lunedì 21 settembre 2020

Burattini nel verde, lo storico festival di teatro di figura a Vico Equense dal 25 settembre

Vico Equense - Tre giorni di festival, fra laboratori, seminari e mostre. Dal 25 al 27 settembre torna lo storico festival internazionale "Burattini nel verde" che quest'anno si terrà a Vico Equense. Dedicata all'opera dei pupi, la ventesima edizione, diretta da Aldo de Martino e Violetta Ercolano, organizzato da IPIEMME (International Puppets Museum) con la direzione artistica della Compagnia degli Sbuffi, con il sostegno della Regione Campania attraverso la Scabec e il Comune di Vico Equense. Burattini, guarattelle, pupazzi, ombre e pupi, animeranno il Chiostro della Santissima Trinità e Paradiso dalle 10,00 alle 24,00, con la partecipazione straordinaria di Mimmo Borelli (il 25 settembre), Gianfelice Imparato (il 26 settembre), Iaia Forte (il 27 settembre) che leggeranno ai più piccoli opere tratte dalla favolistica campana. La sezione internazionale, dedicata quest’anno al Pulcinella Boemo, ospiterà l’interprete più rappresentativo dell’antica tradizione di Praga, il burattinaio ebreo Tomas Jelinek che si confronterà con tre maestri indiscussi delle guarattelle: i napoletani Bruno Leone e Salvatore Gatto e il pugliese Paolo Comentale. Realizzato sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il Patrocinio del Senato della Repubblica, il festival presenta 15 spettacoli e 3 sessioni di laboratorio sulla costruzione e sull’utilizzo del teatro d’ombre, 3 reading dedicati alla favolistica campana ed una mostra “La Crudele Storia tra pupi e guarattelle”, una raccolta di pezzi significativi della collezione dell’IPIEMME provenienti dal “Museo sul teatro di figura” che aveva sede presso la Reggia Borbonica di Castellammare di Stabia.

 

“Giancarlo Siani – La stampa addosso”: arriva il romanzo verità del magistrato D’Alterio

In occasione dei 35 anni dall'omicidio camorristico del giornalista Giancarlo Siani avvenuto il 23 settembre del 1985, da oggi gratis in edicola con il quotidiano La Repubblica “La stampa addosso”, il romanzo documento del magistrato D’Alterio, che fece condannare mandanti e assassini. "Un libro necessario - spiega Paolo Siani, il fratello di Giancarlo nella prefazione - perché il processo che porta alla sbarra e poi alle condanne i killer e mandanti per l’assassinio di Giancarlo va letto insieme agli altri 6 maxi processi che decapitano i clan torresi e anche la politica, con 3 sindaci condannati per mafia. Un libro necessario perché chiarisce il movente e aiuta a capire perché altre piste, che ancora qualcuno invoca, erano state tutte già battute ed escluse." La Città di Vico Equense gli ha dedicato, due anni fa, un suo piazzale, non un luogo qualsiasi ma quello in cui c’è il nuovo Municipio cittadino.

Promo decima edizione del Social World Film Festival (Vico Equense dal 6 all'11 ottobre 2020)

 

domenica 20 settembre 2020

MoJamm, un sito per la zona alta

Vico Equense - Venerdì scorso le associazioni MoJamm, Il ponte dei desideri, la Proloco Monte Faito – Moiano, l’Asd Aequa Trail Running e la Locanda hanno inaugurato la loro sede e presentato il sito web MoJamm.it. In un’intervista rilasciata nelle scorse settimane ad Agorà, l’avvocato Antonino Cannavale illustra la genesi di questo progetto. “I turisti – spiega Cannavale - spesso quando arrivano nelle nostre zone non conoscono i prodotti tipici del luogo, i ristoranti, le pizzerie etc… Successivamente mi sono accorto che Moiano è molto grande ma divisa in tre parti assieme a Faito e Santa Maria del Castello. Così, assieme all’aiuto di qualche amico, abbiamo avuto l’idea di creare un vero e proprio sito internet per il turista che vuole alloggiare a Moiano o che passa da qua per qualsiasi motivo.” Sulla pagina web vi sono descrizioni di alloggi, caseifici, biscottifici, ristoranti, bar, della chiesa e di sentieri da percorrere assieme a specializzate guide escursionistiche, offrendo una panoramica a 360 gradi sul territorio di Moiano e Faito.

Faito, rischio frane. Al via il bando per i progettisti

Castellammare di Stabia - Via libera al bando per individuare i progettisti che dovranno curare i servizi tecnici di ingegneria per la messa in sicurezza del Monte Faito. Un incarico da 357mila euro per 4 mesi che consentirà di redigere il progetto definitivo ed esecutivo per la manutenzione straordinaria della montagna che eliminerà il rischio frane. Un passaggio fondamentale per realizzare un intervento atteso da decenni a Castellammare di Stabia che, a causa del dissesto idrogeologico del Faito, convive con il rischio di una catastrofe che potrebbe abbattersi sulla zona collinare e il centro antico della città. Il bando arriva con una decina di giorni di ritardo secondo la tabella di marcia, perché ci sarebbero stati problemi con la piattaforma Mepa. Gli elaborati tecnici caricati dai candidati sarebbero stati consultabili da chiunque ha accesso al sistema Mepa (Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione), prima dell'apertura delle buste in sede di gara. Un problema tecnico che ha costretto il responsabile unico del procedimento a revocare la gara e il Comune di Castellammare di Stabia a contattare un esperto informatico per farla ripartire. Il rischio è che qualora fosse andata avanti in quel modo, il Comune si sarebbe trovato a fare i conti con possibili e scontati ricorsi e contenziosi.

Troppe deiezioni volontari in azione a Santa Maria del Castello

La Punta del Vento: «Lasciate pulito» 

Vico Equense - Volontari al lavoro per pulire il territorio. Questa mattina, a Santa Maria del Castello, una squadra composta da operatori della Sarim, la società preposta alla pulizia del territorio e i volontari dell’Associazione “La Punta del Vento”, si è data da fare per l’ambiente. Armati di guanti e sacchetti hanno effettuato una pulizia approfondita dell’area. Bottiglie, lattine, cartacce, pacchetti di sigarette vuoti, mozziconi, e altro, lasciati ovunque. Ma ciò che ha fatto arrabbiare i residenti, sono i segni lasciati dalle feci e dalle urine dei cani. «È un problema particolarmente sentito in questa stagione povera di pioggia – spiegano i volontari de La Punta del Vento –. La colpa è dei comportamenti irrispettosi di quei proprietari che non si curano di asportare le deiezioni dei loro amici a quattro zampe». I volontari, in fine, lanciano un appello a lasciare pulito, e a rispettare il proprio territorio.

“Sotto la sedia”: Peppino Di Stefano racconta la sua carriera da arbitro internazionale di tennis

I tornei in tutto il mondo, le coppe Davis, i campioni incrociati 40 anni di grande sport in un libro

Capri - È partito dalla sua Capri e ha arbitrato i tornei simbolo del tennis mondiale: il Roland Garros a Parigi, gli Us Open di New York, gli Internazionali d’Italia di Roma, incrociando atleti mitici come Bjorn Borg, John McEnroe e Adriano Panatta. Oggi, Peppino Di Stefano racconta la sua incredibile carriera nel libro “Sotto la sedia” (edito da Le Varie), scritto con i giornalisti Marco Lobasso e Marco Caiazzo. La prefazione è di Nicola Pietrangeli. Progetto grafico a cura di Franco Lucca. Il libro è stato presentato sui campi dello storico Tennis Club Capri, dove Di Stefano ha mosso i suoi primi passi da tennista, dagli autori insieme ai giornalisti di razza Gianfranco Coppola e Daniele Garbo. A introdurre l'evento e a portare i saluti dell'Amministrazione il sindaco di Capri Mario Lembo, che ha raccontato il solido legane che lega il tennis con l'Isola Azzurra da oltre 100 anni; con lui alcuni rappresentanti della famiglia Breglia, proprietaria del complesso sportivo sito nel centro Storico di Capri. Proprio “sotto la sedia” dell'arbitro internazionale Di Stefano scorrono quarant’anni di campioni e grande tennis, tra tornei internazionali, coppe Davis, Olimpiadi. Migliaia di partite dirette, di persone conosciute, di amici che non si dimenticano, di racconti e di ricordi che riempiono la sua vita, raccolti in questo volume, imperdibile per gli appassionati. In 220 pagine, Peppino ripercorre la sua lunghissima carriera: dal 1974 al 2012 ha diretto oltre 5000 partite del circuito professionistico. Gli internazionali d’Italia di Roma sono stati il suo torneo d’elezione: ha partecipato a 25 edizioni e ha diretto 13 finali, tre nel torneo maschile, nel 1981, 1983 e 1985; dieci tra femminile e doppio. Ha arbitrato 32 incontri di Coppa Davis, con 75 partite in totale, un record prestigioso che nessuno potrà mai cancellare. Ha fatto parte dell’unica terna arbitrale nella storia del tennis italiano che ha diretto una finale di Coppa Davis, nel 1987, a Goteborg, in Svezia.

 

sabato 19 settembre 2020

Promo 10th edition | Social World Film Festival (Vico Equense, dal 6 all’ 11 ottobre 2020

Vico Equense - Con una veste e un format completamente nuovi si evolve il Social World Film Festival, la Mostra Internazionale del Cinema Sociale, che torna in una edizione speciale a Vico Equense dal 6 al 11 ottobre, tra eventi in presenza e iniziative online. «Sarà una versione unica del nostro format, dove la tecnologia e l’innovazione saranno a sostegno del cinema socialmente impegnato e per continuare a garantire la nostra mission di avvicinare ed educare il pubblico all’audiovisivo, perché il lungo lockdown ha snaturato il rapporto tra cinema e fruitori, perdendo il contatto con la sala e gli autori. Sarà un’edizione necessaria per tornare a quella tradizionale appena l’emergenza pandemica sarà finita. Ci adegueremo alle disposizioni di sicurezza da Covid-19 per incontri e proiezioni in piazza. Il perno saranno come sempre i giovani che parteciperanno alle giurie, ai workshop, ai dibattiti anche attraverso una community online, un social network sicuro e protetto esclusivamente dedicato all’evento dove potranno discutere. Non mancheranno le dirette quotidiane, quest’anno in VR 360° 3D grazie alla collaborazione con “The Virtual Reality Production”» così il regista e produttore Giuseppe Alessio Nuzzo, direttore generale del festival. In dieci anni di storia il Festival, che annovera come presidente onorario Claudia Cardinale, ha ospitato grandi nomi della cinematografia nostrana e internazionale come Giancarlo Giannini, Ornella Muti, Luis Bacalov, Michele Placido, Stefania Sandrelli, Katherine Kelly Lang, Valeria Golino, Leo Gullotta, Franco Nero, Maria Grazia Cucinotta, e nel 2019 Stefano Accorsi, Abel Ferrara e Itziar Ituno, l’ispettrice della “Casa di Carta”. Non solo una rassegna cinematografica ma un momento di aggregazione culturale e sociale per giovani unico nel suo genere, un’esperienza di cooperazione e integrazione, un format cinematografico di denuncia e riflessione: il cinema sociale inteso come mezzo di comunicazione internazionale, confronto oltre che contenitore di critica, sviluppo e promozione. Il Social ha organizzato più di 500 giornate di attività cinematografica in Campania e nell’intera nazione, 40 eventi internazionali che hanno toccato 30 città dei cinque continenti da New York a Sydney passando per Tokyo, Los Angeles, Rio de Janeiro, Tunisi e Londra, coinvolgendo migliaia di spettatori e centinaia di protagonisti e istituzioni della cinematografia mondiale tra cui l’Academy degli Oscar (Margaret Herrick Library), le Università di Los Angeles UCLA e USC insieme a decine di Istituti Italiani di Cultura nel mondo.

 

“MARGINE” Installazione Site-specific a Punta Campanella

Massa Lubrense - Si inaugura domenica 27 settembre alle 16.30 a Torre Fossa lo Papa “ Margine” l’installazione site-specific di Nello Petrucci: una scultura open-air in ferro che dialogherà visivamente con il paesaggio mediterraneo di Punta Campanella, a Massalubrense. La Torre Cinquecentesca, antico baluardo saraceno con i suoi meravigliosi scorci sulla Baia di Napoli e la vicinissima Isola di Capri, farà da cornice naturale all’opera di Petrucci che verrà installata in modo permanente. “Margine” sorgerà , non a caso, proprio nel punto in cui Joseph Beuys , negli anni 80, piantò una quercia come simbolo di impegno ecologico e di continua ricerca di un equilibrio armonioso tra uomo e natura. L’artista pompeiano si inserisce nel percorso tracciato da Beuys disegnando, sotto forma di scultura, una linea che rappresenta i confini del Mediterraneo visti da un’insolita angolazione. L’opera quindi si presenta come rivisitazione cartografica, dove Petrucci riorganizza lo spazio prelevando particolari dal tutto. “In questo senso la cartografia è un modo di produrre il mondo, giacché lo visualizza manifestandolo” , nota il curatore Marcello Francolini. “La finitudine non consente un movimento lineare continuo, ma suggerisce che giunti al punto, si possa curvare verso ulteriori prospettive.

 

Massaquano. Sulle tracce del Maestro Don Luigi Guida

Intervista a Candida Guida da Agorà del 4 luglio 2020 

Vico Equense - Alla ricerca del patrimonio musicale nascosto di una delle figure culturali più importanti, e ancora sconosciute, del nostro territorio attraverso l’opera di ricerca e ricostruzione di una cantante d’opera che porta il nome di Vico Equense in tutta Europa Negli ultimi tempi, il territorio di Vico Equense ha beneficiato di una notorietà che passa... dallo stomaco. Non solo il famosissimo, da anni ormai, Gennaro Esposito, ma da Cannavacciuolo alla cucina stellata di Nonna Rosa, la cittadina, che inaugura le bellezze della Penisola Sorrentina a tutti i turisti e visitatori che arrivano dalla statale, è ormai identificata come terra di grandi chef. Quello che però si sa ancora poco, e noi siamo qui per farlo scoprire a chi sarà tanto curioso da arrivare in fondo a questo articolo, è che Vico Equense è, ed è stata, patria di grandi artisti e talenti musicali. Facciamo un passo indietro, allontaniamoci dalle cucine dagli aromi preziosi, e arriviamo al 1883, quando, nella frazione di Massaquano, l’8 marzo, nacque Luigi. Lui non lo sapeva ancora, ma sarebbe diventato non solo Don Luigi, sacerdote e insegnante, ma anche il Maestro Guida, compositore, direttore, musicista di grande levatura che non arricchì soltanto il patrimonio della musica sacra, ma fu anche raffinato compositore di musica profana. Della sua vita e dei suoi anni di formazione non conosciamo molto, ma quello che si sa e che si è tramandato a oggi, lo dobbiamo ad un suo lontano cugino, Don Antonio Guida, compianto sacerdote di Massaquano.

 

Sicurezza stradale, dalla Città Metropolitana 46 milioni di euro per 11 interventi su tutto il territorio

Fondi per le strade di Faito e della costiera 

Nella Giornata Europea per la sicurezza stradale il Sindaco della Città Metropolitana di Napoli ha approvato una delibera che prevede il finanziamento di 11 interventi di manutenzione straordinaria della rete stradale di competenza della Città Metropolitana di Napoli per 45 milioni e 700mila euro. Gli investimenti oscillano tra i 4 milioni e i 4 milioni e 200mila euro ciascuno. Nello specifico, disposto il finanziamento dei lavori di sistemazione viaria e di pavimentazione del gruppo di assi a scorrimento veloce ex SS 87 NC (Sannitica), ex SS 162 Racc. (Raccordo), S.P. 1 (Circumvallazione esterna di Napoli) e S.P. 500 (Asse Perimetrale di Melito), per un totale di 12 milioni e 100mila euro. Quattro milioni e 200mila a testa, invece, per i lavori di sistemazione delle arterie di Ischia e Procida, dell’area di Lago Patria, Arco Felice, Cassano, Ripuaria, Miliscola, Capri e Volla, dei territori di Santa Maria a Cubito, Boscoreale, Boscotrecase, San Giorgio e Sant’Anastasia, e nella zona costiera e dei Monti Lattari per gli assi Pompei - Torre Annunziata, Sant’Antonio Abate-Casola-Lettere, l’Agerolina, la provinciale del Vesuvio, la Castellammare-Pompei-Torre Annunziata, Faito e Sorrentina.

 

Banche Uninpresa, prestiti ad aziende crollati di 186 miliardi in 10 anni

Rapporto sul credito. Da luglio 2010 a luglio 2020, gli impieghi alle imprese scesi di oltre il 21% da 856 a 669 miliardi. Le famiglie, invece, sono più indebitate: i prestiti ai privati sono saliti di 55 miliardi (+9,5%) da 579 a 634 miliardi. Il segretario generale Lauro: «Da nuove regole Bce, possibile ulteriore stretta ai prestiti bancari, deleteria per le pmi» 

Negli ultimi 10 anni, sono crollati di oltre 186 miliardi di euro i prestiti delle banche italiane alle imprese. Il calo, che in media è pari a quasi 20 miliardi l’anno, è stato del 21,79%, dagli 856 miliardi di luglio 2010 ai 669 miliardi di luglio 2020. Sono scesi bruscamente i finanziamenti alle imprese a breve termine, con una riduzione di 135 miliardi e sono diminuiti di 79 miliardi quelli di lungo periodo: variazioni negative solo in parte compensate dai crediti a cinque anni, saliti di 28 miliardi. Risultano, invece, sempre più indebitate le famiglie: i finanziamenti ai privati sono infatti saliti di 55 miliardi (+9,5%) da 579 miliardi a 634 miliardi, grazie a 41 miliardi in più di mutui per abitazioni e 45 miliardi in più sul fronte del credito al consumo, che hanno bilanciato la diminuzione dei prestiti personali per 32 miliardi.

 

venerdì 18 settembre 2020

Vico Equense. Patto per la sicurezza urbana: Più telecamere su tutta la città

Vico Equense - L’Amministrazione del Comune di Vico Equense approva il “Patto per l’attuazione della sicurezza urbana” che consentirà di chiedere finanziamenti per l’installazione di altre telecamere di videosorveglianza su tutto il territorio cittadino. Una necessità sempre più impellente, per prevenire e impedire fatti criminosi e sorvegliare da remoto, soprattutto le zone periferiche della città. Il “Patto per la sicurezza urbana” permetterà di installare le telecamere a tutela dell’incolumità pubblica, in esecuzione della legge 48 del 2017 che individua una serie di interventi sulla sicurezza integrata e sulla sicurezza urbana da sviluppare attraverso la sinergia degli Enti Locali, dell’amministrazione della Pubblica Sicurezza e le Regioni. Il progetto si propone di salvaguardare l’incolumità pubblica, di contrastare forme di illegalità e di degrado, reati predatori e abusivismo programmando la messa in funzione di sistemi di sicurezza tecnologica finalizzati al controllo di diverse aree del territorio comunale. Della pianificazione strategica, da far approvare preventivamente in sede di Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, se ne occuperà il Comandante della Polizia Locale, Ferdinando De Martino, visti i numerosi risultati positivi già conseguiti negli anni passati nella lotta alla criminalità e al degrado urbano, grazie agli elementi acquisiti dalla rete di videosorveglianza del territorio.

Vico: Borghi, piazze e terrazze, ultimo appuntamento della quarta edizione a Ticciano

Vico Equense - L' ultimo appuntamento della quarta edizione di «Vico: borghi, piazze e terrazze» si terrà domenica 27 settembre 2020, alle ore 19.30, davanti alla Chiesa di San Michele Arcangelo a Ticciano, con il concerto di Eugenio Silva Guitar Meeting in “Ecletic”: la chitarra tra la world music e il crossover. La rassegna è stata organizzata dall’Amministrazione comunale di Vico Equense, in collaborazione con la S.C.S. Società dei Concerti di Sorrento e la direzione artistica del maestro Paolo Scibilia, nell’ambito del programma “Vico d’estate 2020”. Il concerto si svolgerà nel pieno rispetto delle vigenti misure anti covid. Prenotazione obbligatoria al numero 3336353444.

Elezioni regionali 2020. Gennaro Cinque: “Logica comprensoriale per affrontare i problemi”

Ultime ore di campagna elettorale per Gennaro Cinque, candidato alle Regionali nella lista “Caldoro Presidente – UdC”. L’ex sindaco di Vico Equense, nel corso di queste settimane ha più volte sottolineato la necessità di uscire da una logica miope, localista, e stare tutti insieme, ragionando come territorio che ha specificità omogenee e coinvolgendo quanti più Comuni possibile in quest'approccio. “Più sinergia” ribadisce Cinque. Nel suo programma elettorale la concretezza di chi conosce i problemi: revisione del PUT, ambiente, turismo, Faito, mobilità, sanità. “Avere un rappresentante nel consiglio regionale, - spiega Cinque - magari una espressione che ha maturato esperienza come amministratore locale, può essere un valore aggiunto per i territori ed al tempo stesso per realizzare, in concreto, un approccio innovativo ai problemi del nostro territorio. La Regione, quale Ente di programmazione, è decisiva per imprimere la svolta che serve al turismo ed all'economia della Campania e del nostro comprensorio.” Le proposte di Gennaro Cinque fanno riferimento a un territorio allargato che comprende Monti Lattari, Penisola Sorrentina e zona vesuviana. «Un approccio pratico ai problemi, con la volontà condivisa di affrontarli e risolverli, è fondamentale sotto- linea Cinque - faccio un piccolo ma significativo esempio: stiamo da dieci anni aspettando la realizzazione del percorso meccanizzato a Sorrento per evitare il traffico per il porto e la funivia da Sorrento a S. Agata è di là da venire. Come Comune di Vico Equense abbiamo presentato un progetto per collegare il centro cittadino con la Marina di Vico. Ma per passare dalle parole ai fatti ci serve qualcuno che in Regione spinga in questa direzione». Ma la vera questione, come specifica Cinque, più che nei singoli progetti è nell'approccio. «Più che degli interventi - spiega - mi riferisco a un metodo innovativo, che è quello della logica comprensoriale. Tale criterio va adottato per affrontare i problemi del nostro territorio. Con interventi spot, fatti dai singoli Comuni, non si va da nessuna parte. Il traffico, la mobilità sostenibile, gli eventi di qualità, il verde, richiedono una lettura complessiva del territorio e delle sue peculiarità. La Penisola sorrentina inizia da Castellammare e Pompei, ha i Monti Lattari come propria parte integrante e si spinge fino alla costiera amalfitana».

Villa Lysis: Una lezione di Yoga al Tramonto, sul tetto di Capri, per celebrare l’equinozio d’autunno, lunedì 21 settembre, alle 17.30

Capri - Lunedì 21 settembre, alle 17.30, l’Associazione Aperion in collaborazione con Capri Yoga&Lab propone una lezione di yoga al tramonto a Villa Lysis, per celebrare insieme l'equinozio d'autunno. Un’occasione per salutare l’estate e abbracciare l’autunno coi suoi nuovi colori da uno dei luoghi più suggestivi dell’isola. L’ autunno è una stagione di transizione importante in cui la natura si allontana dall'abbondanza dell'estate e si prepara al riposo del freddo e silenzioso inverno. Le giornate si accorciano progressivamente e la luce estiva lascia spazio al buio, tempo che favorisce l’introspezione e il ritorno a sé stessi. Negli alberi il fusto e i rami richiamano i principi nutritivi dalle foglie, che si tingono di colori dorati e vengono lentamente lasciate andare cadendo al suolo, per tornare poi a nuova vita. Anche nel nostro corpo i processi di crescita e rigenerazione subiscono un rallentamento, favorendo il raccoglimento e la concentrazione in sé stessi. Anche noi possiamo approfittare dell'autunno per lasciare andare rigidità e pensieri che non hanno più motivo di esistere dentro di noi, creando spazio per il nuovo, per nuove idee, nuove sensazioni, nuove prospettive. La pratica Yoga per l'autunno aiuta a muoversi in armonia con il ritmo della Terra, risvegliando la percezione che siamo cellule di un unico meraviglioso organismo. “Vivere è cambiare, questa è la lezione che ci insegnano le stagioni.” Si consiglia abbigliamento comodo e di munirsi di tappetino. 

Info e prenotazioni Whatsapp Antonietta 338 171 2879 Stefania 339 746 7551

Elezioni regionali 2020. Franco Cascone: Il caos regna sovrano nel sistema di monitoraggio e controllo dei contagi

“Siamo la regione con più contagiati”. A dirlo è Franco Cascone candidato al consiglio regionale nella lista di Forza Italia. “I centri – continua Cascone - Covid modulari di Salerno, di Caserta ed una parte di Napoli risultano ancora non attivati dopo che la ditta fornitrice ha già ricevuto l’80% dei pagamenti. Gli ospedali sono di nuovo intasati dai casi di Covid e non si trova riscontro tangibile agli enormi investimenti fatti in strutture Covid aggiuntive. Il caos regna sovrano nel sistema di monitoraggio e controllo dei contagi. I medici di base non riescono a dare risposte in tempo utile alle chiamate degli assistiti, i controlli con i tamponi vengono attivati in grande ritardo grazie anche alla strana situazione degli affidamenti alle aziende che gestiscono le attività domiciliari ed i laboratori arrancano in una disorganizzazione totale che provoca ritardi enormi nelle diagnosi. Nonostante la situazione sia esattamente quella descritta, proprio la sanità ed il tempismo sono stati il miracolo spaziotemporale che ha consentito a questo governo regionale di resuscitare dal baratro di una sicura sconfitta. Il brillante tempismo del presidente De Luca ha fatto slittare l’apertura delle scuole per evitare che potesse succedere qualcosa a questa “preziosa” data delle elezioni. Perché è ormai evidente che la verità sta ormai venendo a galla così come stiamo scoprendo che tutto quello che ci hanno raccontato non era altro che un miracolo di comunicazione e di furbizia ma i fatti dicono il contrario. I centri Covid, costati oltre 20 milioni, sono stati gestiti con un livello di incompetenza amministrativa che ha portato alla situazione in cui ci troviamo. Strutture già pagate ma non ancora non disponibili. La mitica unità di crisi regionale e la Soresa si sono smaterializzati a seguito dei primi controlli della magistratura lasciando gli organi tecnici (che tra l’altro avevano fatto un ottimo lavoro) nel caos amministrativo che ha portato all’attuale fase di stallo che dura ormai da 6 mesi.

 

Vico Equense. Variazione ubicazione sezioni elettorali n. 5, 6 e 14


 

NCC fuori dal Porto di Napoli, Federalberghi Capri torna all’attacco: “Le pensano tutte per complicare la vita all’utenza”

Capri - “Il Molo Beverello del Porto di Napoli non finisce mai di stupire, in senso negativo. Siamo stati da poco costretti ad alzare la voce sulla pessima accoglienza riservata ai passeggeri in attesa, in previsione dei mesi invernali, e già ci cade in testa un’altra tegola: le vetture NCC non potranno più accedere al Porto. Ossia quelle che conducono alle partenze di traghetti ed aliscafi viaggiatori particolari o che arrivano da lontano oppure coloro che per ragioni legate alle condizioni fisiche, hanno bisogno di accompagnamento una volta sbarcati o per arrivare all’imbarco. Mi chiedo se le autorità preposte queste pensate le fanno nella quiete della notte o se sono partorite da menti perverse che invece di semplificare la vita all’utenza, passano il tempo studiando come peggiorarla”. Il presidente di Federalberghi Isola di Capri, Sergio Gargiulo, torna all’attacco dell’Autorità Portuale dopo la recente disposizione che regola i movimenti del traffico all’interno del Porto di Napoli. Che vieta appunto il transito alle auto a noleggio con conducente. “Non so dove vogliamo arrivare – continua Gargiulo – Non si vuol in nessun conto tener presente le necessità dell’utenza che non è fatta solo di studenti, pendolari o baldi giovani che zaino in palla vogliono raggiungere le isole o le costiere. Ci sono tanti altri passeggeri che usufruiscono di mezzi di trasporto dedicati, e se lo fanno qualche motivo ci sarà. Impedire l’accesso al porto al noleggio con conducente mi sembra una prevaricazione del diritto di circolare liberamente, un fatto senza alcun senso. Vuoi vedere che la congestione del traffico al Porto è dovuta agli NCC. Pensiamo piuttosto alle cose più serie!”.

Elezioni regionali 2020. Campania Felix, Patriarca (Forza Italia): “Creare una rete che coinvolga tutte le attività ricettive e che operano nel turismo”

La candidata al consiglio regionale: Istituzione di una «vetrina»permanente per mostrare al mondo le bellezze campane

“Puntare sul turismo e sulle ricchezze naturali della nostra regione è l’indirizzo necessario per la rinascita del comparto ricettivo. Bisogna creare una rete che coinvolga tutte le attività che operano nel mondo del turismo, l'unione degli imprenditori impegnati, ogni giorno, nell'accoglienza e nella promozione dei luoghi deve essere un punto di forza perché la Campania guadagni un ruolo di primo piano nel mondo”. Lo ha affermato Annarita Patriarca, candidata nella lista di Forza Italia, nella circoscrizione Napoli, al consiglio regionale della Campania. “Nel nostro programma abbiamo ripreso l'antico nome della nostra regione “Campania Felix” perché vogliamo che torni ad essere una terra fortunata e felice. Per farlo c’è bisogno della collaborazione fattiva di tutti gli esperti del settore che possono contribuire all'istituzione di una «vetrina»permanente per mostrare al mondo le bellezze campane” le parole di Annarita Patriarca. Secondo la candidata la consiglio regionale della Campania “serve un sistema integrato che valorizzi il brand Campania nel suo insieme. Fino all'emergenza Covid, questa regione ha sì avuto numeri importanti dal punto di vista delle presenze, ma è stata incapace per colpa di chi l'amministra, di regolamentare in un settore unico interventi e progetti per la valorizzazione del territorio”. Secondo Annarita Patriarca, dunque, “serve un piano comune che metta in rete tutti gli asset turistici che da soli continuano a fare numeri importanti, ma che insieme e con la guida di un pool di esperti, potrebbero anche diventare una meta turistica internazionale nella quale non vince il mordi e fuggi come accaduto sino ad ora, ma dove chi arriva nei nostri luoghi programma una vacanza da sogno e decide di rimanervi a lungo”.

 

giovedì 17 settembre 2020

Vico Equense: editoria libraria, fondi ministeriali alla biblioteca comunale

Pubblicato l'elenco completo delle biblioteche che hanno ricevuto il bonus: 10 mila euro anche a Vico Equense per la promozione di iniziative e l'acquisto di nuovo materiale 

Vico Equense - La Biblioteca comunale “Gian Battista Della Porta”, attraverso l'ufficio cultura del Comune, è tra i beneficiari della misura prevista dal decreto del Ministro per i beni e le attività culturali e per i turismo numero 267 del 4 giugno 2020, di riparto del "Fondo emergenze imprese e istituzioni culturali", concernente "Contributo alle biblioteche per acquisto libri. Sostegno all'editoria libraria" ll D.D.G. numero 561 del 20 agosto 2020, recante approvazione dell'elenco dei beneficiari, assegna alla biblioteca il contributo di 10 mila euro, il massimo previsto. Il decreto prevede la destinazione di una quota del Fondo pari a 30 milioni di euro per anno 2020 per sostenere la filiera dell'editoria libraria tramite l'acquisto di libri. Lunedì scorso la biblioteca ha riaperto al pubblico su prenotazione all'indirizzo e-mail:biblioteca@comunevicoequense.it, nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle 8 alle 14, e il martedì e giovedì dalle 8 alle 18.

Elezioni regionali 2020. Gli obiettivi di Gennaro Cinque: Viabilità e risorsa mare

 

Gennaro Cinque
, ex sindaco di Vico Equense e candidato al consiglio regionale nella lista "Caldoro Presidente - UdC". Un grande regista ha scelto la sua città come location per girare alcune scene del suo ultimo film. Che effetto le fa? "Si tratta di Paolo Sorrentino, già premio Oscar con "La Grande Bellezza". Il posto prescelto è la Masseria di Astapiana ad Arola nel territorio di Vico Equense, dove sta girando alcune scene per il film "E' stata la mano di Dio", incentrato sul mito di Diego Maradona. Astapiana è un posto unico, una terrazza naturale sospesa sulla costa di Sorrento. Da li, con lo sguardo, si abbraccia anche il Vesuvio ed il golfo di Napoli. Penso alla strada Raffaele Bosco, la principale arteria di collegamento tra i borghi. E' stata ampliata proprio nel corso del mio primo mandato. Una strada nata nell'800 e che fino a pochi anni fa aveva una carreggiata inadeguata rispetto alle esigenze del traffico ed anche del codice della strada". Bene, ma in questo momento la principale criticità da risolvere si chiama turismo. Lei che dice a proposito? "Dico una cosa elementare che si collega al discorso fino ad ora fatto. Se abbiamo bei posti, e la Campania, insieme al comprensorio sorrentino e dei Monti Lattari, è piena di posti bellissimi, ma non riusciamo a portarci agevolmente ed in sicurezza le persone, la bellezza da sola non serve a favorire il movimento turistico." Questione dei trasporti cruciale? "Si, unendo salvaguardia dell'ambiente e della bellezza con la modernità. Perugia è una bellissima città medioevale. C'è una scala mobile, dotata di tapis roulant, che porta turisti e residenti in centro dalla stazione, riducendo il carico inquinante del traffico. Passato e futuro, tradizione e sviluppo tecnologico, sono alleati e non necessariamente antagonisti." Mentre lei parla di futuro, il presente del turismo è buio pesto. Dopo la fiammata di agosto resta poco e le prospettive sono incerte. "Ricordo a me stesso che molto prima della fine della seconda guerra mondiale si studiarono le soluzioni per il dopoguerra e che hanno favorito la rinascita economica. Ora mentre si parla di seconda ondata dell'emergenza sanitaria, e siamo ancora in difficoltà, dobbiamo pensare alle soluzioni per la ripresa".

Ciak ad Arola per il nuovo film di Sorrentino

Vico Equense - Cinque giorni di riprese all'interno della Masseria Villa Giusso Astapiania ai Camaldoli, per l'ultimo film del regista Paolo Sorrentino "E' stata la mano di Dio", con un chiaro riferimento a Maradona. Il luogo è stato scelto perchè presenta delle caratteristiche paesaggistiche particolari e per questo motivo di grande valore per la pellicola, spiega la produzione. Le riprese sono iniziate lo scorso 7 settembre e si svolgeranno in diversi luoghi della nostra regione. Si tratta di un film intimo e personale di cui si sa ancora molto poco. Maradona è sempre stata una costante nella vita del regista, fin da ragazzino, come ha raccontato in numerose interviste. Tenendo in mano l'Oscar per La grande bellezza, davanti al gotha di Hollywood, lo citò insieme a Fellini, Scorsese e i Talking Heads come una delle sue fonti di ispirazione. E gli rese omaggio anche nel suo film del 2015 Youth - La giovinezza, mostrandolo rallentato e appensantito ma con il carisma che da sempre lo ha contraddistinto e senza paura di tornare a far volteggiare un pallone.

Elezioni regionali 2020. Leone Gargiulo: "Per una reale difesa del territorio, urge modificare il P.U.T."

Ascoltare le istanze del territorio è la maniera migliore per lavorare, al fine di migliorare la qualità di vita dei cittadini. Per questo motivo diventa necessaria la modifica del P.U.T., adeguando lo strumento urbanistico alla nuova realtà, che non può più essere quella di 33 anni fa. Leone Gargiulo, candidato al consiglio regionale nella lista De Luca Presidente, ha ben chiare le priorità non più procrastinabili. "Il nostro territorio è unico al mondo per bellezze paesaggistiche, e va salvaguardato con ogni mezzo. In passato, per non compromettere tali bellezze, si è adottata anche a livello regionale una legislazione fortemente vincolistica. Al fine di tutelare concretamente il territorio, occorre consentire il recupero e la valorizzazione del patrimonio edilizio esistente: cosa che in molti casi è stata resa impossibile per i vincoli normativi imposti da una legislazione non più attuale. La modifica del P.U.T è una priorità non più procrastinabile, poiché sono passati ben 33 anni da quando il consiglio regionale approvò la legge sul Piano Urbanistico Territoriale, peraltro su una progettazione già vecchia di 10 anni. Occorre rivedere norme non più attuali che impediscono lo sviluppo di tante attività economiche, e penalizzano i cittadini, a volte anche per semplici attività di recupero del patrimonio edilizio esistente. È arrivato il momento di voltare pagina e adeguare lo strumento urbanistico alla realtà che non è più quella degli anni 80. Il P.U.T. impedisce a tanti cittadini di poter adeguare le proprie abitazioni non consentendo la ristrutturazione edilizia e il risanamento conservativo. In Penisola, per i vincoli imposti dal P.U.T., non abbiamo potuto beneficiare a pieno del Piano Casa, e potremo avere seri problemi anche per sfruttare gli incentivi fiscali previsti dal cosiddetto Superbonus 110%. Infine è storia recente come il P.U.T. impedisca di avere una casa ai cittadini che confidavano nell’edilizia residenziale pubblica. Mi riferisco alla vicenda dell’Housing Sociale a Sant’Agnello e dell’edilizia sociale residenziale in località Atigliana a Sorrento. Oggi il P.U.T. causa una disparità di trattamento a danno di tutti i residenti in Penisola Sorrentina. Ecco perché, se sarò eletto, avvierò un tavolo di lavoro al quale inviterò tutti i sindaci dei comuni interessati, le associazioni ambientaliste e i comitati civici già operanti sul territorio, affinché si possa giungere ad una proposta di legge regionale che tuteli il territorio, ma al tempo stesso consenta ai cittadini di intervenire sul patrimonio esistente".

Elezioni regionali 2020. Franco Cascone: Il risanamento del fiume Sarno è una emergenza a carattere regionale.

Sarno e bonifica, ambiente e rilancio del territorio sono gli obiettivi del candidato alle regionali Francesco Cascone. "Anzitutto - dice Cascone - per un dato numerico. Il bacino del fiume abbraccia i territori di tre Province - Napoli, Salerno ed Avellino - coinvolge 39 Comuni per quasi 1 milione di abitanti complessivi. Inoltre, gli effetti dell’inquinamento si estendono su un’area molto più ampia visto che il fiume sfocia nel golfo di Napoli. Pertanto sono compresi almeno Torre Annunziata e Castellammare di Stabia e, a seconda delle correnti meteomarine, la stessa Penisola sorrentina. Per affrontare in modo deciso il problema ci sono alcuni passaggi obbligati da fare. Prioritaria è la realizzazione di un sistema fognario uniforme e diffuso per tutta l’area di Bacino. Faccio qualche esempio concreto, senza nessuna pretesa esaustiva. Una città come Nocera Inferiore – 70 mila abitanti – non ha le fogne e scarica direttamente nel fiume. Scafati e Pompei hanno le fogne ma manca il collettore per il depuratore che sono attualmente in realizzazione da parte della Gori e quindi, anche loro, attualmente, in gran parte scaricano direttamente nel fiume, cosi come la parte antica di Gragnano scarica tal quale nel fiume Vernotico che finisce direttamente a mare tramite il rivo San Marco A monte del Sarno, nei Comuni di Solofra e Fisciano hanno fogne, collettore ed anche depuratore – che si trova a Mercato S. Severino – ma vengono scaricati reflui industriali (non trattati) che impattano sul sistema di depurazione bloccandolo e quindi ciò che arriva nel fiume spesso non è depurato. Altre criticità sono date dalla presenza di rifiuti depositati lungo gli argini e dalla vegetazione massiva presente lungo il corso del fiume che è una delle concause delle esondazioni."

Scuola. In penisola sorrentina la riapertura slitta al 28 settembre

Penisola sorrentina - La campanella suonerà il 28 settembre per gli studenti degli istituti scolastici, di ogni ordine grado, della penisola sorrentina. E' quanto deciso dai sindaci dei sei comuni costieri, attraverso specifiche ordinanze, per garantire l'avvio dell'anno scolastico in condizioni di assoluta sicurezza e nel rispetto di tutte le norme di contenimento della diffusione del Covid-19. "A seguito delle operazioni di voto previste nei giorni 20 e 21 settembre - spiegano i primi cittadini di Massa Lubrense, Lorenzo Balducelli, di Sorrento, Giuseppe Cuomo, di Sant'Agnello, Piergiorgio Sagristani, di Piano di Sorrento, Vincenzo Iaccarino, di Meta, Giuseppe Tito e di Vico Equense, Andrea Buonocore - si renderà necessario procedere alle operazioni di sanificazione di aule, uffici, palestre, mense, e tutte le altre aree di pertinenza scolastica. Comprendiamo gli eventuali disagi per le famiglie, a seguito di questo slittamento, ma la salute dei nostri ragazzi viene prima di tutto".

A Sorrento si riparte dalla cultura per guardare al futuro

Comune di Sorrento e Fondazione Sorrento stringono un patto per la ripartenza. La Carta di Sorrento una sinergia fra ambiente e cultura: nel corso del “Premio Penisola Sorrentina” in programma per il 24 ottobre verrà presentato nella capitale del turismo il manifesto del Premio per la ripartenza

di Harry di Prisco

Sarà la novità assoluta della venticinquesima edizione del Premio “Penisola Sorrentina” in programma il prossimo 24 ottobre. È la “Carta di Sorrento”, il manifesto del Premio dedicato a turismo, ambiente e cultura nell’anno del Green New Deal, con cui Sorrento punta a diventare capitale italiana di una riflessione che a fine ottobre, in occasione della giornata di assegnazione dei riconoscimenti, avrà ricadute ed impatti culturali di lunga durata. L’annuncio è stato dato a villa Fiorentino, nell’ambito della presentazione del Premio, con un confronto sul tema della bellezza che ha visto avvicendarsi al tavolo dei relatori, moderati dal giornalista Antonino Pane, il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, l’amministratore delegato della Fondazione Sorrento, Gaetano Milano, l’artista sannita Giuseppe Leone, l’esperto territorialista Antonio Di Gennaro, il presidente del Premio Penisola Sorrentina, Mario Esposito, ed il giurista Luigi Cerciello Renna, che ha illustrato i contenuti della Carta di Sorrento, alla cui stesura sta lavorando insieme con un board di esperti.

 

Covid. Tre casi a Vico Equense, due a Sorrento

Vico Equense - Aumenta il numero dei positivi ma cresce anche il dato dei tamponi eseguiti. E' il bilancio che emerge dall'ultimo bollettino diffuso, ieri pomeriggio, dall'Unità di Crisi Regionale per l'emergenza Coronavirus. In Campania sono 188 i nuovi casi di contagio registrati mercoledì a fronte di oltre seimila tamponi effettuati. Il numero dei test - dall'inizio della pandemia ad oggi - supera il mezzo milione a fronte di 9.500 persone positive. In provincia di Napoli, comunque, l'allerta resta massima. Tre i nuovi casi registrati a Vico Equense. Il Dipartimento di Prevenzione dell’ASL Na 3 Sud ha comunicato al sindaco che tre cittadini dello stesso nucleo familiare sono risultati positivi al Covid. Sono in isolamento domiciliare e asintomatici. Altri due contagi anche a Sorrento. Si tratta di una ragazza di 20 anni e di un uomo di 79 anni. Entrambi sono ora in quarantena nelle loro abitazioni, insieme a congiunti e familiari, posti anche loro in isolamento ed in attesa del tampone. Bisogna tenere alta la guardia per limitare la diffusione del contagio. Rispettare le regole è fondamentale, a partire dall'utilizzo corretto della mascherina, dal distanziamento sociale e da una frequente igienizzazione delle mani.

mercoledì 16 settembre 2020

Al Comune di Vico Equense i Fondi Strutturali Europei Pon "Per la scuola"

Il Comune di Vico Equense è risultato beneficiario di un contributo di 110 mila euro per la realizzazione di interventi di adeguamento e di adattamento funzionale degli spazi e delle aule didattiche in conseguenza dell'emergenza sanitaria da Covid-19, nell'ambito dei Fondi Strutturali Europei Programma Operativo Nazionale "Per la scuola, competenze e ambienti per l'apprendimento 2014-2020".

Lavori pubblici. Efficientamento energetico: 130 mila euro per l’illuminazione del Faito

Vico Equense - L’Amministrazione comunale di Vico Equense intende sistemare la pubblica illuminazione del monte Faito. Previsto l’ampliamento e il riordino dei punti luce, che fanno parte di un progetto definitivo e già esecutivo. La revisione è stata fatta dal servizio lavori pubblici del Comune, e recupera un importante finanziamento di 130 mila euro. Gli impianti di illuminazione esistenti, fatte salve manutenzioni ordinarie e la sostituzione delle armature, sono quelli originariamente realizzati negli anni ‘50 e versano in pessime condizioni, peraltro aggravate da pregresse situazioni meteorologiche avverse.

Elezioni regionali 2020. Gennaro Cinque: Alla regione per la penisola e i Monti Lattari “È necessario costruire una rete di amministratori in grado di assicurare risorse e provvedimenti”

Ultimi giorni di campagna elettorale per il candidato Gennaro Cinque, della “Lista Caldoro Presidente – UDC.” Un impegno politico, quello di Cinque, iniziato nel lontano 1994, per sette anni consigliere comunale di minoranza a Vico Equense. Passando per una mancata elezione alla Provincia nel 1999 per meno di 200 voti, fino a diventare sindaco e amministratore. 𝐏𝐨𝐥𝐢𝐭𝐢𝐜𝐚𝐦𝐞𝐧𝐭𝐞 𝐜𝐨𝐬𝐚 𝐥’𝐡𝐚 𝐩𝐨𝐫𝐭𝐚𝐭𝐚 𝐚𝐥𝐥𝐚 𝐜𝐚𝐧𝐝𝐢𝐝𝐚𝐭𝐮𝐫𝐚 𝐜𝐨𝐧 𝐥𝐚 𝐥𝐢𝐬𝐭𝐚 “𝐂𝐚𝐥𝐝𝐨𝐫𝐨 𝐏𝐫𝐞𝐬𝐢𝐝𝐞𝐧𝐭𝐞”? "Il rapporto ventennale che mi lega a Stefano Caldoro innanzitutto. Ho fatto la prima campagna elettorale sovracomunale con lui candidato Presidente della Provincia nel 1999. Tra il 2010 ed il 2015 ha ben amministrato, risanando la sanità ed approvando provvedimenti importanti a favore dei territori. Poi ho scelto la lista “Caldoro Presidente” per confermare la mia fedeltà al centro destra ma in una civica composta da persone con cui sento grande affinità. Li potremmo definire candidati “del fare”. Con loro mi sento pienamente a mio agio". 𝐌𝐚𝐧𝐜𝐚 𝐝𝐚 𝐭𝐞𝐦𝐩𝐨 𝐢𝐧 𝐑𝐞𝐠𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐮𝐧 𝐫𝐢𝐟𝐞𝐫𝐢𝐦𝐞𝐧𝐭𝐨 𝐩𝐨𝐥𝐢𝐭𝐢𝐜𝐨 𝐫𝐚𝐝𝐢𝐜𝐚𝐭𝐨 𝐬𝐮𝐥 𝐭𝐞𝐫𝐫𝐢𝐭𝐨𝐫𝐢𝐨 𝐝𝐞𝐥𝐥𝐚 𝐩𝐞𝐧𝐢𝐬𝐨𝐥𝐚 𝐬𝐨𝐫𝐫𝐞𝐧𝐭𝐢𝐧𝐚: 𝐪𝐮𝐚𝐥𝐢 𝐯𝐚𝐧𝐭𝐚𝐠𝐠𝐢 𝐜𝐫𝐞𝐝𝐞 𝐩𝐨𝐭𝐫𝐞𝐛𝐛𝐞 𝐩𝐨𝐫𝐭𝐚𝐫𝐞 𝐥𝐚 𝐬𝐮𝐚 𝐞𝐯𝐞𝐧𝐭𝐮𝐚𝐥𝐞 𝐞𝐥𝐞𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞? “La nascita di una filiera presente su tutti i livelli di Governo. Dalla Città Metropolitana alla Regione, fino al Parlamento. È necessario costruire una rete di amministratori in grado di assicurare risorse e provvedimenti che interessano il territorio della Penisola, dei Monti Lattari e di Castellammare di Stabia. Non possiamo restare ancora fuori dai giochi che contano. Nello specifico il ruolo della Regione è centrale come interfaccia per le risorse stanziate a favore dei territori dalla Unione Europea e per le competenze specifiche, sia autonome, sia concorrenti su tante temi cruciali per il rilancio economico dei nostri territori”.

Elezioni Sorrento. Mario Gargiulo, imprese: Stop tasse per due anni. Se assumono

Prendere 6 vigili dalla graduatoria. Recuperare Spasiano, Tore e area ex depuratore a Marina Grande

da Agorà

Sorrento - Il 20 settembre si avvicina, come giudica questa campagna finora? Glielo dico con tutta sincerità, sono preoccupato. Il dibattito di questa campagna, come spesso accade, si sta inabissando tra veleni, attacchi, corsi e ricorsi storici. La discussione sui temi purtroppo è sparita. Sono preoccupato perchè concentrarsi sulla bagarre elettorale, in un momento come questo, è pericoloso. Serve responsabilità, se non proviamo a guidare l’uscita dalla crisi rischiamo di venirne spazzati via. Io, come prima cosa, ho chiesto alla mia squadra di tenere un profilo basso nella discussione social e di evitare polemiche inutili in questo momento. Il prossimo che farà uscite fuori luogo o userà termini violenti di ogni genere potrà considerarsi fuori dal nostro progetto. Ora bisogna pensare ai cittadini, e alla crisi da affrontare insieme, ascoltando e coinvolgendo tutti ma, parallelamente prendendo decisioni nette e coraggiose. Noi, come spesso ripetiamo, ci siamo. È preoccupato, quindi, soprattutto dal comportamento degli altri candidati in lizza al posto di Sindaco? No, non mi permetterei mai. Sono preoccupato per l’atmosfera che si respira. Da una parte c’è una squadra che sta girando a mille con grande entusiasmo, ma che per me non sta facendo proposte vere e concrete. Lì pagano l’inesperienza amministrativa. Si possono fare tanti annunci interessanti sui social, ma se poi non hai in mente come renderli concreti serve a poco. Rischi di girare a vuoto, e in questo momento non possiamo permettercelo.

Elezioni regionali 2020. Franco Cascone: Il turismo è il presente ed il futuro per l’economia della nostra Regione.

“Spendere soldi pubblici per il turismo ma senza far quello che serve al turismo” 

Franco Cascone, candidato al consiglio regionale nella lista di Forza Italia, è ritornato sul tema del turismo, ad oggi il settore più colpito dalla recessione causata dall’emergenza sanitaria. “L’esempio plastico – dice Cascone - di questa incongruenza lo troviamo in Campania con la Scabec, la società regionale per i beni culturali. L’Ente è di diretta emanazione della Regione Campania che ne è socio unico. Come è noto a tutti il turismo è uno dei settori trainanti dell’economia del territorio ed in assoluto tra quelli più colpiti dalla crisi scaturita dall’emergenza sanitaria. Il calo di arrivi e presenze è evidente. Qualche segnale positivo è dato dal turismo di prossimità. Ma il mercato straniero (prevalente nelle località più rinomate di Golfo ed isole e che raggiunge punte del 89,1% a Sorrento) non ha fatto registrare segnali di ripresa. La Scabec ha tra i propri compiti la promozione turistica. Invece, per l’estate in corso ha pensato bene di stornare risorse in giro per la Regione finanziando concerti ed eventi. Da Renzo Arbore a Sal da Vinci. I due grandi artisti, che apprezzo molto, non c’entrano nulla con il pasticcio fatto da Scabec e li cito a titolo di esempio. Il problema è di ordine di priorità e di opportunità. In questo momento è più importante spendere soldi per un concerto riservato in prevalenza ad un pubblico locale e che pone svariati problemi organizzativi con costi aggiuntivi per il rispetto dei protocolli sanitari oppure rilanciare il brand Campania e delle sue meravigliose località come meta per fare vacanze in sicurezza?

 

Banche: Lauro (Unimpresa), da nuove regole su npl effetti negativi per credito pmi

“Unimpresa è fortemente preoccupata per l’effetto negativo sui prestiti alle piccole e medie imprese, derivante dalle nuove regole europee sulla svalutazione dei crediti deteriorati e degli incagli. Mentre gli istituti sono riempiti di liquidità, dall’altro vengono vessati con regole di vigilanza che si riveleranno controproducenti”. Lo dichiara il segretario generale di Unimpresa, Raffaele Lauro, commentando l’imminente giro di vite sui bilanci bancari. “Assistiamo a due politiche in conflitto fra loro: in era Covid è assurdo imporre alle banche la svalutazione di tutti i crediti incagliati, poiché il settore verrebbe messo alle corde; per le banche questa ulteriore stretta si tradurrebbe nel conteggio di nuove perdite, sofferenze azzerate e rubinetti del credito serrati” aggiunge Lauro.

martedì 15 settembre 2020

Vico Equense. Burattini nel Verde, festival internazionale del teatro di figura

Vico Equense - Dopo 12 anni di lunga attesa torna Burattini nel Verde, il festival internazionale del teatro di figura giunto ormai alla sua ventesima edizione. Dedicata all’Opera dei Pupi, l’iniziativa è programmata e finanziata dalla Regione Campania tramite Scabec, Società Campana Beni Culturali. Dal 25 al 27 settembre, nel chiostro della Santissima Trinità e Paradiso di Vico Equense, si terrà una tre giorni di puro spettacolo: Pulcinella delle guarattelle incontra il Pulcinella Boemo; contaminazioni artistiche dei maestri Bruno Leone, Salvatore Gatto, Paolo Comentale e Tomas Jelinek. Ma anche le maschere italiane del teatro dei burattini Gianduja, maschera piemontese portata da Marco Grilli, Fagiolino e Sandrone da Bologna con il burattinaio Riccardo Pazzaglia, e il Pulcinella di Adriano Ferraiolo, e poi compagnie e spettacoli dall’Umbria e dalla Toscana. Burattini nel Verde 2020 è dedicato alla tradizione italiana dell’Opera dei Pupi, la Compagnia Brigliadoro da Palermo, La Compagnia Fratelli Napoli da Catania e la Compagnia di Ambrogio Sparagna da Roma. Ma Burattini nel Verde non è solo spettacoli tre Giornate di Studio sull’Opera dei Pupi, una Mostra su Pupi e Guarattelle, uno stage per giovani sul teatro d’ombre, ed un laboratorio sulla costruzione di burattini per bambini. Ma non è tutto, tre attori di cinema, televisione e teatro, Mimmo Borrelli, Gianfelice Imparato e Iaia Forte, leggeranno tre fiabe ai bambini con la suggestione del teatro d’ombre. Prenotazione obbligatoria. Biglietto d’ingresso € 3,00. Per info e acquisti www.compagniadeglisbuffi.it - 334 9823322

Sorrentino sceglie Vico Equense per le riprese del suo film "È stata la mano di Dio"

Vico Equense - La masseria di Villa Giusso Astapiana ai Camaldoli fa da sfondo al film di Paolo Sorrentino «È stata la mano di Dio». Al centro del film Diego Armando Maradona, la sua vita napoletana e quel famoso gol segnato per l’appunto di mano all’Inghilterra nei campionati del mondo del 1986. Le riprese sono iniziate ad agosto a Napoli, adesso fanno tappa a Vico Equense. Tra i protagonisti della pellicola c'è anche Toni Servillo che con Sorrentino girò «L'uomo in più». Il film uscirà su Netflix probabilmente l’anno prossimo. Con un’ordinanza del Comandante della Polizia Municipale Ferdinando De Martino, da oggi e fino a venerdì 25 settembre, gli automezzi per le riprese cinematografiche potranno stazionare in un’apposita area del parcheggio di Arola. La Città di Vico Equense si conferma ancora una volta set ideale per girare opere cinematografiche. Luogo scelto dal cinema, sin dagli anni 50 e 60, quando registi e attori hanno fatto di questa terra un luogo prescelto. Ogni pezzo del territorio lo si può trovare racchiuso in un ciak, in pellicole che hanno fatto il giro del mondo.

Elezioni regionali 2020. Faito, la proposta di Gennaro Cinque: «La montagna è un patrimonio da tutelare e rilanciare. Merita la candidatura a bene Unesco»

Vico Equense - «Monte Faito è un patrimonio paesaggistico e ambientale di pregio e rara bellezza. Merita la candidatura a bene Unesco, deve diventare patrimonio dell'Umanità, tutelato dall'agenzia a ciò preposta dall'Onu». A dirlo è l'ex sindaco e attuale assessore di Vico Equense Gennaro Cinque, candidato alle elezioni Regionali con la lista "Caldoro presidente - UdC". Tanti i temi affrontati da Cinque durante questa campagna elettorale. Nel suo programma la concretezza di chi conosce i problemi del territorio: revisione del PUT, ambiente, mobilità, sanità. «La Regione Campania, insieme alla Città metropolitana, soggetto proprietario del Faito riveste un ruolo decisivo per il suo rilancio - dice Cinque - Sta a noi impegnarci per costruire un progetto ambizioso che coinvolga le comunità e gli operatori e sia in grado di rispondere ai requisiti richiesti. Come ho già detto il Gigante verde merita la candidatura a bene Unesco. Ma per ottenere questo risultato è necessario sistemare l'area e, quindi, rilanciarla come attrattore turistico. I cardini sono, viabilità, legalità, turismo verde, vivibilità. Tutto va inquadrato in un progetto complessivo e omogeneo che preveda il ripristino dei sentieri pedonali, l'istituzione delle aree parcheggio, l'incremento delle zone pic-nic. Queste ultime al fine di indirizzare e governare il flusso degli avventori. Per la viabilità va prevista, nelle giornate di maggior afflusso, il senso unico per disciplinare le correnti di traffico. In questo contesto una segnaletica stradale adeguata è condizione imprescindibile. Per garantire ordine e sicurezza necessario allestire un sistema di video sorveglianza con la presenza di una pattuglia giornaliera delle forze dell'ordine. Altro snodo centrale è quello dell'abbattimento delle antenne abusive. Un fattore critico la cui soluzione non può essere più rinviata. Credo di aver dimostrato nel corso di un impegno di trent'anni cos'è e cosa rappresenti Faito per me. Dalla Festa della Castagna, che ha contribuito la destagionalizzazione della montagna, fino alla lotta agli incendi e alla salvaguardia dell'ambiente con la fondazione dell' Avf, volontari del Faito».

Massa Lubrense. Partono i lavori di riqualificazione del molo dei pescatori di Puolo

Massa Lubrense - Partono i lavori di riqualificazione del molo dei pescatori di Puolo. Si è concluso l’iter di appalto, l’’intervento è immediatamente cantierabile. 93.000 finanziati da fondi europei e regionali. Il progetto prevede l’ illuminazione nella zona di banchinaggio che permetterà sicure operazioni di sbarco. Inoltre il molo sarà dotato di servizi quali energia elettrica ed acqua, l’installazione di un locale per sgombero e deposito connesso all’attività di pesca e nuove servizi igienici per garantire migliori condizioni igieniche. La ditta aggiudicatrice ha proposto interventi migliorativi del progetto iniziale con la pulitura del basolato adiacente la zona di intervento e l’integrazione di un nuovo tratto di lastricato. Questo il commento del sindaco Lorenzo Balducelli “E’ affidato e cantierabile l’intervento di riqualificazione del molo dei pescatori. Il borgo di Puolo è un piccolo gioiello che abbiamo cercato di valorizzare con questo intervento ma anche con un nuovo impianto di pubblica illuminazione sul lungomare, le telecamere di videosorveglianza e la riqualificazione della strada che da Villa Lubrense porta verso la Chiesa, anche questa con un nuovo impianto di illuminazione”.

Massa Lubrense. Affidati i lavori di recupero dell’Istituto scolastico Luigi Bozzaotra

Massa Lubrense - Chiuso l’appalto, sono stati affidati i lavori di recupero dell’intera ala abbandonata dell’Istituto scolastico Luigi Bozzaotra di via Roma a Massa Lubrense. L’intervento di oltre un milione di euro è subito cantierabile e permetterà di avere una sala refettorio, una palestra coperta ed una serie di nuovi servizi per la scuola. L’intervento è finanziato dal Ministero dell’Istruzione dopo la partecipazione ad un bando e con una quota a carico del Comune di Massa Lubrense. I lavori riguardano una parte dell’edificio scolastico ubicato all’interno del complesso architettonico che fu costruito nel 1600 dal gesuita massese Padre Vincenzo Maggio. In particolare l’intervento sarà eseguito sulla parte abbandonata e non utilizzata dell’immobile, nell’ala nord vicino alla sala polifunzionale (ex sala cinema). Si tratta di un progetto di restauro conservativo con interventi strutturali di miglioramento statico e sismico che riguarda i solai, le piattabande e le pareti approvato dalla Soprintendenza ai Beni Architettonici di Napoli, Al piano terra è previsto una grande palestra coperta in un unico ambiente con bagni, spogliatoi, ed un deposito per gli attrezzi sportivi. Al primo piano in corrispondenza della sala polifunzionale (ex sala cinema) un ambiente unico da utilizzare come mensa per il consumo dei pasti ed una zona per l’impiattamento. La procedura di gara che si è chiusa proprio in questi giorni, ha previsto offerte migliorative rispetto al progetto,da parte delle imprese concorrenti.

Molo Beverello, l'accusa del presidente di Federalberghi Isola di Capri: "Lavori in corso e nessuna possibilità di riparo da pioggia e vento per i passeggeri P

Molo Beverello, l’accusa del presidente di Federalberghi Isola di Capri: “Lavori in corso e nessuna possibilità di riparo da pioggia e vento per i passeggeri in attesa. Cosa succederà questo inverno?” 

Capri - Federalberghi Isola di Capri torna a protestare per le vergognose condizioni in cui versa il molo Beverello del Porto di Napoli e lo fa con una lettera aperta inviata ai sindaci di Capri, Anacapri e delle altre isole del Golfo di Napoli ed alle associazioni di categoria. Nella lettera, il presidente Sergio Gargiulo denuncia il menefreghismo o, nella migliore delle ipotesi, la scarsa oculatezza che l’Autorità Portuale ha prestato alle problematiche imposte dai lavori in corso e alle necessità dell’utenza, soprattutto in previsione dei mesi invernali. “Non bisogna focalizzare l’attenzione solo sulle esigenze dei turisti che vogliono raggiungere le isole in estate per le quali noi ci siamo battuti e continueremo a batterci – spiega il presidente di Federalberghi Isola di Capri – ci sono anche le necessità di chi, anche quotidianamente, usufruisce dei collegamenti marittimi ed a queste persone, in attesa del nuovo terminal, bisogna assicurare un minimo di decenza nei servizi. Il molo Beverello è uno spazio aperto soggetto alle condizioni climatiche: non c’è sempre il sole e bisognerà trovare una soluzione in caso di pioggia, soprattutto se insistente nei prossimi mesi. Dove andranno a ripararsi gli utenti in attesa degli aliscafi visto che non si è pensato di predisporre uno spazio coperto per ripararsi da acqua e vento?”.

 

lunedì 14 settembre 2020

Elezioni regionali 2020. Franco Cascone: Il turismo è il presente ed il futuro per l’economia della nostra Regione

Franco Cascone, candidato al consiglio regionale nella lista di Forza Italia, è ritornato sul tema del turismo, ad oggi il settore più colpito dalla recessione causata dall’emergenza sanitaria. “La bellezza dei luoghi, la fama dei siti e il fascino del paesaggio, che ha incantato e continua ad incantare, rappresentano da sempre un “must” per i visitatori. La varietà degli attrattori presenti è il vero punto di forza dei nostri territori. C’è la secolare tradizione dei pastai gragnanesi, il richiamo dell’enogastronomia con le migliori espressioni della cucina nazionale diffuse un po' ovunque, il fascino ambientale del Monte Faito, i siti storici come il castello di Lettere, gli scavi archeologici di Ercolano e Pompei, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli e, sempre nel capoluogo, c’è da segnalare l’impareggiabile bellezza della città sotterranea e del suo centro storico, non a caso considerato patrimonio dell’umanità e per ciò inserito tra i beni UNESCO, ma anche l’unicità delle fermate della Metropolitana trasformate in un Museo Aperto di Arte Contemporanea. Ma il turismo è ad oggi il settore più colpito dalla recessione causata dall’emergenza sanitaria. Se il Pil italiano, che ha al suo interno un 13% di Pil Turismo, quest’anno diminuirà, secondo le stime, intorno al 10%, credo che il Pil della Regione Campania è destinato a subire una flessione maggiore proprio per la maggiore incidenza del turismo sull’economia dei territori. Le difficoltà sono legate all’evidenza che il turismo è movimento, relazione, condivisione, divertimento, tutte cose che si fanno insieme e che mal si conciliano con distanziamenti, divieti di aggregazioni e mascherine. Le prime vittime di questa impasse sono i dipendenti delle strutture ricettive e dell’indotto, oltre alle tante famiglie che hanno deciso di avviare un’attiva extralberghiera ad integrazione del reddito. Per chi ha lavorato poco l’indennità di disoccupazione (Naspi) avrà una breve ed insufficiente durata, peggio va a chi – e sono numerosi – non è riuscito a tornare sul posto di lavoro.

 

Sorrento. Minorenne positiva al Covid-19. Ad oggi 11 casi, di cui 1 guarito

Sorrento - Una minorenne residente a Sorrento è risultata positiva al Covid-19. La ragazza tornava da una vacanza fuori regione con i genitori, entrambi negativi al tampone. Tutti si trovano ora in isolamento domiciliare. Ad oggi sono quindi 11 i casi positivi a Sorrento, mentre una paziente è guarita. Intanto sono arrivati i risultati dei tamponi ai quali erano stati sottoposti, quattro giorni fa, i parenti dell'altro minorenne trovato positivo: negativi al coronavirus, proseguono la quarantena nella propria abitazione.

Elezioni Sorrento. Massimo Coppola: "Basta cittadini di serie B"

«Le nostre priorità: servizi alle famiglie e lavoro» 

Sorrento - Continua l’avanzata di Massimo Coppola, candidato Sindaco alle amministrative del 20 e 21 settembre. «Sono giorni concitati, in cui si può fare una campagna elettorale a metà, perché bisogna avere prudenza e rispetto nei confronti dei concittadini – ha dichiarato Massimo Coppola – ma questo non mi impedisce di continuare a parlare di coraggio e di cambiamento rispetto ad un sistema di clientelismo e favoritismo che ingabbia Sorrento da troppi anni. Basta con cittadini di serie A e cittadini di serie B, i tempi sono maturi per un cambio di rotta e il 2020 non può essere ricordato solo per il Covid-19». Preciso il programma elettorale di Massimo Coppola che punta ad un’accelerazione: «Abbiamo in mente una Sorrento più vivibile, più efficiente ma soprattutto più inclusiva con politiche di sostegno alle famiglie (Centro per la famiglia, bonus bebè, bonus baby sitter, sostegno a fitti abitativi e commerciali) e un programma di miglioramento dei servizi già esistenti, come l’asilo nido, il Centro per gli Anziani e il sostegno alla diversabilità. Nell'immediato dovremmo - inoltre - sostenere i tanti lavoratori in difficoltà a causa dell'epidemia in corso. Il lavoro deve rappresentare un reale punto all’ordine del giorno nell’agenda politica – continua Massimo Coppola – bisogna rendere possibile un lavoro in linea con le proprie aspettative attraverso politiche attive per il lavoro, lo Sportello di avvio al lavoro, l’incubatore di impresa e la formazione sul territorio. Puntiamo, insieme ad una squadra coesa, verso una Sorrento più bella, investendo di più nelle periferie, nella viabilità e nel decoro urbano, una Sorrento in cui ogni cittadino, senza classismi, possa sentirsi a proprio agio nella sua città».

Elezioni regionali 2020. La candidata al consiglio regionale: L’edilizia torni ad essere il volano dell’economia: regole chiare e possibilità di investimenti

“La Regione Campania deve affrontare il nodo degli abusi di necessità. Il governo di centrodestra, che uscirà vincitore dalle elezioni, dovrà adottare subito norme che prevedano una sanatoria per quelle violazioni che sono ritenute di necessità e che non fanno riferimento a speculazioni edilizie o scempi sul territorio. C’è tanta povera gente che, negli anni, ha provveduto a migliorare senza creare guasti ambientali le proprie case. Quelle persone devono avere risposte certe, regole chiare e soprattutto la possibilità di potersi mettere in regola una volta per tutte”. Lo ha affermato Annarita Patriarca, candidata nella lista di Forza Italia, nella circoscrizione Napoli, al consiglio regionale della Campania. “Nel nostro programma il tema dell’edilizia e del rilancio delle attività sul territorio nell’assoluto rispetto delle normative ambientali occupa un posto di primo piano. Per questo motivo riteniamo che debba realizzarsi un censimento dei beni demaniali e di quelli di proprietà degli enti locali su tutto il territorio campano. L’obiettivo di questo screening sarà quello di pensare ad un riutilizzo dei beni demaniali dimenticati al fine di restituirli alla collettività”. Per la candidata di Forza Italia “il tema della casa resta centrale: la difesa del luogo fisico della famiglia è una battaglia che va portata avanti senza tentennamenti. Troppe volte abbiamo visto immagini oscene di nuclei familiari con bimbi e anziani strappati via dalle proprie abitazioni. Un governo regionale serio non può permettere che accada. Oppure deve sempre avere una soluzione al dramma abitativo di quelle famiglie”. Secondo la candidata di Forza Italia, Annarita Patriarca, inoltre, “il settore edilizio che per anni ha rappresentato uno dei volani di crescita sul territorio va sostenuto e incentivato. Anzitutto assicurando che in tutte le aziende vengano rispettate le norme di sicurezza, ma rimettendo in moto quel circuito virtuoso che per anni ha rappresentato una delle voci più importanti per la crescita economica del prodotto interno lordo della Campania”.

Elezioni regionali 2020. Traffico in penisola sorrentina, Gennaro Cinque: "La Circum va trasformata in metropolitana veloce"

"La Circum va trasformata in metropolitana veloce. La tratta Castellammare - Sorrento deve avere una propria autonomia." Gennaro Cinque, ex sindaco di Vico Equense, ora assessore ai lavori pubblici, candidato alle prossime elezioni regionali con la lista "Caldoro Presidente - UdC", affronta uno dei problemi principali della penisola sorrentina: il traffico. Come si può contrastare efficacemente il probelma? "Mi impegno ad affiancare i Comuni dell'area nella richiesta di gestione diretta della tratta attraverso una società intercomunale. Così non si può andare avanti. Se la Circum funziona ed impiega 20 minuti da Castellammare a Sorrento e 10 da Vico Equense a Sorrento, non vedo perché le persone dovrebbero decidere di imbottigliarsi nel traffico. Che sarebbe, in ogni caso, di conseguenza più fluido. Naturalmente i progetti per la mobilità sostenibile, in capo alla Regione, come il collegamento meccanizzato tra la stazione di Vico Equense e la spiaggia, quello tra il centro di Sorrento ed il porto, oltre la funivia Sorrento-S. Agata, vanno nella giusta direzione. Su questi progetti è necessario, però, passare dallo parole ai fatti.".

Elezioni regionali 2020. Covid, Ermanno Russo (Fi): “Strutture residenziali per anziani abbandonate da Regione”

 

“Il deficit di visione e strategia che evidenzia la Regione rispetto alla sorveglianza sanitaria rischia di compromettere pesantemente alcuni segmenti essenziali, come quello dell’assistenza agli anziani nelle strutture deputate alla loro accoglienza. Un allarme sottovalutato. Manca ogni tipo di supporto da parte di Palazzo Santa Lucia”. Lo dichiara Ermanno Russo, vicepresidente del Consiglio regionale e capolista di Forza Italia nel collegio di Napoli e provincia alle prossime elezioni regionali del 20 e 21 settembre. “Abbandonare a se stesse queste strutture significa esporre l’intera comunità a rischi serissimi per la salute. Il personale è disarmato e lavora con abnegazione ma nel disagio più totale”, rincara Russo. “Ora che i numeri sono tornati a far paura, serve un intervento urgente e risolutivo per accompagnare nel miglior modo possibile i gestori nei servizi di ospitalità agli anziani ”, conclude Russo.

Volontari ambientalisti e animalisti in pineta a Terzigno per discutere del randagismo che imperversa nel Parco Nazionale del Vesuvio

Terzigno - Decine di volontari ambientalisti e animalisti hanno preso parte all'iniziativa organizzata dagli attivisti Francesco Servino e Emanuela Basilicata di sensibilizzazione sul tema del randagismo e dell'abbandono degli animali nel Parco Nazionale del Vesuvio. L'evento si è tenuto nella Pineta di Terzigno: i partecipanti hanno elaborato delle proposte che saranno presentate alle autorità competenti. "Per la prima volta agiamo in rete per affrontare un problema serio: l'intenzione è di far capire agli enti che le proposte da noi elaborate consentirebbero notevoli risparmi per le casse comunali e di ridurre la presenza dei cani randagi nelle strade e in area Parco" ha commentato Servino: "Fondamentale, anche ai fini della riqualificazione e della valorizzazione di alcune aree del Parco Nazionale del Vesuvio, è avviare una campagna di sterilizzazione dei cani. In questo modo i Comuni risparmierebbero una grossa cifra per i canili che potrebbero investire nella tutela dell'ambiente e in opere di sensibilizzazione". I volontari si sono subito attivati per costituire una rete e per formalizzare le proprie proposte: in mattinata non hanno trascurato gli animali nella pineta, nutrendoli e soccorrendo un cane in cattive condizioni, segnalandone la presenza ai Carabinieri e avviandolo subito alle cure. "Sono tante le persone di Terzigno e dei comuni limitrofi che hanno a cuore le sorti degli animali: l'appello di noi volontari è a non disperdere le energie e a contattarci per dare maggiore peso alle nostre proposte" ha concluso Servino.

3 positivi a Vico Equense

 

Vico Equense
-  Il Dipartimento di Prevenzione dell’ASL Na 3 Sud ha comunicato al sindaco che due nostri concittadini sono risultati positivi al Covid. Si tratta di un giovane che lavora a Sorrento, e da diversi giorni stava a casa con sintomi influenzali. L'altro, invece, è un giovanissimo cittadino. E di pochi minuti fa la notizia, che anche la moglie di una persona ricoverata nei giorni scorsi è risultata positiva. 

domenica 13 settembre 2020

Nasce la Carta di Sorrento: ambiente e cultura per il rilancio della capitale del turismo

“Torna a Surriento”: dal Premio Penisola Sorrentina, Comune di Sorrento e Fondazione Sorrento, un manifesto per la ripartenza 

Sorrento - Sarà la novità assoluta della venticinquesima edizione del Premio “Penisola Sorrentina” E’ la “Carta di Sorrento”, il manifesto del Premio dedicato a turismo, ambiente e cultura nell’anno del Green New Deal, con cui Sorrento punta a diventare capitale italiana di una riflessione che a fine ottobre, in occasione della giornata di assegnazione dei riconoscimenti, avrà ricadute ed impatti culturali di lunga durata. L’annuncio, ieri sera, a villa Fiorentino, nell’ambito della presentazione del premio, con un confronto sul tema della bellezza che ha visto avvicendarsi al tavolo dei relatori, moderati dal giornalista Antonino Pane, il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, l’amministratore delegato della Fondazione Sorrento, Gaetano Milano, l’artista sannita Giuseppe Leone, l’esperto territorialista Antonio Di Gennaro, il presidente del Premio Penisola Sorrentina, Mario Esposito, ed il giurista Luigi Cerciello Renna che ha illustrato i contenuti della Carta di Sorrento, alla cui stesura sta lavorando insieme ad un board di esperti. Venti punti con lo scopo di programmare una ripartenza integrata tra ambiente, cultura e turismo nel dopo Covid e che saranno presentati il 24 ottobre prossimo, in apertura dell’evento di premiazione e che si integra anche nell’ambito delle iniziative che puntano a candidare la penisola sorrentina quale capitale Italiana della cultura 2024, così come proposto dei giorni scorsi dalla sede locale di Federalberghi.

 

Scuola in sicurezza: De Luca, partenza il 24 settembre? Non so

A Vico Equense il “Pascoli” ospite della Santissima Trinità

Vico Equense - "Oggi no. Il 24 settembre non so": così ha risposto il presidente della Regione Vincenzo De Luca ai giornalisti che gli chiedevano se la scuola campana tosse pronta per riprendere il 24 settembre. De Luca ha sottolineato che "non sappiamo quanti banchi siano arrivati ad oggi, né quanti siano i docenti". Era stato proprio il Governatore, con una sua ordinanza, uno dei primi presidenti di Regione a decidere di rinviare l'apertura delle scuole al 24 settembre. Ma a pochi giorni dal voto arriva la clamorosa frenata. Intanto a Vico Equense si lavora per un rientro in sicurezza. Questa la mission di amministrazione comunale e dirigenti scolastici. Gli enti sono all'opera da mesi per garantire il regolare svolgimento delle lezioni in classe nel rispetto delle normative anti-Covid con ulteriori locali che ospiteranno gli studenti. Resta, però, qualche nodo ancora da sciogliere. L'istituto comprensivo Costiero potrà usufruire del piano terra di un’ala del complesso seicentesco della Santissima Trinità. Pertanto l‘ipotesi progettata dalla scuola prevede che per l'infanzia ogni classe sarà divisa in gruppi di un numero tale da consentire il distanziamento. Undici gruppi classe saranno sistemati all'istituto Santissima Trinità, i restanti sei resteranno al piano terra del plesso Giovanni Pascoli per un orario settimanale di 25 ore.