mercoledì 14 settembre 2016

Scuola, lezioni regolari

Via Sconduci
Sette scuole aprono senza certificato prevenzione incendi. Il Sindaco firma le ordinanze 

Vico Equense - Il Sindaco Andrea Buonocore, nelle ultime ore ha firmato delle ordinanze per garantire la regolare apertura degli istituti scolastici. Nonostante la mancanza delle certificazioni anticendio, il Primo cittadino ha comunque disposto la regolare ripresa delle lezioni in tutti gli istituti. I plessi sprovvisti del certificato di prevenzione incendi sono sette. Si parte dalla frazione alta di Moiano. La scuola dell’infanzia e secondaria di primo grado e la primaria sono al momento sprovviste del documento. Stesso discorso per gli istituti di Massaquano, ovvero il plesso dell’infanzia e la scuola secondaria di primo grado. Impacci anche per la scuola primaria di Sant’Andrea, le secondarie di Vico Equense centro e l’istituto dell’infanzia e primaria Pascoli. Il lungo elenco, nella giornata di ieri, è anche apparso sull’albo pretorio online dell’amministrazione municipale che ha pubblicato tutte le ordinanze di apertura “vistate” dal primo cittadino. Nei provvedimenti il Sindaco di Vico Equense specifica che “in via temporanea e in materia di prevenzione incendi, al fine di evitare l’interruzione di pubblico servizio è disposta l’apertura degli edifici per le attività didattiche”. Ciò, ovviamente, solo fino a quando non saranno rilasciati i certificati. Non è un caso che riguarda soltanto Vico Equense. La mancanza (temporanea) di documentazione riguardante il piano di prevenzione degli incendi torna alla ribalta anche su scala nazionale mettendo sul tavolo statistiche a dir poco inquietanti, che inducono a fare riflessioni. Per ottenere il certificato, che ha una sua scadenza, ogni istituto deve presentare un progetto tecnico al comando provinciale dei vigili del fuoco. Un documento in cui sono indicati tutti gli interventi necessari per adeguare la scuola alla normativa di riferimento (decreto ministeriale 26 agosto 1992). Dopo l’eventuale approvazione del progetto, la scuola trova i fondi, erogati dall’ente di proprietà (Stato, provincia, comune), necessari per realizzare i lavori di adeguamento prestabiliti. Fatti gli interventi, i vigili del fuoco svolgono un sopralluogo e verificano la conformità con il piano.

1 commento:

Unknown ha detto...

Mai si presenta il progetto , mai verrà analizzato, mai verrà adeguato alla norma il plesso scolastico .....

Non è con l'assunzione di responsabilità o con le deroghe che si risolvono i problemi ....