lunedì 13 luglio 2020

Il rilancio del Faito? Passa per la valorizzazione del bosco

L'Assessore regionale Chiara Marciani
e il Sindaco Buonocore
Vico Equense - Nel video il saluto del sindaco Andrea Buonocore al seminario “Ricomincio dal Verde… dalle buone prassi alle opportunità per il Real Bosco del Monte Faito” Sala delle Colonne Istituto Santissima Trinità e Paradiso a Vico Equense. Istituzioni locali, esperti del mondo del verde e i direttori dei parchi e dei boschi storici più importanti della Campania ne hanno discusso nel webinar promosso dall'ITS BACT. Un dibattito sulla situazione di boschi, parchi e giardini storici, partendo da una delle realtà verdi più importanti del panorama campano: il Real Bosco del Monte Faito. Un’occasione per ripartire e riprenderci il verde del nostro patrimonio. L’esigenza e la necessità di distanziamento sociale richiesto dalla prevenzione del diffondersi della pandemia Covid 19 potrebbe portare a una svolta uno dei sentieri più belli del nostro patrimonio verde. Il Real Bosco del Faito, una volta eliminati i potenziali pericoli per la pubblica incolumità, potrebbe rinascere non solo come destinazione turistica verde (ambientalistica, salutistica, sportiva, spirituale e culturale), ma anche come polo culturale. Facendo tesoro delle esperienze fatte da tanti parchi e giardini storici reali, e sulla scorta di una vecchia ma sempre attuale idea di scuola di educazione ambientale (nata qualche tempo fa Provincia di Napoli e dal comune di Vico Equense), il bosco infatti potrebbe essere rilanciato come Campus del verde: un luogo di educazione e formazione professionale e imprenditoriale.

 

Seiano. Parte domani il metrò del mare

Spiagge. Buonocore: "C'è troppo lassismo ultimamente e noi amministratori dobbiamo tutelare la salute pubblica"

Vico Equense - Continua il reportage di Repubblica Napoli sulle spiagge. Dopo Meta e il primo cittadino Giuseppe Tito che respinge i viaggiatori alla stazione con gli agenti della municipale, oggi si parla di Vico Equense, che ha riservato le spiagge libere solo ai residenti del comune: «Altrimenti rischiavamo – spiega il Sindaco Andrea Buonocore ad Antonio Di Costanzo - che con le regole sul distanziamento i cittadini di Vico non potessero andare al mare». Buonocore difende la scelta e la lega a motivi sanitari: «C'è troppo lassismo ultimamente, ma noi amministratori abbiamo il dovere di tutelare la salute pubblica. Le spiagge libere non date in concessione sono riservate ai residenti della città di Vico e anche per chi ha una seconda casa o soggiorna in strutture alberghiere e non». Il primo cittadino respinge l'accusa di non volere i pendolari "mordi e fuggì" a Vico: «Noi non respingiamo nessuno, abbiamo fatto dell'accoglienza la prima regola, ci sono le spiagge date in affidamento, con gara fatta tre anni fa, a cui possono accedere tutti con prenotazione. Mi dispiace ma i metri quadrati di spiaggia sono gli stessi ma ora possono contenere meno persone. Per questo abbiamo dovuto riservare quelle libere e gratuite ai residenti e abbiamo dovuto bloccare i pendolari che non vanno in quelle attrezzate».

E-bikes sharing a Monte Faito: e il turismo può ripartire con slancio (Video e foto)

Il Sindaco Buonocore: “Oggi tutti insieme scriviamo una pagina importante per il Faito” 

Vico Equense - "Faito 1131mt...green move": la prima stazione automatizzata di eBikes sharing a impatto zero, a servizio del territorio, apre sul Monte Faito. Presentato, questa mattina, il primo e innovativo servizio di e-bike sharing pensato per offrire un'alternativa green alla mobilità dei tanti turisti e visitatori di questa montagna unica al mondo, affacciata sul golfo di Napoli, un gigante millenario pronto a vivere una nuova vita e offrire un'esperienza unica. Un'iniziativa sinergica, messa in campo da più soggetti di riferimento del territorio, volta a rilanciare la stagione turistica nel rispetto dell'ambiente. Alla presenza di Nicola Corrado, Presidente dell'Associazione Malkovich, di Aldo Arcangioli CEO di Unicoenergia, dei Sindaci dei Comuni di Vico Equense, Andrea Buonocore e di Castellammare di Stabia, Gaetano Cimmino e del Presidente di EAV, Umberto De Gregorio. “Oggi tutti insieme – ha detto il Sindaco Buonocore - scriviamo una pagina importante per il Faito.” La particolarità di questa iniziativa riguarda la sua impronta prettamente turistica. Da qui la scelta del tipo di bicicletta per superare anche dislivelli più impegnativi e percorrere in tutta comodità vari tipi di percorsi con mezzi resistenti e adatti ad un più ampio target di persone: dai più giovani ai meno giovani, dai più esperti ai meno allenati. Le bici si prenotano con un’app, al costo di 10 euro.

Nel video il saluto del Sindaco di Vico Equense Andrea Buonocore

 

Vico Equense. Social World Film Festival 2020, un’edizione speciale per salvare il rapporto tra pubblico e cinema

La Mostra Internazionale del Cinema Sociale si terrà dal 6 al 11 ottobre a Vico Equense tra eventi in presenza e innovazione tecnologica: community virtuale e social network esclusivo per pubblico e giurati, streaming VR 360° 3D, incontri e proiezioni in piazza 

Vico Equense - Con una veste e un format completamente nuovi si evolve il Social World Film Festival, la Mostra Internazionale del Cinema Sociale, che torna in una edizione speciale a Vico Equense dal 6 al 11 ottobre, tra eventi in presenza e iniziative online. «Sarà una versione unica del nostro format, dove la tecnologia e l’innovazione saranno a sostegno del cinema socialmente impegnato e per continuare a garantire la nostra mission di avvicinare ed educare il pubblico all’audiovisivo, perché il lungo lockdown ha snaturato il rapporto tra cinema e fruitori, perdendo il contatto con la sala e gli autori. Sarà un’edizione necessaria per tornare a quella tradizionale appena l’emergenza pandemica sarà finita. Ci adegueremo alle disposizioni di sicurezza da Covid-19 per incontri e proiezioni in piazza. Il perno saranno come sempre i giovani che parteciperanno alle giurie, ai workshop, ai dibattiti anche attraverso una community online, un social network sicuro e protetto esclusivamente dedicato all’evento dove potranno discutere. Non mancheranno le dirette quotidiane, quest’anno in VR 360° 3D grazie alla collaborazione con “The Virtual Reality Production”» così il regista e produttore Giuseppe Alessio Nuzzo, direttore generale del festival.
 

domenica 12 luglio 2020

Inaugurato a Villa Fiorentino il SyArt Sorrento Festival 2020 che contribuisce alla ricerca del vaccino per il Covid-19 della Fondazione Pascale di Napoli

Sorrento - Inaugurato ieri sera il SyArt Sorrento Festival, kermesse dedicata all'arte contemporanea e giunta quest’anno alla sua quarta edizione. Protagonisti dell’evento culturale dell’estate sorrentina sono quaranta artisti provenienti da ben quattordici Paesi. Fino al prossimo 6 settembre la suggestiva location di Villa Fiorentino, storica sede della Fondazione Sorrento, istituzione che organizza la manifestazione, accoglie le opere selezionate da Rossella Savarese curatrice e gallerista SyArt, divenendo contenitore unico in cui più di un centinaio di opere d'arte contemporanee raccontano di contaminazione e scambio tra linguaggi multietnici e declinazioni artistiche multiple. Fotografia, pittura, scultura, installazione si sposano proseguendo un dialogo metafisico inaugurato nella precedente edizione. Il percorso espositivo si chiude con una Solo Room dedicata alla Video Art con un suggestivo lavoro del creativo Simone Riccardi. Oltre all'Italia ben rappresentata, la kermesse ospita Paesi quali l'Uruguay, il Cile, la Colombia, la Russia, la Slovenia, l'Egitto, la Turchia, l'Inghilterra, il Brasile, il Perù, la Serbia, la Corea del Sud e la Polonia. Interessante lo scambio culturale a cui si assiste nella sala dedicata alla Fotografia in cui due artisti napoletani Nico Vigenti e Federica La Magra si confrontano con i colleghi brasiliani, uruguaiani e turchi. Da un piano terra incentrato su un discorso prettamente figurativo ci si muove lungo i tre piani espositivi e nelle otto ampie sale in cui l'informale cede il posto alla fotografia, all'illustrazione, alla body art, piuttosto che alla scultura ed alla video art.
 

Mare. Odissea Circumvesuviana

Foto Repubblica Napoli
Oggi su Repubblica Napoli un lungo reportage dal treno per Sorrento. L'odissea Circumvesuviana per il mare tra fermate saltate e bagnanti rimandati indietro. "A Vico e a Meta, - si legge nell'articolo di Tiziana Cozzi - senza prenotazione si torna indietro, l' accesso alle spiagge libere è impedito (a Vico solo su prenotazione, a Meta sono aperte solo ai residenti), trasformate in piccole oasi per pochi. Quando il treno dopo un'ora e mezzo di viaggio arriva a Meta, senza aria condizionata e una "corsa-trappola" con stazioni chiuse, il benvenuto è un "Prego, tornate indietro". La stazione è presidiata da polizia municipale. Guardia di finanza (con cani al guinzaglio), volontari della protezione civile e perfino il sindaco. Tutti ad accogliere o meglio a respingere le masse di aspiranti bagnanti del sabato. È l'applicazione dell'ultima ordinanza firmata il 9 luglio (in vigore fino al 31) dal sindaco Giuseppe Tito che, sceso dal suo motorino, invita lui stesso i passeggeri appena sbarcati da Napoli a desistere. È il mare off-limits dell'era post Covid. «Rispetto semplicemente l'ordinanza del presidente De Luca - spiega - il distanziamento è necessario. L'emergenza non è finita e noi sindaci abbiamo facoltà di emettere anche ordinanza di chiusura. Siamo un paese ospitale ma qui si rispettano le regole». Regole si ma nessun avviso nelle stazioni di Napoli che avvertano dell'inconveniente e convincano i bagnanti a cambiare destinazione. «Abbiamo chiesto più volte all'Eav dimettere avvisi in stazione - chiarisce il sindaco - eppure siamo sommersi dai bagnanti, sembra che nessuno sappia nulla. Stiamo preparando un video, chiederemo all'Eav di mandarlo in onda nelle stazioni». Nonostante le restrizioni, decine di passeggeri continuano a riversarsi la mattina del sabato e della domenica nelle stazioni di Vico Equense, Seiano e Meta, le uniche località con spiagge libere della costa. Per molti una giornata da dimenticare... «Queste spiagge ci stanno distruggendo - confessa un vigile di Meta - combattiamo con chi vuole andare a mare, non facciamo che rimandarli indietro».

#vicoequense

L’appello di Monsignor Francesco Alfano rivolto agli imprenditori e ai politici nel tempo della Pandemia


Carissimi, 
mi rivolgo a Voi in un momento molto delicato e difficile anche per il nostro territorio. Sono molte le famiglie che stanno soffrendo la crisi in atto a causa della pandemia e ancora di più quelle che sono prese dalla trepidazione pensando a cosa le aspetta nel prossimo futuro, a partire dal prossimo autunno che non sarà facile per nessuno. In queste ultime settimane si sono rivolti alle nostre comunità parrocchiali numerosi lavoratori in difficoltà. Io stesso ho ascoltato il dramma di diversi di loro: il dolore di lavoratori stagionali assunti part time ma costretti a lavorare full time, la sofferenza di chi è costretto ad accettare il lavoro sotto ricatto di non essere più richiamato se rifiuta, lo sguardo stanco e sfiduciato di chi deve subire orari disumani pur di non perdere il lavoro e portare così “il pane” a casa. La tentazione di pensare che in tempo di crisi bisogna ringraziare Dio se si lavora potrebbe essere diabolica: nessuno deve mai scendere a compromesso con il male e distruggere la speranza, che se condivisa ci rende umani e che fa crescere la società. Papa Francesco ci ha ricordato più volte che il lavoro è una forma di partecipazione e di responsabilità, fa fiorire la persona e la fa crescere nelle relazioni. Alla cultura dello scarto e alla mentalità dell’indifferenza il Papa esorta a rispondere con un sistema che “mette al centro la persona umana e non il dio denaro”.
 

Scuola. Il Governatore De Luca ai sindaci «Prendetevi gli avvisi di garanzia, ma riaprite»

Il Governatore Vincenzo De Luca lavora per garantire l’apertura dell’anno scolastico in assoluta sicurezza per gli studenti, i docenti, il personale e le famiglie. "Con il commissario Arcuri – spiega il Governatore De Luca - abbiamo concordato di utilizzare l’ultima settimana di agosto e i primi giorni di settembre per fare 180mila test sierologici su tutto il personale scolastico e l’eventuale successivo tampone. Ci impegniamo a fornire alle scuole 1.5 milioni di mascherine. Far ripartire l’anno scolastico in assoluta sicurezza. Questo è il nostro impegno.” Anche la Regione Campania inizierà l'anno scolastico il 14 (o al massimo il 15) settembre invece del 24 come nelle settimane scorse aveva annunciato l'assessore regionale al ramo Lucia Fortini. Come sempre il Governatore non si perde in chiacchiere e ha incalzato i 61 síndaci presenti alla presentazione del piano regionale «Scuola Sicura», che riceveranno la prima tranche di 156 milioni di euro per l'edilizia scolastica, seguiti da altri due bandi per un totale di circa 250 milioni di euro. "Avete 40 giorni per fare gli interventi di urgenza necessari per mettere in sicurezza le vostre scuole - ha detto De Luca - Mi raccomando, priorità alle cose di massima urgenza: impianti elettrici, vie di fuga, sistemi di sicurezza", ha insistito De Luca per poi aggiungere ironicamente "prendetevi gli avvisi di garanzia, ma andate avanti coi lavori e riaprite per settembre".

Ricominciamo dal Verde: boschi, parchi e giardini storici, attrattori turistici di eccellenza al tempo del distanziamento sociale

Vico Equense - Il Real Bosco del Monte Faito, zona dei Monti Lattari che si eleva per 1130 mentri fra la Costiera Amalfitana ed il golfo di Napoli, con le sue rigogliose faggete (che raggiungono anche 400 anni di vita) che hanno dato il nome al Monte, è nato come luogo di caccia reale. Grazie al legno da esso ricavato consentì a re Ferdinando delle due Sicilie nel 1783 di dar vita al cantiere navale di Castellammare di Stabia. Dopo anni di fruizione turistica, il Bosco è stato, negli ultimi anni oggetto di incendi e vandalismi ed è stato trascinato su una pericolosa china di degrado fisico e sociale, dal quale – nonostante gli interventi istituzionali (DG regionale Difesa del suolo e Ecosistema della Regione Campania, SMA Campania, Città metropolitana, Comune di Vico Equense e Ente Parco Regionale dei Monti Lattari) – ha avuto una battuta di arresto che, forse, l’esigenza di “distanziamento sociale” richiesto dalla prevenzione del diffondersi della pandemia Covid 19 potrebbe “sbloccare”. Il Real Bosco del Faito, una volta eliminati i potenziali pericoli per la pubblica incolumità, potrebbe rinascere, non solo come destinazione turistica verde (ambientalistica, salutistica, sportiva, spirituale, culturale), ma anche – facendo tesoro delle esperienze fatte da tanti parchi e giardini storici “reali”, e sulla scorta di una vecchia, ma sempre attuale, idea di “scuola di educazione ambientale“ nata dall’allora Presidente della Provincia di Napoli, insieme al comune di Vico Equense – potrebbe essere rilanciata come Campus del verde, luogo di educazione e formazione professionale e imprenditoriale che, a partire dalla generazione Z(oomer) (nativi digitali, che con Greta Thunberg sono anche nativi ambientalisti), promuova e accompagni la costruzione “sul campo” di mestieri, professioni e attività generatrici di reddito legate al patrimonio naturale, ambientale e paesaggistico dell’intera regione.
 

Elezioni regionali 2020. Torquato Esposito candidato con la lista Caldoro Presidente

Sorrento - Cinquantanove anni, dirigente medico chirurgo dell’ospedale Santa Maria della Misericordia di Sorrento, un passato di impegno politico culturale e sociale in penisola sorrentina, Segretario politico della Dc e del Partito Popolare Italiano (Ppi), Consigliere comunale a Sorrento dal 1990 al 2010, Presidente del Consorzio Acquedotto Penisola Sorrentina, impegnato nell’Azione cattolica della Cattedrale sorrentina, e nel Movimento Cristiano Lavoratori è il candidato voluto dall’ex governatore della Campania, Stefano Caldoro a far parte della sua lista nella prossime elezioni regionali. Da due anni, Torquato Esposito è dirigente medico di chirurgia generale presso l’ospedale di Sorrento dopo un’esperienza sempre come dirigente medico chirurgo presso gli ospedali di Nola, il San Leonardo di Castellammare di Stabia, il “Villa d’Agri” di Potenza (undici anni) ed una libera docenza di Chirurgia generale, Anatomia umana, Neurologia e Anestesiologia e Rianimazione del corso di Formazione Professionale Scuola infermieri Università Cattolica di Roma. E’anche consulente tecnico medico legale. “La mia candidatura - spiega il professionista sorrentino – nasce dalla necessità di una presenza attiva in Consiglio regionale, capace di raccogliere e fare proprie le istanze, i bisogni, e le necessità della “persona”, alla quale va riconosciuto e garantito il diritto alla salute, all’assistenza, al lavoro, alla scuola, alla famiglia e alla casa”. “Un’attenzione particolare – aggiunge Torquato Esposito – va poi riservata al comparto turistico, in questo periodo particolarmente penalizzato dalla pandemia Covid-19”.

sabato 11 luglio 2020

Cioffi: “Subito un albergatore assessore al turismo”

Vincenzo Cioffi
Vico Equense - Vincenzo Cioffi, già consigliere comunale e luogotenente dei carabinieri, è il nuovo commissario politico di Forza Italia a Vico Equense. L’ annuncio è arrivato qualche giorno fa direttamente da Fulvio Martusciello, europarlamentare azzurro, che sta ridisegnando l'assetto del partito all'ombra del Vesuvio in vista delle prossime elezioni Regionali. A Cioffi toccherà il compito di ridisegnare le strategie del partito alla luce delle imminenti elezioni Regionali e anche Comunali: in città si tornerà al voto l’anno prossimo. Oggi ad Agorà, il neo commissario azzurro conferma che solo un centro destra unito può vincere al Comune. Ha poi parlato di turismo, sottolineando che bisogna seguire il modello Sorrento, dove l’assessorato è affidato ad un albergatore. “A Vico Equense – commenta Cioffi - da anni l’assessorato al turismo di fatto è assente, a nessuno interessa…” E chissà che la sua idea non sia recepita davvero e diventi presto realtà...

Seiano. Ritorna il Metrò del Mare (orari e tariffe)



Parte da mercoledì prossimo il metrò del mare.
Un collegamento via mare tra Seiano e i principali porti turistici della Campania: Bacoli, Pozzuoli, Napoli Beverello, Ercolano, Torre Annunziata, Castellammare di Stabia, Sorrento, Positano e Amalfi, che saranno attive da mercoledì prossimo. I vantaggi dell'inserimento dello scalo di Seiano sono misurabili anche in termini di riduzione dei tempi e dei costi di spostamento, in quanto si è stimato che per spostarsi da Napoli a Positano sfruttando le vie del mare si risparmiano fino a 100 minuti, nelle ore di traffico intenso, abbattendo di oltre il 40% i costi (carburante e pedaggi, senza contare i parcheggi) e contribuendo così a salvaguardare l'integrità di luoghi che per la loro stessa architettura non possono ospitare un traffico veicolare eccessivo. 

Nello Savarese (Fondazione ITS Bact) E’ l’ora del turismo 4.0

Nello Savarese
Spazio alla rivoluzione tecnologica ed ai nativi digitali: solo così il territorio può restare competitivo in un mercato destinato a cambiare. Mobilità: stop ai 300 bus giornalieri. Più verde e tutela agricoltura. Governance: serve il Comune unico 

Intervista rilasciata al settimanale Agorà del 30 maggio

Vico Equense - Sulle prospettive del turismo in Penisola abbiamo parlato con Nello Savarese, funzionario regionale in pensione, prima responsabile del comitato tecnico scientifico ed oggi presidente della Fondazione ITC BACT, un organismo che fa formazione e ricerca proprio sulla gestione dell’incoming. Lei è stato nominato Presidente della Fondazione ITS Bact. Ce ne parla? La Fondazione ITS BACT è stata istituita e finanziata dal MIUR (Ministero dell’istruzione Università e Ricerca) e co-finanziata per il 30% dalla Regione Campania, nel 2009, per adeguarsi al quadro internazionale dove, finita l’istruzione secondaria si accede all’istruzione terziaria, che può essere o di tipo accademico (Università) oppure di tipo professionalizzante e per rispondere alla domanda di professionisti, con le competenze tecniche più richieste dalle aziende, pronti a entrare nel mondo del lavoro. Nello specifico su cosa verte la formazione che offrite? Tecnologie innovative per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo. L’istituto campano realizza, stabilmente e con diversi indirizzi, almeno 4 corsi biennali per tecnici superiori per: la gestione turistico-ricettiva (es. Turismo 4.0 - Enogastonomia mediterranea); la comunicazione e il marketing delle attività culturali e turistiche (es.IoTT – Internet of Things nel Turismo e Produzione e post produzione audiovisiva e cinematografica);la conduzione di cantieri di restauro architettonico (es Bim dalla progettazione al collaudo per edifici/monumenti storici e Restauro 4.0 di parchi e giardini storici); la produzione/riproduzione digitale e in una logica di economia circolare, di manufatti artistici derivanti da materiali naturali (es.residui della manutenzione di boschi, parchi e giardini storici per gadget e souvenir turistici, strumenti musicali, oggettistica da arredo domestico e urbano).
 

Massa Lubrense. Centri estivi: finanziamenti per 40 mila euro

Giovanna Staiano
Massa Lubrense - Anche il Comune di Massa Lubrense si aggiudica il finanziamento per la realizzazione dei centri estivi per l'estate 2020 stanziato dal Governo centrale, «Sono felice -dichiara l'assessore alle politiche sociali Giovanna Staiano - che il Governo accogliendo la nostra richiesta ci ha riconosciuto un finanziamento di circa 41.000 euro al fine di realizzare centri estivi ricreativi per i ragazzi. Purtroppo, a causa delle note problematiche relative al Covid, non abbiamo potuto organizzare la tradizionale colonia marina, in quanto il servizio trasporto ci è stato vietato, ma nella consapevolezza che i bambini e i ragazzi sono stati tra quelli che maggior mente hanno sofferto durante il periodo del lock-down, abbiamo ritenuto doveroso provare ad offrirgli una opportunità di relazione, di gioco e svago e sono certa che tante famiglie sapranno cogliere questa possibilità, restando anche una valida forma di accudimento laddove entrambi genitori sono professionalmente impegnati». «Abbiamo esteso - conclude l'assessore - il limite di età dagli undici ai 13 anni e il progetto prevede piscina, laboratori, tornei sportivi, con possibilità di pranzo e ulteriori attività laboratoriali pomeridiane».

Turismo: nuovi itinerari di Stabia main port "alla scoperta di Castellammare e del Golfo di Napoli"

Castellammare di Stabia - Nuovi itinerari turistici e sinergie per il rilancio post-emergenza. Sono quelli messi in campo dai responsabili di Stabia Main Port, approdo turistico posto al centro di Castellammare di Stabia. L'approdo per mega yacht, divenuto punto di riferimento internazionale nel settore dello yachting, ha infatti studiato per il biennio 2020/2022 nuovi itinerari in partnership con le società Luise Group, By Tourist e Fiavet per la promozione del territorio, partendo da Castellammare, città collocata geograficamente tra i Golfi di Napoli e Salerno. ''L'obiettivo - spiega Giuseppe Di Salvo, presidente di Stabia Main Port - è creare continue sinergie con enti locali ed imprenditoria sana del territorio per incentivare la crescita del turismo di lusso nella città stabiese e nei comuni limitrofi''. Castellammare di Stabia è praticamente il varco di accesso ad un bacino turistico unico nel suo genere: è infatti posta a pochi chilometri da Pompei, Vesuvio e da Sorrento e a poche miglia nautiche da Capri. Collocazione che rende Stabia Main Port un marina-resort esclusivo, considerati i servizi tecnici garantiti ai superyacht che arrivano in porto fino ai servizi turistici di supporto per vivere al meglio la fascia costiera: ''Un viaggio tra natura e benessere - dice Francesco Luise, manager di Luise Group - tra eccellenze gastronomiche e tipicità locali, luoghi antichi e suggestivi per approfondire la conoscenza di un territorio che ha tanto da offrire e che finalmente ha l'occasione di mostrarsi al meglio''.Nei tour non mancano il castello di Castellammare, con visite private per ospiti ed equipaggi; reggia di Quisisana; area marina protetta di Punta Campanella; lemmon tour in costiera amalfitana; escursioni sul monte Faito; itinerari via mare con Capri Yacht Services.
 

venerdì 10 luglio 2020

Vico Equense. Ricominciamo dal verde: buone prassi e opportunità per il Real Bosco Monte Faito

Vico Equense - Il verde deve tornare protagonista nella nostra cultura e nelle nostre vite. La Fondazione ITS BACT, scuola di tecnologia e innovazione nelle attività di Istruzione Tecnica Superiore e knowledge community per l’innovazione tecnologica e organizzativa nell’area turismo, verde, restauro, beni e attività culturali, a fronte di questa emergenza sanitaria mondiale che sta mettendo in ginocchio l’economia e il turismo mondiale si è attivata per vivacizzare il dibattito intorno agli attrattori turistici di eccellenza del verde della loro fruizione e condizione al tempo del distanziamento. Da questa mission nasce il seminario “Ricominciamo dal Verde”. Un dibattito sulla situazione di boschi, parchi e giardini storici, partendo da una delle realtà verdi più importanti del panorama campano: il Real Bosco del Monte Faito. Il Monte Faito fa parte dei Monti Lattari e si eleva per 1130 metri fra la costiera amalfitana ed il golfo di Napoli: deve il suo nome alle rigogliose faggete (anche con 400 anni di vita e fino a un diametro di oltre 6 metri) che crescono sulle sue pendici e che, insieme ad altri alberi presenti, come leggi e castagni, hanno fornito a re Ferdinando I delle Due Sicilie nel 1783 una elevata produzione di legno per costruire il Cantiere navale di Castellammare di Stabia. L’importanza del Faito, soprattutto come località turistica, accrebbe notevolmente dalla seconda metà del XX secolo, quando furono costruiti numerosi alberghi e villette residenziali. Dopo anni di fruizione turistica, il Bosco è stato negli ultimi tempi oggetto di incendi, vandalismi e trascinato su una pericolosa china di degrado fisico e sociale, nonostante numerosi interventi istituzionali (DG regionale Difesa del suolo e Ecosistema della Regione Campania, SMA Campania, Città metropolitana, Comune di Vico Equense e Ente Parco Regionale dei Monti Lattari).


Distretto del Latte di Qualità avanti tutta: pieno di consensi a Vico Equense

Vico Equense - Nuova tappa del percorso costitutivo del Distretto Agroalimentare di Qualità Filiera Zootecnica Latte Campania. E’ stata la città di Vico Equense, questa volta, ad ospitare l’evento di consultazione dei portatori di interesse e condivisione del piano di distretto. A fare gli onori di casa il Provolone del Monaco Dop individuato dal Daq “Filiera Zootecnica Latte Campana” fra le eccellenze europee lattiero casearie riconosciute, così come la Ricotta di Bufala Campana Dop e al prodotto guida ovvero la Mozzarella di Bufala Campana Dop. I saluti dell’amministrazione vicana sono stati affidati all’assessore Domenico Trombetta mentre per il Consorzio di tutela del formaggio stagionato più importante della regione hanno preso la parola il direttore Vincenzo Peretti che ha sottolineato: “Questa iniziativa ha come obiettivo anche la sicurezza alimentare, la diminuzione dell’impatto ambientale delle produzioni, l’inclusione sociale e la riduzione dello spreco alimentare. Senza trascurare la salvaguardia e la tutela del territorio prevenendo quei fenomeni che potrebbero compromettere l’equilibrio ambientale”. Il presidente del Consorzio di Tutela Giosuè De Simone ha spiegato: “L’importanza di fare squadra fra allevatori, casari ed anche venditori per diffondere il messaggio della bontà produttiva ed incrementare un’economia indispensabile per l’intero territorio”. In rappresentanza degli allevatori presente il direttore dell’Arac Campania Augusto Calbi.
 

Vico Equense: Punta Scutolo il turismo visto dalla “Sorbetteria Volante” Bus: da 100 a zero

Stranieri assenti. Ritornano gli italiani. Ed una coppia paga la granita con la card per il reddito di cittadinanza

da Agora 

Vico Equense - Michele Savarese è una delle sentinelle che, dal 2003, presidia la statale sorrentina. E’ presente da aprile ad ottobre con la sua “sorbetteria volante”, un’ape-car che offre granite e liquori locali agli avventori. Il suo è un osservatorio privilegiato per monitorare il flusso turistico e fare una comparazione con gli anni trascorsi. “I miei clienti in termini assoluti si sono ridotti del 50% - ci dice – ma è cambiata la composizione, più avventori locali, maggiore presenza di italiani provenienti da altre regioni. Assenza di stranieri e del flusso veicolato attraverso NCC, escursioni di crocieristi e bus turistici. In termini assoluti siamo passati dal transito di circa cento bus al giorno, riservati a turisti, a pochi o nessuno. Verso Positano e la costiera amalfitana, poi, la situazione è ancora peggiore. Americani ed asiatici che sono frequentatori assidui dell’altro versante della costiera, e che utilizzano la statale, risultano assenti del tutto. Il traffico? Nel corso della settimana la statale è molto più vivibile, la domenica al rientro c’è una congestione costante. Per quanto riguarda l’afflusso alle spiagge, sotto di me posso osservare gli arenili metesi. L’assalto è limitato al fine settimana. Ma c’è anche da dire che questi sono solo i primi giorni di caldo”. Per chiudere una curiosità che dà la cifra sull’applicazione di certe misure sociali, da Michele una coppia ha pagato due granite con la card destinata a beneficiare del reddito di cittadinanza. Un altro segno dello spirito del tempo.

Beneduce (Campania Libera) loda il presidente De Luca

«Mi candido con De Luca in Campania Libera perché il suo decisionismo fa il bene di tutti i cittadini della Campania. Forza Italia si è allontanata dai suoi valori accettando il populismo della Lega, andandomene non sono trasformista ma garantista verso i miei valori». Lo ha detto Flora Beneduce, consigliere regionale di Forza Italia che ha deciso di lasciare il partito e sostenere il presidente uscente Vincenzo De Luca, annunciando la sua candidatura in Campania Libera, la lista considerata espressione più vicina al governatore. «Sono contenta ha detto Beneduce - che la mia uscita da Forza Italia abbia destato tanto scalpore rispetto ad altre che mi hanno preceduto e succeduto. Io sono un primario medico, credo che il mio lavoro possa essere utile a De Luca».

Sorrento. Avvicendamento in Giunta. Giuseppe Ercolano subentra a Emilio Moretti

Giuseppe Cuomo
Sorrento - Il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, ha nominato ieri mattina un nuovo componente della giunta comunale. Si tratta di Giuseppe Ercolano, che subentra al dimissionario Emilio Moretti con le stesse deleghe. “Alla luce della decisione di Emilio Moretti per gravi motivi familiari, su indicazione del gruppo Il Ponte, ho nominato nuovo componente di giunta Giuseppe Ercolano - ha spiegato Cuomo - Sono vicino a Moretti, in questo difficile momento, e lo ringrazio del lavoro svolto”.

Sul tetto di Capri a Monte Solaro riapre la canzone del cielo, un tour nella natura e nella storia tra bistrot, restaurant e boutique

Anacapri - Sabato 11 luglio dopo 2 anni di intenso lavoro di ristrutturazioni e riqualificazioni paesaggistiche, riapre la mitica “Canzone del Cielo”, luogo di culto degli anni '60 e location preferita di Re Farouk quando soggiornava a Capri durante il suo esilio e degli anni d'oro quando l'isola era meta di vacanzieri illustri come Rita Hayworth, Greta Garbo, Kirk Douglas, Ranieri di Monaco e Grace Kelly, Sophia Loren e Clark Gable sino ai divi e personaggi del terzo millennio. Un viaggio nel tempo che ritorna ad accompagnare gli ospiti della Canzone del Cielo salendo sul monte con la seggiovia in un viaggio sospeso tra il cielo e il mare. Ad incantare gli ospiti oltre ad un panorama mozzafiato che si apre a 360 gradi, che domina tutta l'isola e offre ai viaggiatori di affacciarsi uno strapiombo sulle scogliere per ammirare i faraglioni, la costiera Amalfitana, il golfo di Napoli con le sue splendide Ischia e Procida, oggi un elegante bistrot, una boutique di charme ricavata su una vecchia torre di avvistamento e per i piaceri del palato oggi anche il ristorante in un angolo particolare dove sembra guardare dall'alto dei faraglioni. Il viaggio nel tempo inizia l'11 luglio a partire dal 10 del mattino per continuare nei fine settimana con gli aperitivi al tramonto per osservare dalle 18 in punto dall'alto dei 589 metri di Monte Solaro il sole che si tuffa nel mare.

Vico Equense. Verso il distretto agroalimentare di qualità del latte

Vico Equense - Verso il distretto agroalimentare di qualità filiera zootecnica latte campania: secondo appuntamento. Ieri nella sala polifunzionale dell’Istituto Santissima Trinità e Paradiso di Vico Equense, consultazione dei portatori d’interesse e condivisione del piano di distretto. Presenti i vertici di Coldiretti, del Consorzio di Tutela Provolone del Monaco Dop e dell'Arac. A portare i saluti dell'Amministrazione comunale l'Assessore Domenico Trombetta.

giovedì 9 luglio 2020

Cuomo si candida? Dimissioni ai primi di agosto ed arrivo del commissario prefettizio, se il sindaco si presenta con la Lega

Giuseppe Cuomo
Sorrento - Ma Peppino Cuomo si dimette da sindaco? Se si candida al consiglio regionale, la scelta è obbligatoria e deve essere formalizzata 45 giorni prima del voto. Poiché le elezioni dovrebbero tenersi il 20 e 21 settembre prossimo, ai primi di agosto deve lasciare il Comune. In tal caso decade la Giunta, viene sciolto il consiglio comunale ed arriva un commissario prefettizio che gestisce il Comune fino al voto. Ma c’è anche un’altra ipotesi, marginale ma tecnicamente ipotizzabile: la rimozione del sindaco, una soluzione che evita l’invio del commissario prefettizio e consente al vice sindaco in carica di amministrare fino al voto. Alla rimozione fecero ricorso nel 2015 numerosi sindaci che, volendo candidarsi alla Regione ma senza lasciare il Comune in mano ad un commissario, decisero di individuare dei motivi di contenzioso con il Comune, spesso artatamente strumentali. La casistica dell’epoca è ampia, si va dalle multe ad abusi edilizi più o meno gravi. Ma l’espediente dei contenziosi più o meno strumentali sollevò un vespaio di polemiche e legittime indignazioni, pertanto è difficile che questa soluzione possa essere utilizzata stavolta. Quindi, se Cuomo si candida, con ogni probabilità, dovrebbe dimettersi. Com’è noto, il sindaco di Sorrento è dato in pole position da tempo per la candidatura al consiglio regionale nella lista della Lega. La sua adesione risale al 21 novembre scorso.


Campania, a giugno calo delle presenze turistiche del 90% Federalberghi: «Situazione drammatica, il governo intervenga»

Costanzo Iaccarino
Campania - «La burrasca del Covid-19 è ancora in corso e continua a flagellare il sistema dell’ospitalità italiana»: così il presidente nazionale di Federalberghi, Bernabò Bocca, commenta i dati dell’osservatorio dell’associazione che monitora mensilmente un campione di circa duemila alberghi. In Italia, a giugno 2020, le presenze turistiche si sono ridotte di circa l’80% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. La situazione è ancora più grave in Campania dove, nel mese scorso, le presenze risultano diminuite addirittura del 90%. «Il governo deve prendere coscienza della situazione drammatica che il turismo nazionale, in particolare quello campano, sta vivendo – evidenzia Costanzo Iaccarino, vicepresidente nazionale e presidente regionale di Federalberghi - Le presenze sono diminuite vertiginosamente a causa del Covid e, in autunno, migliaia di lavoratori rischiano di trovarsi senza lavoro e senza un sussidio. Perciò bisogna modificare la Naspi e prevedere un sostegno per i lavoratori almeno fino alla prossima primavera. Altrimenti la situazione rischia di complicarsi ulteriormente sotto il profilo sociale». Determinante è il blocco del turismo estero: «La Campania è da sempre buen retiro di inglesi, statunitensi e tedeschi che quest’anno sono completamenti assenti – aggiunge Iaccarino – Il problema è che la loro assenza non è compensata dall’arrivo di turisti provenienti da altri Paese. Ed è impensabile che le imprese turistiche della nostra regione possano reggersi soltanto grazie al turismo domestico». La riduzione delle presenze appare ancora più preoccupante se si pensa che la durata media del soggiorno dei pochi ospiti registrati in Campania, a giugno, non ha superato le due notti.


Botteghelle Street, l'installazione pittorica di Paolo Quaresima in mostra alla Liquid Art System di Capri dal 18 luglio

Capri - Botteghelle Street è il titolo dell' installazione pittorica di Paolo Quaresima pensata appositamente per gli spazi espositivi di Liquid Art System a Capri . Il progetto, appena ultimato dall'artista meranese, consiste in un pentittico di oltre 6 metri di lunghezza, una composizione scenografica di oggetti di uso comune e botteghe dal sapore antico, come l'olaro, l'ornatore , l'emporio, restituiti in pittura in modo sorprendentemente fedele. Ed è così che proprio lungo la strada caprese mecca dello shopping per eccellenza, un tempo colorata da tante botteghe artigiane, dove oggi sorge la sede principale del circuito di gallerie fondato da Franco Senesi, a partire dal 18 luglio, sarà quasi impossibile non notare già dalla vetrina l'imponente opera di Quaresima. Soprannominato " il pittore delle piccole cose", l'artista vede negli oggetti molto più del loro valore d'uso: li considera come " contenitori di memorie", ritratti in assenza. Una porta scheggiata, una caffettiera che reca i segni del tempo , o una brocca di latta smaltata: le opere di Quaresima sono ambienti, scorci, teatrini, rappresentazioni dunque, in cui l’uomo, pur essendo una presenza costante nell’inquadratura, è invisibile, assente, come se fosse appena uscito. È nelle sbeccature, nelle rotture, nei segni dell'uso e dell’usura che si riconoscono le tracce dell'uomo, a sottolineare così la dialettica tra l'oggetto e la sua funzione al di sotto della quale emerge, con forza, tutto il fascino della quotidianità. Cose di casa che portano alla luce un teatro silenzioso dove a parlare sono proprio gli oggetti, ognuno con la sua storia. Nelle raffigurazioni di Quaresima , utensili apparentati per forma e colore si dispongono armoniosamente come piccoli o grandi gruppi familiari: una mise-en-scène prima certosinamente studiata, e poi composta e disegnata dall'artista. Sulle sue opere, Quaresima commenta: “Dipingo con una tecnica realista, ma sono distante dalla visione realista dell’arte. Dipingo atmosfere a tratti surreali, ma non sono sicuramente surrealista. Dipingo silenzi sospesi. Amo astrarre dal tempo, con un atteggiamento mai nostalgico, ma che vuole narrare un racconto dell'oggi e di una volta, un continuo presente.”
 

Castellammare. Sulla strada dei lidi i blocchi di cemento contro sosta abusiva

Castellammare di Stabia - Lotta al parcheggio abusivo e alla camorra. “Ieri notte – spiega il Sindaco Gaetano Cimmino - abbiamo messo un punto fermo ad un business illegale pericoloso sotto ogni punto di vista, che durava da decenni. Il Comune di Castellammare di Stabia, gli Assessorati alla Sicurezza e ai Lavori pubblici, l'ufficio tecnico e il comando di polizia municipale hanno installato i new jersey anti-parcheggio abusivo. Una svolta epocale, non ho timore a dirlo, per la legalità e la sicurezza del nostro territorio e delle vie del mare.” Cimmino manda messaggi chiari e stavolta sembra intenzionato ad andare avanti per liberare almeno l'area dei lidi dagli abusivi. “Il pugno duro della mia amministrazione – continua Cimmino - ha fermato coloro che pensavano che niente potesse mai cambiare. Chi si arricchiva mettendo a rischio la sicurezza di tutti lungo la statale e nella zona di Pozzano oggi deve arrendersi. Come stiamo facendo ormai da due anni, ci stiamo riappropriando di aree lasciate alla mercé di chiunque. Perché, è bene ricordarlo, nei vuoti si insinua la criminalità con i suoi traffici illeciti. Lo abbiamo dimostrato al rione Savorito, con l’abbattimento dei manufatti abusivi, abbiamo continuato al centro antico, lo abbiamo confermato a Pozzano. Altre zone ed altri quartieri saranno oggetto di intervento, perché non ci fermeremo davanti a niente.
 

Inaugura sabato a Villa Fiorentino il SyArt Sorrento Festival 2020, esposizione di opere di 40 artisti di 14 Paesi

Sorrento - L'evento SyArt Sorrento Festival, dedicato all'arte contemporanea e giunto alla sua quarta edizione, presenta dall'11 luglio sino al 6 settembre quaranta artisti provenienti da quattordici Paesi. La suggestiva location di Villa Fiorentino, storica sede della Fondazione Sorrento istituzione che organizza la kermesse, accoglie gli artisti, selezionati da Rossella Savarese curatrice e gallerista SyArt, divenendo contenitore unico in cui più di un centinaio di opere d'arte contemporanee raccontano di contaminazione e scambio tra linguaggi multietnici e declinazioni artistiche multiple. Fotografia, pittura, scultura, installazione si contaminano proseguendo un dialogo metafisico inaugurato nella precedente edizione. Il percorso espositivo si chiude con una Solo Room dedicata alla Video Art con un suggestivo lavoro del creativo Simone Riccardi. Oltre all'Italia ben rappresentata, la kermesse ospita Paesi quali l'Uruguay, il Cile, la Colombia, la Russia, la Slovenia, L'Egitto, La Turchia, l'Inghilterra, il Brasile, il Perù, la Serbia, la Corea del Sud e la Polonia. Interessante lo scambio culturale a cui si assiste nella sala dedicata alla Fotografia in cui due artisti napoletani Nico Vigenti e Federica La Magra si confrontano con i colleghi brasiliani, uruguaiani e turchi. Da un piano terra incentrato su un discorso prettamente figurativo ci si muove lungo i tre piani espositivi e nelle otto ampie sale in cui l'informale cede il posto alla fotografia, all'illustrazione, alla body art, piuttosto che alla scultura ed alla video art. Importante la presenza femminile anche in questa edizione, la maggior parte dei lavori sono stati realizzati appositamente per il Festival nel periodo della quarantena e per la prima volta sono presentati al pubblico.
 

mercoledì 8 luglio 2020

Vico Equense. Vincenzo Cioffi commissario di Forza Italia

Vincenzo Cioffi
Ex consigliere comunale è un militante storico del partito azzurro 

Vico Equense  - Vincenzo Cioffi è il commissario comunale di Forza Italia a Vico Equense. A lui il compito di guidare il partito in questa delicata fase elettorale, che ha visto l’abbandono di Flora Beneduce, eletta cinque anni fa in Consiglio regionale della Campania. Un addio alla vigilia delle elezioni per il rinnovo di Giunta e Consiglio. Ma soprattutto, la Beneduce sosterrà Vincenzo De Luca, perché ne ha apprezzato la gestione dell'emergenza coronavirus. "La nomina quale Commissario politico di Forza Italia a Vico Equense di Vincenzo Cioffi – ha dichiarato l'europarlamentare di F. I. Fulvio Martusciello, europarlamentare di Forza Italia - dimostra il nuovo corso di Forza Italia a Vico improntato sulla legalità e su storie di vita cristalline. Siamo certi che Cioffi porterà in politica quei valori che gli sono sempre appartenuti nella vita".

Libri. Martin Rua presenta a Sorrento "Il cacciatore di tarante"

Diretta social mercoledì 9 luglio, ore 19.30, dall'Hotel Continental di Sorrento

Sorrento - Domani 9 luglio, alle ore 19 e trenta, dalla Terrazza Vittoria dell'Hotel Continental di Sorrento, si terrà la diretta trasmessa sulla pagina Facebook della Libreria Tasso ( https://www.facebook.com/libreria.sorrento) con lo scrittore napoletano Martin Rua, autore de "Il cacciatore di tarante", edito da Rizzoli. A dialogare con l'autore sarà Francesco Pinto, docente di Comunicazione e Processi Culturali all'Università Federico II di Napoli. L'incontro, che vede l'Ago Press come media partner, rientra nel cartellone di incontri promossi sul tema della lettura e del rilancio, in chiave culturale, del territorio della penisola sorrentina. Il libro di Rua, è ambientato nel 1870. Giovanni Dell’Olmo, ispettore di pubblica sicurezza a Torino, e il duca Carlo Caracciolo de Sangro, brillante medico a Napoli, incarnano alla perfezione gli stereotipi del Regno: il Nord sabaudo freddo e rigoroso e il Sud borbonico godereccio e superstizioso. Ma i due hanno qualcosa in comune, perché nel loro campo sono i migliori, e questo rende entrambi degli outsider, malvisti da colleghi e sottoposti. Anche qui, Martina Rua trasforma l’esoterismo in seducente materia narrativa, regalandoci un thriller dove la Storia è il palcoscenico di un enigma che ha le radici nelle leggende più nere della nostra terra.

Sorrento. Approvato il bilancio consuntivo

Sorrento - La giunta comunale di Sorrento ha approvato questa mattina il bilancio consuntivo 2019. L'avanzo ammonta a circa 20 milioni di euro, di cui una parte pari ad euro 11mila e novecento accantonata per disposizioni normative, una parte vincolata di 5 milioni circa ed una parte destinata ad investimenti pari a un milione e 500mila euro. L'avanzo disponibile, che ammonta ad un milione e seicentomila euro, consentirà all'amministrazione di avere a disposizione una somma consistente da destinare a tutte quelle attività necessarie alla soluzione dei problemi legati alla pandemia e alle famiglie in difficoltà. "E' stato un lavoro molto complesso ed articolato, non solo perché le problematiche legate alla pandemia, ma anche alla carenza di personale dovuta ai pensionamenti - spiega il sindaco, Giuseppe Cuomo - Determinante è stata la collaborazione di Michele Bernardo, esperto della materia e consulente economico-finanziario dell'Unità Comunale di Crisi e dell'Ufficio Ragioneria, per raggiungere e questo obiettivo, attraverso una analisi di tutti i residui attivi e passivi”.

Traffico rifiuti, Gdf sequestra 12mila tonnellate nel Napoletano. Costa: evidenti pericoli ambientali, criminali non avranno mai vita facile

Un imponente traffico illecito di rifiuti è stato scoperto dalla Guardia di Finanza di Napoli, che ha notificato 18 misure cautelari e sequestrato 12mila tonnellate di rifiuti speciali non pericolosi (indumenti usati, accessori per abbigliamento, pezzame da lavorazione e scarti tessili). L'indagine dei finanzieri di Torre Annunziata è scattata dopo il sequestro a Pompei, nel gennaio 2018, di 13 capannoni nei quali erano ammassate 6 mila tonnellate di rifiuti speciali. Le aziende coinvolte operavano nel settore del commercio al dettaglio e all'ingrosso di tessuti o abbigliamento, nonché nel trattamento e smaltimento di tali prodotti. Le oltre 12 mila tonnellate di rifiuti speciali erano state stoccate illecitamente, anche con il contributo di alcuni autotrasportatori, in enormi capannoni che si trovano nei comuni di Napoli, Melito di Napoli, Boscotrecase, Terzigno, Pompei e Castellammare di Stabia. “Sono evidenti i pericoli ambientali derivanti dal traffico di rifiuti scoperto, se solo si pensa alle conseguenze di un incendio – ha affermato il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa –. Complimenti alla Guardia di Finanza per questa imponente operazione. I criminali ambientali, che deturpano il territorio e mettono a repentaglio la salute e la sicurezza dei cittadini onesti, non avranno mai vita facile”.

Vico Equense. Modificata l’ordinanza anti-tir

Vico Equense - Lo scorso dicembre è entrata in vigore l’ordinanza che vieta la circolazione dei tir che trasportano carburanti, infiammabili o merci pericolose nel centro cittadino. L’adozione del provvedimento, sollecitata dal Consiglio comunale, evidenziava i pesanti disagi che il centro cittadino subisce a causa del transito dei mezzi pesanti, in particolare di quelli che trasportano infiammabili e merci pericolose, i quali, non potendo percorrere la galleria Santa Maria di Pozzano, per l’esistenza di uno specifico divieto, circolano liberamente per il centro urbano di Vico Equense, creando disagi alla circolazione, inquinamento e danno all’immagine di una cittadina a vocazione tipicamente turistica. In base a ciò e tenendo conto del fatto che già esisteva un divieto poi sospeso durante i lavori al viadotto “San Marco” della statale “Sorrentina” che hanno obbligato i mezzi pesanti a transitare attraverso il centro di Castellammare di Stabia e, di conseguenza, proseguire per il centro di Vico Equense, il comandante della polizia municipale, Ferdinando De Martino, stabilì che il passaggio dei mezzi pesanti di portata a pieno carico superiore a 7,5 tonnellate che trasportano carburanti, infiammabili o merci pericolose fosse consentito esclusivamente dalle ore 3.00 alle ore 7.30.
 

Sorrento. Sabato prossimo riapre il Museo Correale

Sorrento - Il Museo Correale di Sorrento riapre finalmente le porte sabato 11 luglio dopo la chiusura forzata dovuta al Covid-19. «Il nostro è un museo privato - ha precisato il Presidente Gaetano Mauro - per questo abbiamo dovuto affrontare un’ulteriore difficoltà rispetto ai musei pubblici. Ma vogliamo comunque dare un segno di speranza e di ottimismo riaprendo sabato 11 luglio per due weekend per poi riprendere, se le presenze ce lo consentiranno, con l’apertura quotidiana a partire dal 23 luglio. Dobbiamo confidare oggi più che mai nel turismo culturale interno, in controtendenza rispetto ai dati del Museo Correale che hanno sempre evidenziato invece un appannaggio del turismo straniero quasi al 90%. Le Amiche del Museo Correale ci hanno già anticipato che sabato verranno tutte a far visita al Museo, come buon augurio e sostegno per la riapertura. Intanto abbiamo realizzato un nuovo sito, completo e aggiornato, che permetterà anche l’acquisto del biglietto online». «Il ritorno a fruire della bellezza delle opere direttamente e non via web è fondamentale - ha dichiarato poi il Direttore del museo Filippo Merola - Ma sarà un cammino lento e difficile poiché dovremo riabituare il visitatore a cercare e a trovare l’empatia della bellezza, il dialogo con le opere, la visita al grande patrimonio artistico che il Museo Correale possiede». Riparte poi anche il wedding: infatti il 9 luglio, a porte chiuse, si celebrerà il primo matrimonio post Covid-19 al Museo Correale, riprendendo così anche l’attività di location per matrimoni civili. Le visite sono state costruite secondo l’ottimale percorribilità degli spazi e il personale di supporto è stato appositamente formato a fornire istruzioni e informazioni al pubblico. Il Museo sarà di nuovo aperto dunque l’11 e il 12 luglio, poi il 17, 18 e 19 luglio dalle ore 9:30 alle 13:30 e dal 23 luglio tutti i giorni, tranne il lunedì, sempre dalle ore 9:30 alle 13:30, seguendo tutte le normative di sicurezza a tutela del personale e del visitatore.