà inizio alle 18 di venerdì con l’apertura del mercatino dei prodotti tipici locali. Alle 19 nei locali della Pro Loco in Viale Filangieri inaugurazione di una mostra d’arte. Alle 21 spettacolo musicale dei New Wind Ensemble. Sabato alla mostra ed al mercatino, che saranno aperti per tutta la giornata, si aggiungerà in serata il percorso gastronomico con degustazioni di specialità culinarie dedicate al limone. Evento clou della serata in piazza Vescovado l’esibizione di Enzo Avitabile e Black Tarantella. Domenica 23 ancora mercatino, mostra d’arte e percorso gastronomico al limone. Dalle 16.30 alle 19.30 agropasseggiata Massa, Annunziata, Marina Lobra e ritorno a Massa. In serata spettacolo musicale con i Tre Soprani Le Loving. La manifestazione è organizzata dal Comune di Massa Lubrense e la preziosa collaborazione della Pro Loco di Massa Lubrense e della locale Coldiretti. “ La sinergia tra diversi assessorati del Comune, e la collaborazione fattiva di Pro Loco di Massa e la Coldiretti ha permesso l’organizzazione della Limoni in Festa di quest’anno -dichiarano il vice sindaco Giovanna Staiano ed il delegato all’agricoltura Francesco Cacace-. La manifestazione,con alle spalle oltre quarant’anni di storia, nata e portata avanti per promuovere il prodotto principe del nostro territorio il limone. Un prodotto di eccellenza che si coniuga benissimo con la ristorazione di eccellenza di Massa Lubrense. A queste parole si aggiungono quelle del sindaco Lorenzo Balducelli:
 

Estate 2017 alla Marina di Seiano. A Le Axidie “Il nostro concerto”

Sabato 29 luglio 2017 ore 22.30

Vico Equense - Immaginate una serata immersi tra deliziose pietanze e buona musica. Sabato 29 luglio 2017, ore 22.30, presso l' Hotel&Resort Le Axidie, alla marina di Seiano potrete trascorrere una piacevole cena, animata da tre grandi artisti che si esibiranno dal vivo omaggiando evergreen napoletani, italiani e internazionali più belli del secolo scorso.

Antonello Cascone 
Arrangiatore di Andrea Bocelli, pianista, compositore, arrangiatore e direttore d’orchestra, inizia la sua carriera nel 1994 in RAI, in numerose trasmissioni, durante le quali ha accompagnato artisti quali: Milva, Berte’, Toto Cutugno, Massimo Ranieri, Andrea Bocelli, Gino Paoli, Gilbert Becaud, Alan Sorrenti, Peter Van Wood, Peppino di Capri, Il Banco, Drupi e molti altri artisti del panorama artistico italiano.
Fiorenza Calogero 
Fiorenza è una voce di Napoli che, partendo dalla sua ventennale esperienza col maestro Roberto De Simone e con la tradizione del canto melodico, cerca un’altra strada fatta di linguaggi e ricerca che vivono nei nostri giorni e che sono comuni alle donne che popolano le sponde del mare nostrum. Tradizione, essenzialità e ricerca che ha come fine quello di toccare le corde del cuore. Nel 2001 vince il Premio Saint Vincent, come migliore interprete, con il brano “Indifferentemente”.
Massimo Masiello 
Si forma all'Accademia del Teatro Diana nell'anno '89-'90. Studia canto e solfeggio con i maestri Antonio Sinagra e Antonio Romano, tip-tap con il ballerino Alfredo Girard. Ha lavorato al fianco di primedonne quali Rosalia Maggio, Angela Luce, Miranda Martino, Piera Degli Esposti, Antonella D'Agostino, Dalia Frediani, Nuccia Fumo. Vince il premio “Oscar per il teatro 2003” al Teatro Il Primo come migliore attore protagonista della stagione con lo spettacolo”Don Raffaele, io... e Viviani”.

L'evento si svolgerà presso l'anfiteato dell' Hotel&Resort Le Axidie
Formula evento: Ingresso libero per chi cena presso il Ristorante Punta Scutolo
Per assistere al solo spettacolo: Consumazione bar obbligatoria di 7 €

Per il Faito ci sono 10 milioni, ma è impossibile spenderli

I progetti per mettere in sicurezza la montagna non sono buoni per il nuovo codice degli appalti 

Castellammare di Stabia - «I 10 milioni di euro necessari a porre rimedio al rischio idrogeologico del monte Faito e dei quartieri a valle sono depositati al Ministero dell'Ambiente e aspettano di essere adoperati dal comune, che si è proposto quale soggetto attuatore, ma un anno fa è cambiato il Codice degli Appalti e occorre pertanto un progetto esecutivo che costa circa 300mila euro, cifra che attualmente non abbiamo a disposizione». Risponde cosi Francesco Balestriere, l'assessore all'Ambiente del comune di Castellammare di Stabia, alle provocazioni delle opposizioni che l'hanno accusato di essere assente rispetto alla problematica. «Sul Faito, infatti, vanno effettuati carotaggi, prelievi, analisi e valutazioni molto precise - aggiunge Balestrieri - ma con Andrea Di Marti no (vicesindaco, ndr} stiamo già provando a reperire le risorse, magari attingendo al fondo di rotazione predisposto dalla Regione Campania per finanziare i progetti». «All'ufficio Lavori Pubblici ci sono centinaia di progetti costati fior di quattrini e pressoché inutilizzabili rivela l'assessore all'Ambiente perché nessuno è esecutivo. Noi abbiamo recuperato i 10 milioni per il dissesto idrogeologico, abbiamo stilato un progetto preliminare, abbiamo attenzionato la Regione e ora ci occorre soltanto recuperare i fondi per il progetto esecutivo a fronte della variazione del Codice degli Appalti, dopodiché saremo in grado di fornire risposte adeguate su un problema che si trascina da oltre vent'anni senza soluzioni». Il grave rischio costituito dal dissesto idrogeologico del monte Faito è allo studio della geologa Antonella Guerriero e di Tristano Dello Joio, presidente dell'Ente Parco Regionale dei Monti Lattari. (Fonte: Il Roma)

giovedì 20 luglio 2017

Costiera, scontro frontale tra scooter. Muore un ragazzo di 20 anni

Fonte: Ciriaco M. Viggiano da Il Mattino

Sant'Agnello - Sangue sulle strade della penisola sorrentina: Antonino Esposito, 20 anni, è morto in seguito a uno scontro frontale tra il suo scooter e quello di un altro centauro che viaggiava in direzione opposta. L'incidente si è verificato a Sant'Agnello, lungo corso Italia, all'altezza dell'incrocio con via San Giuseppe. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia municipale, coordinati dal comandante Nello Gargiulo, e gli operatori del 118 che hanno trasferito Esposito all'ospedale di Sorrento. Qui le condizioni del giovane sono apparse subito gravi. E, alla fine, il giovane non ce l'ha fatta. Sulla vicenda indagano i vigili urbani di Sant'Agnello, già impegnati a ricostruire la dinamica dello scontro per accertare eventuali responsabilità.

Schizzano le visualizzazioni per “Lascia Stare”, il nuovo singolo del finalista del talent del San Carlo Carlo Gargiulo di Sorrento

Carlo Gargiulo
Sorrento - Carlo Gargiulo in arte “ZERO” ha appena pubblicato il nuovo video del suo singolo “Lascia stare” e in meno di un’ora sono arrivati migliaia di visualizzazioni sulla sua Fanpage “ZERO”. La dimensione ideale di Carlo teenager Sorrentino, e’ la musica, dove la sua ansia quotidiana “tra le corde” diventa arte e canto cosi’ vola in alto, dove tutto e’ leggero, bello, opportuno, perfetto ed ideale. In autunno seguira’ un nuovo album. Il video ufficiale e’ pubblicato sul canale Youtube “Zero” (CLICCA QUI) e su Facebook.

RAI. TGR Campania di venerdì 21 luglio 2017, ore 19.30. Speciale sull'anteprima nazionale, avvenuta a Sant'Agata sui Due Golfi, del nuovo romanzo di Raffaele Lauro, "Don Alfonso 1890 - Salvatore Di Giacomo e Sant'Agata sui Due Golfi"

Sorrento - Venerdì 21 luglio, alle ore 19.30, il TGR Campania trasmetterà lo speciale sulla presentazione, avvenuta a Sant'Agata sui Due Golfi, in anteprima nazionale, del nuovo romanzo di Raffaele Lauro, "Don Alfonso 1890 - Salvatore Di Giacomo e Sant'Agata sui Due Golfi", con la partecipazione di don Alfonso e Livia Iaccarino, di Massimo Milone, di Riccardo Piroddi, di Antonino Siniscalchi, di Salvatore Ravenna, di Ernesto Iaccarino, di Sergio Corbino e di Ettore Rosato. Intervista all'Autore.

ScuolaViva. Sport@scuola - Istituto Comprensivo Costiero - Vico Equense

Ecologia. Il 23 luglio lavaggio strade e marciapiedi

Vico Equense - L’Amministrazione Comunale – Assessorato all’ ecologia comunica che il 23 luglio, sarà eseguito, a cura della Sarim, un lavaggio delle strade e dei marciapiedi del centro abitato del nostro Comune. È necessaria, per la buona riuscita dell'intervento, la collaborazione di tutti. A tal proposito si informa anche che, al fine di consentire il lavaggio, è stata emessa ordinanza di divieto di sosta con rimozione forzata, in via Filangieri, da piazza Ferrovia all’incrocio con viale Rimembranza, via San Ciro, Piazza Marconi, Viale Rimembranza e Via Cortile dalle 03.00 alle ore 09.00.

Vico Equense. Colonia anziani e spazio ludico ricreativo: al via le domande

Marina di Vico
Vico Equense - Il Comune di Vico Equense, in collaborazione con le operative sociali “Il delfino”, “la Locanda” e l’associazione “Punta del vento”, ha organizzato alla marina di Vico (arenile Postali) la colonia estiva “Argento vivo”, rivolta a tutti gli anziani che hanno superato il sessantesimo anno di età. Dal 15 luglio al 30 agosto nei giorni di martedì, giovedì, sabato e domenica dalle ore 9.00 alle 12,30 sarà garantito la presenza di un operatore per la sorveglianza in spiaggia e in acqua, animazione, lettini, sdraio, e ombrelloni, compresa la merenda di metà giornata e l’uso di servizi igienici, spogliatoio e doccia calda. La quota di partecipazione settimanale è di 20 euro, a parziale copertura delle spese, da versare direttamente alle cooperative incaricate. Inoltre sarà garantito il libero accesso a tutti per la balneazione senza uso di servizi. Invece, il lunedì e venerdì (per l’intera giornata) e nei restanti giorni della settimana, nelle ore pomeridiane, sempre presso l’arenile Postali, potranno essere organizzate, previa approvazione dell’Ente comunale, attività ludiche ricreative rivolte a tutte le fasce d’età: adulti, adolescenti, bambini, con il contributo e la sorveglianza degli anziani disponibili, di concerto con gli operatori della zona ed eventualmente con il contributo de altre associazioni e cooperative sociali. Le attività consisteranno nell’organizzare manifestazioni, attività sportive, tornei ludici educativi, laboratori d’arte e mestieri all’aria aperta e altre iniziative, proposte da singoli o da associazioni. Tali attività non avranno scopo di lucro e saranno assicurate con la partecipazione attiva dell’Amministrazione comunale in termini di supporto logistico e della fornitura di attrezzature, secondo la disponibilità dell’Ente. Per aderire alla colonia estiva “Argento vivo” e per richiedere lo spazio per attività ludiche ricreative, bisogna presentare una domanda all’ufficio politiche sociali del Comune di Vico Equense

(Per eventuali chiarimenti e info contattare l’ufficio politiche sociali del Comune 081.8019330)

Eventi. M’Illumino d’Inverno: nuovo primo posto nella graduatoria regionale

Mario Gargiulo e Giuseppe Cuomo
Sorrento - La prossima edizione di M’Illumino d’Inverno, il contenitore invernale di appuntamenti promosso dal Comune di Sorrento, si è classificato al primo posto nella graduatoria di merito delle proposte progettuali cofinanziate dalla Regione Campania, nell’ambito di quelli degli eventi di rilevanza nazionale ed internazionale. “E’ una notizia che ci riempie di orgoglio e soddisfazione, premia gli sforzi profusi dalla nostra amministrazione e offrire il giusto riconoscimento alla sfida che, ormai da qualche anno, portiamo avanti con il sostegno del sindaco Giuseppe Cuomo - commenta l’assessore agli Eventi, Mario Gargiulo - Con un punteggio di 92 e un finanziamento di 100mila euro, il Comune di Sorrento ha infatti conquistato nuovamente il vertice della graduatoria dei progetti cofinanziati dalla Regione Campania. Anche per l’edizione 2017, la decima, M’Illumino d’Inverno proporrà un cartellone di spettacoli, capace di incantare il pubblico di residenti e di visitatori che affolleranno la nostra città”. Tra i protagonisti del programma invernale, il cantautore, compositore e regista Franco Battiato e il pluripremiato violinista Ara Malikan. “Una terra come questa, meta di tre milioni di turisti ogni anno - continua Gargiulo - non può fare a meno di proporre un’offerta culturale di elevati standard, dalla musica al teatro, dall’arte al cinema. Dopo i primi positivi riscontri raccolti anche con la rassegna estiva “Sorrento Incontra”, diretta da Mvula Sungani, siamo certi che anche il cartellone degli appuntamenti in programma dal prossimo ottobre al febbraio 2018, porteranno nuove occasioni di sviluppo per la destinazione Sorrento”.

Massa Lubrense. Scontro in mare, 71enne muore per le ferite riportate

L'incidente è avvenuto ieri sera ed ha coinvolto un gommone ed una imbarcazione in legno

Massa Lubrense - Tragedia in mare nelle acque antistanti il borgo marinaro dei Marina del Cantone. A perdere la vita è stato A.P., 71enne originario di Massa Lubrense, deceduto a seguito della collisione avvenuta tra due unità da diporto. Ieri sera l'uomo si trovava a bordo di un barchino in legno di circa 4 metri quando è avvenuta la collisione fatale con un gommone di circa 7 metri condotto da G.M. di anni 50 anche lui originario di Massa Lubrense. L’impatto è stato violento; il 71enne è stato sbalzato in mare e per le lesioni riportate è deceduto presso l’ospedale Cardarelli di Napoli dove era giunto già in gravi condizioni, dall’ospedale civile di Sorrento. Potrà essere solamente l’esame autoptico a stabilire le eventuali cause del decesso. La Centrale Operativa della Guardia Costiera di Castellammare di Stabia è stata interessata dell’evento intorno alle ore 22.00 circa. Su disposizione dei militari stabiesi, una pattuglia dell’Ufficio Locale Marittimo di Massa Lubrense si è diretta in località Marina del Cantone dove ha coordinato le operazioni di soccorso. L'uomo è stato prontamente trasferito sui mezzi di soccorso, già presenti in località Nerano ed affidato alle prime cure dei sanitari del 118 che, dopo le prime manovre di stabilizzazione, lo hanno trasferito prima all’ospedale di Sorrento e, successivamente, a causa dell’aggravarsi delle condizioni mediche, presso l’ospedale Cardarelli di Napoli.
 

Cellulare in auto. Patente sospesa al primo colpo

Immediata sospensione della patente fino a tre mesi già alla prima infrazione, che potranno diventare sei in caso di recidiva, per chi viene sorpreso a parlare al telefonino o utilizza altri dispositivi elettronici mentre è alla guida. Lo stabilisce un emendamento del presidente della commissione Trasporti della Camera, Michele Meta, approvato dalla stessa commissione, che sta esaminando un ddl sul codice della strada. Con Torna la linea dura Cellulare m auto Patente sospesa al primo colpo l'emendamento si modifica la misura che invece prevedeva la sospensione della patente soltanto alla seconda infrazione in due anni. Più in generale il provvedimento è volto anche a garantire una maggiore sicurezza sulla strada per i ciclisti e i bambini in auto. «Soddisfatto che l'orientamento del governo sia stato fatto proprio dal relatore del provvedimento. Era doveroso assumere una posizione più rigida per limitare l'uso di smartphone e dispositivi elettronici, oggi prima causa di incidenti anche mortali sulle strade», ha commentato il viceministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Riccardo Nencini. (Fonte: Il Corriere della Sera) 

Non basta abbattere le statue - 'Na tazzulella 'e cafè

di Filomena Baratto

Vico Equense - Nel tredicesimo paragrafo del secondo libro della Storie di Tacito vengono abbattute le statue di Vitellio e inviate persone a darne l’avviso ad Antonio. Un gesto che resta indelebile all’interno della storia anche se in un contesto diverso, ma di eguale intensità emotiva così come i fatti di oggi per l’abbattimento della statua di Falcone e per il danneggiamento della stele di Livatino: lì come segno di tradimento, qui per contrastare i simboli della lotta alla mafia. Ma di questi fatti ne è piena la storia. Falcone e Borsellino, così come il giudice Livatino, vengono ammazzati per aver fatto il loro dovere. La morte non cancella il valore di questi eroi. Quelli veri, che in prima fila hanno combattuto pur sapendo di avere pochissime possibilità di farcela, che hanno messo a repentaglio la vita per lo Stato e come unico scopo: colpire la mafia. Restano, anche a distanza dalla loro morte, modelli da seguire se solo si avesse lo stesso coraggio. Per i giovani sono punti di riferimento anche dopo anni dalle stragi. Non basta buttare a terra una statua o sfregiare una stele, con tutto il dispiacere che questo gesto può provocare, interessa quello che uomini del genere hanno infuso nelle menti e negli animi: l’esempio e la voglia di intraprendere sempre la strada giusta anche se si rivela la più difficile. Abbattete pure le statue, tanto saranno ricostruite. L’Italia ha bisogno di uomini così più delle statue. Gli uomini come Falcone e Borsellino, il giudice Livatino e tutti quelli che come loro sono morti per essere scomode presenze, vivono in eterno e i loro moniti si sentono ancora tra i vivi! Abbattendo quelle statue non fate altro che permettere alle loro voci di elevarsi ancora più forti.

Cassazione, Schettino fu negligente

Francesco Schettino
Depositata motivazioni condanna comandante a 16 anni

Meta - Francesco Schettino non osservò il "livello di diligenza, prudenza e perizia oggettivamente dovuto ed esigibile". Lo scrive la Cassazione nelle motivazioni della sentenza con cui ha reso definitiva la condanna a 16 anni per il comandante della Costa Concordia per il naufragio nel quale il 13 gennaio 2012 morirono 32 persone. I tanti morti, oltre alle 193 persone ferite, "molte delle quali costrette a vivere esperienze assolutamente drammatiche, sconvolgenti, inenarrabili", "i gravissimi danni causati all'ambiente, in un tratto di mare di eccezionale pregio", gli "ingentissimi danni patrimoniali", sono le ragioni per cui la Cassazione spiega di condividere la decisioni della Corte d'Appello di Firenze di non concedere le attenuanti al comandante della Costa Concordia. (Fonte: Ansa)

FiordilatteFIORDIFESTA, un menù di eccezione per la 37° edizione

Agerola - Dal 5 al 7 Agosto, Agerola si veste a festa per la 37° edizione della sagra dedicata al fiordilatte. Per l'occasione è stato selezionato un menù tipico di prima scelta. Saranno i sapori del territorio i veri protagonisti della 37° edizione della sagra del fiordilatte di agerola, FiordilatteFIORDIFESTA, che si svolgerà dal 5 al 7 agosto. Re indiscusso della manifestazione sarà il tipico fiordilatte agerolese, amato da grandi e piccini, presente nella maggior parte dei piatti del menù. La festa, divenuta ormai uno degli eventi più importanti e attesi dell'estate campana, si presenta quest'anno con una selezione di piatti rinnovata e tante novità che metteranno in risalto i sapori del territorio agerolese, alla riscoperta del gusto tradizionale del luogo. Tra le novità, oltre ai classici sempre presenti, l'Associazione Sant'Antonio Abate, organizzatrice dell'evento ha deciso di inserire nel menù, che va dall'antipasto al dolce, specialità gustose e veloci da preparare. Si comincia con i classici sfizi del contadino, ovvero la buonissima fresella integrale con pomodorini e fiordilatte; si prosegue con ben due tipologie di primi piatti: gli Gnocchi del Monaco, con fonduta di provola affumicata, erbe aromatiche e scaglie di Provolone del Monaco DOP, e la Pasta con zucchine, preparata con fiori di zucchine e colatura di provola affumicata. Specialità gourmet per la 37° edizione della sagra è la Delizia di fiordilatte in tempura, una bontà da assaporare con le dita. Il menù si conclude con l'ottimo Babà della Gerla, con panna e frutta; il tutto accompagnato da acqua e Vino di Furore Cantine Marisa Cuomo.
 

Campania record per gli incendi mille percento in più

Emendamento del governo : confìsca per chi brucia il proprio terreno. "Colpire estorsori e speculatori"

Fonte: Stella Cervasio da La Repubblica Napoli 

L’ Italia brucia, ma la Campania è in testa per numero di incendi. «Rispetto al 2016, secondo la centrale operativa, sono il mille per cento in più», sottolinea il governatore Vincenzo De Luca. Sul Vesuvio e nelle altre provincie, 220 sono stati gli interventi dei vigili del fuoco dall'inizio dei roghi, secondo il Lazio, con 190 e terza la Toscana con 150. Al momento superiamo anche le altre regioni del sud. I luoghi ancora colpiti: Somma, Sant'Anastasia, gli Astroni, Pollena Trocchia, e per il salernitano, Amalfi, Sarno, Castel San Giorgio e Fisciano. Anche ieri che la situazione appariva sotto controllo le richieste di concorso aereo ricevute dal Centro operativo aereo unificato ( Coau) del dipartimento di Protezione civile più numerose sono arrivate dalla Campania: 6. Allo studio una misura del governo. «Quello che sta accadendo è uno sconcio. Ci vogliono normative che taglino le unghie agli estorsori e agli speculatori. Le organizzazioni criminali non devono spuntarla neanche su questo terreno».
 

mercoledì 19 luglio 2017

Roberta Scardola: "Social World Film Festival, kermesse prestigiosa che mi ha aiutato a crescere"

Roberta Scardola
di Claudia Esposito 

Vico Equense - Da 6 anni è l'indiscussa padrona di casa del "Social World Film Festival", la mostra internazionale del cinema sociale che tornerà da domenica 23 luglio a Vico Equense con la sua settima edizione. Roberta Scardola si appresta a tornare in costiera sorrentina per condurre, insieme a Yuri Napoli, le serate che vedranno alternarsi sul palco dell'"Arena Loren" grandi nomi del cinema e non solo: tra questi Claudia Cardinale, Laura Morante, Enzo Avitabile e tanti, tantissimi altri. "Ogni anno - spiega Roberta - attendo la presentazione dei nomi degli ospiti con la stessa ansia di un'estrazione dei numeri della lotteria. E ogni anno mi sorprendo dei grandi nomi che Giuseppe e Teresanna Nuzzo riescono a portare in città. Dietro c'è un grande lavoro e tanta, tantissima passione per un festival, fatto dai giovani per i giovani, che cresce di anno in anno". Dopo Maria Grazia Cucinotta, Giancarlo Giannini, Louis Bacalov, solo per citare in minima parte alcuni dei grandi nomi che sono stati ospiti della kermesse, stavolta arriveranno Claudia Cardinale e Laura Morante... "Senza togliere nulla a quanti l'hanno preceduta - continua l'attrice - credo che quest'anno, grazie a Claudia Cardinale, il festival sia diventato ancor di più altisonante. Lei è una delle ultime rappresentanti degli anni d'oro del cinema italiano, una diva richiesta in tutto il mondo e se si pensa che, dopo Cannes, verrà al Social, si può avere un'idea del privilegio grandissimo che avremo.